Il mondo di Daphne

La modella più «particolare» sfila per Emporio Armani con indosso un minuscolo frack. Si chiama Annuk e ha quattro zampe. «È il cane di mia sorella Rosanna», dice Re Giorgio nel backstage prima di prenderlo in braccio per farsi immortalare dai fotografi. Intanto altri due cani molto fashion e coccolati sono comodamente seduti in macchina ad aspettare le rispettive padrone: Laslo, a scodinzolare alla direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, e Cucciolina, per l'editor e consulente creativa di Vogue Japan Anna Dello Russo. E mentre un'altra penna celebre del fashion system ha lasciato il suo cagnolino alla «tata» (come hanno fatto Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti di Frankie Morello con i loro, non proprio mansueti), fra i parterre si aggira un imbucato molto piccolo, un cucciolo di bassotto. Un imbucato che non dà fastidio, anche se non passa inosservato. Non come il gruppo di ragazzi (studenti di moda?) che sono riusciti a passare attraverso i tendoni laterali della tensostruttura allestita da Roberto Cavalli all'Arco della Pace, per poi piazzarsi nella parte «standing». Non male, dato che lo stilista durante la sfilata si aggira sempre da quelle parti per raccogliere i commenti a caldo. Da Frankie Morello, nella tensostruttura di Piazza Duomo, una ragazza tenta invece il colpaccio spacciandosi per Jo Squillo, ma nessuno abbocca, tant'è che poi arriva la vera, inconfondibile Jo (una volta hanno ceduto di fronte a una «vecchietta» in lacrime, ma in compenso ogni giorno scacciano decine di insospettabili sciure ben vestite senza invito). Venerdì da Versace è riuscito a infiltrarsi uno studente della Bocconi (con fisico da modello). Poi si è seduto in prima fila, accanto ad Anna Wintour che, incuriosita, gli ha chiesto: «Come va?». Forse che basti il giusto look per avere le porte sempre aperte? Non sempre. L'altro giorno, da Krizia, la guru del giornalismo di moda Anna Piaggi ha rischiato di essere rimbalzata all'ingresso. Ma almeno l'ha presa con filosofia: «Meglio, vuol dire che si deve sempre lottare». Non hanno lottato per niente invece alcuni imbucati a una delle serate più blindate di questa fashion week: quella dedicata ai Duran Duran al Teatro dal Verme. Hanno superato la coda, si sono piazzati dietro a una delle molte celeb invitate, e si sono messi in prima fila. Davanti a Donatella Versace accompagnata dalla figlia Allegra, e a Franca Sozzani. Mentre alcuni ospiti illustri come Roccobarocco e Renzo Rosso erano confinati in posti più infelici (e l'ex velina Melissa Satta, seduta nelle ultime file, per avere una foto con Simon Le Bon, ha dovuto scapicollarsi sui tacchi 15). È la moda, bellezza.