Il Pd tradisce le larghe intese: scheda bianca sulla Santanchè

I democratici si sfilano sulla candidata alla vicepresidenza della Camera indicata dal Pdl. Alfano tratta per evitare lo strappo, ma il pericolo è che l'incarico finisca a grillini e vendoliani

Roma - Il caso Santanchè scuote la maggioranza. Il Pd, infatti, si sfila sul voto alla candidata alla vicepresidenza della Camera. Né sì né no ma una pilatesca scheda bianca, anche se Alfano riceve il mandato di trattare con i vertici del Pd per scongiurare la scheda bianca. Se non di tutti, almeno di una ampia maggioranza. Troppi i mal di pancia tra i democrat, a rischio esplosione. Così, a farne le spese, la pasionaria pidiellina che avrebbe dovuto prendere il posto che fu di Maurizio Lupi, ora volato al ministero delle Infrastrutture. La vicepresidenza di Montecitorio spetta al Pdl ma dal Pd c'è stata una levata di scudi sul nome della Santanchè. «Un nome troppo divisivo», sostengono con un eufemismo molti democrat; «indigeribile», la giudicano altri più terra a terra. Così, le larghe intese rischiano di slabbrarsi a dismisura per questioni di organigramma.

Il barbuto e giovane turco Matteo Orfini aveva fatto presagire scenari scottanti: «Penso che candidare Santanchè alla vicepresidenza sia cercare un incidente - dice grave -. Non penso di votarla e credo che alcune scelte rischiano di essere delle mine sulla strada di questo governo». Pensiero personale? La sua corrente comprende una ventina di deputati su 293. Ma anche Emanuele Fiano e Pippo Civati spiegano il loro pollice verso: «Nel 2008 la Santanchè - ha scritto Fiano - dichiarò di essere orgogliosamente fascista, io nel 2013 orgogliosamente non la voterò vicepresidente». Civati ha sbattuto i pugni sul tavolo: «Pare che i dubbi non riguardino solo me. Che si fa? Si sceglie la candidata divisivissima o si opta per soluzioni più miti e meno pitonate? Se volete la mia personalissima opinione - ha graffiato - la Santanchè non è proprio l'ideale nemmeno per le larghe intese». Stesso pensiero della bersaniana Alessandra Moretti che ha sparato a zero: «Non si possono usare le istituzioni per lanciare provocazioni. All'interno del Pdl ci sono figure meno divisive del nome della Santanchè. Il Pdl trovi una figura alternativa».

Già, il Pdl. Rumors di palazzo giurano che anche tra i berlusconiani qualcuno potrebbe tradire. Cosa non impossibile visto che il voto è a scrutinio segreto. Così, tra i 97 deputati azzurri qualcuno potrebbe, nel segreto dell'urna, negare il proprio «sì». Alla luce del sole tutti si sono espressi a favore della Santanchè. Da Maurizio Lupi: «Questi ruoli per loro natura rappresentano tutto il Parlamento: sarebbe molto strano che in questo momento politico il Pdl non avesse quel posto perché qualcuno ritiene che non vada bene una persona piuttosto che un'altra»; a Fabrizio Cicchitto: «Leggo di possibili franchi tiratori. Quale che sia il colore di questi eventuali franchi tiratori mi auguro che si tratti di una forzatura giornalistica. Un conto è il dibattito politico, e gli eventuali dissensi, un conto è la lealtà nel voto se questo è a scrutinio segreto». Pure il segretario del Pdl Alfano è stato tranchant: «Santanchè è la nostra candidata senza alternative e non c'è ragione alcuna perché il Pd debba dire di no. Abbiamo votato presidenti di commissione iperconnotati dal punto di vista partitico, in un quadro di accordi generali. Ora chiediamo al Pd di ricambiarci con la stessa lealtà».

Lealtà che pare svenduta sull'altare dell'unione interna. A spese di una candidata che ora traballa. I numeri: il Pdl ha 97 deputati, la Lega 20, Scelta civica 47, Fratelli d'Italia 9. Scelta civica, tuttavia, non voterà compatta e Edoardo Nesi ha già fatto outing: «Io non la voto», ha twittato. Sulla carta, quindi, è possibile che M5S e Sel convergano su un loro candidato, forti dei loro numeri: 106 pentastellati e 37 vendoliani. Totale: 143. Non è peregrina l'ipotesi che il vicepresidente che fu pidiellino, e che al Pdl spetta, sia invece grillino o giù di lì. Un vero e proprio strappo che non potrà non avere ripercussioni politiche.

