Offensiva Pdl: "Se il ministro non ce la fa, lasci"

Il partito si scaglia contro il ministro: "Ora Letta prenda in mano l'Economia"

Roma - All'attacco. All'attacco di Fabrizio Saccomanni, all'attacco del Pd, all'attacco del governo Letta. Il Pdl non vuole il danno della caduta del governo e la beffa di vedersene attribuire la colpa. E se la prende in particolare con il ministro dell'Economia, che in un'intervista al Corriere minaccia le dimissioni se non si tornerà al rigore finanziario. E se qualcuno come Renato Brunetta crede che la sparata di Saccomanni sia un ballon d'assai, molti altri nel centrodestra quasi non vedono l'ora.
Tra le più dure naturalmente c'è Daniela Santanchè. «Il modello del governo Monti che si basava sul ricatto prosegue con il governo Letta, e Saccomanni ne è la dimostrazione con le sue minacce di dimettersi. Le dimissioni non si minacciano ma si danno». E la «pitonessa» del Pdl non è affatto contraria all'ipotesi: «Saccomanni vuole dimettersi? Lo faccia immediatamente, nella certezza che Forza Italia non cambia e non cambierà idea: non parteciperemo più a una coalizione il cui governo vuole aumentare le tasse agli italiani». Appena più soft Altero Mattoli: «Se Saccomanni non condivide, come sembra, la scelta di non aumentare di un punto l'Iva e forse anche di cancellare l'Imu sulla prima casa, ha il diritto di lasciare ma non di minacciare le dimissioni per far passare la sua idea». Quindi l'invito: «Il presidente Letta prenda in mano con energia il timone della politica economica».
Tutto il Pdl freme. Fabrizio Cicchitto accusa Saccomanni di voler «diventare da ministro tecnico dell'Economia il vero presidente del Consiglio, surrogando Letta». Maurizio Gasparri gli dà praticamente il benservito: «Saccomanni fa fatica a gestire una situazione economica complessa che richiede ben altro spirito di iniziativa e maggiore capacità di visione. Penso da tempo che altre scelte per il ministero sarebbero migliori. A partire da una diretta responsabilità di Letta in materia economica». Maurizio Bianconi addirittura esulta: «Saccomani è pronto a lasciare? Ottima notizia. Che se ne vada e alla svelta. Chiunque tenti di trattenerlo è nemico dell'Italia e amico della Merkel». Per la verità un po' ci prova, come detto, Renato Brunetta, che parla delle minacce di Saccomanni come di «un artificio retorico» e taglia corto: «Siamo tutti con Letta, con il governo e con Saccomanni per far sì che l'Iva non aumenti e per cancellare anche la seconda rata dell'Imu». C'è profumo di tanto peggio tanto meglio. E il Pdl scalpita. Sandro Bondi la vede così: «In questo paese in cui domina l'ipocrisia nessuno ha il coraggio di dire apertamente che il governo Letta è considerato da tutti, in primo luogo dal Pd, un governo provvisorio» e quindi inefficace e inutile. Anche per Cicchitto la crisi è vicina, ma è il Pd «che sta letteralmente esplodendo e da Renzi a Fassina si punta quasi esplicitamente alla crisi».
C'è però anche qualcuno che vuole ancora provarci. Brunetta rassicura gli italiani ospite a In 1/2 ora di Lucia Annunziata su Rai3: «L'Iva non aumenterà, per tutto l'anno non ci sarà nessun aumento dell'Iva così come non ci sarà la seconda rata dell'Imu». Poi un messaggio a Fassina, che aveva accusato il Pdl di fare «chiacchiere» senza proposte concrete: «Al viceministro comunista del Pd rispondiamo con le proposte di copertura per un totale di 10,5 miliardi, che abbiamo già consegnato a Letta mercoledì». Mantiene la barra a dritta anche Mariastella Gelmini: «Anche noi vogliamo rispettare i parametri europei e siamo convinti che si possa e si debba rimanere entro il 3 per cento», ma con «una discussione pacata per trovare insieme soluzioni alternative» all'aumento dell'Iva. Una buona volontà che è sempre più una voce nel deserto.

Commenti

LAMBRO

Lun, 23/09/2013 - 10:37

SE LASCIA NON CI STRACCEREMO LE VESTI!!! RISCHIAMO DI CAMBIARE IN MOLTO MEGLIO !!

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 23/09/2013 - 11:23

Che i giornali parlino delle proposte PDL che addirittura troverebbero 10 miliardi di copertura. Si parli delle proposte concrete e non di retroscena, dimissioni e altre cazzate che interessano solo i politici e non gli italiani. Se le coperture ci sono se ne parli e si abbia il coraggio di mettere argomenti e proposete sul tavolo per una discusssione seria.

GUGLIELMO.DONATONE

Lun, 23/09/2013 - 11:26

Farebbe cosa saggia e utile per l'Italia se la smettesse di minacciare e facesse le valigie una volta per tutte. Tassatore della malora!

