Non una, centomila firme per il leader


Non una ma centomila firme sarebbero da inviare per la candidatura di Berlusconi e per ridimensionare quello che è solo un ordine della Repubblica che ha assunto i contorni di un superpotere a qualunque potere riconosciuto. Mi permetto un suggerimento: perché non fare registrare due o tre interventi a Berlusconi in modo che possano essere trasmessi su grandi schermi in tutte le principali piazze italiane durante la campagna elettorale per le europee? Sarebbe un metodo per aggirare gli ostacoli frapposti da una magistratura ormai in larga parte politicizzata.

Commenti
Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Lun, 24/03/2014 - 11:29

Magari datandoli in maniera inequivocabile, in modo che poi non si possa ipotizzare la violazione di un eventuale sopraggiunto impedimento ad esprimersi.