Patti Ue, serve il "metodo Berlusconi"

Nel 2004 il Cav si schierò contro gli accordi di Stabilità per accelerare le modifiche al testo. Una strategia da imitare

Roma - «Negli ultimi anni il mio Paese ha sempre rispettato, grazie ad enormi sforzi, gli impegni assunti in sede europea... Mi sono speso personalmente perché l'Italia continui a contenere il proprio deficit entro il limite del 3%... Nei mesi passati, anche su stimolo europeo, abbiamo realizzato profonde e difficili riforme strutturali: da quella del mercato del lavoro a quella previdenziale». Chi parla? Mario Monti, Enrico Letta, Fabrizio Saccomanni? No, Silvio Berlusconi.

È il 23 novembre 2004. Il Cavaliere è a Palazzo Chigi. La crisi morde le imprese italiane ed europee; ma l'impatto era un decimo di quella attuale. Così prende carta e penna e scrive al suo omologo olandese Jan Balkenende, presidente di turno della Ue. E gli chiede «una urgente riflessione sugli effetti che la rigidità del Patto di Stabilità può provocare sul funzionamento delle nostre economie: con l'attuale sistema di interpretazione ed applicazione del Patto i governi risultano ingabbiati in uno schema troppo rigido; e non consente di operare in funzione del ciclo economico».

In altre parole, Berlusconi non è nuovo ad iniziative come quelle suggerite al governo Letta con l'intervista al Foglio di ieri. Con un particolare in più. L'Unione europea modificò il patto di Stabilità quattro mesi dopo quella lettera: anche il ministro dell'Economia dell'epoca, Domenico Siniscalco, scrisse all'omologo olandese Gerrit Zalm, proponendo - tra l'altro - lo scorporo degli investimenti dal deficit, e visto che il costo degli investimenti era il 3% del Pil, l'indebitamento italiano sarebbe diventato positivo.

Le critiche all'iniziativa di Berlusconi si alzarono quasi subito anche all'epoca. Ma Baldenenke mise all'ordine del giorno del Consiglio europeo di marzo 2005 la riforma chiesta dall'Italia; e vennero introdotti principi validi ancora oggi. Come quello che i Paesi possono accelerare il risanamento durante i periodi di congiuntura positiva e possono rallentarlo in quelli negativi.

Non fu un'operazione facile. La Germania chiese lo scorporo dal deficit delle spese sostenute per la riunificazione. La Grecia chiese uno sconto dal deficit delle spese per l'acquisto di caschi per le moto. L'Irlanda di quello dei pannolini. Tutte bocciate, insieme a quella italiana di scorporo degli investimenti dal deficit.

Il risultato è che a nove anni di distanza da quell'appuntamento, l'Europa è ancora alle prese con gli stessi problemi; nonostante altre riforme del Patto che, però, hanno corretto e non modificato l'approccio europeo alla crescita. Da qui, l'intervista di Berlusconi al Foglio. E se è l'Unione europea è riuscita a modificare il Patto di fronte ad una crisi passeggera, come quella del 2003/2004, perché non può intervenire in modo più profondo oggi?

Le modifiche apportate al Patto di Stabilità con il fiscal compact hanno finito per irrigidire le regole relative al risanamento finanziario; ma hanno tralasciato gli interventi a favore dello sviluppo. Per questo, ora che è libero da impegni di governo diretti, Silvio Berlusconi (oltre ad usare un linguaggio meno diplomatico) suggerisce al governo Letta di farsi promotore di iniziative che «rimettano in moto in forma decisamente espansiva il motore dell'economia, uscendo dalla paralizzante enfatizzazione della crisi da debito». In alternativa, il Cavaliere profetizza «la rottura dell'equilibrio attuale».

Con ogni probabilità, se Berlusconi ha deciso di pungolare il governo Letta e di stimolarlo nella direzione della costruzione di un nuovo Patto di Stabilità è perché le sue antenne gli hanno riferito che il prossimo Consiglio europeo di fine mese non produrrà gli effetti auspicati da Palazzo Chigi. C'è il rischio, infatti, che le misure a sostegno diretto dell'occupazione possano avere tempi di applicazione diversi da quelle soluzioni «immediate», auspicate da Enrico Letta. Con la conseguenza che, senza interventi immediati, la situazione occupazionale possa solo peggiorare. Da qui, l'iniziativa di Berlusconi: «o la nostra voce si fa alta e forte, oppure il governo perderà la legittimazione popolare che l'unità nazionale gli garantisce». Insomma se non ora, quando?