Macho23

Lun, 23/09/2013 - 11:38

Per mettere uno di voi che dice che la crisi è finita, si può spendere ect.. preferisco la triste verità di un italia governata male da molti ma molti anni. Difatti adesso i conti tornano.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 23/09/2013 - 11:43

Anche il pdl non ce l'ha fatta a sistemare il paese quando ne aveva i voti e mandato elettorale, quindi, lasciate entrambi. Grazie.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 23/09/2013 - 11:56

Saccomanni, non far piu' danni.Se a Francoforte a dar manforte vuoi andare, miglior cosa non potevi fare,ma ti prego..non ti voltare.

ilbarzo

Lun, 23/09/2013 - 12:27

Sono del parere ed in totale accordo con la Dantanche.Se Sasccomanni lasciasse,farebbe una cosa molto sensata,visto che non e' all'altezza di poter assumere l'incarico di ministro,in special modo quello dell'economia.In molti sarebbero disposti a fare cio' che a lui non riesce:Cioe' tagliare dove necessita per ragglumolare soltanto un miliardo e mezzo di euro,per evitare l'aumento dell'iva.

ilbarzo

Lun, 23/09/2013 - 12:28

Bene Santanche',sei una portenta.

Charles buk

Lun, 23/09/2013 - 13:15

Offensiva del pdl ? Ma ora non si chiama forza italia ? E poi....un giorno sostengono, un giorno abbattono, un giorno fanno un ultimatum, l'altro sono responsabili, un giorno minacciano, l'altro rassicurano. Che abbiamo un pò di confusione in testa? Questa si chiama arte di arrangiarsi. Poveri noi.....

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 23/09/2013 - 13:39

Ma come mai si dice OK alle dimissioni di Saccomanni e all'eventuale interim di Letta? Letta non è del PD, si vuole accrescere il potere di una formazione di sinistra? La realtà è che fare il Ministro dell'economia in Italia oggi è una brutta gatta da pelare, ci si trova fra l'incudine e il martello, cioè fra la volontà politica (e popolare) di ridurre le tasse, e la necessità di dover far quadrare i conti (anche per gli impegni presi con l'Europa, ai quali non ci possiamo sottrarre). Ecco spiegato perchè il PDL non rivendica per sè il Ministero dell'economia: diciamo la verità, essendo il partito che maggiormente spinge per la riduzione delle tasse, avrebbe problemi in un tale ruolo, l'ultimo Ministro dell'economia del PDL, certo Giulio Tremonti, l'IVA l'ha aumentata, non l'ha ridotta ...

epesce098

Lun, 23/09/2013 - 14:48

gzorzi - Il PDL non ce l'ha fatta per il tradimento di fini, casini ed altri, ma il PD non ce le fa per manifesta incapacità (vedi monti e letta).

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 23/09/2013 - 15:15

epesce098: perchè, fino a quando c'era fini cos'ha fatto il PDL? Monti ha fatto quello che PD+PDL gli hanno permesso di fare. Senza Letta Berlusconi sarebbe già fuori da tempo. Di cosa sta parlando?

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Lun, 23/09/2013 - 16:08

Evviva Brunetta !! Lui si che è un grandissimo economista ! In 7 giorni trova sicuramente i miliardi che mancano e riesce pure ad abbassare l'IVA al 18% !! E ti fa sparire l'IMU per sempreee!

angelomaria

Lun, 23/09/2013 - 16:17

BRVI BRAVO E'ORA CHE CI SI LIBERI DI QUESTI TECNICI CHE HANNO SOLO ED ESVULISIVAMAMENTE SERVITO LE LORO TASCHE L'INADEGUATEZZA LORO E' STATA PURTRTROPPO APPURATA FORSE UN POLITICO VERO E GIUSTO SAPRA'DARE RETTA AL POPOLO !!!

Ritratto di wtrading

wtrading

Lun, 23/09/2013 - 17:00

@gzorzi. O sei cieco o sei scemo. Non c'è alternativa. Tu dici che Berlusconi è li perchè c'è letta ! Ma non vedi che fai ridere anche i tuoi amici SINISTRIOTI ? BERLUSCONI C'ERA PRIMA DI lETTA E CI SARA' ANCHE DOPO ( ..UN PO' COME DIO INSOMMA !..). Pirlot !!

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Lun, 23/09/2013 - 17:35

Parla l'oracolo. Lei ha minacciato di dare le dimissioni almeno tre volte ed è ancora li.Non hanno fatto niente per 11 anni ed ora che sono al governo assieme al PD fanno proclami. Siete nel governo anche voi o ve lo siete dimenticato.Fate se avete idee mettetele in pratica, perchè a ciarlare sono capaci tutti.

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 23/09/2013 - 17:58

scassa Lunedì 23settembre Possono metterci Dio fatto uomo ,ma se non usano la motosega sul carrozzone statale e parastatale ,eliminando zecche e ladri arcinoti ,non caveranno altro che ancora e solo sangue da gli Italiani !!!!!!!!!!!

guidode.zolt

Lun, 23/09/2013 - 18:30

Tre minacce di dimissioni sono una prova certa...Vada pure, l'abbiamo presa in parola, Monsù Travet...vedrà che un posticino al Catasto glielo trovano!

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 23/09/2013 - 18:34

Brunetta al posto di Saccomanni. Si è salvato dal pagare l'IMU sulla prima casa, la villa con piscina, riuscirebbe anche ad evitare di pagare la seconda. Chi meglio di lui?

