L'atomo Scelta civica ora si spacca in quattro

Monti in rotta con i cattolici di Olivero, pronti a passare all'Udc. Ma anche Casini ha la fronda interna

Roma - Quattro gatti, sette correnti. Ci sono i montiani puri, i montiani ex finiani, i montezemoliani di italia Futura, i cattolici area Sant'Egidio, i cattolici senza Sant'Egidio, i centristi Udc area Cesa e quelli area Casini. Di più, fisiologicamente, non ce ne stavano. E infatti scoppiano, l'atomo si scinde nelle particelle. Dopo l'infuocata assemblea di ieri sera, convocata con urgenza e ira dal prof. Monti per sfiduciare il coordinatore Olivero, reo di intelligenza col nemico Casini, la rottura con l'Udc è questione di ore. Monti non ne può più delle astuzie democristiane dei centristi che hanno di fatto lanciato un'opa per scalare il partitino del Prof, in combutta con gli altri cattolici, da Olivero (Acli) a Riccardi (Comunità Sant'Egidio), ex fedelissimi di Monti. I parlamentari Udc usciranno dal gruppo comune alla Camera e Senato? «Non lo escludo, sono sette (su 47, ndr) alla Camera e 3 (su 20, ndr) al Senato, quindi non è complicato» dice il capogruppo di Scelta civica, montiano anti Udc, Gianluca Susta. Gli udiccini non hanno i numeri minimi per formare gruppi autonomi, e dunque finirebbero nel Misto. Sempre che non riesca la scalata di Casini al movimento di Monti, già azzardata con un convegno al Tempio di Adriano, organizzato dall'Udc ma a cui hanno partecipato i vertici di Scelta civica, Olivero, Dellai, l'ex ministro Balduzzi inclusi, e dove, esplicitamente, si è discusso di come «andare oltre» Scelta civica, con un nuovo partito espressione del Ppe europeo, quindi a matrice cattolica. Insomma, una nuova Udc in formato europeo, con Monti in secondo piano, se non proprio in pensione, e un Casini di nuovo leader. Ovvio che Monti sia andato su tutte le furie. I cattolici della sua Scelta civica lo stanno mollando, per unirsi alla vecchia volpe Casini, in astinenza da leadership? Il timore è questo, anche se Olivero smentisce ogni trama ai danni dell'ex premier: «Assoluta lealtà al presidente». Ma lo sganciamento da Monti è un dato di fatto, e non solo dai cattolici in flirt con l'Udc. Anche Montezemolo si è defilato, con la sua Italia futura che da macchina elettorale al servizio di Monti è tornata ad essere un think tank, con Montezemolo che non gradisce si parli di If come una componente di Scelta civica. Per di più, il direttore di Italia Futura, l'onorevole Andrea Romano, è in rotta di collisione con Monti (e in avvicinamento all'area Renzi). All'ultima riunione Monti ha perso le staffe: «Prof Romano, lei non è più a Italia Futura, non può parlare per conto mio e di Scelta Civica come faceva per il presidente Montezemolo!». A esasperare le lotte intestine nel partitino montiano ci sono le elezioni europee alle porte (primavera 2014). I laici vogliono aderire al gruppo europarlamentare Alde (liberaldemocratico), i cattolici al Ppe. Casini si prepara a lanciare a Chianciano a settembre un progetto nuovo, per cannibalizzare Scelta civica. Ma la guerra è anche nel microcosmo Udc, tra Casini e il segretario Cesa, che ha dalla sua i deputati e ha marginalizzato «Pierfurby». «Casini vuole lo svuotamento di poteri di Cesa, che nessuno lo segua» avverte il deputato Udc-esiano Angelo Cera. Siamo oltre la scissione dell'atomo, qui siamo in piena antimateria.

Commenti

pasinels

Gio, 01/08/2013 - 08:37

Semplicemente ridicoli ! Sono dei mentecatti che non sanno più cosa inventare per rimanere attaccati alla mammella della politica succhiasangue e risorse. Fino a quando gli italiani sopporterannop questo sconcio ?