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 08/06/2013 - 09:07

quindi berlusconi non sbagliava :-) a sbagliare sono sempre e comunque i comunisti sinistronzi!! come al solito, insultano e non vogliono essere insultati nè criticati! questo "metodo berlusconi" è un attestato delle sue capacità in politica economica!! alla faccia dei comunisti invidiosi!!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 08/06/2013 - 09:42

@mortime, che berlusconi non sbagliava lo dice questo giornalista di destra. A te sembra veritiera un'analisi di destra? Al mondo sembra ridicola come al solito

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 08/06/2013 - 10:04

Debbo, con dispiacere, dissentire dalla tesi sostenuta da questo articolo, per altro molto bello. Non si può applicare il "metodo Berlusconi" senza Berlusconi stesso. Sono soltanto il Suo grande carisma, la Sua autorevolezza e la sua sua suprema competenza in questioni sia economiche che di alta politica che le rendono vincenti in Europa. Silvio Berlusconi stesso ebbe a dire che in Europa nessuna decisione in fatto di economia veniva presa prima che Gli fosse sottoposta ed avesse avuto il Suo benestare in quanto "gli veniva riconosciuta la massima competenza in fatto di economia". Anche se Berlusconi desse a Letta un documento scritto con le Sue folgoranti proposte, difficilmente Letta lo renderebbe vincente perché le idee , anche se geniali, debbono essere sostenute , o imposte, con l'ascendente ed il carisma da grande statista e l'ascendente di Berlusconi in campo mondiale è ineguagliabile, assoluto, tale da porre personaggi come Obama e la Merkel in condizioni di assoluta inferiorità (sono già stati da Lui ridicolizzati per sempre : "abbronzato" e "kulona inch...."). Letta è una pallida nullità, un semplice esecutore degli ordini di Silvio. Noi abbiamo un solo grande statista che tutto il mondo riconosce, teme, e che, anche, invidia, ma , incredibilmente, lo teniamo in panchina, e questo, addirittura, contro il volere del popolo ( I SONDAGGI SONO CHIARI: SIAMO LA MAGGIORANZA). Siamo uno strano popolo, che ama farsi male da solo.

Daniele Sanson

Sab, 08/06/2013 - 10:08

Circa venticinque anni fá Berlusconi inaugurava un suo nuovo centro commerciale alle porte di Udine . Non ancora in politica ma giá l'astro nascente di una nuova imprenditoria, se ne uscí con un discorso all'inaugurazione, che all'ora non capii , dove affermava la difficoltá nel prendere la decisione di aprire il centro visto i tempi che ci avrebbero aspettato....rimasi allibito. Ripeto all'ora non capii e solo anni dopo mi resi conto di quanto questo uomo vedesse lontano e ritrovo questa sua grande capacitá nel servizio di Fabrizio Ravoni. Peccato che una parte dell'Italia troppo legata all'immobilismo lo abbia osteggiato nei modi piú abominevoli e non in quelli del confronto politico. danisan

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 08/06/2013 - 10:29

In Usa hanno capito che Berlusconi è il vero statista dell'Europa, e da tempo hanno fatte proprie le sue politiche, ma la Merkell è una paesanotta egoista, per non dire del kapò Shultz, che è sul livello di Bersani. Infatti l'economia USA sta fiorendo e quella italiana ha perso il 15% delle imprese dal famigerato passo indietro.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 08/06/2013 - 11:05

DANIELE SANSON dovresti vedere come certa gente è ancora legata alle idee comuniste (o di sinistra). ancora non "vedono" lontano. sembrano ancora fermi al 9 novembre 1989....

nalegior63

Sab, 08/06/2013 - 11:15

grazie all ignoranza di molti ITALIANI che hanno contribuito a infangare SILVIO con falsita(specialita Komunista)i nostri politici sinistri si sono riempite le tasche e svenduto il nostro futuro grazie a IGNORANTI tipo LUIGIPISO,gente che non ha mai fatto una proposta o lavorato creato qualcosa...solo distrutto e parlato male degli altri...la sinistra EUROPEA nel mondo fa ridere in quanto ha fallito in ogni cosa che ha fatto e non ha mai neanche menzionato il LIVELLO DI VITA DEI CITTADINI solo dei pedofili gay zingari clandestini SILVIO E UN GRANDE ITALIANO di bersani nn si puo dire altrettanto, di epifani..ma dai un sindacalista ha ha ha siete propio dei cretini vannamarchini

