IL MINISTRO PER L'INTEGRAZIONE CONTESTATO A TORINO«Ius soli», sit in di Fratelli d'Italia contro Kyenge e Fassino

Imbavagliati con la bandiera tricolore, Fratelli d'Italia ha protestato ieri contro lo ius soli a Torino, dove era attesa Cécile Kyenge. Il ministro per l'Integrazione ha partecipato alla consegna dell'attestato di cittadinanza civica ai bambini nati a Torino da genitori stranieri negli ultimi sei mesi. Un gesto privo di significato legale, ma dal «forte valore simbolico», come l'ha definito nei giorni scorsi il sindaco Piero Fassino, perché si arrivi a una legge che riconosca la cittadinanza italiana ai figli degli stranieri nati e cresciuti in Italia. «Italiani per amore, mai per caso», era lo striscione esposto alla Tesoriera da Fratelli d'Italia, a cui la Questura aveva negato il diritto di manifestare per il tiro che i centri sociali organizzassero una contro-protesta. «Kyenge tu fai la legge, noi facciamo il referendum», recita un cartello esposto dal capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio comunale di Torino, Maurizio Marrone.

Commenti

franco@Trier -DE

Lun, 24/06/2013 - 09:45

ormai la Italia è in mano agli extracomunitari e alla congolese non ai tedeschi della Comunità, RASSEGNATEVI a riceverli molto presto.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 24/06/2013 - 11:10

Evidentemente bisogna fare la cittadinanza quando scappa.E con lei l'emorragia finanziaria correlata ai suoi numerosi corollari...tipo ricongiungimenti familiari.

marco46

Lun, 24/06/2013 - 15:29

E' nato mio nipote F (ITALIANO) nessuno ha fatto gli auguri a nessuno ne assessori ne sindaci ne presidente di provincia tantomeno quello della regione. Per loro, i non aventi diritto costituito si muove e si dimena nientemeno che il ministro, ditelo al generale Cadorna che qui il conto non torna.