Al monello Renzi non resta che gufare

Ora che è cominciata la fiction don Matteo sulla rete del Pd, vorrei dire tre cose sul segretario del Pd

Ora che è cominciata la fiction don Matteo sulla rete del Pd, vorrei dire tre cose su Renzi. Capisco l'euforia e lo slancio dell'esordio, riconosco la bravura di Renzi nel barcamenarsi tra sinistra e novità, che sono poi agli antipodi. Lui si è definito ribelle, per ora è solo monello. Superata la brillante fuffa, vengo al sodo. Uno, è sparita la proposta renziana di un sindaco per l'Italia, il decisionismo è sfumato perché al Partito non piace il presidenzialismo. Ma era uno dei motivi di maggiore presa trasversale di Renzi. Due, è bello dire che in Europa da ultimi diventeremo primi, ma sappiamo che è falso. E poi si può compiere davvero una svolta senza rimettere in discussione i padroni d'Europa, la perdita di sovranità, il regime finanziario, senza rinegoziare assetti, debito e moneta? Qui Matteo tace. Tre, se Renzi aspetta 15 mesi per dare lo sfratto a Letta, come ha detto, si sgonfia come un palloncino: perché se Letta va bene, sarà lui il leader naturale del centrosinistra, avendo dalla sua parte i fatti mentre a Matteo restano solo le parole. Se Letta va male trascina il Pd nel suo fallimento e a quel punto Renzi dev'essere drastico e tempestivo a mandarlo a casa, ma spaccherebbe il partito e avrebbe contro Napolitano. Così a Renzi tocca il ruolo di iettatore, deve gufare perché Letta vada male. Viceversa, uniti in tandem, si sovrappongono fino a che soccombe uno. Vi parrà strano, ma tifo per Renzi, nonostante tutto (ad avercene...). Però rischia di ridursi al ruolo di nipotino spiritoso di Prodi.

Commenti

Rossana Rossi

Mar, 17/12/2013 - 16:07

E' solo l'ennesimo squallido spettacolo del pd.........

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 17/12/2013 - 16:12

E' un parolaio(venditore di parole),bulletto-arrivista.Un "guitto" sul teatrino della politica.

glasnost

Mar, 17/12/2013 - 16:41

Io non posso credere che ci sia qualcuno che pensa che se un tizio fa carriera nel PD non è sostenuto dai gruppi di potere interni ed esterni del partito più conservatore che esista. Io ci sono stato, tempo fa ahimé, ma ci sono stato. E costoro interni od esterni al partito, accetteranno che il loro potere venga ridimensionato?? Ma neanche Alice nel paese delle meraviglie potrebbe crederci.

Ritratto di Luca Scialò

Luca Scialò

Mar, 17/12/2013 - 17:30

Renzi dietro sé ha idee già vecchie, legate a un certo concetto liberal di sinistra che scimmiotta quello di Tony Blair e Bill Clinton risalente a 15-20 anni. Ma soprattutto, ha incassato il sostegno di tanti jurassici del suo partito: Fassino, Champarino, Bassolino, De Luca, Veltroni, tanto per fare qualche nome. Manca alla lista solo Massimo D’Alema e il museo sarebbe stato compiuto. A me non è mai piaciuto. Punta tutto sulla comunicazione, sull’apparenza. Che nella politica, si sa, sono tutto. Ma poi non lamentiamoci se il Paese va sempre peggio. Quando mi capita di vederlo in qualche comizio, nei quali è bravissimo, mi ricorda un testimone di Geova, un rappresentante del Folletto, un venditore di quadri su Telemarket (la buonanima). Il vuoto riempito di niente. Anche questa volta, anziché spendere i 2 euro per votare alle Primarie, ho comprato una bella crepes alla nutella…

Pitagorico3

Mar, 17/12/2013 - 17:33

La vicenda Renzi, paradigma fedele dell'incartamento del Paese, mi ricorda la storiella di quel tale a cui il Padreterno promise di esaudire qualunque desiderio avvisandolo però che avrebbe dato il doppio ai suoi amici. Il tizio allora implorò il Cielo di renderlo cieco di un occhio... Purtroppo, a fare le spese di tanta cecità è un Paese intero!

Holmert

Mar, 17/12/2013 - 17:57

Io ritengo Renzi, per dirla all'inglese l'undertaker della nostra nazione. Il programma sciorinato all'atto della sua nomina né è la conferma. Basta rileggersi la sua relazione ed il funerale è bell'e pronto. Ad maiora, undertaker Renzi. Quattro portatori li ha ben scelti alla sua segreteria.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 17/12/2013 - 18:22

La cosa è molto più semplice di quanto ci si affatichi a dipingere. Matteo Renzi è la fotocopia di Leonardo Pieraccioni. Identica chiosa mentale furbastra. E' il genere che va alla grande per le masse. Grillo docet. - riproduzione riservata - 18,22 - 17.12.2013

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 17/12/2013 - 19:53

Analisi e prognosi come sempre perfette: "uniti in tandem, si sovrappongono fino a che soccombe uno. Vi parrà strano, ma tifo per Renzi, nonostante tutto". Vincerà Renzi, non perché sia dotato di particolari qualità, ma perché NESSUNO e tantomeno Letta riuscirà a rimettere in sesto il paese. Andremo con il culo per aria e, come han fatto con il fascismo con cui ce l'hanno menato per 70 anni, attribuiranno la colpa a B con cui ce lo meneranno per altri 70.