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 23/09/2013 - 18:34

Brunetta al posto di Saccomanni. Si è salvato dal pagare l'IMU sulla prima casa, la villa con piscina, riuscirebbe anche ad evitare di pagare la seconda. Chi meglio di lui?

cotoletta

Lun, 23/09/2013 - 18:36

scassa hai ragione....

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 23/09/2013 - 18:58

Il sacco di patate Saccomanni va rinchiuso in cantina e gettata via la chiave.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 19:41

1a Parte - C'è una sozza, mistificatrice, anti-italiana nenia che si attiva sempre da sinistra ogni volta che sente in pericolo il poter continuare a drogare gli Italiani con bugie pretestuose, ogni volta che la politica rossa teme di venire lesa dalla realtà dei fatti, dalla disperazione che alimenta a piene mani e dalla sua genetica incapacità ad attuare qualsiasi passo positivo per il bene, il benessere, la sicurezza e l'indipendenza del Popolo! E dopo settant'anni di egemonia ideologica imposta, dopo decenni di istituzioni, ordini dello Stato, media capillarmente invasi e asserviti, ormai il "popolo bue" degli "utili idioti" ci casca sempre in automatico. Con balle come "lo spread che sale", "tutti i partiti corrotti tranne noi", "sono solo compagni isolati che sbagliano", "non poteva non sapere" (applicato "agli altri") e "poteva non sapere" (riservato sempre e solo "a loro")... senza permettere al Popolo di esprimersi, hanno destituito governi, hanno eliminato "nemici", hanno giustificato-coperto-insabbiato indecenze che in qualsiasi altro stato al mondo avrebbero provocato la cancellazione di questa abnorme e incapace ideologia fuori dal tempo, dalla storia e persino dalle caratteristiche genetiche dell'essere umano! Ogni volta parte la questua per trovare alcuni miliardi che, non si sa mai bene come, "si perdono". Ohibò! Una Nazione che ha un PIL di oltre 1500miliardi, lo Stato (capace di spendere più di 800miliardi all'anno) non solo si fa "sfuggire" qualche miliarducolo qua e là, ma per 10miliardi di mancate entrate va in crisi, viene condannato dall'Europa, paventa e quasi invoca il crollo del differenziale (spread) sui titoli di Stato, viene commissariato! E ogni volta e subito i "diversamente incapaci" affossa-Italia, puntano il dito contro chiunque purché non sia dei loro. E ogni tre mesi è sempre la stessa storia... è come se una persona, che in tre mesi incassi 2400Euro, non si accorgesse di spenderne 2430 o di incassarne 2370, e per questo venisse dichiarata insolvente e ingabbiata senza via di uscita! Eh si Saccomanni, Letta, Fassino, Fassina e pletora di compagni urlanti, come farà l'Italia senza i soldi dell'IMU e dell'aumento IVA (naturalmente facendo finta di non vedere né menzionando tutti gli altri aumenti di tasse già vigliaccamente imposti e mimetizzati sia a livello nazionale che locale) ad andare avanti? A non sforare il famoso limite del 3% di disavanzo? NON E' CHE FORSE E' VENUTO IL MOMENTO DI COMINCIARE A TAGLIARE QUALCHE "SPESUCCIA"? In un seguente commento (sperando che per la nuova ventata di "politically-correct" prono a sinistra, che sembra avere invaso anche la redazione de IlGiornale da diverse settimane, questo e i seguenti commenti non vengano "oscurati" come al solito...) farò un piccolo, parziale, limitato esempio di dove si potrebbero "trovare" un po' di "miliardi-buttati" che non solo renderebbero il discorso "copertura IMU e aumento IVA" un non-problema, ma forse permetterebbero anche alla nave-Italia alla deriva, di virare e fare rotta verso "porti sicuri". Anche questa sarà una "rotta" dura, difficile, lacrime e sangue finché volete, ma almeno ci sarà la concreta speranza di salvarci... la rotta attuale ci ha già ormai quasi portato al naufragio, all'affondamento, alla morte economica-civile-sociale! Non aspettatevi uno "studio sistematico" o da economista (non lo sono), ma solo gli effetti di un' "occhiata" ad alcune voci di spesa dello Stato, data da un padre di famiglia che lavora e deve sempre tentare di "far quadrare le spese" sia a casa che in azienda. (fine 1a Parte, segue).

