È morto Gerardo D'Ambrosio, da Mani Pulite alla militanza Pd

Dalla procura di Milano ai banchi del Senato: una vita spesa tra la magistratura e la militanza politica (a sinistra)

Era stato il coordinatore del pool Mani Pulite, poi il capo della Procura di Milano dopo l'addio di Francesco Saverio Borrelli, poi - a consdacrare e render ufficiale uno schieramento ideologico e politico di cui non aveva mai fatto mistero - parlamentare nelle fila del Partito democratico: Gerardo D'Ambrosio è morto oggi a Milano, dopo una malattia durata diversi mesi e aggravata dalla debolezza immunitaria di D'Ambrosio che da un quarto di secolo viveva con un cuore trapiantato. D'Ambrosio prima delle indagini su Tangentopoli aveva condotto le inchieste su piazza Fontana e sulla morte di Giuseppe Pinelli: quest'ultima l'aveva reso inviso all'ultrasinistra, perché si era conclusa riconoscendo l'innocenza del commissario Luigi Calabresi per il tragico volo del ferroviere anarchico dal quarto piano della questura di Milano, nel dicembre 1969, pochi giorni dopo la strage di piazza Fontana. La sentenza di D'Ambrosio, allora giudice istruttore, aveva concluso con la tesi del "malore attivo".

Anche l'indagine su Pinelli, in fondo, D'Ambrosio l'aveva condotta con quel senso da uomo delle istituzioni che era un pezzo importante della identità comunista in quegli anni. E di fare convivere la militanza e le convinzioni politiche dentro il suo lavoro di magistrato era stato accusato anche vent'anni dopo, quando, da procuratore aggiunto della Repubblica, era tornato alla ribalta della grande cronaca come coordinatore del pool Mani Pulite. In particolare, il procuratore capo Borrelli lo aveva designato a coordinare le indagini sulla pista rossa, ovvero sulle tangenti e i finanziamenti occulti al Pci/Pds: conclusa, come è noto, con la richiesta di archiviazione da parte di D'Ambrosio delle accuse che al partito di Achille Occhetto erano state mosse dal pm Tiziana Parenti, estromessa dal pool.

Del pool Mani Pulite, D'Ambrosio non era certo l'unico ad avere convinzioni politiche marcate, ma era sicuramente l'unico a non dissimularle. E va anche ricordato che fu l'unico, di tutto il pool, a schierarsi a favore del salvacondotto per ragioni umanitarie a Bettino Craxi, latitante ad Hammamet e gravemente malato. Ma D'Ambrosio venne messo in minoranza, e Craxi morì.

Alla guida della Procura, dopo il passaggio di Borrelli alla procura generale, D'Ambrosio era rimasto solo tre anni, dal 1999 al 2002: poi aveva accettato la proposta del Pd per un seggio in Parlamento, dove aveva fatto due legislature. Un'esperienza che, nei racconti che faceva agli amici quando tornava a Milano, lo aveva profondamente deluso.

Commenti

moshe

Dom, 30/03/2014 - 18:39

Altro magistrato passato dalla politica.

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 18:40

Adesso vedrete che si scateneranno gli avvoltoi anonimi che si nascondono dietro una tastiera.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 30/03/2014 - 18:49

Non ci si deve poi stupire se certi commentatori non moderati continueranno a vivere rabbiosi all'opposizione.

linoalo1

Dom, 30/03/2014 - 19:00

Ossia,colui che,insieme a Di Pietro ha contribuito alla rovina dell'Italia!Lino.

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 19:00

@moshe: Sono sette i Parlamentari PDL ex magistrati: Giacomo Caliendo (ex sottosegretario finito nell'indagine sulla P4), Franco Frattini, Alfredo Mantovano, Alfonso Papa (che venne arrestato nell'inchiesta sulla P4), Roberto Centaro, Pasquale Giuliano e Francesco Nitto Palma.

Ritratto di TizianoDaMilano

Anonimo (non verificato)

Giacinto49

Dom, 30/03/2014 - 19:06

Impossibile credere che una persona sana di mente ed in completa buona fede possa identificarsi con una ideologia da sempre contraria alla storia ed alla natura umana, come ampiamente dimostrato dagli ultimi decenni. Probabilmente, visti gli episodi citati, vittima di una militanza che gli impediva di esprimere appieno le sue intime convinzioni.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Dom, 30/03/2014 - 19:09

"Compagni di merende ". Fra Borelli, fu D'Ambrosio e Di Pietro. Personalmente di questo "nero" personaggio non interessa proprio nulla e , sicuramente, anche la Storia futura non lo ricorderà bene

killkoms

Dom, 30/03/2014 - 19:19

siamo tutti sotto il Cielo!e ora ci si chiede dove se la metterà l'onnipotenza giudiziaria?

scipione

Dom, 30/03/2014 - 19:22

Pace all'anima sua.bruno49,che hai la coda di paglia?

