Le nuove leve della sinistra? Maestri d'insulto e frasi choc

Il vicesindaco sel di Roma ignora le foibe, un consigliere Pd auspica lo stupro di un’atleta

Gianluigi Piras

Uno inneggia allo stupro. L'altro non vuole che Roma ricordi gli scomodi eccidi delle foibe. Uno, Gianluigi Piras, consigliere comunale di Jerzu (Ogliastra) e presidente regionale del forum sui Diritti, è del Pd. L'altro, Luigi Nieri, vicesindaco della capitale, di Sel. Due schegge di sinistra che le sparano enormi. Piras ce l'ha su con Yelena Isinbayeva, zarina russa del salto con l'asta, rea di aver difeso le leggi del suo Paese in materia di omosessualità. Con l'aggiunta: «Ci riteniamo persone normali: gli uomini stanno con le donne e le donne con gli uomini». Apriti cielo. «Isinbayeva, per me possono anche prenderti e stuprarti in piazza. Poi magari ci ripenso. Magari mi fraintendono», scrive su facebook il piddino. Scoppia il putiferio che lo obbliga al dietrofront: «Lo stupro è inaudita violenza. Ma il danno è enorme e quando si sbaglia, in politica come nella vita, c'è sempre un prezzo da pagare e io intendo pagare». Dimissioni irrevocabili.

Nieri, invece, incendia il ferragosto con un'intervista in cui sostiene che gli eccidi degli italiani in Istria e Dalmazia «saranno ricordati da altre città ma non da Roma che è legata all'occupazione nazifascista». Anche in questo caso polemiche a non finire con il centrodestra, in testa Francesco Storace de La Destra, a chiederne le dimissioni. Arriva la parziale rettifica, non le dimissioni. Sui casi la sinistra sonnecchia. Con qualche eccezione. Quella di Gianni Pittella, per esempio, piddino e vicepresidente del Parlamento Ue: «La tragedia delle foibe e quello che hanno dovuto subire gli esuli e i rimasti non è una memoria né di destra né di sinistra. Appartiene all'Italia e agli italiani. Bisogna provare rispetto per chi ha subito la violenza dei titini. Questo non inficia il giudizio storico sui fascismi ma non è più accettabile alcuna chiusura su questa pagina di storia».

Per il resto, silenzio quasi tombale. In fondo quando la sinistra la spara grossa è solo un gesto isolato, un inciampo, una gaffe occasionale e accidentale. Quando invece sono altri a far partire il colpo, beh, è sintomo di degrado culturale, ignobile e abituale orrore mentale. Disgustoso e inqualificabile modo di pensare proprio della destra: sporca, brutta e cattiva. Sul caso dello stupro, il leghista piemontese Tiramani pretende l'idem agire: «Auspichiamo per il signor Piras, lo stesso trattamento ricevuto da Dolores Valandro: indagata e processata per direttissima. Non possono esserci due pesi e due misure in questo Paese». La leghista aveva infatti auspicato lo stupro del ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge. Condannata a 13 mesi di reclusione, 13mila euro di multa e l'interdizione per 3 anni dai pubblici uffici. Che poi inneggiare all'orrore dello stupro sembra di moda, visto che in risposta alla Velandro un consigliere comunale di Caverzere (Venezia), Angelo Romano Garbin di Sel, aveva inneggiato allo stupro, sì, ma di massa: «Sarebbe da mollare in un recinto con una ventina di negri assatanati...», scrisse sul suo profilo Fb. Ma era una reazione, su. Il senso della diversità dell'insulto lo sintetizza Vendola: «Volgarità razziste e sessiste? Le condanniamo. Ma i leghisti, con quelle, ci costruiscono la politica e le loro carriere».

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Dom, 18/08/2013 - 09:53

Se invece io scrivo , ma non trovano nessuno che li accoppa, vengo censurato. Cosi ci caliamo le braghe con i sonistronzi infami.Per questo sono arrivati ad una arroganza tale , appunto da accoppare.E mi sono anche purgato con le parole.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 18/08/2013 - 10:04

Ormai solo rifiuti umani si aggregano alla sinistra.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 18/08/2013 - 10:14

ecco un esempio dello schifo comunista. sapete solo fare questo: insultare, insultare, insultare... sembra questo lo scopo della vostra vita comunista.... che pena, che pietà, che ribrezzo!!

swiller

Dom, 18/08/2013 - 10:27

La sinistra è un'oceano di pessime persone.

