IL MONDO CHE PENDE Ma il monumento più sbilenco sta in Germania

La Torre di Pisa è certamente la più celebre, ma nel mondo, e anche in Italia, la presenza di «monumenti pendenti» è tutt'altro che rara. Nel Belpaese si può, per esempio, ricordare il campanile della basilica di San Pietro di Castello, costruita nel 1463 a Venezia, nell'isola omonima; nel capoluogo veneto ci sono anche il Campanile della chiesa di San Giorgio dei Greci, eretto verso la fine del Cinquecento, e il Campanile di Santo Stefano, nel sestiere di San Marco. La Torre delle Milizie, detta anche Torre di Nerone, è stata edificata nel tredicesimo secolo a Roma, alle spalle dei Mercati di Traiano. Nel mondo si possono, invece, citare la Torre della pagoda Huqiu Tower, a Suzhou, 7mila tonnellate di peso per una pendenza di 2,32 metri; La Porta d'Europa di Madrid, le Torri KIO, formata da due torri inclinate una verso l'altra con un angolo di 15° rispetto alla verticale, con un'altezza di 114 metri e il Bad Frankenhausen, fra gli edifici più «sbilenchi» del pianeta, con i suoi 56 metri di altezza e i 4,8 gradi di inclinazione, dovuti al particolare substrato su cui poggia, derivante da estrazioni minerarie che si sono protratte per decenni.