Monito di Napolitano: "Tutti diano prova dicoerenza per le riforme"

Il capo dello Stato invita a "coerenza e determinazione" per far progredire "le politiche di risanamento" proposte dal governo

All'Italia serve che "vadano avanti le riforme strutturali e le politiche di risanamento intraprese dal governo Monti". Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ne è convinto. E aprendo il forum economico italo-polacco a Varsavia auspica che si trovino "la coerenza e la determinazione necessaria".

Il presidente della Repubblica, parlando con i giornalisti poco dopo, torna sull'argomento e torna a ribadire la necessità di un comportamento coerente da parte delle forze politiche e sociali, che aiuti a portare a termine i processi attualmente in atto.

Napolitano si occupa anche del prossimo Consiglio europeo, che affronterà le misure necessarie a contrastare efficacemente la crisi e che dovrà essere "un Consiglio di svolta nel duplice senso di dare una conclusiva definizione all’impegno solidale dell’Europa per la difesa dell’euro e di sostegno ai paesi che hanno maggiori problemi di debito sovrano e che devono fare ogni sforzo per superare i loro problemi". Sforzo che, ci tiene a sottolineare "l’Italia sta facendo".

E dà una stoccata a Francia e Germania, sottolineando come non si possa "restringere l'area della responsabilità e della decisione a due soli Pesi, pur molto legati e influenti".

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 12/06/2012 - 10:57

ai tempi di Napolitano, le riforme, nell' URSS venivano fatte in pochi minuti e quando non venivano accettate, ci pensava Beria: oggi le cose son apparentemente cambiate pero se lasciassimo fare a bersani forse tutto andrebbe , come per zapatero im spagna, molto meglio e più in fretta: gay trichiapputi e trinariciuti in parlamento accomodati su tutte le poltrone, ed ottimi interpreti per tradurre agli italiani quanto detto dagli italiani di origine italiana e da quelli di origine tedesca: La babele di bruegel o della bruegel rimarrebbe un solido esempio di eccellente dinamicità finanziaria per tutta l' europa agli ordini della grande sorella evviva

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 12/06/2012 - 11:04

Mi fa ridere!

vittoriomazzucato

Mar, 12/06/2012 - 11:06

Sono Luca. Cosa vuol dire "serve coerenza per procedere con le riforme". Deve essere stato a scuola da Aldo Moro. GRAZIE.

rege renato

Mar, 12/06/2012 - 11:20

Questo presidente come tutti gli altri non rinuncia a niente e spara cavolate.....ecco perche falliremo...Prodi..Napolitano i peggiori della storia repubblicana.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 12/06/2012 - 11:26

Solo sentire le c.....e che spara mi viene il volta stomaco. La scuola delle frattochie è sempre di moda.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 12/06/2012 - 11:34

1 gpl_srl@yahoo.it : In Urss ci pensava Beria, in Italia ci pensano le procure rosse, i giornali allineati e trasmissioni televisive tipo Sant'oro e C.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 12/06/2012 - 11:40

In concreto che cosa ha detto? Non lo sa neppure lui. L'importante che oggi abbia fatto la sua quotidiana esternazione. Almeno non ha parlato di calcio e del 150° anniversario della Repubblica, celebrazione in cui si è gloriosamente distinto. Oggi abbiamo l'ennesima conferma che i 230 milioni per tenere in piedi il palazzo sono spesi molto male, buttati al vento.

linoalo1

Mar, 12/06/2012 - 11:53

Non lo sopporto più!Bravo a fare proclami che anche il più ignorante degli ignoranti saprebbe fare di fronte a situazioni tragiche evidenti!Questo Governo lo ha voluto lui!Adesso si assuma le sue responsabilità!O forse,come dicono tutti i comunisti quando sbagliano,la colpa è sempre degli altri?Lino.

graf

Mar, 12/06/2012 - 12:07

Re Giorgio deve difendere il suo passato, deve giusticare il suo recente trascorso politico, deve cercare di far dimenticare gli interventi a gamba tesa contro il precedente governo, deve compiacere Bersani, Fini e soprattutto Casini (per cui, se l'attuale governo obbligherà tutti i cittadini a darsi fuoco, plaudirà con un "siamo seri" ed un "assumiamoci le nostre responsabilità"), deve far vedere che le sue scelte hanno fortificato l'Italia e così via. Cosa deve dire allora e cosa proporre se non banalità (la più buffa è il continuo "largo ai giovani" che viene da un quasi novantenne) tra cui il continuo richiamo al trascorso centenario dell'unità d'Italia, visto che a suo tempo la sovietizzazione non fu possibile da realizzarsi?

migrante

Mar, 12/06/2012 - 12:16

va bene che Alfano ha proposto il semipresidenzialismo, ma siccome non lo abbiamo ancora e`proprio necessario fare ogni giorno il resoconto delle bischerate dette dalla mummia ?

