'Ndrangheta, il boss Labate arrestato

Ha tentato la fuga in sella ad uno scooter prima di essere definitivamente bloccato dagli agenti della squadra Mobile Pietro Labate, 62 anni, inserito nell'elenco dei 100 latitanti più pericolosi e considerato capo dell'omonima cosca della 'ndrangheta operante nel quartiere Gebbione di Reggio Calabria. È accusato di associazione mafiosa ed estorsione ed era latitante dal 2011, quando sfuggì alla cattura nel corso dell'operazione «Archi». Nel luglio 2012 era stato condannato in primo grado a 20 anni di reclusione. Nell'appartamento che era diventato il suo nascondiglio, situato proprio nel quartiere Gabbione a Reggio Calabria, non sono state ritrovate armi ma diversi effetti personali tra cui un tablet.