Luigi Farinelli

Sab, 08/06/2013 - 11:21

Dall'articolo: «o la nostra voce si fa alta e forte, oppure il governo perderà la legittimazione popolare che l'unità nazionale gli garantisce». Il fatto è che oltre Berlusconi, del quale si può dire tutto e il contrario di tutto ma non che non abbia le palle, non ci sono altri uomini politici in un'Italia infettata (come del resto l'Europa) dal buonismo femminilizzante e politicamente corretto, che sia all'altezza per battere i pugni sul tavolo dell'Europa e, soprattutto, far capire che ormai la gente ha sgamato su come vadano le cose in geopolitica ed in economia. Questo l'hanno capito anche i padroni del vapore che ora, con una mossa che fa crepare dal ridere ma anche quanto siano coscienti di aver tirato troppo la corda del loro Nuovo Ordine Mondiale, vogliono far vedere che i loro Circoli privati, come per esempio il Bilderberg, dove si decide tutto alle spalle di tutti (meno degli "illuminati" che siedono al tavolo naturalmente) sia "aperto democraticamente alla stampa" invitando anche la Gruber, forse per il suo femminismo becero e usabile come destabilizzante all'occorrenza (Monti è di casa). Anche Grillo pare (pareva?) intenzionato a promuovere un referendum sull'Europa. E' ora di battere i pugni sul tavolo senza paura di sfasciarlo sotto le botte.

gian paolo cardelli

Sab, 08/06/2013 - 11:46

Luigipiso: valutando le tesi in base a chi le dice hai giustificato il modo in cui vi ha etichettato Mortimerhouse... oltre al fatto che finora sono state proprio le tesi che definite "di sinistra" (per come le piace argomentare: per me "destra" e "sinistra" sono solo l'applicazione moderna del "divide et impera" in cui hai dimostrato di esserci cascato con tutte le scarpe) ad essersi dimostrate le più fallimentari (ad essere buoni nel definirle).

Atlantico

Sab, 08/06/2013 - 12:07

Peccato che molti degli impegni che ci legano alle politiche UE di rigore sul bilancio siano stati assunti negli ultimi anni del governo Berlusconi con Tremonti ministro dell'economia.

Ritratto di randel

randel

Sab, 08/06/2013 - 12:16

@Daniele Sanson ............dopo ha sicuramante smarrito la sfera di cristallo, visto che tra anni fa negava spudoratamente l'esistenza della più grave crisi economica del dopo guerra. Ma d'altronde si sà.....il bunga bunga annebbia il cervello.

Massimo Bocci

Sab, 08/06/2013 - 13:02

Unico imperativo, uscire dalla truffa EURO,truffa orchestrata e pianificata dal REGIME comunista-catto gli anti Italiani per antonomasia e per COSTITUENTE......LADRI!!!!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Sab, 08/06/2013 - 13:33

Ma il deficit entro il 3% è superato! L'infame parlamento della scorsa legislatura, ha messo in costituzione il pareggio di bilancio. Secondo la costituzione "più bella del mondo", l'Italia NON deve avere deficit. Abbiamo una costituzione più folle dei folli trattati UE. Dobbiamo uscire dall'euro e rilanciare le esportazioni tramite la svalutazione della lira, è suicida pensare di fare avanzi di bilancio ammazzando gli italiani di tasse per non fargli spendere i quattrini! Distruggono il mercato interno per ridurre le importazioni.

Ritratto di pipporm

pipporm

Sab, 08/06/2013 - 13:58

Berlusconi non sbagliava ma firmava il patto di stabilità con Tremonti? A chi vuole darla a bere Ravoni?

Ritratto di scriba

scriba

Sab, 08/06/2013 - 14:03

UE ALLERGICA AL CAV. Dove domina la burocrazia mortadelliana della curvatura delle banane non può trovare posto la capacità imprenditoriale e politica del CAV. Un mare di zeri soffoca l' unico numero in circolazione e tutti sono felici di essere schiacciati dalla kulona.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Sab, 08/06/2013 - 14:30

IO; MI DOMANDO PERCHE SE I KOMUNISTI IN ITALIA HANNO NELLE MANI; BANCHE; SINDACATI; SCUOLE;UNIVERSITÁ; SINDACATI; GIORNALI; LA RAI; ASSICURAZIONI; PARTITI POLITICI É ENTI LOCALI;IL PAESE É SEMPRE NELLA MERDA?; É SEMPRE TUTTA COLPA DI BERLUSCONI SE IN ITALIA I KOMUNISTI BLOCCANO OGNI RIFORMA???!.

linoalo1

Sab, 08/06/2013 - 15:52

In poche parole, cosa vuol dire?Che Berlusconi si era dato dafare per migliorare la situazione già una decina di anni fa?Ma,se i PDuisti,continuano a dire che Silvio non ha mai fatto niente per l'Italia,ma tanto contro!Chi bara?Forse,adesso,qualcuno ha rimpianti?Lino.