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 19:23

Qualcuno mi può spiegare che significato abbiano i numerosi commenti non commenti di "Anonimo (non verificato)" con il logo del poker d'assi?

Ritratto di caribou

caribou

Dom, 30/03/2014 - 19:23

linoalo1: Lui e Di Pietro purtroppo non hanno combinato molto, il risultato sembra abbastanza evidente, pare che i ladri e i delinquenti politici siano aumentati dai quei tempi, con una grande differenza, quelli attuali non vanno manco più in galera!!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 30/03/2014 - 19:31

Condoglianze per la sua famiglia e che Dio abbia misericordia di lui; almeno ha superato la fatidica età di ottanta anni; ha avuto tre anni di scivolamento. Shalom

Accademico

Dom, 30/03/2014 - 19:37

Fu un Magistrato, sicuramente di statura, che ebbe però la ventura di incrociare sulla sua strada un trebbiatore di basso profilo, nel quale, almeno in un primo tempo, credette di dover credere. Non mi interessano le sue appartenenze politiche.

vittoriomazzucato

Dom, 30/03/2014 - 19:38

Sono Luca. Mi dovete spiegare perché da magistrato questo è finito al PD. GRAZIE.

denteavvelenato

Dom, 30/03/2014 - 19:42

#linoalo1# Si, certo, e niente contano i politici arraffoni, la corruzione ecc ecc, la colpa è di chi li indaga. Leggendo frasi come la sua, finalmente, mi spiego molte cose!

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 19:56

@vittoriomazzuccato: Sono sette i Parlamentari PDL ex magistrati: Giacomo Caliendo (ex sottosegretario finito nell'indagine sulla P4), Franco Frattini, Alfredo Mantovano, Alfonso Papa (che venne arrestato nell'inchiesta sulla P4), Roberto Centaro, Pasquale Giuliano e Francesco Nitto Palma. Quindi, vede, PDL=PD

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 19:58

@scipione: no, non ho la coda di paglia. E' che mi fanno schifo gli avvoltoi, di destra, di sinistra e di centro

Ritratto di lettore57

lettore57

Dom, 30/03/2014 - 20:06

@vittoriomazzucato Perché come disse qualcuno... a pensare male spesso ci si azzecca... ed allora (forse) anche questo personaggio (sarei ipocrita se lo chiamassi diversamente) è andato a finire, come un suo compare, nel posto dove non c'e' mai stato bisogno di indagare in quanto rappresentavano la perfezione assoluta

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 30/03/2014 - 20:06

E'sperabile che presto Di Pietro, Borreli, Davigo, Bocassini ed altri gli vadano dietro.

Ritratto di MelPas

MelPas

Dom, 30/03/2014 - 20:27

È morto Gerardo D'Ambrosio ?? da Mani Pulite a senatore Pd ??Che dio lo perdoni e pace all'anima sua. MelPas.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 30/03/2014 - 20:28

Fa parte della schiera dei magistrati sbagliati. Teoricamente dovrebbero essere imparziali. Quando fecero il cosi detto pool di mani pulite, ebbero la possibilità di ripulire tutta la politica facendo un servizio enorme al paese. Si schierarono e pur di salvare il PD fecero pure la figura dei fessi. Si sono squalificati e diventati squallidi personaggi.

moshe

Dom, 30/03/2014 - 20:30

bruno49, hai la coda di paglia? io ho scritto testualmente: "Altro magistrato passato dalla politica". Con questa scarna frase volevo solo mettere in evidenza, anche se non è necessario, che la magistratura anzichè preoccuparsi di svolgere il suo lavoro bene e a tempo pieno, si occupa purtroppo più di politica che delle proprie mansioni. Tra noi non dobbiamo fare una "guerra tra poveri", ci pensano già i politici magnoni a massacrarci!

Ritratto di lettore57

lettore57

Dom, 30/03/2014 - 20:35

@denteavvelenato se chi indaga guarda da una parte sola, come anche i neonati hanno capito, allora si, la colpa, prima dei politici arruffoni etc etc etc, è in primis di chi indaga e tra questi c'e' stato anche il soggetto di questo articolo

Aristofane etneo

Dom, 30/03/2014 - 20:38

Solo in Italia abbiamo Magistrati divisi in correnti contrapposte al loro interno e, cosa veramente aberrante, che possano fare vita di Partito e poi ritornare a mantenere il potere di giudicare se un cittadino italiano possa vivere libero o in galera.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 30/03/2014 - 20:56

Meglio che non scrivo niente sul defunto. Per chi non lo sapesse, comunque, è uno che ha contribuito a rovinare l'Italia.