Commenti
Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 02/07/2013 - 08:54

Oh povera Santanche', e dire che' non e' nemmeno antipatica!

bruna.amorosi

Mar, 02/07/2013 - 09:27

personalmente mi è antipatica ma pur di non darla vinta a questi spocchiosi kompagni io farei cadere il governo SAI LE RISATE CHE MI FAREIa sinista si deve fare a sorteggio di governerà con tutti quei cani che abbaiano.ahahaah !!!

linoalo1

Mar, 02/07/2013 - 09:44

C'erano forse dubbi?Per i PDuisti,guai a favorire un seguace di Berlusconi!Non sono forse,questi,i risultati di una folle paura di perdere potere?Lino.

qwertyuiopè

Mar, 02/07/2013 - 09:58

Quindi, visto che i membri del suo stesso partito non la voteranno mai, è corretto dare la colpa al PD se non viene eletta. Tipico!

Duka

Mar, 02/07/2013 - 09:59

La verità è che sono due schieramenti antitetici totalmente incompatibili Il PD pensa che il PDL sia il partito degli impresentabili mentre il PDL pensa che il PD sia il partito di ladri e truffatori. 2 pensieri inconciliabili.

epc

Mar, 02/07/2013 - 10:04

Dài, Piddini, fatece ride! Votate un grillino come vicepresidente della Camera! Così vediamo la Boldrini filmata col telefonino ogni volta che dice o fa una scemata, vediamo fuori tutti i conti della presidenza della Camera, compresi parenti ed amici della Boldrini e sublimi trombati vari, ecc. ecc.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 02/07/2013 - 10:06

Le intese, larghe o ridotte che siano, si fanno con dei galantuomini, non con le bande di buffoni allo sbaraglio targate "truppe trinariciute".

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 10:10

“Berlusconi? Sono profondamente delusa, ho creduto in lui, non lo posso perdonare. Stimavo, amavo Berlusconi, quasi come una mamma o una sorella maggiore. Ha sprecato un talento personale enorme, l’ha buttato al cesso. Forse per presunzione o forse perché si era attorniato di yes men”. Iva Zanicchi, 15 Novembre 2012. LA CORTE DI BERLUSCONI: POCHE IDEE MA CONFUSE.

buri

Mar, 02/07/2013 - 10:11

larghe intese! dove? i compagni non cambiano mai, morale della storia "mai fidarsi di quella gente"

LAMBRO

Mar, 02/07/2013 - 10:12

Quando mai questi non hanno tradito qualcuno!!

82masso

Mar, 02/07/2013 - 10:23

bruna.amorosi... Ma l'italiano capibile quando?! linoalo1... Pduisti nel PD? Lei sì che ha memoria storica! La Santanchè è una forzatura non si può il giorno prima inveire e istigare la folla contro la magistratura e il giorno dopo proporla per un incarico di governo, sopratutto di un governo multicolore come questo.

pinolino

Mar, 02/07/2013 - 10:42

A me pare una candidatura messa li apposta per creare il casus belli e arrivare a una resa dei conti sia esterna che interna. Pensare di poter sostituire in scioltezza e armonia il moderato cattolico Lupi con "la pitonessa con la bava alla bocca" (parole sue) è una cosa fuori dal mondo. Succederebbe lo stesso se Epifani proponesse la Bindi, i primi a non votarla sarebbero i compagni.

epc

Mar, 02/07/2013 - 11:26

La Santanchè mi sembra un ottimo candidato come vicepresidente della Camera, ideale contraltare della presidente Boldrini. Entrambe donne, entrambe appariscenti, entrambe esplicite nelle loro dichiarazioni. Poi, vabbè, chiaro, la Santanchè è fuori dal coro, anche all'interno del suo partito si distingue per le esternazioni sopra le righe, mentre la Boldrini è la principessa del "nulla ideologico politicamente corretto esternato con veemenza".....

bruna.amorosi

Mar, 02/07/2013 - 11:34

82masso eppure scrivo peggio di come ho scritto quel commento che è non lo hai capito? beh! perchè rispondi e fai figuracce ?? chi ha parlato di piduisti?scusami è ho l'impressione che hai letto qualche altro commento . ho detto solo che i KOMPAGNI ci faranno ridere e basta perchè per trovare il prescelto dovranno fare altro che primarie ma terzarie e più tanti pretendenti ci sono e nessuno che valga . mi stia bene e legga meglio i commenti .