Massimo Bocci

Mar, 12/06/2012 - 12:24

Chi pii del milionario del colle (240 milioni) può perorare la coerenza,lui sempre stato un coerente VETERO COMUNISTA!!!!

mariorossi98

Mar, 12/06/2012 - 12:23

ed ecco la quotidiana banalità,del turista a spese altrui,ma faccio una richiesta al giornale,alle sue conferenze dovete andarci per forza?

cincinnatus

Mar, 12/06/2012 - 12:27

Toh... questa non l'avrei mai potuta immaginare! Che siano necessarie delle riforme e che occorra farle con coerenza (con che cosa poi?) non lo aveva mai detto nessuno. Napolitano à veramente geniale. Un presidente così è troppo per noi itaGliani. Non ce lo meritavamo.

duxducis

Mar, 12/06/2012 - 12:33

L'Italia e' una LOCOMOTIVA con un peso morto che si chiama sistema Napolitano&C. In C. ci sono: Prodi, Monti, Amato, Pannella, Bonino, Bersani, Alfgano, Casini, ... Prima ce ne liberiamo definitivamente, prima possiamo rimetterci in marcia.

silvio74

Mar, 12/06/2012 - 12:36

Anche oggi l'ovvietà del giorno. Ieri la sua "lucida" e "competente" valutazione sul prestito alle banche Spagnole. Ieri l'altro alla partita della Nazionale. Quanto ancora dovremo sopportare questo individuo? Diamogli la sua pensione d'oro, ma leviamocelo dai piedi il prima possibile. Ha portato il paese alla rovina piu' cupa, ha stravolto la democrazia e ancora ha il coraggio di parlare. Incredibile!!

cincinnatus

Mar, 12/06/2012 - 12:37

Toh .... e chi l'avrebbe mai potuto immaginare che ci servivano delle riforme? Davvero nessuno lo aveva mai pensato e mai detto prima. Che poi servisse anche coerenza è un'intuizione da grandi statisti. Geniale il nostro signor presidente. Tutto il mondo ce lo invidia. Noi italioti non li meritiamo proprio.

cincinnatus

Mar, 12/06/2012 - 12:39

Lo immagino con quale sussiego abbia manifestato una così grande e inaudita necessità.

gianni piquereddu

Mar, 12/06/2012 - 12:56

coerenza?il capo dello stato chiede coerenza,la stessa che ha dimostrato lui stravolgendo la volontà del popolo.va be che quello che dice napolitano non viene dalla sua testa,ci pensano altri a scrivere cio che deve dire

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 12/06/2012 - 12:58

Ma che bisogna scrivere per essere pubblicato ?HO scritto quello che penso di lui come sempre censurato, non offensivo ma censurato, vedo sproloqui su di lui ma no io censurato.Bene riaggiungo che la stoccata alla germania cosi come per la francia poteva risparmiarsela.No fu lui a consigliare che il Berlusca doveva andarsene per il bene dell Italia.Se ha l autorita facesse qualcosa per il bene dell italia,parlasse contro i filibustieri che risiedono a Walls street li dove e cominciato il caos, o direttamente con il suo amico , alla casa bianca.

agostino.vaccara

Mar, 12/06/2012 - 12:52

Ma quali riforme strutturali e politiche di risanamento? Napolitano è il solo a vederle, nessun altro ci riesce!

agostino.vaccara

Mar, 12/06/2012 - 13:04

Ma se le parti politiche, specie il Pd, non vogliono il presidenzialismo, sia pure parziale, perchè non lasciare le cose come stanno ma, almeno, dare agli italiani la possibilità di scegliersi il proprio Presidente? Che senso ha che a rappresentare l'Italia sia una persona scelta dal parlamento cioè dalla sola parte politica che vince le elezioni??? Si modifichi la Costituzione solo nella parte che riguarda l'elezione del Presidente della Repubblica, niente più il Parlamento ma tutti noi italiani!!! Non credo ci vorrebbe molto!

antiquark

Mar, 12/06/2012 - 13:08

Le riforme strutturali cosa implicano, la sostituzione delle targhette dei bagni del parlamento? O dovete cambiare le tende a Palazzo Chigi. Modifiche strutturali sig. Presidente significa che deve togliersi le 61 auto a disposizione del Presidente della Repubblica, e vivere con costi più bassi della Regina di Inghilterra Il debito pubblico aumenta di 40.000 Euro al giorno, NON per colpa degli italiani che tirano il carretto, ma sui bagordi di chi è sul carretto e se la gode a scapito della povera gente