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 21:03

@moshe: anch'io volevo dire la stessa cosa, rilevando che nei maggiori partiti militano vari ex magistrati (in tutto 16). Quindi, PDL=PD E comunque, quando siedono in Parlamento, i Magistrati non possono evidentemente svolgere la loro funzione giurisdizionale. A differenza degli altri Parlamentari, che possono continuare a svolgere le proprie attività (avvocati, professori universitari, giornalisti ecc.)

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 21:06

@stock47: mi può spiegare COME ha contribuito a rovinare l'Italia?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 30/03/2014 - 21:13

@Bruno49 - credo si tratti di errori tecnici, succede talvolta,non dipendono dalla volontà del postante.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 30/03/2014 - 21:14

Via libera ai mastini assatanati del forum, sempre pronti a dilaniare chi percepiscono come nemico, specialmente se morto. Ma niente paura: non e' certo con le invereconde scempiaggini verbali dei soliti fiancheggiatori dei delinquenti contro i giudici, che l'azione di D'Ambrosio e del suo team verra' offuscata. Del resto i Berluschini dovrebbero essere grati al Pool di Mani Pulite: "CHI" ha ottenuto i maggiori vantaggi dalla caduta della "Classe Politica del '92" ??? C'e' quasi da pensar male su "CHI" abbia mai potuto mettere gli inquirenti sulla pista di Via Turati..

riccamona

Dom, 30/03/2014 - 21:21

Vorrei vedere davanti al tribunale del Cristo come farà a difendersi. Meglio pregare per lui.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 30/03/2014 - 21:26

@bruno49- Il perché,lei domanda. Ha contribuito a fare in modo che la magistratura tracimasse dal suo alveo e che si vanificasse la separazione tra i poteri fondamentali dello Stato, condizione irrinunciabile per una corretta vita democratica. Infatti vede che la magistratura elimina per via giudiziaria quei politici che ritiene pericolosi per il suo strabordante potere e senza nessun rischio,instaurando di fatto una dittatura sotterranea,ma ormai neanche tanto, la più pericolosa ed orribile. Vi sono anche ipotesi che la vedrebbero collusa con poteri occulti internazionali,infatti si sono registrati strani viaggi e contatti americani di qualcuno del pool e non solo per questo. Ma non se ne parla,non domandi a me il perché, provi ad immaginarlo.

Ritratto di Lady Bird

Lady Bird

Dom, 30/03/2014 - 21:34

@pravda99: tanto i tuoi amici sinistrati pagheranno ugualmente per le loro "scempiaggini". La storia l'ha già scritto...e uno se l'è già preso! Stai sereno e fatti una bella tisana prima della nanna! :-)

volp

Dom, 30/03/2014 - 21:58

Dovreste togliervi il cappello e non dar l'impressione che in fondo e' stato un magistrato di sinistra e basta. Razzo fai veramente pena

Antimafioso

Dom, 30/03/2014 - 22:18

Onore a ogni magistrato che manda in galera piu' politici possibile, e vergogna agli sciacalli leccascarpe che credono che il colletto bianco, il diploma e il doppiopetto siano le migliori prove dell'onesta' dell'imputato, come sempre capita nei casi di vergognose assoluzioni di gentaglia politica (guardate Andreotti, Culicchia, Bassolino, Mannino ecc).

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 30/03/2014 - 22:48

@Pravda99 - Ma perché non lo dice chiaramente? E' stato Berlusconi!!!E te pareva...siamo ai limiti dell'assurdo, anzi sono già stati superati. Pravda, dispiace dirlo, ma l'alcol danneggia le cellule cerebrali,ne faccia un uso meno smodato.Devo necessariamente mantenermi su questa linea di comunicazione, che non è la mia, ma non si può dialogare partendo da presupposti così cervellotici, di parte, inaccettabili sotto ogni profilo.

odifrep

Dom, 30/03/2014 - 22:51

Intanto, formulo sentite condoglianze alla famiglia, perché avanti alla morte, tutti dobbiamo inchinarci. Caro Fazzo, non me la posso bere quando dice che dai racconti che faceva agli amici quando tornava a Milano, l'esperienza politica lo aveva profondamente deluso. Si sta parlando di D'Ambrosio, Procuratore Capo della Repubblica di Milano (e non di un uditore-apprendista) che accetta la candidatura nel Partito di sua militanza con un cuore ricevuto in 'grazia'. Forse, aspettava la nomina a senatore a vita per essere stato designato -a far tempo- Capo del "pollo" di Mani Pulite? Sarebbe stato certamente più coerente se avesse confidato a qualche amico che tra il potere esecutivo e quello legislativo, c'è non poca differenza di pensiero.

odifrep

Dom, 30/03/2014 - 22:59

jasper (20:06) - mai augurare agli altri ciò che non vorresti per te. Saluti.

