Il Pd prepara la scissione tra Barca e il rottamatore

Bersani piange a Montecitorio appena rieletto Napolitano. E il "giovane turco" Orfini prevede: "È solo l'inizio". I democratici si schierano già in vista del congresso

L'applauso scrosciante per la rielezione di Giorgio Napolitano echeggia ancora nell'aula, il segretario ormai dimesso Pier Luigi Bersani piange col volto tra le mani sui banchi Pd, e in Transatlantico Matteo Orfini già fa capire che il terremoto nel suo partito è solo all'inizio. E che il «Midas del Pd» (dal nome dell'albergo romano dove si realizzò con Bettino Craxi il ricambio generazionale alla guida del Psi) è appena cominciato, e non è escluso affatto che si concluda - a breve - con una scissione. È lo stesso vicesegretario Enrico Letta a denunciarlo: «Il rischio scissione esiste, non si può negarlo, ora bisogna fare pulizia nel partito». E molti, con un paradossale riferimento storico alla Svolta che chiuse il Pd, parlano di necessità di una «Rifondazione democratica».
La questione che pone Orfini, prima di immergersi nell'ennesima riunione dei «Giovani turchi», è secca e chiara: «Ora chi guiderà la trattativa sul governo? Il segretario, il suo vice, la presidente, il gruppo dirigente è tutto dimissionario.

E sarebbe ridicolo che alle consultazioni con Napolitano andassero i capigruppo Speranza (che vuol dire Bersani), Zanda (che vuol dire Franceschini) e Letta (che vuol dire Letta): io non mi sentirei rappresentato, né tenuto a seguire la loro linea, se si arriverà ad un voto di fiducia su un esecutivo». Non si può più «tenere fuori Renzi dalle decisioni»; per Orfini, e certo non si possono tenere fuori i giovani turchi e quel che attorno a loro si sta coagulando. Una feroce e ormai aperta guerriglia interna contro la gestione bersaniana, contro il «tortellino magico» dei Migliavacca e degli Errani, contro gli stessi capigruppo eletti solo un mese fa, ma in un'altra era politica. Nessuno sa chi e come deve gestire nell'immediato questa fase, prima dell'inevitabile congresso in tempi ravvicinatissimi (e di una candidatura a leader del partito che ormai Matteo Renzi ritiene quasi inevitabile) e questo rende difficilissimo anche il varo del futuro governo di larghe intese, almeno per quanto riguarda il Pd. Dove ovviamente convivono linee diametralmente opposte, e l'idea di dare il via ad una maggioranza con il Pdl è fortissimamente osteggiata dall'ala grillin-movimentista assai presente nelle nuove leve di parlamentari.

Uno di loro, Filippo Fossati (un braccio ingessato per un incidente) ha avuto la bella pensata di alzarsi nell'assemblea dei gruppi, ieri a ora di pranzo, e chiedere a Bersani che aveva appena annunciato - tra gli applausi - il Napolitano bis: «Ma avete esperito fino in fondo, anche coi grillini, l'ipotesi Rodotà?». Ha rischiato il linciaggio: «Ora ti rompo anche l'altro braccio» lo ha minacciato (ironicamente) il tesoriere Misiani. Ma sono molti i neoparlamentari (e non solo neo), ostaggi di una parte della base ormai cannibalizzata dal grillismo, che ancora ieri mattina si sono riuniti in separata sede per continuare a portare avanti la candidatura Rodotà. E che hanno trovato una sponda negli appelli a favore dell'ex garante della Privacy (e contro Napolitano e le larghe intese) di Fabrizio Barca, di Cofferati, Landini, Emiliano.

Spiegano i franceschiniani: «È matematico che nel voto di fiducia al futuro governo perderemo un pezzo, una parte della sinistra se ne andrà e sarà la premessa per un nuovo partito con Sel e Barca. Ma non è un male: finalmente si farà chiarezza». Vendola organizza per l'8 maggio il lancio di un «cantiere per la nuova sinistra», aspettando l'arrivo di nuove truppe dal Pd. E Renzi (che è in contatto con Napolitano, e si mostra convinto che il governo, se nascerà, durerà al massimo un anno) guarda senza allarme alla futura scissione: «Lo scenario è buono per noi - spiega uno dei suoi strateghi - Bersani non c'è più, a sinistra faremo pulizia di ogni grillismo e rifondarolismo, quelli di Scelta civica sono pronti a venire con noi e Renzi sarà il candidato premier».