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 19:44

2a Parte - Devo dire che "pescare esempi" nella voragine delle spese dello Stato è una cosa, purtroppo, abbastanza semplice anche per un "non addetto ai lavori"! Comincio a caso: i 10mila forestali calabresi costano 240milioni all'anno e i 27mila siciliani più di 600milioni (la Lombardia ha 600 forestali...) ed escludo siano le uniche due regioni del Sud "anomale" sotto questo punto di vista... e tanto per chiudere il discorso, i circa 20mila dipendenti della regione Sicilia (5 volte tanto quelli lombardi) costano circa 1milardo all'anno. Mentre si innalza l'età pensionistica, un rapporto della Confartigianato ha indicato che 531.752 "baby-pensioni" costano allo Stato 9,4miliardi all'anno; per "baby-pensioni" si intendono quelle erogate a persone prima dei 50anni con migliaia di queste andate in pensione dopo appena 14 anni, 6 mesi e un giorno di servizio... Parliamo di scuola; i docenti italiani sono circa 601mila, (1 ogni 14 studenti. In Germania 1 ogni 18, in Francia ed Inghilterra 1 ogni 20 studenti) per la modica spesa di 40miliardi; se ci uniformassimo anche solo alla Germania, il costo sarebbe di 30miliardi. Il numero dei bidelli (collaboratori scolastici) nelle scuole italiane, si aggira intorno a 167.000 (15,6 per ogni scuola, in Italia ci sono più bidelli che carabinieri) e costano circa 4 miliardi di euro l’anno a cui aggiungere 600milioni per la pulizia delle aule affidata a ditte esterne (ma i "bidelli" cosa fanno?). E i ministeri? Solo per il loro "funzionamento", spendono la sciocchezza di 110miliardi all'anno! E il Parlamento? Costa "solo" 1,5miliardi all'anno... E gli sprechi delle varie amministrazioni centrali e periferiche dello Stato? Uno studio (mai smentito) di Luca Ricolfi, sociologo e professore ordinario presso l’Università di Torino, indica uno spreco di 80miliardi di all'anno in spese inutili, superflue e fatte a cuor leggero.... ma naturalmente il Presidente Napolitano ha bocciato il decreto sul federalismo municipale, dichiarandolo "Irricevibile"! E i partiti che sono tutti diventati praticamente delle S.p.A.? Cosa ci fanno ex politici nei CDA delle fondazioni bancarie? Chi controlla i bilanci dei partiti e chi nomina i tesorieri? Come mai Banca Intesa è il gestore unico dei conti correnti di Montecitorio? Come mai metà dei partiti presentano bilanci irregolari? Si dovrebbe accedere nei forzieri dei principali partiti e magari interpellare i tesorieri, setacciare i bilanci. Per rimborsi elettorali, finanziamento ai gruppi parlamentari e ai giornali di partito, dal 1994 ad oggi, siamo a circa 4miliardi a fronte di spese effettive dichiarate di circa 1miliardo! Eppure il Pd ha debiti per 200milioni... Parliamo di RAI (13mila dipendenti...)? Costa 2,4miliardi all'anno e ha oltre 700milioni di debiti. E dalla voragine del costo, circa 115miliardi, della sanità Italiana, siamo sicuri che non si riesca proprio a risparmiare niente? Qualche micro-esempio a caso: ci sono 126 ospedali che non sono mai stati completati; già spesi 4miliardi per "zero" posti letto realizzati. Per non parlare delle 9700 "auto blu" in carico alle Asl... E quanto costano alle casse dello stato le nostre missioni di pace all’estero? Circa 1miliardo all'anno, e quello che fa imbufalire è che l’Italia è l’unico Paese in crisi economica a continuare in maniera inalterata le missioni di pace (Spagna e la Francia, per esempio, le hanno drasticamente ridimensionate). Ma non basta! La "ricchissima" Italia ha un programma di spese militari che, almeno in buona parte destinate altrimenti, potrebbero mettere a posto tanti "buchi di bilancio". Qualche esempio: solo per il 2013 sono già state approvate spese per 3,22miliardi; a questi si devono aggiungere altri 38miliardi di impegni fino al 2021 (5,4milirdi/anno di media) con altri 4,4miliardi dal 2022 al 2047 per i famigerati aerei F35 "Joint Strike Fighter". Compriamo aerei Eurofighter 2000, Fregate Multi-Missione, Sommergibili U-212 (dalla Germania...), Aerei radar, veicoli blindati, elicotteri da trasporto, aerei da pattugliamento marittimo, il sistema missilistico terra-mare/aria Fsaf, ammoderniamo i Tornado, ecc... E oltre a tutto quanto detto, vogliamo parlare degli stipendi dei manager delle società a controllo pubblico? Dei rimborsi elettorali? Delle tangenti? Dei lavori pubblici finanziati e mai finiti? Dei falsi invalidi? Degli "sconosciuti al fisco"? Dei grandi evasori/elusori "VERI" (il nome De Benedetti vi dice niente?...)? Dei vantaggi fiscali da "concorrenza sleale" delle Cooperative? Dei bilanci non presentati dai sindacati? Del costo dell'immigrazione selvaggia di "preziose risorse"? Dell'abnormità delle Regioni a Statuto Speciale? Degli sprechi continuati a livello di amministrazioni locali (a fine 2012 il loro debiti ammontavano a 116miliardi!)? Ecc...? Eh si, nei quasi 400miliardi di "spesucce" menzionate sopra, è proprio IMPOSSIBILE far saltar fuori le coperture di IMU, aumento IVA e magari anche qualche altra cosetta per rilanciare produzione e consumi. Siamo una nazione "in rosso", e di ROSSO ne moriremo se non ci svegliamo!!! (FINE)

moichiodi

Lun, 23/09/2013 - 21:54

ma no signora: l'economia è meglio darla in mano a brunetta. brunetta pensaci tu.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 23:16

