Nomine sospette, nuovi guai per il premier

Dopo la grana della casa di Carrai deve spiegare una delibera che per la Corte dei conti provocò un danno erariale da 816mila euro

Ora è più chiaro perché il ministro Maria Elena Boschi non consideri sufficiente l'essere indagati quale motivo valido per non ricoprire incarichi di governo.
Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dovrà presentarsi davanti alla Corte dei Conti di Firenze, per giustificare un danno erariale tra i 288mila e gli 816mila euro, contestato dalla procura contabile alla Provincia di Firenze, da lui presieduta tra il 2004 e il 2009. Dopo essere stato archiviato, nel febbraio 2013, su richiesta degli altri imputati il premier dovrà tornare davanti ai giudici il prossimo 24 settembre.

La storia è cominciata nel 2006, dopo le dimissioni del direttore generale della Provincia di Firenze. La giunta Renzi decise, con una delibera, di attribuire le competenze prima svolte da una sola persona a quattro direttori generali, determinando così un enorme aumento delle spese per l'ente provinciale.
Nell'inchiesta della Corte dei Conti finì anche Marco Carrai, amico, consigliere e finanziatore di Renzi (assolto da ogni imputazione) inquadrato a soli 29 anni con qualifica dirigenziale, come responsabile coordinatore della segreteria del presidente «senza aver partecipato ad alcun concorso e senza essere in possesso di un diploma di laurea».

Proprio in questi giorni è venuto fuori il caso dello strano affitto di Renzi. Giacomo Amadori di Libero, ha scoperto che, proprio il fido Carrai, uomo ombra nella scalata politica dell'ex sindaco, dal 14 marzo 2011 al 22 gennaio 2014, aveva pagato il canone di locazione all'amico Matteo per un appartamento di via Alfani a Firenze, in pieno centro. Su Repubblica Carrai si giustifica: «L'ho pagato io quell'affitto, ma l'appartamento non l'avevo preso per Matteo. Era il posto dove stavo io (anche se la residenza di Carrai è a Greve in Chianti, ndr) e l'avevo affittato molto prima che Renzi ci si trasferisse, che male c'è?».

Niente di male e nessun reato. Solo un possibile conflitto di interessi, e un gran tanfo di inopportunità viste le numerose poltrone che Carrai ha collezionato negli anni grazie al sindaco-amico. Prima era nello staff di Renzi in Provincia, poi amministratore delegato della Florence Multimedia (la macchina propagandistica della Provincia), dal 2009 amministratore della Firenze Parcheggi (in quota Mps) e, dal 2013 presidente della partecipata Aeroporto di Firenze Spa (80mila euro annui). «Marchino» è pure membro della giunta esecutiva di Assoaeroporti, è nel cda della fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e del Gabinetto scientifico letterario Vieusseux sempre su indicazione del Comune di Firenze.
Da uno come Renzi che da sempre trapana i cervelli della gente con trasparenza e meritocrazia...

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 16/03/2014 - 10:12

eggià.... perché renzi è nel pd, e quindi i metodi mafiosi si fanno in quel modo! partito delinquenti e chi si iscrive non ne è esente dal compiere atti mafiosi! :-) i sinistronzi come mark61, ersola, luigitipiscio continuano a far finta di nulla anche davanti alle prove... :-)

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 16/03/2014 - 11:01

#...e la storia "TUTTI UGUALI" infinita continua!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 16/03/2014 - 11:18

Come si può vedere il giornalista Fabrizio Boschi riferisce alcuni inciampi giudiziari di Renzi nonostante il suo cognome sia lo stesso della ministra renziana, davvero "più bella che intelligente". Fosse stato un pennivendolo di Repubblica si sarebbe dovuto astenere a prescindere!

scorpione2

Dom, 16/03/2014 - 11:25

tranquilli,tanto renzi alla fine inchiappettera' maoberlusca,gia' lo sta' facendo sta' usando un po' troppa vasellina,quando non la usera' piu',saranno cazzi amari e dolorosi per maoberlusca.hahahahaha altro che europee,coordinatore delle badanti questo e' il suo lavoro.ex capo di stato senza partafoglio e senza passaporto.

blues188

Dom, 16/03/2014 - 11:30

mortimermouse, i nomi che lei scrive, dato che ogni tanto abbisognano di riposo, guarda caso proprio quando accadono fatti come questo di oggi, sono 'casualmente' a dormire e tutto avviene a loro insaputa. Poveretti, vorrà mica che si sveglino malamente, eh?

Ritratto di massacrato

massacrato

Dom, 16/03/2014 - 11:49

Vietato pensare al popolo. Silvio docet. Resisti Matteo, siamo con te. Necessitano riforme radicali.

abocca55

Dom, 16/03/2014 - 12:09

Il maggior coraggio di Renzi è quello di mettersi contro la mafia politica. I boss e i capi paranza non perdonano.

syntronik

Dom, 16/03/2014 - 13:27

Oggi i personaggi menzionati da mortimemouse sono tutti in meditazione, sulle prossime bufale e maronerie da spacciare nel prossimo commento

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 16/03/2014 - 14:03

scassa Domenica 16 marzo ore 13.25 Perdindirindina ,o la sinistra ,e solo la sinistra ,abbonda di menti superiori ,oppure i conti non sono mai tornati e ,a tutt'oggi,ancora non tornano e mi spiego,o come dicono a Fiorenza " e se un mi spiego mi ripiego "! Tutti i pezzi da 90 sono di sinistra ,a partire da quel genio incompreso di Prodi e tutti,ma proprio tutti,hanno incarichi plurimi ,stipendi plurimi,che loro chiamano compensi,benefit da far impallidire re Mida,pensioni ,non contributive da da fare vergognare gli Emiri ,libertà di mettere le mani nelle tasche altrui ecc ecc . Questo sistema dura dal 1947 insieme al voto di scambio ,interferenze neanche tanto coperte ,della magistratura ,priva di codice deontologico ,e il tutto gridando " compagni lavoratori,noi andiamo in macchina ,ma con il cuore veniamo a piedi con voi ! " Davanti all'Italia in sfacelo e al proliferare dei sinistri ladri,truffatori ,venditori di fumo,,nemici del popolo,farabutti da galera ...puff tutto sparisce ,si insabbia,e in galera chi ci va ,accusato e condannato per cose da loro confezionate ad arte ,...? Silvio Berlusconi !!! Vi risparmio la solita melina ,la conosco a memoria ! Silvana Sassatelli.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 16/03/2014 - 14:32

Si dovrebbero fare leggi , dove chi governa , dai piccoli paesini al governo nazionale, quando ci sono danni per l erario questi dovrebbero risarcirli con propri soldi.Si risparmierebbero ladrocini e sorprusi vari , che in fine paghiamo sempre noi come popolo coglione.Mussolini sbaglio' , ma pago con la vita..E ora di cominciare a muoverci cambiando le leggi , che non ci siano piu leggi partigiane, tutti responsabili .

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Dom, 16/03/2014 - 14:38

Silvana Sassatelli: hai proprio ragione, è proprio così; ora cominceranno ad aizzare la magistratura contro Renzi, prima che questi possa attaccare i privilegi dei fancazzisti