Organizzazione e sesso al mattino: così si lavora al meglio anche d'estate

Bisogna resistere. Affrontare l'afa e l'asfalto bollente. Attraversare la città semivuota per catapultarsi in ufficio, dove il personale è dimezzato ma la mole di cose da fare invariata. Rassegnarsi a pause dedicate all'osservazione sospirante delle altrui pagine Facebook, tutte un tripudio di litorali da favola, piedi smaltati distesi su spiagge caraibiche, freschi cocktail fruttati all'ombra di un chiringuito.
Invece a voi tocca lavorare d'estate. Una iattura. Oppure no. La rivista Forbes fornisce alcuni consigli per aiutare chi lavora a luglio e agosto a non battere la fiacca. Prima regola: pianificare. Voi lavorate ma il resto del mondo no, quindi se un amico viene a visitare la città e voi avete voglia di fare una pausa pranzo un po' più lunga con lui, o di uscirci a cena senza dover trascorrere metà della serata a rispondere a telefonate di lavoro, sappiate che è possibile. A patto che gestiate meglio il tempo, per esempio arrivando prima in ufficio al mattino, e chiedendo per tempo un permesso.
Sempre per non perdersi eventi sociali con amici o familiari, l'altra parola d'ordine è: flessibilità. Fare un uso intelligente degli strumenti che la tecnologia mette a nostra disposizione: inviare mail a clienti o compilare alcune pratiche sono attività che chiunque può fare con un cellulare mentre viaggia in metropolitana o è in coda alla Posta.
E se mentre siete in ufficio ci sono momenti morti, o qualcun altro rallenta il lavoro, fatevi furbi: approfittatene per fare altre cose rimaste in sospeso, o per intraprendere nuovi progetti, che faranno una buona impressione sul vostro capo (al suo rientro dalle ferie, s'intende).
Poi, ricordate che il benessere in ufficio comincia prima di entrare in ufficio. E qui il segreto è: sesso al mattino. Favorisce il buonumore (ci fa produrre più ossitocina, l'ormone dell'empatia e della socialità), ci rende più ottimisti, aumenta persino le nostre difese immunitarie, migliorando i livelli di immunoglobuline, gli anticorpi che ci difendono dalle infezioni. Lo sostiene una ricerca della sessuologa Debby Herbenik del Centre for Sexual Health Promotion dell'Indiana University.
A questo proposito, tenete presente che l'orario della sveglia perfetta è alle 7. Lo dice un'altra indagine dell'Università di Toronto: chi si sveglia a quell'ora è più energico, vitale e allegro. Certo, già alle 7 d'estate fa piuttosto caldo, quindi magari prima della vostra sessione mattutina di sesso munitevi di un condizionatore o di un ventilatore. Ma attenzione a dove lo puntate: il getto diretto fa venire mal di schiena. Contro quest'ultimo, in ufficio potete anche fare ginnastica: gli esercizi da eseguire sul posto di lavoro sono stati pubblicati dal sito dell'Istituto scientifico italiano colonna vertebrale.
Vi sentite già stanchi? Errore. Anche d'estate, ricorda Forbes, non bisogna abbassare la guardia, ma dare il massimo: prima o poi, in vacanza, ci andrete anche voi. Quindi, cominciate a organizzarle.