1a Parte - C'è una sozza, mistificatrice, anti-italiana nenia che si attiva sempre da sinistra ogni volta che sente in pericolo il poter continuare a drogare gli Italiani con bugie pretestuose, ogni volta che la politica rossa teme di venire lesa dalla realtà dei fatti, dalla disperazione che alimenta a piene mani e dalla sua genetica incapacità ad attuare qualsiasi passo positivo per il bene, il benessere, la sicurezza e l'indipendenza del Popolo! E dopo settant'anni di egemonia ideologica imposta, dopo decenni di istituzioni, ordini dello Stato, media capillarmente invasi e asserviti, ormai il "popolo bue" degli "utili idioti" ci casca sempre in automatico. Con balle come "lo spread che sale", "tutti i partiti corrotti tranne noi", "sono solo compagni isolati che sbagliano", "non poteva non sapere" (applicato "agli altri") e "poteva non sapere" (riservato sempre e solo "a loro")... senza permettere al Popolo di esprimersi, hanno destituito governi, hanno eliminato "nemici", hanno giustificato-coperto-insabbiato indecenze che in qualsiasi altro stato al mondo avrebbero provocato la cancellazione di questa abnorme e incapace ideologia fuori dal tempo, dalla storia e persino dalle caratteristiche genetiche dell'essere umano! Ogni volta parte la questua per trovare alcuni miliardi che, non si sa mai bene come, "si perdono". Ohibò! Una Nazione che ha un PIL di oltre 1500miliardi, lo Stato (capace di spendere più di 800miliardi all'anno) non solo si fa "sfuggire" qualche miliarducolo qua e là, ma per 10miliardi di mancate entrate va in crisi, viene condannato dall'Europa, paventa e quasi invoca il crollo del differenziale (spread) sui titoli di Stato, viene commissariato! E ogni volta e subito i "diversamente incapaci" affossa-Italia, puntano il dito contro chiunque purché non sia dei loro. E ogni tre mesi è sempre la stessa storia... è come se una persona, che in tre mesi incassi 2400Euro, non si accorgesse di spenderne 2430 o di incassarne 2370, e per questo venisse dichiarata insolvente e ingabbiata senza via di uscita! Eh si Saccomanni, Letta, Fassino, Fassina e pletora di compagni urlanti, come farà l'Italia senza i soldi dell'IMU e dell'aumento IVA (naturalmente facendo finta di non vedere né menzionando tutti gli altri aumenti di tasse già vigliaccamente imposti e mimetizzati sia a livello nazionale che locale) ad andare avanti? A non sforare il famoso limite del 3% di disavanzo? NON E' CHE FORSE E' VENUTO IL MOMENTO DI COMINCIARE A TAGLIARE QUALCHE "SPESUCCIA"? In un seguente commento (sperando che per la nuova ventata di "politically-correct" prono a sinistra, che sembra avere invaso anche la redazione de IlGiornale da diverse settimane, questo e i seguenti commenti non vengano "oscurati" come al solito...) farò un piccolo, parziale, limitato esempio di dove si potrebbero "trovare" un po' di "miliardi-buttati" che non solo renderebbero il discorso "copertura IMU e aumento IVA" un non-problema, ma forse permetterebbero anche alla nave-Italia alla deriva, di virare e fare rotta verso "porti sicuri". Anche questa sarà una "rotta" dura, difficile, lacrime e sangue finché volete, ma almeno ci sarà la concreta speranza di salvarci... la rotta attuale ci ha già ormai quasi portato al naufragio, all'affondamento, alla morte economica-civile-sociale! Non aspettatevi uno "studio sistematico" o da economista (non lo sono), ma solo gli effetti di un' "occhiata" ad alcune voci di spesa dello Stato, data da un padre di famiglia che lavora e deve sempre tentare di "far quadrare le spese" sia a casa che in azienda. (fine 1a Parte, segue).

