PARI OPPORTUNITÀ

Italia batte Gran Bretagna sei a quattro. Almeno come ministri donna. Si è parlato anche di questo nei summit a Londra tra il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna, il ministro all’Interno Theresa May e il portavoce Sandip Verma. La Carfagna ha illustrato il provvedimento per le «quote rosa» nei cda delle società quotate e partecipate dallo Stato: consentirà di avere un terzo di dirigenti donna nel 2015. Contro le disparità salariali l’Italia ha potuto annunciare il recepimento della direttiva 54. Poi scambi sui piani anti-violenza. La May ha apprezzato l’idea di insegnare la tolleranza nelle scuole e si è detta interessata a ripetere l’esperienza nel Regno Unito.