82masso

Mar, 02/07/2013 - 12:20

bruna.amorosi...infatti PDuisti non l'ha scritto lei e nel mio post è specificato (linoalo1), legga bene!Il mio commento è capibile e non inveisca su di me per colpe che non ho, se non si capiva quel che ha scritto non si capiva, punto. Poi che centra l'elezione della VicePresidenza della Camera con le Primarie del PD che si svolgeranno in autunno? Non entro nel merito del suo commento, ulteriormente, perchè è letteralmente tempo perso.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 02/07/2013 - 12:49

Evidentemente i sinistri del PD-PCI vogliono far cadere Letta, ma puntano a farlo dandone la colpa al Pdl. Quindi se il possibile no a Santanchè vicep. del Senato farà cadere il governo, tanto di guadagnato: la colpa sarà del Pdl. Se invece Letta dovesse reggere ancora, allora quanto meno avranno avuto l'occasione di pugnalare Santanché mortificando il Pdl. Una logica oscura, come le botteghe.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 14:34

02121940: caspita! Non ci avevo pensato! Hai capito i farbacchioni del PD... li avevo sottovalutati.

bruna.amorosi

Mar, 02/07/2013 - 15:14

basta ricordare che al governo ci fu una signora che con tanto di ciuffo faceva la santarellina ma era l'amante di un certo kompagno TOGLIATTI e poi parlano di moralità senti senti il bove che dà del cornuto all'asino .ha ragione il 02121940 sono le solite manovre degli strpnzi kompagni disonesti anche con la loro coscienza .

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 15:56

bruna.amorosi: gentile Sig.ra Bruna, non capisco cosa c'entri la moralità! Premesso che la Jotti non è mai stata al governo ma è stata presidente della camera parecchio tempo dopo la morte di Togliatti, premesso che la sua relazione col capo era malvista all'interno del suo stesso partito (erano bacchettoni anche i comunisti a quel tempo)e premesso che non era la sua amante ma la sua donna tanto che il loro rapporto era alla luce del sole, mi spiega che c'entra con la Santanchè? La riottosità nel votare la sua nomina a presidente della camera non è certo legata alla sua relazione con Sallusti, ma è semplicemente dovuta al suo personaggio, al suo carattere ed alle sue posizioni politiche estreme che mal si addicono con una posizione per quanto possibile "super-partes" per natura destinata a conciliare e non a dividere.

bruna.amorosi

Mar, 02/07/2013 - 16:24

Dreamer_66 mettiamola così la Santanchè non brilla di simpatia ma non gli deve insegnare la politica nessuno è una che si dice ha (le palle ) cosa che mancano al contrario della lingua alla più bella che intelligente BINDI che lo ha svolto quel ruolo .poi lo so che la IOTTI era presidente della camera ma siccome a voi vi piace infilare dentro dapertutto BERLUSCONI con le sue donnine bene io ci infilo la signora che tanto signora non lo era perchè quell'uomo era sposato e lei da kompagna lo sapeva perciò cuccia e stacci .ma voi cercate la scusa x uscire fuori e da vigliacchi che sono i kompagni cercano sempre l'aiutino di qualcuno beh!!quando si parla di moralità .ESSERE DISONESTI E' IMMORALE LO SA LEI???.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/07/2013 - 16:41

bruna.amorosi: suvvia...non si agiti! Le dirò... il mio sogno è quello di avere politici brutti e antipatici, tuttavia capaci ed onesti... pensi un po' quanto mi interessa la simpatia o l'antipatia della Santanchè. Personalmente la ritengo semplicemente inadatta al ruolo per carenza di capacità di mediazione. In quanto al suo discorso su una presunta moralità le rispondo che per me Berlusconi è liberissimo di trastullarsi a destra e a manca, purchè lo faccia alla luce del sole (altrimenti diviene ricattabile) e, soprattutto, nel rispetto delle leggi. La Jotti ha portato avanti la sua relazione con Togliatti alla luce del sole e non ha mai violato le leggi dello stato. Mi scusi ma il finale del suo discorso non l'ho capito.