Nadia Vouch

Mer, 18/12/2013 - 05:56

In Europa da ultimi diventeremo primi? Si può dire. Speriamo di non diventare uno e basta.

barretta gennaro

Mer, 18/12/2013 - 09:55

nulla da eccepire ...la tua è una arguzia che non plus ultra

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mer, 18/12/2013 - 10:14

Ha ha ha! Veneziani è un grande! Ho sempre avuto una sconfinata considerazione nei suoi confronti, per quella capacità di unire analisi dettagliate, anticonformismo costruttivo e l'ironia scatenata! E' secondo solo a Chesterton! Probabilmente Veneziani rappresenta la differenza tra la satira di sinistra, quella che non vale nulla e fa piangere nell'ipotesi migliore, e quella fatta da un uomo di destra, per antonomasia un lupo, un solitario, che capisce il mondo anche mentre beve una birra e trae l'ironia, quella vera, quella dissacrante, quella violenta e disarmante (tipo Papini), anche in un noiosissimo pranzo di famiglia! Perchè dico questo? Non a caso o a vanvera: solo uno come Veneziani riesce a cogliere l'appecoronarsi, come direbbero a Roma, della massa, sempre pronta e assetata dei nuovi talenti alla De Filippo (non i grandi fratelli De Filippo, ma Maria, s'intenda). Da pochi giorni è segretario del PD e già ha dato vita a una sfilza di slogan, che solo i bambini che giocano riuscirebbero a superare!

tzilighelta

Mer, 18/12/2013 - 11:00

Analisi piuttosto pasticciata che domani potrebbe non valere più una mazza, eppure Renzi per queste sue qualità paraculesche piaceva tanto ai berluscones e allo stesso Silvio che, lo avrebbe scambiato volentieri con Alphano e tutti gli altri "traditori" non con le Carfagne perché come sappiamo anche l'occhio vuole la sua parte! Veneziani adesso spara fango ad alzo zero contro un potenziale avversario di Silvio, i due si equivalgono, cazzeggiano di politica come io di sistemi solari iper galattici, Renzi ha vinto le primarie non perché è considerato un genio ma perché costituisce un elemento di rottura contro tutto l'apparato di dex e sx, e poi chi lo sa, magari il sindaco ci stupisce tutti e pure Veneziani un giorno riuscirà a stupirmi, per ora è solo fango di produzione interna!

mifra77

Mer, 18/12/2013 - 12:08

Questa non l'avevo ancora vista! ieri mattina nei pressi di un cassonetto di un discount alimentare, due persone anziane stanno arrivando alle mani. Uno dei due aveva frugato tra i rifiuti e recuperato una sportina di rimanenze di verdura e alcune confezioni di salumi scaduti che i commessi avevano depositato nei pressi del cassonetto. L'altro si arrogava il diritto di prevalenza, visto che lui tutte le mattine recuperava li il suo pasto e non era giusto che qualcun'altro gli togliesse questo diritto acquisito. E squinzi dice che la crisi non deve dare adito a violenza? lo spieghi a quel signore anziano che reclamava il suo pasto, sebbene recuperato in un cassonetto di rifiuti e che ieri è restato probabilmente senza mangiare!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 18/12/2013 - 12:39

Articolo perfetto che dimostra, se ancora ce ne fosse stato il bisogno, come Veneziani, oltre ad essere uomo di grande cultura (non uso volutamente il termine intellettuale, diminuente ed abusato) nonché scrittore brillante, sia capace anche di acutissime analisi politiche. Peccato che finora nessuno abbia saputo utilizzarlo come consigliere del principe (sempre, ovviamente, che lui possa essere disposto ad accettare un ruolo del genere).

precisino54

Mer, 18/12/2013 - 13:49

Analisi lucida, quella di Veneziani, che non dice quello che tutti sappiamo: non saremo mai primi! ma ahimè neanche secondi o terzi, al più risaliremo qualche posizione giusto per poter far dire ai soliti che si è fatto il grande passo: che la guida del sonnacchioso Letta è stata formidabile!

Joe Larius

Mer, 18/12/2013 - 14:54

Honni soit qui mal y pense, ma non costituiscono forse i 15 mesi di diritto a posare "ad libitum" le guance posteriori sui lucrosi seggi camera/senatoriali il punto di partenza/arrivo per il conseguimento dei sacri diritti "vitali"zi delle allegre compagini elette con i nostri voterelli?