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 21/04/2013 - 08:24

Come si è visto la logica di un comunista, ferma a prima del 1989, non è compatibile con quella di chi vuole perseguire una seria e radicale riforma dello Stato, non solo nei principi, spesso troppo vaghi ed incerti, ma soprattutto nei fatti. Renzi si liberi dai pesi morti e vada da solo.

marco46

Dom, 21/04/2013 - 11:06

CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO E AMEN.

vince50

Dom, 21/04/2013 - 11:13

Il PD(=comunisti) è per antonomasia camaleontico,cambia aspetto all'occorenza ma è sempre in agguato.Scissione non signica affatto una auspicabile"vaporizzazione",ma piuttosto una trasformazione di comodo tranne che nella sostanza.Chi di speranza vive disperato muore.

Ritratto di gino5730

gino5730

Dom, 21/04/2013 - 11:51

Un PD frammentato i tanti partitini sarebbe un guaio per l'Italia.Dovrebbero semplicemente fare un pò di repulist Un PD che si frantuma in tanti partitini sarebbe un problema per il nostro Paese.Dovrebbero solo liberarsi da gente tipo Barca e simili e ricompattarsi su una politica diversa a cominciare dall'antiberlusconismo e prendere atto che non è composto da gente impresentabile (vedi Annunziata,Gabbanelli ecc..)ma da gente seria supportata da milioni di Italiani e con questa gente si può e si deve parlare.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 21/04/2013 - 13:06

Nel PD non c'è poi molto da lavorare per la scissione. Questa è già stata determinata dai fatti accaduti ed è sotto gli ochhi di tutti, anche dei non vedenti. Il residuo ciarpame comunista andrà a confluire nella discarica di Orecchione Vendola che così potrebbe anche raggiungere la vetta del 4-5%, mentre i renziani, o se preferite gli ex democristiani, cercheranno qualche intesa con Mortimer Monti e qualche altro voltagabbana dell'ultim'ora. Pertanto Berlusconi sarà nuovamente "condannato" a trionfare.

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 21/04/2013 - 14:11

ancora un errore alla bersani! di certo non è con Barca il futuro e se la base del PD rimane con Barca, vuol dire che la lezione Bersani non è servita a nulla e che a prevalere sono ancora non i democratici ma i comunisti leninisti: quelli che non si sono ancora accorti che il muro a Berlino non c' é più da oltre vent' anni e che l' Unione Sovietica ha lasciato il posto ad una Russia che si batte per trovare la strada di politiche liberali

peter46

Dom, 21/04/2013 - 14:55

SE aveste tenuto duro ai tempi di Veltroni forse ora...E lasciateli andare.Certo ce ne ha messo di tempo (il Barca)a partorire l'ideona del ritorno alle origini...sicuramente a sx hanno trovato il clone di Ingroia,che raccoglierà i Vendoliani(con Vendola depresso per il mancato matrimonio)i gonzi senza truppe che hanno abboccato a Grillo(Puppato,Civati,Marino(che sicuramente stavolta a Roma butteranno con l'acqua sporca)ecc),riprenderanno colui che si eccita solo facendo sventolare le bandiere rosse tutti i giorni su Montecitorio(Ferrero stai 'dilapidando' il vecchio rimborso elettorale+quello regionale in 'bandiere'per la tua 'eccitazione':mai fare un po di beneficenza per i bisognosi,vero?).E come Ingroia in un colpo solo altri 4 raggruppamenti verranno fatti "tabula rasa":Ministro Barca,in gioventù si inizia a costruire per la vecchiaia,non si inizia dalla vecchiaia,dato che il suo sbocco sono i giardinetti.O pensate di "offrirvi"a Grillo?...calcoli errati.Da Lui si potrà andare con le mani alzate e soprattutto con la "bocca chiusa"...niente "vendolinarie".Ma se non ha voluto neanche i "trombati"di rivoluzione civile malgrado la "raccomandazione" di Travaglio e Floris D'Arcais?

fcf

Dom, 21/04/2013 - 15:15

La tetraggine di Bersani, Bindi e simili ha finalmente portato in "partito monolitico" ad evidenziare il suo mancato adeguamento ai tempi di oggi. I puri e duri devoto togliere la loro faccia da Tv e giornali per permetterci di non vomitare ogni volta che si presentavano.