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 23:18

2a Parte - Devo dire che "pescare esempi" nella voragine delle spese dello Stato è una cosa, purtroppo, abbastanza semplice anche per un "non addetto ai lavori"! Comincio a caso: i 10mila forestali calabresi costano 240milioni all'anno e i 27mila siciliani più di 600milioni (la Lombardia ha 600 forestali...) ed escludo siano le uniche due regioni del Sud "anomale" sotto questo punto di vista... e tanto per chiudere il discorso, i circa 20mila dipendenti della regione Sicilia (5 volte tanto quelli lombardi) costano circa 1milardo all'anno. Mentre si innalza l'età pensionistica, un rapporto della Confartigianato ha indicato che 531.752 "baby-pensioni" costano allo Stato 9,4miliardi all'anno; per "baby-pensioni" si intendono quelle erogate a persone prima dei 50anni con migliaia di queste andate in pensione dopo appena 14 anni, 6 mesi e un giorno di servizio... Parliamo di scuola; i docenti italiani sono circa 601mila, (1 ogni 14 studenti. In Germania 1 ogni 18, in Francia ed Inghilterra 1 ogni 20 studenti) per la modica spesa di 40miliardi; se ci uniformassimo anche solo alla Germania, il costo sarebbe di 30miliardi. Il numero dei bidelli (collaboratori scolastici) nelle scuole italiane, si aggira intorno a 167.000 (15,6 per ogni scuola, in Italia ci sono più bidelli che carabinieri) e costano circa 4 miliardi di euro l’anno a cui aggiungere 600milioni per la pulizia delle aule affidata a ditte esterne (ma i "bidelli" cosa fanno?). E i ministeri? Solo per il loro "funzionamento", spendono la sciocchezza di 110miliardi all'anno! E il Parlamento? Costa "solo" 1,5miliardi all'anno... E gli sprechi delle varie amministrazioni centrali e periferiche dello Stato? Uno studio (mai smentito) di Luca Ricolfi, sociologo e professore ordinario presso l’Università di Torino, indica uno spreco di 80miliardi di all'anno in spese inutili, superflue e fatte a cuor leggero.... ma naturalmente il Presidente Napolitano ha bocciato il decreto sul federalismo municipale, dichiarandolo "Irricevibile"! E i partiti che sono tutti diventati praticamente delle S.p.A.? Cosa ci fanno ex politici nei CDA delle fondazioni bancarie? Chi controlla i bilanci dei partiti e chi nomina i tesorieri? Come mai Banca Intesa è il gestore unico dei conti correnti di Montecitorio? Come mai metà dei partiti presentano bilanci irregolari? Si dovrebbe accedere nei forzieri dei principali partiti e magari interpellare i tesorieri, setacciare i bilanci. Per rimborsi elettorali, finanziamento ai gruppi parlamentari e ai giornali di partito, dal 1994 ad oggi, siamo a circa 4miliardi a fronte di spese effettive dichiarate di circa 1miliardo! Eppure il Pd ha debiti per 200milioni... Parliamo di RAI (13mila dipendenti...)? Costa 2,4miliardi all'anno e ha oltre 700milioni di debiti. E dalla voragine del costo, circa 115miliardi, della sanità Italiana, siamo sicuri che non si riesca proprio a risparmiare niente? Qualche micro-esempio a caso: ci sono 126 ospedali che non sono mai stati completati; già spesi 4miliardi per "zero" posti letto realizzati. Per non parlare delle 9700 "auto blu" in carico alle Asl... E quanto costano alle casse dello stato le nostre missioni di pace all’estero? Circa 1miliardo all'anno, e quello che fa imbufalire è che l’Italia è l’unico Paese in crisi economica a continuare in maniera inalterata le missioni di pace (Spagna e la Francia, per esempio, le hanno drasticamente ridimensionate). Ma non basta! La "ricchissima" Italia ha un programma di spese militari che, almeno in buona parte destinate altrimenti, potrebbero mettere a posto tanti "buchi di bilancio". Qualche esempio: solo per il 2013 sono già state approvate spese per 3,22miliardi; a questi si devono aggiungere altri 38miliardi di impegni fino al 2021 (5,4milirdi/anno di media) con altri 4,4miliardi dal 2022 al 2047 per i famigerati aerei F35 "Joint Strike Fighter". Compriamo aerei Eurofighter 2000, Fregate Multi-Missione, Sommergibili U-212 (dalla Germania...), Aerei radar, veicoli blindati, elicotteri da trasporto, aerei da pattugliamento marittimo, il sistema missilistico terra-mare/aria Fsaf, ammoderniamo i Tornado, ecc... E oltre a tutto quanto detto, vogliamo parlare degli stipendi dei manager delle società a controllo pubblico? Dei rimborsi elettorali? Delle tangenti? Dei lavori pubblici finanziati e mai finiti? Dei falsi invalidi? Degli "sconosciuti al fisco"? Dei grandi evasori/elusori "VERI" (il nome De Benedetti vi dice niente?...)? Dei vantaggi fiscali da "concorrenza sleale" delle Cooperative? Dei bilanci non presentati dai sindacati? Del costo dell'immigrazione selvaggia di "preziose risorse"? Dell'abnormità delle Regioni a Statuto Speciale? Degli sprechi continuati a livello di amministrazioni locali (a fine 2012 il loro debiti ammontavano a 116miliardi!)? Ecc...? Eh si, nei quasi 400miliardi di "spesucce" menzionate sopra, è proprio IMPOSSIBILE far saltar fuori le coperture di IMU, aumento IVA e magari anche qualche altra cosetta per rilanciare produzione e consumi. Siamo una nazione "in rosso", e di ROSSO ne moriremo se non ci svegliamo!!! (FINE)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 23/09/2013 - 23:41

Si decida a dimettersi. Così ci leviamo dai piedi uno zerbino dell'Europa. SE NON E' IN GRADO DI RIDURRE LE SPESE SI DIMETTA E LA FINISCA DI MINACCIARE.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 23:45