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 12/06/2012 - 13:09

Il principale responsabile di questo disastro realizzato dai tecnici. Ma che riforme? Tra tre mesi saremo falliti, grazie ai tecnici e all'europa, e il problema per il vecchio saranno le rivolte dei senza lavoro. E meglio che sparisca. Per il suo bene. Queste cazz.te le vada a raccontare a qualche seminario di comunisti.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Mar, 12/06/2012 - 13:14

Vuote parole e vuota retorica, compagno presidente!... In economia sono necessari interventi mirati, veloci, puntuali e competenti, non cariatidi e boiardi di palazzo!!!...

kkkkkarlo

Mar, 12/06/2012 - 13:27

ennesima inutile e sterile esternazione "da bar" del vecchietto

GUGLIELMO.DONATONE

Mar, 12/06/2012 - 13:22

Guarda guarda! Non avrei mai immaginato che sua maestà conoscesse il termine "COERENZA". Certo però che non gli manca il....coraggio.!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 12/06/2012 - 14:24

serve incoerenza e strappo deciso col passato per le riforme. Servono liberalismo e libertarismo. Sercono buonsenso comune e risparmio privato. Il napolitano è con tutta evidenza un politico anacronistico,abituato a guardare le cose col paraocchi cattocomunista. Limitato nel pensiero. Anacronistico e troppo costoso. A casa.

TRIDENTINA AVANTI

Mar, 12/06/2012 - 14:18

Mi auguro che il 2013 arrivi più che in fretta cosi il Re “abdica”; ho però il terrore che al posto del napoletano salga sul colle il cav. COERENZA Tinto di Tintura che, in sostanza, esce dalla porta ed entra dalla finestra. Spero di sbagliarmi.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mar, 12/06/2012 - 14:35

Questo alto personaggio del Colle viaggia ancora fra le nuvole.... comunque non gli rimane altro che cercare di "perseverare" con la speranza di poter (Molto improbabile) riuscire nella Sua scelta e incostituzionale "GOLP" di Stato eleggendo ancora di più un SENATORE A VITA (Mai distintosi per meriti a favore della Repubblica Italiana). Persevera.....lasciamolo perseverare....non gli rimane altro che continuare a "suonare" il suo solito "ritornello" della COESIONE fra gli Stati U.E., mai vista nemmeno all' orizonte.... Chissa che anche LUI in futuro non debba rendere anche conto di tutta questa sciagurata politica dell' avvento della moneta unica (Euro) europea. Gli auguro anche che tutto quello che di buono si possa avverrare, SI AVVERI REALMENTE.... Altrimenti e di certo , sarebbe un SACRILEGIO dare sempre colpa al popolo Tutto, innocente.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 12/06/2012 - 14:38

nonno Nanni, come brillantemente qualche giorno orsono è stato definito, puo solo fare una cosa: adottare, per sempre, cio che diceva la mia nonna ... il bel tacer non fu' mai scritto

MEFEL68

Mar, 12/06/2012 - 14:42

Forse al Presidente non gli accendono la televisione e non gli fanno leggere i giornali. Quali sono le riforma fatte dal governicchio? Tolte le tasse, considerate sotto tutti gli aspetti (accise, balzelli, bolli, addizionali, regionali, provinciali, comunali, ticket, minori detrazioni, ecc) qual'è l'opera prima? Ma se non c'è riuscito neanche con i tassisti, figuriamoci se è in grado di fare qualcosa di più impegnativo.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mar, 12/06/2012 - 15:18

Politiche di risanamento intraprese dal governo Monti? Quali, quelle che stanno riducendo l'Italia al paese povero - o al povero paese, come diceva De Gaulle - che era fino a cinquant'anni fa, cioè fino a quel boom economico che, secondo Napolitano e gli altri comunisti dell'epoca, non esisteva? Be', con questi suoi interventi, tra l'altro assolutamente al di fuori delle sue competenze istituzionali, l'inquilino del Quirinale si conferma, al di là di qualsiasi residuo dubbio, tra i principali corresponsabili della sciagurata politica del governo e dell'impoverimento progressivo ma irreversibile del popolo italiano che, purtroppo, ne sarà la quasi inevitabile conseguenza.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 12/06/2012 - 17:24

Il frontaliero Monti esegue, ma il Napolitano lo governa da dietro le tende del Quirinale. Però la loro relazione filosofica è inversamente analoga a quella del gran Mogol Lusi e della giovane marmotta Rutelli.

futuro libero

Mar, 12/06/2012 - 19:06

tutti diano prova di coerenza per le riforme, in ogni caso si faranno come voglio io quando voglio io chiaro?