Le opzioni: sistema spagnolo, ritorno al Mattarellum o doppio turnoLa nuova legge elettorale secondo Matteo

RomaTre le proposte di riforma per una nuova legge elettorale lanciate da Matteo Renzi. La prima guarda al sistema elettorale spagnolo, un proporzionale «corretto». Si divide il territorio in 118 piccole circoscrizioni con attribuzione alla lista vincente di un premio di maggioranza del 15 per cento, corrispondente a 92 seggi. In ogni circoscrizione un minimo di 4 e un massimo di 5 deputati eletti. La soglia di sbarramento che in Spagna è del 3 per cento qui salirebbe al 5. La seconda alternativa è il ripescaggio della Mattarellum (in vigore prima del Porcellum). Anche in questo caso con correzione pur mantenendo il sistema misto del Mattarellum che prevede l'assegnazione del 75 per cento dei seggi con collegi uninominali ed il restante 25 per cento con metodo proporzionale. Si manterrebbero i 475 collegi uninominali e assegnazione per il 25 per cento dei collegi restanti attraverso l'attribuzione di un premio di maggioranza del 15 per cento e di un diritto di tribuna pari al 10 per cento del totale dei collegi. Infine la riforma che prende a modello il doppio turno di coalizione dei sindaci. Il vincitore prende il 60 per cento dei seggi e quel che resta si divide tra le altre formazioni. Soglia di sbarramento anche qui al 5 per cento.

Commenti
Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 03/01/2014 - 10:10

Delle tre,la terza(doppio turno) e' quella che consente una maggiore chiarezza sia nel risultato che nella scelta.La soglia al 5% mi sembra troppo alta essendo una cifra che rappresenta milioni di voti che rimarrebbero fuori in barba alla democrazia e senza evitare che successivamente vi siano frazionamenti nei grandi gruppi e conseguente nascita di partitini che pero' non hanno passato il vaglio del voto.La prima(modello spagnolo)la eviterei,circoscrizioni piccole mal si addicono alla rappresentanza e non sarebbe garantito il successo chiaro,se proprio non si potesse con la terza opzione,megloo recuperare il mattarellum che con i collegi uninominali da scelta di voto dell'eletto Sperem..