Moncler, ha marinai (retrò) in ogni porto

Thom Browne, Moncler e la vela: tutto lo chic della nautica è arrivato ieri sera in passerella annunciato dall’energia di venti ballerini di tip tap che come in uno spettacolo hollywoodiano hanno dato un piccolo saggio di grande bravura danzando su una coreografia di Fabien Ruiz, celebre per la bellezza dei suoi balletti nel film «The Artist». L’impianto della sfilata non ha però impedito che emergesse il background Moncler, la sofistica ricerca dei materiali e l’impronta sartoriale che lo stilista americano ha dato alla collezione Gamme Bleu dedicata all’uomo. In scena giacche ispirate all’abbigliamento da barca, pantaloni che si allargano verso il fondo, shorts, trench e mantelle con dettagli ispirazione spinnaker. Tutto in bianco rosso e blu con qualche tocco di giallo e una declinazione di materiali preziosi come cashmere e lana leggera ma anche tecnici come il nylon ripstop.