Monti lavora alla manovrinaper evitare l'aumento dell'IvaPronti i primi tagli alla spesa

Nelle mani di Monti i dossier dei ministri sulla <em>spending review</em> dei dicasteri. Si lavora a una manovrina da 7-10 miliardi per evitare il caro-Iva

Sono già tutti sul tavolo di Palazzo Chigi i dossier che il presidente del Consiglio Mario Monti aveva chiesto a ciascun ministro sulla spending review del proprio dicastero. La fase due del governo dovrebbe, infatti, passare anche attraverso i tagli della spesa pubblica. I fascicoli saranno presi in mano dal Professore già domani alla riunione del preconsiglio quando l'esecutivo inizierà a parlare anche della "manovrina" che dovrà essere varata a fine giugno o a inizio luglio, subito dopo il consiglio europeo. In attesa del Consiglio dei ministri si parla dell’entità dell’intervento correttivo che potrebbe raggiungere i 10 miliardi di euro per il 2012.

Un primo Consiglio dei ministri è previsto per martedì prossimo ma, secondo alcune fonti governative, il decreto potrebbe non essere pronto. È, infatti, più plausibile che il testo slitti alla prossima settimana. Il governo sembra, tuttavia, d'accordo sul fatto che le risorse individuate consentiranno di bloccare l’aumento di due punti di Iva previsto a partire dal primo ottobre. "Ci stiamo impegnando per tagliare la spesa. L’Iva non aumenterà neanche di un punto", ha assicurato il vice ministro alle infrastrutture, Mario Ciaccia spiegando che, finita l'epoca degli sprechi, il governo punta a recuperare risorse all’interno della spesa pubblica.

Oltre all'esecutivo anche il Parlamento sta facendo la propria parte. L'Aula di Montecitorio sta per votare un emendamento che applica anche al parlamento e al Quirinale la spending review. Non è escluso un intervento sulle pensioni d’oro. Dalla "missione" affidata al super commissario Enrico Bondi, cioè il risparmio sull’acquisto di beni e servizi da parte delle amministrazioni pubbliche, Monti spera di trovare le risorse per evitare l’aumento dell’Iva ad ottobre (circa 3,8-4 miliardi). Ma il governo ha chiesto a Bondi di presentare anche una ipotesi rafforzata con tagli per 7 miliardi, viste le spese per il terremoto che ha colpito l'Emilia e il desiderio di altre risorse da destinare al decreto sviluppo. Il dossier del supoer commissario verrà incrociato con quelli inviati dai titolari dei dicasteri.

Accanto ai risparmi della spending review il governo Monti sta lavorando anche ad altri interventi di contenimento della spesa. Il ministro della Funzione pubblica Filippo Patroni Griffi è sempre alle prese con un dossier in cui si ipotizza una riduzione del numero dei livelli della dirigenza "a esaurimento": vale a dire che i dirigenti che escono non vengono sostituiti e nel loro livello. Oltre al pubblico impiego si cercano risorse complessive per circa 10 miliardi sul 2012. Intanto la Camera, che sta esaminando il decreto di nomina di Enrico Bondi, lunedì voterà un emendamento del dispietrista Massimo Donadi su cui maggioranza e governo hanno trovato un accordo. Esso applica il metodo della spending review anche alle Camere, la Quirinale e alla Corte costituzionale che autonomamente faranno proprie questo criterio di risparmio. L’altra novità è un emendamento del pdl Guido Crosetto che taglia a 6mila euro al mese le pensioni erogate con il sistema retributivo dei "grand comis". L'esecutivo ha dato parere negativo con il sottosegretario Gianfranco Polillo, ma il presentatore è ottimista: "voglio vedere come fanno a votare contro".

Commenti

piedilucx

Dom, 24/06/2012 - 13:37

qualcuno può spiegare ai cervelloni del governo che la spesa pubblica non è solo sanità, pensioni, e assistenza ai poveri, ma lo spreco maggiore viene effettuato proprio dai cervelloni che spandono e spendono a piene mani

ffortini

Dom, 24/06/2012 - 13:47

ha ragione piedilucx. Ad esempio eliminate le province e mandate a casa tutti i parassiti che campano di qualche incarico alla provincia, tanto non fanno nulla e se smettono di farlo non se ne accorge nessuno. Non si puo' fare perche' la costituzione non lo prevede? bene, mantenete una unica provincia, quella che costa di meno, ed eliminate tutte le altre. Poi mettete l'IMU su tutti gli immobili indistintamente, eliminando le scappatoie per chiesa, fondazioni bancarie, partiti politici, ecc. Fatte queste due cose ci sono miliardi a sfare da spendere per gli italiani, altro che spending review.

