La nuova passione di Mele: difendere i cani randagi

Lo scandalo a luci rosse scoppiato nel 2007 è adesso solo un lontano ricordo. Cosimo Mele (nella foto), ex deputato dell'Udc oggi sindaco di Carovigno (Brindisi), ha deciso di dedicarsi agli animali. Il suo obiettivo, a quanto pare, è combattere la piaga dell'abbandono dei cani. Così ha disposto il trasferimento coatto di 150 piccoli randagi da un canile «sovraffollato», in base a un'ordinanza dello stesso primo cittadino, a un altro, che però al momento non è «non autorizzato», secondo quanto disposto da ben due sentenze, una del Tar della Puglia e l'altra del Consiglio di Stato. Ma la questione non sembra preoccupare più di tanto il sindaco, forse anche perché il rifugio Dog service appartiene a Fedele Prodi, figlio di Antonio, attuale consigliere comunale di maggioranza eletto nella civica guidata da Mele. Insomma, non a un perfetto sconosciuto. «Nessun favoritismo», assicura però Mele. «Dog service è un canile all'avanguardia. Se io fossi un cane è lì che io vorrei stare, e non da un'altra parte».

Commenti

NUOVALARA

Ven, 24/01/2014 - 11:21

L’Associazione NUOVA L.A.R.A. di Lecce è un’associazione di volontariato senza scopo di lucro che nel 2013 ha promosso un azione contro il canile che voi definite "sovraffollato" 1.000 cani mentre ne poteva contenere solo 200. Il Tar di lecce ha accolto il ricorso inibendo gli ingressi di ulteriori cani, questo canile è stato poi sequestrato perchè deteneva gli animali "in modo incompatibile con la loro natura" e il vostro giornale piuttosto che raccontare onestamente i fatti e soprattutto la circostanza che questo sindaco nominato custode giudiziario sta tentando migliorare le condizioni dei cani che sono ammucchiati in 10-20 in box piccolissimi non si lascia sfuggire la possibilità di fare informazione distruttivi. Complimenti a nome di tutti i cani reclusi e maltrattati .

giuseppe34

Mar, 28/01/2014 - 19:53

https://sites.google.com/site/caniliedintorni/ basta leggere questo articolo per risponderle! non avete neanche idea di cosa parlate! cara "associazione" (e non siamo sicuri se siete degni di chiamarvi associazione di volontariato senza scopo di lucro) parlate senza cognizione di causa! solo una parola VERGOGNATEVI!

gianni37

Lun, 03/02/2014 - 17:34

Bravo giuseppe34 : VERGOGNATEVI !la Nuova Lara contesta cattiva informazione da parte de Il Giornale! Ebbene diamola completa l'informazione: la Nuova Lara è l'Associazione che ha denunciato il canile "sovraffollato" ed è la stessa Associazione che si è presentata in una gara di appalto del Comune di S.Vito (documenti Ufficiali) dando l'avvallimento (così si dice) alla Dog Service cioè proponendosi come partner. Proprio il canile dove stanno traslocando i cani sfrattati. La Dog Service non ha le autorizzazioni sanitarie ed è (dovrebbe essere)un canile privato : ma questa associazione senza scopo di lucro non racconta "onestamente" i fatti!!!!