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 01/08/2013 - 08:46

Insomma è una "fissione nucleare", per valli e per monti. Che si disintegrino, amen.

gigi0000

Gio, 01/08/2013 - 09:04

Che qualcuno abbia potuto ipotizzare d'andare d'accordo con 'sto individuo borioso è proprio roba da matti. Costui ha provocato lo sfacelo dell'Italia - altro che salvezza! - ed ora tenta di cagionare la morte dei suoi sostenitori. Per me che sono molto campanilista, lo sconforto è ancora maggiore, fosse stato il solito laureato con raccomandazioni sotto il Po, l'avrei digerita meglio. In ogni caso, l'unico politico vero, che non mi piace per niente, ma che è comunque l'unico con la vera preparazione - scuola della DC - è Casini. Casini che ha fatto relativamente bene a sostenere monti per non sparire, ma che ora rischia davvero d'essere travolto dal suo ingombrante e sempre meno amato compagno di viaggio. Cambia strada Pierferdy, finché sei in tempo.

elalca

Gio, 01/08/2013 - 09:09

eccoci, il mega rettore bocconiano sta provando sulla sua pelle cosa significa avere a che fare con magliari come casini e porcialia, gente sulla cui consistenza e spessore morale si potrebbe parlare al massimo per 5 secondi. e questo beota attaccava il cavaliere reo, secondo la sua opinione, di concentrare in se tutti i mali del mondo. professore lei ha fatto più danni di nerone, pur non possedendone intelligenza e lungimiranza, ora faccia felici tutti gli italiani, si levi dalle balle e porti il suo ghigno in un bel residence per anziani ricchi

Un Infiltrato

Gio, 01/08/2013 - 09:52

Le figuracce che ha fatto quest'uomo non si contano. I danni che ha creato al Paese deprimendo i consumi e arrestando la crescita li piangeremo per decenni e decenni. Francamente,mi domando con quale criterio Napolitano abbia affidato il governo del Paese a questo incapace, per giunta compensandolo a vita e a peso d'oro. Insomma, parliamoci chiaro, a novembre 2011, tutti gli indicatori economici erano ben più in ordine degli attuali. E che sia stato proprio Monti a spingerci nel baratro, lo sanno anche le pietre.

Triatec

Gio, 01/08/2013 - 10:02

Quando al ridicolo non c'è fine. Belle persone che si erano messe in testa di salvare l'Italia, cercavano di incartarci dicendo che lo facevano per il bene del Paese. Sicuramente non sarebbero capaci nemmeno di gestire una bocciofila.

Ritratto di depil

depil

Gio, 01/08/2013 - 10:25

sono in pochi? tanto Monti e casini hanno dimostrato al mondo intero di non saper contare da uno a cinque!!!

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Gio, 01/08/2013 - 10:26

Solo un ridicolo atto sovversivo poteva fare di questo sbiadito bracco di Weimar, uno statista con un vitalizio da nababbo.

Silvano Tognacci

Gio, 01/08/2013 - 10:51

ma non doveva essere l'Uomo della Provvidenza ?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 01/08/2013 - 10:58

Ridicoli come il resto della nostra classe politica.

Beaufou

Gio, 01/08/2013 - 11:14

A Monti dovrebbe essere revocata immediatamente la nomina di senatore a vita. È uno di quelli che finché non fanno nulla, riescono a coltivare la loro immagine di persona seria e capace, mentre quando sono messi alla prova si rivelano per quello che sono: dei presuntuosi incapaci. La politica è invasa da personaggi di questo genere: non occorreva che Napolitano ne andasse a ramazzare qualcun altro fra quelli che alla politica non avevano ancora pensato. Ma probabilmente l'immagine aveva convinto anche lui, poveraccio.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 13/02/2015 - 14:33

purtroppo non si vergogna di esistere e nessuna toga si sogna di indagare sulle sue finanze; lui si che una moglie che sa risparmiare!