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Dom, 24/06/2012 - 13:55

Manovrina?? L'unica manovrina che deve fare è quella di andarsene al diavolo lui,con i suoi pseudoministri pseudotecnici ed il suo sponsor del Colle!! Se i cittadini non si rivoltano su eventuali altre grassazioni ai loro danni.....allora vuol dire che potranno anche sodomizzarci materialmente!!

aspide007

Dom, 24/06/2012 - 14:28

@- "Il potere logora chi non lo ha". E si! è valido anche per te. Che fine ha fatta l'annunciata proposta del ridimensionamento degli stipendi ai politici? Meglio tenermeli buoni, quelli! Sa! Anch'io tengo famiglia.

cammi2

Dom, 24/06/2012 - 15:01

Istituire le case chiuse! Da qualche parte ho letto che per il "LAVORO PIÙ ANTICO DEL MONDO" quotidianamente vengono spesi in Italia 4 milioni di euro. Moltiplicati per 365 fanno la bellezza di 1 miliardo e 500 milioni di euro ESENTASSE!!! Ecco trovati 500 milioni di euro bell'e pronti. BASTA IPOCRISIE VATICANE!!!!!

Robertin

Dom, 24/06/2012 - 15:05

Ieri sera il sindaco del mio paesello ha cominciato a "investire" i soldi della mia IMU: festa in piazza e risottata per tutti. Tanto pago io .......

maumen

Dom, 24/06/2012 - 15:12

Lo stato italiano e' in una sorta di concordato preventivo, una fase pre fallimentare. Monti deve tagliare i costi del personale improduttivo a partire dai dirigenti pubblici da ridurre di un buon 50%. Si valuti anche l'accorpamento di Regioni in macro Regioni che consentirebbe di far sparire migliaia di consiglieri regionali e assessori con risparmi da girare immediatamente al rilancio del sistema produttivo.

voce.nel.deserto

Dom, 24/06/2012 - 15:31

Eppure Monti,nel suo piccolo, è un grande.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 24/06/2012 - 16:05

Per tagliare le spese occorre tagliare anche le teste. Ovviamente questo in Italia non è possibile, quindi i parassiti saranno semplicemente trasferiti da un ente all'altro, da un ufficio fancazzista all'altro, magari pure con la promozione. Poiché la matematica non è un'opinione, dopo poche settimane i conti saranno gli stessi. E quindi aumenterà l'IVA.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Dom, 24/06/2012 - 16:03

Si adesso comincerà a fare qualche taglietto, tanto poi c’è sempre qualche infermiere pronto con il cerottino in mano e i poveri feriti sanno bene dove trovarli.

ntn59

Dom, 24/06/2012 - 16:24

Ahi!...Manovrina di Monti? Prevedo ulteriori spremute dei soliti noti. Un governo serio impedirebbe ai petrolieri di fare cartello per mantenere alto il prezzo dei carburanti (s'è visto che i margini ci sono), costringerebbe le banche ad aprire i cordoni della borsa per finanziare le imprese....figuratevi se questo governo, amico d banchieri e petrolieri, farà mai una cosa del genere.

Carlo Mario

Dom, 24/06/2012 - 17:10

Monti sta solo rimediando a decenni di malgoverno, corruzione, connivenze e cartelli e nel frattempo cosa fanno questi politicanti da 4 soldi che stanno in parlamento ? ... blaterano a vanvera, minacciano chi sta toccando i loro privilegi e le loro tresche e si preparano alle prossime elezioni possibilmente anticipate: in modo da evitare di cambiare la legge elettorale e quindi imporre i nomi dei soliti vecchi corrotti e incapaci che andranno ancora in parlamento

anna rossetti

Dom, 24/06/2012 - 17:23

Si parla tanto di impiegati pubblici, si d'acccordo, gli sprechi sono molti, ma io non posso che parlare bene del mio Ufficio, dove c'è efficienza,ed anche economicità e celerità perchè si è provveduto ad informatizzare tutto, e dove il dirigente è veramente in gamba . mai generalizzare aprioristicamente, che ne dite invece di quelle centinaria di stanze sindacali dove vegetano sindacalisti (che non lavorano) e usano telefono a carico della P.A. SIA PER INTERURBANE che per CELLULARI, non è dette che l'impiegato pubblico approfitti del telefono, in quanto a possibili messe in cassa interazione il sistema è sempre lo stesso, lienare, forse in base all'età, mai col criterio meritocratico (cioè tu lavori ressti, tu nn lavori non servi te ne vai), quindi spending review in questi termini da bocciare

massimo canistrà

Dom, 24/06/2012 - 17:33

Mandate a casa il governo Monti voluto da Napolitano per disperdere elettori di centro destra e favorire il PD responsabile della distruzione del P.S.I. e oppositore delle riforme di cui ha bisogno il Paese. Il PD non consentirà mai la riforma della Costituzione perchè essa garantisce i privilegi alla casta catto-comunista che blocca ogni riforma con l'antiberlusconismo di maniera. Sono quasi venti anni che catto-comunisti strumentalizzano l'odio da loro propagandato contro Berlusconi per impedire lo sviluppo economico e sociale del Paese.

nino47

Dom, 24/06/2012 - 17:47

....e già lo immaginiamo dove andrà a parare la "manovrina" di Monti!!!