1a Parte - C'è una sozza, mistificatrice, anti-italiana nenia che si attiva sempre da sinistra ogni volta che sente in pericolo il poter continuare a drogare gli Italiani con bugie pretestuose, ogni volta che la politica rossa teme di venire lesa dalla realtà dei fatti, dalla disperazione che alimenta a piene mani e dalla sua genetica incapacità ad attuare qualsiasi passo positivo per il bene, il benessere, la sicurezza e l'indipendenza del Popolo! E dopo settant'anni di egemonia ideologica imposta, dopo decenni di istituzioni, ordini dello Stato, media capillarmente invasi e asserviti, ormai il "popolo bue" degli "utili idioti" ci casca sempre in automatico. Con balle come "lo spread che sale", "tutti i partiti corrotti tranne noi", "sono solo compagni isolati che sbagliano", "non poteva non sapere" (applicato "agli altri") e "poteva non sapere" (riservato sempre e solo "a loro")... senza permettere al Popolo di esprimersi, hanno destituito governi, hanno eliminato "nemici", hanno giustificato-coperto-insabbiato indecenze che in qualsiasi altro stato al mondo avrebbero provocato la cancellazione di questa abnorme e incapace ideologia fuori dal tempo, dalla storia e persino dalle caratteristiche genetiche dell'essere umano! Ogni volta parte la questua per trovare alcuni miliardi che, non si sa mai bene come, "si perdono". Ohibò! Una Nazione che ha un PIL di oltre 1500miliardi, lo Stato (capace di spendere più di 800miliardi all'anno) non solo si fa "sfuggire" qualche miliarducolo qua e là, ma per 10miliardi di mancate entrate va in crisi, viene condannato dall'Europa, paventa e quasi invoca il crollo del differenziale (spread) sui titoli di Stato, viene commissariato! E ogni volta e subito i "diversamente incapaci" affossa-Italia, puntano il dito contro chiunque purché non sia dei loro. E ogni tre mesi è sempre la stessa storia... è come se una persona, che in tre mesi incassi 2400Euro, non si accorgesse di spenderne 2430 o di incassarne 2370, e per questo venisse dichiarata insolvente e ingabbiata senza via di uscita! Eh si Saccomanni, Letta, Fassino, Fassina e pletora di compagni urlanti, come farà l'Italia senza i soldi dell'IMU e dell'aumento IVA (naturalmente facendo finta di non vedere né menzionando tutti gli altri aumenti di tasse già vigliaccamente imposti e mimetizzati sia a livello nazionale che locale) ad andare avanti? A non sforare il famoso limite del 3% di disavanzo? NON E' CHE FORSE E' VENUTO IL MOMENTO DI COMINCIARE A TAGLIARE QUALCHE "SPESUCCIA"? In un seguente commento (sperando che per la nuova ventata di "politically-correct" prono a sinistra, che sembra avere invaso anche la redazione de IlGiornale da diverse settimane, questo e i seguenti commenti non vengano "oscurati" come al solito...) farò un piccolo, parziale, limitato esempio di dove si potrebbero "trovare" un po' di "miliardi-buttati" che non solo renderebbero il discorso "copertura IMU e aumento IVA" un non-problema, ma forse permetterebbero anche alla nave-Italia alla deriva, di virare e fare rotta verso "porti sicuri". Anche questa sarà una "rotta" dura, difficile, lacrime e sangue finché volete, ma almeno ci sarà la concreta speranza di salvarci... la rotta attuale ci ha già ormai quasi portato al naufragio, all'affondamento, alla morte economica-civile-sociale! Non aspettatevi uno "studio sistematico" o da economista (non lo sono), ma solo gli effetti di un' "occhiata" ad alcune voci di spesa dello Stato, data da un padre di famiglia che lavora e deve sempre tentare di "far quadrare le spese" sia a casa che in azienda. (fine 1a Parte, segue).

