Napolitano sente Bersani: la sinistra brancola nel buio

Telefonata tra il leader Pd e il capo dello Stato. In stallo il dibattito sulla presidenza delle Camere. Le consultazioni potrebbero partire già martedì 19 marzo

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano

Una telefonata di Pier Luigi Bersani a Giorgio Napolitano per riferirgli direttamente della Direzione del Pd e delle "proposte" approvate. Nessuna sorpresa per il Colle dal Partito democratico che ha confermato le proprie posizioni e le tante incognite della decisione di Bersani di proporsi per un incarico a formare un governo che dovrebbe reggersi sui voti dei Grillini in base ad un programma preciso di otto punti. Porta chiusa con decisione a Silvio Berlusconi, anche se all’interno qualche big come Massimo D'Alema continua a credere in un accordo con un Pdl ripulito dal cavaliere. Insomma, niente "piano B" per Bersani che cerca così di tenere la barra dritta sulla propria proposta politica.

Napolitano ha seguito con attenzione l’inusuale "direzione" pubblica trasmessa via streaming e come tutti avrà colto le sfumature e i distinguo, nonchè l’uscita silenziosa di Matteo Renzi da via Del Nazareno. Niente di nuovo quindi, anche se al Quirinale in questa fase pre consultazioni si registrano tutte le posizioni delle forze politiche e si ragiona su più scenari avendo come obiettivo la governabilità del Paese. Come ha più volte spiegato Napolitano, "bisogna dare un governo all’Italia" e nessun presidente penserebbe a nuove elezioni se non come extrema ratio.

Adesso la parola passa a Beppe Grillo e al Movimento 5 Stelle che lentamente sta cominciando ad interrogarsi via web sulle reiterate aperture di Bersani. Certamente prevale l’ironia: sulla rete si scherza non poco sul "politichese" di alcuni degli interventi odierni. Ma, mentre il leader respinge al mittente le proposte della direzione, gli emissari del Pd sono attivissimi con tutti coloro che dialogano con Grillo in queste ore.

Intanto il tempo si restringe e nonostante non si sia riusciti a realizzare l’anticipo della convocazione delle Camere, le consultazioni potrebbero partire già martedì 19 marzo. Il Quirinale infatti proprio ieri ha chiesto di fare presto. La forbice è tra il 19 ed il 21 perché bisogna vedere quale saranno i tempi per le elezioni dei presidenti delle Camere e la costituzione dei gruppi parlamentari. E in mezzo c’è anche una domenica che potrebbe essere lavorativa. Ma se tanto si parla del tipo di governo, di "scopo" come vorrebbe Bersani, del presidente come scrive la stampa, è ancora buio proprio sulle presidenze di Camera e Senato. Se ne parla solo sotto traccia e con variabili complicatissime: ma è chiaro che i giochi si capiranno solo all’ultimo facendo parte di un accordo politico ben più vasto. Nel quale sta entrando prepotentemente anche l’elezione del prossimo presidente della Repubblica.

Berlusconi, alla finestra in questa fase, sembra assai vigile su quale potrebbe essere il prossimo inquilino del Colle. In questi anni ha potuto rendersi conto di persona come il ruolo di capo dello Stato sia cresciuto ben al di là di quanti lo vorrebbero ridotto ad una funzione quasi notarile.

Commenti

roliboni258

Mer, 06/03/2013 - 23:20

aspettano che la magistratuta metta in galera Berlusconi,bastardi tutti,comunque vada voto ancora Berlusconi

diego_piego

Mer, 06/03/2013 - 23:21

e Berlusconi ha la congiuntivite

roliboni258

Mer, 06/03/2013 - 23:23

quante volte ho scritto in questo blog che per gargamella il suo posto e' all'osteria giocare a carte ,ignorante

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 07/03/2013 - 00:03

L'ho già scritto su un post qualche giorno fa. Bersani si può agitare fin che vuole ma il Grillo non fa e non farà un passo indietro!! Temo che ,obtorto collo , dovrà inciuciare con il Pdl. Per quanto tempo si vedrà , sarà questione di programmi. Però quello che fa rabbia è il vedere che alla snx non importa nulla dei problemi del Paese! Conta solo prendere il potere mettendo colpevolmente da parte l'offerta di collaborazione fatta da Berlusconi subito dopo le elezioni per attuare quelle riforme improrogabili e condivise da quasi tutto lo schieramento.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Gio, 07/03/2013 - 01:02

Che puzza di marcio! Dalema spera in un accordo col Pdl ripulito del cavaliere. La magistratura è al lavoro e i comunisti sono certi del tintinnar delle manette.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 07/03/2013 - 01:06

Il peggior capo di stato nella storia della nostra Repubblica ci ha condotti in questa situazione. ORA SE CREDE DI ESCOGITARE' QUALCHE ALTRA PORCHERIA DEL TIPO "ROBOPROF" TROVERA' SEMPRE L'OSTACOLO BERLUSCONI. Stia tranquillo, continueremo a votarlo alla sua faccia.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 07/03/2013 - 01:16

Se la partita degenera è sempre colpa dell'arbitro. Sempre. Detto questo, mi sapete dire dov'è finito Luca Cordero di Montezemolo? Come mai non ci viene a esprimere un suo parere?

Boccato

Gio, 07/03/2013 - 01:22

06 mesi , non piu.elezione !

vince50_19

Gio, 07/03/2013 - 07:22

Questa faccenda degli otto punti e del tirar dritto di Giggetto da Bettola mi fa tornare in mente un film particolare e molto discusso, Full Metal jacket.. "un corso di otto settimane per falsi duri e pazzi furiosi.." Toh, mi sembra di sentire il capo istruttore Serg. Magg. Hartman.. Oibò..

csciara

Gio, 07/03/2013 - 08:37

La batosta non ferma la casta: Il Pd assume la Turco rimasta senza poltrona ... continuate così e ci consegnerete la vittoria assoluta. forever M5S