È morto Scapagnini, ex sindaco di Catania e medico di Berlusconi

Da tempo era ricaduto nella malattia che lo aveva colpito un paio di anni fa. Sarà tumulato nella tomba di famiglia a Napoli

L'ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini

È morto Umberto Scapagnini. L’ex deputato del Partito delle libertà, alungo medico personale di Silvio Berlusconi e per due mandati sindaco di Catania, è deceduto in ospedale a Roma. Il suo legale di fiducia, il professore Guido Ziccone, ha fatto sapere che Scapagnini, che era gravemente malato da diverso tempo, sarà tumulato nella tomba di famiglia a Napoli.

Laureato in medicina nel 1965, libero docente in neurofarmacologia nel 1968 e nel 1972 specialista in neuroendocrinologia, dal 1967 al 1973 Scapagnini è ricercatore e successivamente docente all'Istituto Haymans dell'Università di Gand, alla YC Medical Center San Francisco e docente al MIT di Boston. Dal 1969 al 1975 è consulente della Nasa. Nel 1975 diventa professore ordinario all'Università degli Studi di Catania, risultando il più giovane ordinario italiano di farmacologia medica. Autore di oltre 500 pubblicazioni scientifiche su prestigiose riviste internazionali e co-editore di una ventina di volumi scientifici, Scapagnini era il decano della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Catania.

"Il politico e il medico fanno la stessa cosa - spiegava Scapagnini - danno soluzioni ai problemi della gente". E, infatti, l'impegno in politica affianca sempre quello nella medicina. E, proprio a Catania, Scampagnini diventa consigliere comunale con il Psi. È il 1985: tra il 1986 ed il 1987 viene nominato vicesindaco e assessore all'Urbanistica. Quando Berlusconi decide di scendere in campo, Scapagnini aderisce a Forza Italia. Nel 1994 viene, quindi, eletto deputato europeo: fino al 1999 è presidente della commissione di Ricerca, sviluppo tecnologico e energia del Parlamento europeo. Confermato parlamentare europeo nel 1999, nel 2000 si candida alle comunali e viene eletto sindaco di Catania. Incarico che gli viene confermato nel 2005.

Da tempo era ricaduto nella malattia che lo aveva colpito un paio di anni fa. Allora fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico che per mesi gli paralizzò una parte della faccia. Dopo l’operazione fu lui stesso a rassicurare gli amici, ai quali aveva detto di avere sconfitto il tumore, poi invece ricomparso. È stato anche per questo motivo che Scapagnini aveva deciso di lasciare la sindacatura di Catania per un impegno meno attivo alla Camera dei deputati, dove è stato eletto due legislature.

Commenti
Ritratto di KNight

KNight

Mar, 02/04/2013 - 14:02

medico di berlusconi, sindaco di Catania, due volte deputato e plurindagato... Un CV impeccabile da PDL

waaw33

Mar, 02/04/2013 - 14:24

Son sempre i migliori ad andarsene. Grande deputato e grandissimo sindaco del PDL. Secondo solo a Cammarata a Palermo. Ma molti giovani competenti son pronti a prendere il testimone. Qui al Sud siamo a posto per i prossimi 15 anni.

Howl

Mar, 02/04/2013 - 14:36

"Il politico e il medico fanno la stessa cosa - spiegava Scapagnini - danno soluzioni ai problemi della gente", lui solo a quelli di Berlusconi soprattutto nel primo caso, lautamente pagato.

emilio canuto

Mar, 02/04/2013 - 14:41

KNight : essere plurindagato in un paese di magistrati di merda è un onore. I CV dei komunisti oltre alle prestazioni puttanesce delle deputatesse ed al numero di assassinati come nel CV di Moranino cosa c'è? Forse l'cquisto della Serravalle?

emilio canuto

Mar, 02/04/2013 - 14:44

Howl: tu conosci un medico che non si fa pagare? e pensi che un ricco si faccia curare dagli incapaci della mutua? Perchè tu invece di essere un pezzente andresti alla mutua invece che da un grande primario?

Ritratto di KNight

KNight

Mar, 02/04/2013 - 14:48

@waaw33 l'Amministrazione comunale guidata da Cammarata è stata investita dagli scandali relativi alla precedente gestione dell'Amia, azienda ex municipalizzata per la raccolta dei rifiuti cittadini passata in breve tempo da un bilancio in attivo ad un buco di centinaia di milioni di euro. Nel 2010, Cammarata viene indagato per la terza volta in seguito a una inchiesta sulla discarica palermitana di Bellolampo. Nel febbraio 2011 è indagato per abuso d'ufficio, dopo che degli operai del Comune di Palermo furono impegnati nella pulizia di una strada privata, che conduceva nel posto in cui si sarebbe tenuto il battesimo della figlia del Sindaco. Nel marzo 2011 viene disposta l'imputazione coatta di Diego Cammarata per violenza privata. Nel maggio 2011 viene rinviato a giudizio per la vicenda dell'utilizzato a fini personali dell'operaio comunale Franco Alioto, anch'egli mandato sotto processo. Certo, trattandodi di uno del Partito del Ladroni è certamente tra i migliori.

reliforp

Mar, 02/04/2013 - 14:56

pazienza...

Ritratto di KNight

KNight

Mar, 02/04/2013 - 15:00

@emilio canuto: sisi certo è colpa dei magistrati. Cosa non faresti per 10 euro eh? Guarda che quelle che pagava il tuo padrone per 10 euro non ti salutano neanche.

Howl

Mar, 02/04/2013 - 15:23

emilio canuto : che stanchezza continuare a spiegare a chi non capisce o non sa leggere.......si arrangi ! politico-lautamente pagato-interessi solo di Berlusconi, se non capisce anche adesso alleni di più il suo neurone.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 02/04/2013 - 16:47

KNight siete le solite merde

Ritratto di KNight

KNight

Mar, 02/04/2013 - 17:17

@rapax. la verità ti fa male lo soooo

abbassoB

Mar, 02/04/2013 - 17:31

pubblicate il post di un coglione come rapax e i miei pieni di "sapienza" no!!.........ma andate a fare fare fare in culo!!!

Roberto Casnati

Mar, 02/04/2013 - 18:40

Ho collaborato per diversi anni con Umberto Scapagnini e posso affermare che se come ricercatore e medico era senz'altro di primordine, come amministratore lasciava un po' a desiderare; non era il suo mestiere. Sia pace all'anima sua.

rodenco

Mar, 02/04/2013 - 19:24

HOWL sei talmente stupido che neanche la morte di una persona ti induce portare rispettto.Pensi di essere immune da questp maledetto male?,te lo chiede uno che purtroppo ne e' colpito,e che cerca di sopravvivere in modo non certo indolore.VERGOGNATI!!!!

bruno49

Mar, 02/04/2013 - 19:29

Sono un medico e ritengo che sia estremamente difficile svolgere bene contemporaneamente la nobile professione del medico e quella altrettanto nobile del politico. E' chiaro che la nobiltà delle due attività dipende soltanto dalla coscienziosità, competenza e onestà con cui si svolgono. Pertanto non credo si possano servire due "padroni". A meno che Scapagnini, che rispetto ovviamente come collega, non fosse un genio. E comunque non avrebbe meritato l'articolo se non fosse stato il medico del fratello dell'editore de "Il Giornale"