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 23/09/2013 - 23:47

2a Parte - Devo dire che "pescare esempi" nella voragine delle spese dello Stato è una cosa, purtroppo, abbastanza semplice anche per un "non addetto ai lavori"! Comincio a caso: i 10mila forestali calabresi costano 240milioni all'anno e i 27mila siciliani più di 600milioni (la Lombardia ha 600 forestali...) ed escludo siano le uniche due regioni del Sud "anomale" sotto questo punto di vista... e tanto per chiudere il discorso, i circa 20mila dipendenti della regione Sicilia (5 volte tanto quelli lombardi) costano circa 1milardo all'anno. Mentre si innalza l'età pensionistica, un rapporto della Confartigianato ha indicato che 531.752 "baby-pensioni" costano allo Stato 9,4miliardi all'anno; per "baby-pensioni" si intendono quelle erogate a persone prima dei 50anni con migliaia di queste andate in pensione dopo appena 14 anni, 6 mesi e un giorno di servizio... Parliamo di scuola; i docenti italiani sono circa 601mila, (1 ogni 14 studenti. In Germania 1 ogni 18, in Francia ed Inghilterra 1 ogni 20 studenti) per la modica spesa di 40miliardi; se ci uniformassimo anche solo alla Germania, il costo sarebbe di 30miliardi. Il numero dei bidelli (collaboratori scolastici) nelle scuole italiane, si aggira intorno a 167.000 (15,6 per ogni scuola, in Italia ci sono più bidelli che carabinieri) e costano circa 4 miliardi di euro l’anno a cui aggiungere 600milioni per la pulizia delle aule affidata a ditte esterne (ma i "bidelli" cosa fanno?). E i ministeri? Solo per il loro "funzionamento", spendono la sciocchezza di 110miliardi all'anno! E il Parlamento? Costa "solo" 1,5miliardi all'anno... E gli sprechi delle varie amministrazioni centrali e periferiche dello Stato? Uno studio (mai smentito) di Luca Ricolfi, sociologo e professore ordinario presso l’Università di Torino, indica uno spreco di 80miliardi di all'anno in spese inutili, superflue e fatte a cuor leggero.... ma naturalmente il Presidente Napolitano ha bocciato il decreto sul federalismo municipale, dichiarandolo "Irricevibile"! E i partiti che sono tutti diventati praticamente delle S.p.A.? Cosa ci fanno ex politici nei CDA delle fondazioni bancarie? Chi controlla i bilanci dei partiti e chi nomina i tesorieri? Come mai Banca Intesa è il gestore unico dei conti correnti di Montecitorio? Come mai metà dei partiti presentano bilanci irregolari? Si dovrebbe accedere nei forzieri dei principali partiti e magari interpellare i tesorieri, setacciare i bilanci. Per rimborsi elettorali, finanziamento ai gruppi parlamentari e ai giornali di partito, dal 1994 ad oggi, siamo a circa 4miliardi a fronte di spese effettive dichiarate di circa 1miliardo! Eppure il Pd ha debiti per 200milioni... Parliamo di RAI (13mila dipendenti...)? Costa 2,4miliardi all'anno e ha oltre 700milioni di debiti. E dalla voragine del costo, circa 115miliardi, della sanità Italiana, siamo sicuri che non si riesca proprio a risparmiare niente? Qualche micro-esempio a caso: ci sono 126 ospedali che non sono mai stati completati; già spesi 4miliardi per "zero" posti letto realizzati. Per non parlare delle 9700 "auto blu" in carico alle Asl... E quanto costano alle casse dello stato le nostre missioni di pace all’estero? Circa 1miliardo all'anno, e quello che fa imbufalire è che l’Italia è l’unico Paese in crisi economica a continuare in maniera inalterata le missioni di pace (Spagna e la Francia, per esempio, le hanno drasticamente ridimensionate). Ma non basta! La "ricchissima" Italia ha un programma di spese militari che, almeno in buona parte destinate altrimenti, potrebbero mettere a posto tanti "buchi di bilancio". Qualche esempio: solo per il 2013 sono già state approvate spese per 3,22miliardi; a questi si devono aggiungere altri 38miliardi di impegni fino al 2021 (5,4milirdi/anno di media) con altri 4,4miliardi dal 2022 al 2047 per i famigerati aerei F35 "Joint Strike Fighter". Compriamo aerei Eurofighter 2000, Fregate Multi-Missione, Sommergibili U-212 (dalla Germania...), Aerei radar, veicoli blindati, elicotteri da trasporto, aerei da pattugliamento marittimo, il sistema missilistico terra-mare/aria Fsaf, ammoderniamo i Tornado, ecc... E oltre a tutto quanto detto, vogliamo parlare degli stipendi dei manager delle società a controllo pubblico? Dei rimborsi elettorali? Delle tangenti? Dei lavori pubblici finanziati e mai finiti? Dei falsi invalidi? Degli "sconosciuti al fisco"? Dei grandi evasori/elusori "VERI" (il nome De Benedetti vi dice niente?...)? Dei vantaggi fiscali da "concorrenza sleale" delle Cooperative? Dei bilanci non presentati dai sindacati? Del costo dell'immigrazione selvaggia di "preziose risorse"? Dell'abnormità delle Regioni a Statuto Speciale? Degli sprechi continuati a livello di amministrazioni locali (a fine 2012 il loro debiti ammontavano a 116miliardi!)? Ecc...? Eh si, nei quasi 400miliardi di "spesucce" menzionate sopra, è proprio IMPOSSIBILE far saltar fuori le coperture di IMU, aumento IVA e magari anche qualche altra cosetta per rilanciare produzione e consumi. Siamo una nazione "in rosso", e di ROSSO ne moriremo se non ci svegliamo!!! (FINE)

Silvio B Parodi

Mar, 24/09/2013 - 02:27

Charles buk povero te che sei scemo.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 24/09/2013 - 08:43

NON SI LASCIA UNO STIPENDIO DA 20.000 EURO ANNUE E VITALIZIO ESENTASSE ANCHE SE SEI COMUNISTA LA POVERTA' DEVE ESSERE PER GLI ALTRI NON PER SE STESSI. CONTROLLATE QUANTI MINISTRI SI E' INVENTATO LETTA STUPIDI ED INUTILI CHE VOI STRAPAGATE E NEANCHE LO SAPETE, TANTO BASTA AUMENTARE L'IVA, IMU, TARES, IRE, ACCISE, BOLLI, ETC.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 24/09/2013 - 23:33

# ilsaturato Condivido pienamente i suoi commenti con una piccola critica. PER FAVORE EVITI I DOPPIONI. PER INVIARE BASTA UN SOLO CLIC.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 25/09/2013 - 19:27

X Runasimi - Prima di tutto la ringrazio per l'apprezzamento e, poi, le riporto il messaggio di scuse che ho inviato il 24/9 alle 10.30 (che tanto per cambiare non è stato pubblicato): " Mi scuso con tutti e con IlGiornale per la pubblicazione plurima dovuta all'erronea convinzione che anche stavolta non venissi pubblicato (1° invio ieri pomeriggio). Chiedo ancora venia e ringrazio IlGiornale per la comprensione." Mi scuso ancora, ma purtroppo mi capita sempre più spesso di dover provare a inviare i miei commenti 6-8-10 volte e nella maggioranza dei casi non vengono comunque pubblicati... Cordiali saluti.