Ossessionata dal tumore uccide il marito

Napoli Prima ha ucciso il convivente con una coltellata al cuore, poi ha tentato di fare una strage, strangolando uno dei figli che però è riuscito a fuggire mettendosi in salvo con la sorella gemella. È stata la polizia, subito dopo, a impedire che Maria Carmela Panariello, 42 anni, facesse saltare in aria l'edificio in cui viveva, in via Calastro, nella zona del porto di Torre del Greco, nel napoletano. La donna, che era stata operata di tumore al seno, era ossessionata dalla paura della malattia e temeva di averla trasmessa anche ai figli. Dopo avere ucciso Tommaso Egger, 57 anni, prima tentato di rivolgere la furia omicida contro uno dei due figli, poi ha aperto il rubinetto del gas. Il bambino, 12 anni, ha chiesto aiuto alla polizia. Gli agenti di Torre del Greco sono subito intervenuti riuscendo a impedire l'esplosione e hanno anche evitato che Maria Carmela si togliesse la vita lanciandosi nel vuoto. I poliziotti del vicequestore Paolo Esposito l'hanno raggiunta sul terrazzo e bloccata proprio mentre stava per attuare il tragico gesto. La donna, a quel punto, è stata portata in commissariato, mentre i due figlioletti sono stati affidati ai familiari del padre.

Commenti

franco@Trier -DE

Lun, 24/06/2013 - 09:49

pazza!