Ritratto di martinitt

martinitt

Dom, 30/03/2014 - 23:00

Per una persona defunta di norma si fanno le condoglianze ai suoi famigliari, anche se da magistrato il suo punto di riferimento era il partito di appartenenza.

bruno49

Dom, 30/03/2014 - 23:12

@Euterpe: quindi secondo lei i politici che delinquono (e non mi dica che non delinquono)non dovrebbero mai essere toccati dalla Magistratura perché altrimenti si tratterebbe di uso politico della Giustizia? E poi facciamola finita con questa favola dei complotti internazionali, magari americani, che sarebbero più favorevoli alla sinistra italiana che al liberale Berlusconi

Klotz1960

Dom, 30/03/2014 - 23:13

Un magistrato meridionale che si e'scelto i corrotti da processare, girando sempre al largo quando i corrotti erano di sinistra. Come tanti altri, ha tradito l'obiettivita' della sua funzione ed ha fatto politica attraverso i procedimenti giudiziari.

Atlantico

Dom, 30/03/2014 - 23:30

Una vita spesa in magistratura e in politica ? Se la matematica non è un'opinione, D'Ambrosio ha speso la sua vita per difendere la legalità ed il diritto dei cittadini italiani a vivere in tranquillità: 45 anni in magistratura e 7 in politica. Onore a D'Ambrosio e vergogna a chi, per ragioni di bassissima polemica politica non riconosce una semplice verità. Primo invio 23:30

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 30/03/2014 - 23:51

EKKISENEFREGA !!!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 31/03/2014 - 00:32

La morte dei giusti scatena sempre la rabbia dei vigliacchi

Vujadin Boskov

Lun, 31/03/2014 - 00:39

vittoriomazzuccato, oltre ai 7 magistrati nel pdl la invito a contare i deputati/senatori, ex o attuali difensori di chi li ha nominati. A cominciare da Previti, stracondannato per corruzione, nominato persino Ministro.

specchiato

Lun, 31/03/2014 - 06:03

l'imbecillità non è un problema di dx o sx: è trasversale. Il grande D'Ambrosio aveva lobby, mafiosi, partiti destra contro ma lui è sempre stato integerrimo. coloro che qui scrivono scempiaggini, dettate dal proprio pregiudizio, come Lady B., MelPas, Anna 17, Euterpe, riccamona, stock47, lettore 57, Alessandro di p., sembran quasi la stessa persona, ragliano frasi fatte o ripetute senza elementi seri. Commenti miserabili che esprimono solo la propria... pochezza di falliti, sfruttano la visibilità, anche di una tragedia, per non dire nulla di sensato ma per leggersi compiaciuti nel disprezzo a prescindere. Buon inizio di settimana.

giuly dx

Lun, 31/03/2014 - 07:29

pravda99 L'aria della Siberia ti ha fatto male al piccolo cervello che ti ritrovi. Gli unici che hanno avuto vantaggi da manipulitesporchedisangueealtro sono i PCI ex e post ovvero i più ladri e farabutti di tutti che rimangono impuniti da oltre 68 anni qualsiasi porcata facciano. VERGOGNATEVI!

elio2

Lun, 31/03/2014 - 08:07

Non merita nessuna compassione e nessun rispetto, questo brutto esemplare di giudice politicizzato, (ricordiamoci sempre della Forleo), ha finito di fare danni al Paese che lo manteneva e di lavorare per l'ideologia di un partito.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Lun, 31/03/2014 - 08:10

magistratura e ''militanza politica'' ,senza pudore, pure! -Secondo quale principio è possibile giudicare e fare invidiabile carriera nella magistratura per poi arrivare, alla vecchiaia, in Senato, stante in una quale che sia militanza politica ( vedere gli eventi dolo da un angolino, almeno da un lato! . Che trovi pace l'anima cua.

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 31/03/2014 - 08:19

Pace all'anima sua,l'incredibile e' che solo nei paesi con dittatura i magistrati possono andare in politica.(QUESTO E' L'ASSURDO) perche' un magistrato deve essere APOLITICO!altrimenti scelga un altro mestiere!

