Metodo Stamina nuovo rinvio I ricercatori: basta

Metodo Stamina, nuovi rinvii e ora i ricercatori dicono «basta». Su tutto incombe l'accusa di frode all'indomani della pubblicazione sulla rivista Nature dei dati dai quali emerge un caso di plagio, è esplosa la tempesta sul caso Stamina ed sono arrivate pesanti accuse da parte di ricercatori dall'indiscussa competenza a livello internazionale in questo ambito. Davanti ad una «chiara accusa di frode», come il farmacologo Silvio Garattini ha definito i dati di Nature, è pressante la richiesta di trasparenza si mette in dubbio l'opportunità di proseguire nella sperimentazione. Bloccarla è la richiesta arrivata da più voci. «È indispensabile che il governo prenda decisamente e immediatamente le distanze da una pratica che, invece di essere sperimentata a spese dei contribuenti, dovrebbe essere semplicemente perseguita legalmente da parte del governo», ha detto Paolo Bianco, dell'università Sapienza di Roma.