Morì dopo il fermo Tutti assolti i quattro poliziotti

Tutti assolti con formula piena («il fatto non sussiste») i quattro poliziotti sotto processo a Milano per la morte di Michele Ferrulli, stroncato da un arresto cardiaco dopo essere stato fermato e immobilizzato dalla Volante il 30 giugno 2011. Per i quattro agenti, accusati di omicidio preterintenzionale, la Procura aveva chiesto sette anni di carcere. La Corte d'assise ha ritenuto che la morte di Ferrulli sia stata causata da un malore, conseguenza delle patologie di cui l'uomo soffriva, e che non poteva essere prevista dai quattro imputati.
Ferrulli era stato fermato mentre schiamazzava insieme a due romeni davanti all'Ortomercato. Aveva rifiutato di consegnare i documenti e aveva preso a maleparole gli agenti. A quel punto era stato immobilizzato, messo a terra e ammanettato. I filmati prodotti in aula, e che secondo la Procura dimostravano la «violenza ingiustificata» nei confronti del fermato, secondo le tesi della difesa - evidentemente fatte proprie dai giudici e dalla giuria - dimostrano solo che gli uomini della Volante misero in atto misure lecite di contenimento dell'uomo che aveva avuto una «reazione rabbiosa», colpendo con una spallata un poliziotto e dando in escandescenze.

Commenti

killkoms

Ven, 04/07/2014 - 15:14

ogni tanto c'è qualche giudice a berlino!