Ritratto di antoni55

antoni55

Dom, 24/06/2012 - 18:02

Buon giorno a voi.Azzooooooo:Si è svegliato Monti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lugar

Dom, 24/06/2012 - 18:51

Era la prima cosa da fare, si sarebbero evitati tanti problemi, per prima cosa l'antipolitica e la recessione. Avrebbe avuto l'appoggio del paese, e ridotto al minimo le tensioni. Siccome Monti non è stupido, penso che sia stato costretto a queste manovre per qualche altro disegno economico ( bancario) che al momento non ha dato i risultati sperati.

eloi

Dom, 24/06/2012 - 19:10

Vogio ridere quando le camere approveranno lo spending review. Credo che se lo opproveranno, esso non andrà in vigore in questa legislatura. Conteremo e vedremo le facce toste.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 24/06/2012 - 19:17

In Portogallo, leggevo su elmundo, l' 11% della popolazione campa con 430 euro al mese. Gli schiavi devono pagare anzitutto l' usura alle banche, poi pensare al popolo

APG

Dom, 24/06/2012 - 19:50

#5 cammi2 - E' giusto tassare anche le pu...ne! Perchè mai loro non devono pagare le tasse? Ne arrivano a milioni dai paesi dell'Est e dall'Africa per fare le pu...ne qui da noi. Lo stato le deve tassare e non tassare solo lavoratori e pensionati. Vergogna!!!!!

silvano45

Dom, 24/06/2012 - 20:39

sono tutte balle sono dei falsoni farabutti che prendono solo soldi e si passano gli incarichi meglio votare grillo e sperare solo sperare in una norinberga per politici e dirigenti solo che poi avremmo milioni di persone nei lavori socialmente utili tanti sono i ladri

giovannib

Dom, 24/06/2012 - 20:58

manovrina?????? incominci a tagliare ai papaveri di stato dal quirinale in giù e alle regioni spendaccione e senza ritegno e vedrà che i soldi saltano fuori e alla fine si potrebbe togliere l'imu e anche il caro benzina. Sempre che ne abbiano voglia ma con i papaveri (politici, magistrati, burocrati e vari servitori) sarà dura. Il dott Monti dovrebbe usare la scure partendo dall'alto e se ha bisogno di aiuti lo chieda il POPOLO (ex sovrano) sarà ben contento di aiutarlo

cyclamen

Lun, 25/06/2012 - 01:18

Ma non ripete da mesi che non ci sarà bisogno di altre manovre? Io lo so che ogni manovra prepara la successiva, come la prima guerra mondiale ha preparato la seconda, ma Monti deve mantenere la parola data agli Italiani o andarsene a casa.

lusi

Lun, 25/06/2012 - 07:21

lusi.questo governo avrebbe dovuto da subito procedere al taglio della spesa e i tagli paventati mi sembrano insufficienti.per esempio c'è una ragione valida che giustifichi che i parlamentari vadano in giro con le auto blù? esistono i taxi che dovrebbero prendere come i comuni mortali.sulla riduzione dei parlamentari? non mi trovo del tutto d'accordo con il sindaco di firenze tuttavia un limite d'età bisognerebbe metterlo.quando seguo discussioni in parlamento i sessantenni dormono.mandiamoli a casa che forse è un bene per loro e per noi.

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 25/06/2012 - 07:24

le manovrine di Monti finiscono sempre nelle stesse tasche e mai dove dovrebbero realmente arrivare: banche, albo professionali, tangenti ai partit, tangenti e sanità, sanitài e quindi evasione, prostitute e viados quindi ancora evasione, non saranno toccate: la giustizia sociale quindi nella testa di monti trionfa e come al solito sarà favorita la germania con le sue industrie e una continua espansione commerciale favoritada un sistema bancario che non ha dimenticato la piccola e media industria: monti quindi al di la di ogni dubbio è un vero e proprio collaborazionista al soldo della Merkel e non dell' italia di cui non sa fare mai gli interessi: stiamo a vedere cosa faranno ora Berlusconi ed i suoi avversari che almeno con Renzi qualcosa da dire l' avranno: ionutile contare su grillo e su travaglio perche se da Grillo dovremo sentir parlare anche di pura anti economia dall'a ltro dovremo setire anche odori inequivocabili

Perrucci Antonio

Lun, 25/06/2012 - 07:50

Cominci con il finanziamento dei partiti e lo riduca a "rimborso" con limiti di spesa. Continui con le spese folli delle Camere dove un guardiano dei cessi prende 100.000 € l'anno. vada avanti tagliando le spese per il personale delle regioni dove ci sono più dirigenti che impiegati, se vuole ne ha di tagli da fare.