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 08/06/2013 - 16:00

"metodo Berlusconi" ahahaha quello delle risate e dei sfotto che grandi effeti il suo grande carisma,

reliforp

Sab, 08/06/2013 - 16:24

Visto che B. in Europa c'è andato più e più volte, ottenendo sempre in cambio un gran nerchia...quale sarebbe 'sto famosissimo " metodo Berlusconi " ?

Alepredo

Sab, 08/06/2013 - 16:34

Berlusconi NON sbaglia MAI!!! E' UNO STATISTA. Il mondo intero lo riconosce. E' unico, viene temuto perché troppo bravo. Alcuni lo odiano (i sinistri), ma la STRAGRANDE MAGGIORANZA LO AMA.

eloi

Sab, 08/06/2013 - 16:37

Domani andrò a votare per il ballottaggio. Nella miam cittadina 62.000 abitanti, nel 2.008 l'amministrazione di sinistra ha lasciato un buco di ben 128 milioni di euro, tre anni di amministrazione di cantrodestra più uno di commissariamento il "buco è sceso a 78.000. La città ha tirato la cinghia, i creditori cominciano ad incassare, sarà ancora lunga, speriamo non ci sia il ritorno al passato rosso.

Ritratto di Gustavo.Dandolo

Gustavo.Dandolo

Sab, 08/06/2013 - 17:14

PerSilvio46: sei un fottuto genio.

Lino1234

Sab, 08/06/2013 - 18:01

E' fatale che le capacità imprenditoriali che, sole, potrebbero risolvere il gravissimo problema economico dell'Italia, debbano sempre essere vanificate da una massa di imbecilli che non riesce a trattenersi dall'intervenire quali avvocati del diavolo, dominati dal loro odio, invidia, miseria culturale, intelligenza zero, istinto bestiale che li domina e li spinge a rivoltarsi contro le proposte di coloro che sanno ed, a costo di essere i primi a doverne pagare le conseguenze negative, si buttano a corpo morto a blaterare CONTRO, indipendentemente dal grado di conoscenza dei problemi proposti, si scagliano con ingiurie, denigrazioni e quant'altro, contro l'intelligenza e la buona cultura del buon Silvio, rendendolo vittima, nonostante le tante dimostrazioni date da tutta la sua storia personale, che dal nulla è riuscito a creare un impero che dà lavoro a decine di migliaia di addetti ed è il maggior pagatore di contributi e tasse d'Italia. Dopo essere stato uno studente modello che faceva ripetizione ai suoi compagni di studio. Quando si hanno le capacità appena descritte, e Berlusconi le ha, per arricchire non serve rubare. Anzi. Capisco che le zucche credono che per arricchirsi esiste un solo modo : rubare. Ma ciò vale solo per loro in quanto assolutamente privi della materia grigia indispensabile. Saluti. Lino . W.Silvio

marco lambiase

Sab, 08/06/2013 - 18:12

La maglietta di http://siamolagente.altervista.org/ecco-la-famosa-maglietta-pro-berlusconi-che-ha-fatto-infuriare-la-prof-di-caserta/

James Cook

Sab, 08/06/2013 - 18:23

Scusi sig.Mortimer,ma Lei scrive da una clinica psichiatrica? auguri per la sua salute,la sindrome da Stalin è in via di estinzione,con un po di pazienza vedrà,che anche lei guarirà.

Silvio B Parodi

Sab, 08/06/2013 - 18:28

reliford se non lo sai stai zitto, adesso dopo qualche anno I capi delle nazioni europee anno pensato di metterlo in atto PERCHE????

brunog

Gio, 13/06/2013 - 09:34

luigipiso, i comunisti quando governa il centrodestra usano tutti i modi per boicottare i programmi, mentre quando sono al governo sono degli incapaci, credo che la Corea del Nord cambiera' idea primi di voi che siete un branco di imbranati e imbecilli. Lascia perdere il giornalista di destra o sinistra, guarda alla realta' se il tuo IQ te lo permette.

angelomaria

Lun, 22/07/2013 - 15:25

che purtroppo e'il piu'grosso criminale ITALIANO

angelomaria

Lun, 22/07/2013 - 15:34

con dispiacere devo prendere atto che qualche elemento in questo sito sia qua' solo per destabilizzare uns energia positiva e non perdono occosioni di offere noi la nostre idee ma sopratturo il caro SILVIO BERLUSCONI di qui questi personnaggi non sono degni di baciargli i pieditoenateve alle vostre unita fatto repubblica!!!!!qui abita la liberta quella vera