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 31/03/2014 - 08:23

pravda99 smettila! non sei credibile sei un disco rotto!sei troppo noioso.Vai in nord Korea.Ciao

rossini

Lun, 31/03/2014 - 08:31

I Comunisti gli dovevano molto. Fu per questo che pagarono le loro cambiali nominandolo al Senato nel 2006 e nel 2008. I Comunisti sono come i LANNISTER ne "Il Trono di Spade"; pagano sempre i loro debiti!

CHOLO67

Lun, 31/03/2014 - 08:58

Destrorsi, ma quanto siete poveracci !!!

elio2

Lun, 31/03/2014 - 09:37

Caro pravda99, ma cosa cazzo dici, in che mondo vivi? sei appena arrivato da marte oppure sei già fatto di mattina presto?.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 31/03/2014 - 09:48

Potevano far piazza pulita dei ladri, ma essendo militante compagno, i peggiori, i ladri rossi li ha graziati tutti. E quando non applichi la giustizia uguale per tutti sei indegno. Quindi oggi l'Italia non perde nulla.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 31/03/2014 - 09:58

Questo "servo" ha dedicato tutta la sua vita esclusivamente al "servizio" dei padroni comunisti che, in cambio, gli hanno fatto fare una vita da grande pascià!

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Lun, 31/03/2014 - 12:08

Errata corrige:- nel recente commento a questo articolo ho scritto ''dolo'' anzi di ''solo'', vogliate scusarmi e leggere ''solo''.-

killkoms

Lun, 31/03/2014 - 12:41

@atlantico,avrei voluto anch'io fare il magistrato,visto che in Italia è un mestiere "facile"(non sbagli mai,o almeno non paghi)!il difficile è"entrarci",visto che non basta la laurea specifica,tenuto conto che salvo pochissimi,sono tutti figli e/o nipoti di magistrati!

odifrep

Lun, 31/03/2014 - 12:53

specchiato (06:03) - a quell'ora già inizia a dire corbellerie? E andare a sera lei si dovrà "rispecchiare" perchè sarà diventato di un acerbo tale da rompere lo specchio. Quelle persone che ha citato non sono ciò che le definisce .....pochezza di falliti, solo perchè la pensano diversamente dal suo ego. Al mattino, si specchi con più attenzione e, prima ancora, lava i denti. Saluti.

Gaetano Immè

Lun, 31/03/2014 - 17:41

La verità non offende nessuno, anzi lo onora. D'Ambrosio fu un pessimo Magistrato, perchè mai un magistrato deve essere usare il suo potere a favore dei suoi amichetti, come ha fatto D'AMBROSIO. Quando scopri' che Greganti (Pci) aveva prelevato soldi dal conto Gabietta in Svizzera esclamò trionfante: ecco la prova che Greganti rubava per sè. Così salvo i suoi amici del Pci e ne ebbe in cambio di quel "lavoro sporco" la sua bella poltrona. Perché Greganti aveva sì prelevato i soldi da quel conto in Svizzera , ma alle ore 9 del mattino nel quale alle ore 10 aveva pagato la casa davanti al Notaio. Lo stesso giorno. Questo è un Magistrato? Non credo proprio. E non solo, perché quando , pochi mesi dopo, il Ministro Mancuso gli mandò gli ispettori per il caso Greganti, ricordo che D'Ambrosio, avvalendosi del fatto che solo il Magistrato può avviare l'azione penale, si rifiutò di rispondere agli ispettori. Così aveva salvato il Pci da Mani Pulite. Si era guadagnato una bella "paghetta" altro che i trenta denari, una bella poltrona al senato col Pci. Aveva ragione la Giunta del suo Paese, che lo conosceva proprio bene e che quando gli negò la cittadinanza onoraria, scrisse su di lui questo epitaffio: «Anche se D'Ambrosio è un nostro illustre cittadino riteniamo non abbia volato troppo in alto, non sia stato al di sopra delle parti». Fare poi la contabilità dei Magistrati a destra ed a sinistra, che miseria intellettuale. La magistratura non deve mai entrare in politica, mai e da nessuna parte. Per il bene della democrazia.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 01/04/2014 - 08:35

@specchiato l'educazione le manca dalla nascita oppure l'ha persa crescendo?

denteavvelenato

Sab, 05/04/2014 - 20:05

Fate schifo, pubblicate i commenti di chi dà la colpa a quest' uomo della rovina dell' Italia e non pubblicate le mie repliche a certa gente, vediamo se pubblicate almeno questo, esseri microscopici