Felice48

Dom, 18/08/2013 - 10:36

Questi sono i veri campioni. Odio, odio, odio. Non sanno ragionare diversamente.

BeppeZak

Dom, 18/08/2013 - 11:09

Sono persone sincere e candide. Si rivolgono anche con le madri e sorelle con le stesse terminologie. Sono persone sincere.

Sapere Aude

Dom, 18/08/2013 - 11:50

Ho sospetto che le nuove leve politiche di sinistra siano peggio di quelle vetero comuniste di una volta, il che è tutto dire.

kororev

Dom, 18/08/2013 - 11:51

la differenza è che questo piras è un dirigente locale di bassissimo livello, che per quello che ha scritto si è anche dimesso...Nel centro destra e nella lega frasi del genere sono pronunciate anche da dirigenti NAZIONALI, e nessuno si è mai dimesso. Poi ovviamente se uno non vuole cogliere queste differenze evidenti perchè gli è più comodo....

jakc67

Dom, 18/08/2013 - 11:58

se queste porcherie ci governano, vuol dire che in italia la maggioranza degli italiani è composta da porcherie... è la democrazia: ben vengano le invasioni da paesi retrogradi, dove viene tutelata la procreazione prima della libido e dove sono tutelate le gerarchie sessuali che alla procreazione ed al proseguimento della specie portano... sembra strano detto da uno di destra, ma qui tra superiorità morale e legale di femmine e gay, sottomissione alle questure in cambio di favoritismi politici, anche se sbagliati e ignoranza generale della popolazione ebete i sinistramente stupida sembra non ci siano alternative alla fine...

Gaeta Agostino

Dom, 18/08/2013 - 12:30

Scusate ma di cosa vi meravigliate? Questi di sinistra sono fatti così. Sono democratici e rispettosi con chi la pensa come loro, senno, siamo sporchi e senza cervello. Predicano la tolleranza e l'integrazione, ma se non sei della loro area, addio tolleranza, siamo da cancellare o da mettere tutti in galera (dai loro agistrati che applicano la legge per gli avversari, ma la interpretano per i loro amici). E poi si ritengono progressisti, ma sono contro ogni sorta di innovazione, vedi i NOTUTTO. Se rivendichiamo (noi) la nostra identità italiana, siamo razzisti, loro invece non lo sono quando praticano la discriminazione nei confronti di chi non la pensa come loro. Loro, bontà loro, hanno il cromosoma dell'onestà, ma non si ricordano di tutti i comunisti che hanno ribato ma che non finiranno mai sotto inchiesta. Hanno il cromosoma della verità, ma hanno dimenticato che la storia li ha candellati dalla faccia della terra, però non si professano più comunisti (si vergognano), ma la testa è rimasta la stessa. E questi figuri si permetto pure di commentare, vabbé, lasciamoli fare tanto non cambieranno comunque, devono passare almeno 5 generazione affinché capiscano che la loro è un'ideologia morta e sepolta. LASCIAMOLI PARLARE E INSULTARE, noi siamo democratici e liberali, non offendiamo, ma li soportiamo con cortese indifferenza.

Ritratto di kinowa

kinowa

Dom, 18/08/2013 - 12:39

Se questo è il nuovo che avanza, aridatece Andreotti, Craxi e Berlinguer.

chiara 2

Dom, 18/08/2013 - 12:41

Roiti umani

Maura S.

Dom, 18/08/2013 - 12:48

considerando chi le vota, che altro possiamo aspettarci.

gardadue

Dom, 18/08/2013 - 13:25

SINISTRA? VIVA SOLO GRAZIE AL VOTO DEGLI STATALI (E NON SOLO)PARASSITI USA IL PROPRIO POTERE PER FAR SOLO QUELLO CHE SA FARE INSULTARE DENIGRARE E INCIUCIARE CON I POTERI FORTI MONDIALI ALLE SPALLE DELL'ITALIETTA MIGLIORE (CHE CI METTE LA PECUNIA)

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 18/08/2013 - 15:44

Adesso i "compagni" stanno sguazzando nel potere e quindi non hanno più bisogno del manto dell'ipocrisia con cui coprivano le loro azioni e i loro pensieri. Adesso possono uscire alla luce del sole in tutta la loro gloria "democratica" e "liberale"!