Pdl, Santanché assicura: "Né falchi né colombe, ognuno fa la sua parte"

La Santanché zittisce le voci sulle divisioni: "Nessuno può pensare di dividersi". E spiega la struttura di Forza Italia

Aldilà delle dichiarazioni di intenti, i democratici fanno di tutto per creare l'inciampo e far saltare le larghe intese. Nel giorno in cui il presidente del Senato Pietro Grasso avverte che, in caso di fibrillazioni tra Pd e Pdl, il capo dello Stato Giorgio Napolitano è pronto a trovare un'altra maggioranza che sostenga il premier Enrico Letta, montano le polemiche nate attorno alla candidatura di Daniela Santanché alla vicepresidenza della Camera. "Io sono serena e tranquilla. È vero, sono combattiva, ma sulle cose importanti e questa non è la battaglia della mia vita", ha commentato l'esponente del Pdl ai microfoni di In mezz'ora escludendo, in questo modo, possibili conseguenze politiche sia per il governo sia per la maggioranza nel caso in cui martedì prossimo non venisse eletta.

Ospita nel solotto di Luci Annunziata, la Santanché fa piazza pulita delle indiscrezione sulle divisioni interne al Pdl. "Capisco le esemplificazioni giornalistiche che dividono tra falchi e colombe - ha spiegato - ma non sono né l’una né l’altra, sono una 'pitonessa', come mi descrissero in un fondo sul Foglio". Con questa battuta l'esponente del Pdl ci ha tenuto a spiegare che il partito non è diviso, ma strutturato su ruoli diversi: "Chi sta al governo e chi nel partito e deve fare da pungolo al governo. Facciamo ognuno la propria parte". Da qui la mossa di portare in parlamento anche quei temi che il governo Letta ha escluso. In primis, la riforma della giustizia. "Un paese funziona se c’è certezza di regole - ha osservato la parlamentare del Pdl - noi siamo l'unico paese al mondo in cui la magistratura è organizzata per correnti: è il momento di dire basta alle correnti".

Nel futuro del centrodestra c'è Forza Italia. E la Santanché sta lavorando al fianco di Silvio Berlusconi per la creazione del nuovo soggetto politico. "Ai vertici di Forza Italia non vorrei nessuno al di fuori di Berlusconi - ha spiegato - certamente non la figura di un segretario anche perché non è prevista dallo statuto. A noi basta il presidente". Piuttosto, la Santanché propone ruoli operativi di organizzazione. Per quanto riguarda il Pdl, invece, viene assicurato che non sparirà: "Dovrebbe rimanere una coalizione, ci sono formazioni che potrebbero nascere, vedremo come ci presenteremo". Di certo, ha concluso, "nessuno può pensare di dividersi e di non seguire" il Cavaliere.

Commenti

scipione

Dom, 30/06/2013 - 17:21

Un'unita' granitica dovra' essere il punto di forza di Forza Italia.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Dom, 30/06/2013 - 18:02

Ho assistito al programma della Annunziata solo per sentire la Sentache e per vedere come si cimportava la rossa Annunziata. come al solito le sue solite battute non sono mancate, ma avendo davanti un falco come la Santachè non a potuto affondare le sue unghie sul pDL a parte la battuta sulle divisioni interne. Ma la Carinissima Lucia perchè non parla delle divisioni astronomiche che ci sono nel PD?Che à un parito dilaniato dalle sue contradizioni che tutti vogliono comandare. Renato

Nadia Vouch

Dom, 30/06/2013 - 18:03

Per #scipione. Cosa intende con "unità granitica"? La ringrazio per un chiarimento. Cordiali saluti.

apostata

Dom, 30/06/2013 - 18:09

da tutta l'intervista concessa alla comunista, più trista che mai nello sguardo, nell'espressione e nell'acconciatura, il corriere.it sulla base di un'ipotesi farneticata alla faccia di 10 milioni di elettori, ha tratto l'auspicio per titolare, di arresti domiciliari

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 30/06/2013 - 18:55

"nessuno può pensare di dividersi e di non seguire il Cavaliere": la Santanchè ci deve allora dire chi dell'attuale PDL non vuole andare in Forza Italia. Non facevano prima a rinominare il PDL come Forza Italia? La cosa più strana è comunque che nel PDL nessuno inizi a parlare di chi sarà il leader e di come si organizzeranno. Come se il capo della vostra azienda vi comunicasse che lui si mette su un'azienda in proprio e voi non vi chiedete cosa ne sarà del futuro vostro e delle vostra azienda. Piuttosto singolare.

Nadia Vouch

Dom, 30/06/2013 - 19:05

Per #Carlito Brigante. Lei dice una cosa che anch'io ho pensato: Chi, del PDL, intende dividersi per non seguire il Cavaliere? C'è qualcosa che non capisco, da convinta pensatrice di centro-destra. Qualcosa mi sfugge.

scipione

Dom, 30/06/2013 - 19:05

Per Nadia Vouch : cara ,e' italiano.Che sei congolese come la Kyenge? Comunque " unita' granitica " vuol dire che non ci devono essere piu' " falchi " e " colombe " e i dirigenti del partito non devono uscire con dichiarazioni difformi l'una dall'altra creando confusione in coloro che votano centrodestra,ma devono seguire e lottare all'unisono per una linea e un programma fissato negli organi statutari.Forse non sono stato sufficientemente chiaro,ma spero tu abbia capito lo stesso.Ti saluto,...un bacio.

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Dom, 30/06/2013 - 19:38

scipione 19:05: proprio come il comitato centrale del partito comunista!

Nadia Vouch

Dom, 30/06/2013 - 19:42

Per #scipione. Grazie per il bacio. Ma allora, mi chiedo, qual'è la necessità di costituire F.I. di nuovo? Non è più semplice lavorare su ciò che attualmente già c'è, ossia il PDL? Oppure, ci vogliamo illudere che basti creare un "movimento", con un unico capo, per risolvere ogni contrasto? Ricambio i saluti.

Raoul Pontalti

Dom, 30/06/2013 - 20:05

Nel PDl confluirono a suo tempo oltre a Forza Italia e Alleanza nazionale, anche i democristiani di Rotondi e altre frattaglie. Riesumare Forza Italia significa però risolvere il problema delle frattaglie che a Forza Italia mai appartennero e non intendono ora appartenere (con qualche eccezione). Il PDL resterà dunque non come partito ma come contenitore, all'incirca come un tempo la Casa delle libertà che annoverava FI, AN, LN e UDC con contorno di frattaglie socialiste, repubblicane, democristiane non casiniane (però casiniste), etc. C'è da chiedersi a cosa sia servito imporre il PDL agli alleati, annichilendo AN e cacciando l'UDC dalla coalizione, per ritrovarsi al punto di partenza ma con gli alleati o distrutti o divenuti nemici personali di Silvio o entrambe le cose.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 30/06/2013 - 20:06

La Santanchè è una donna molto in gamba che logicamente stà sulle scatole ai cialtroni della sinistra. I cialtroni di sinistra si mettano però in testa che Berlusconi ha un seguito di più di 10 milioni di cittadini, cosa che non aveva nemmeno Mussolini, per cui se ci dovessero essere condanne liberticide emesse da magistrati criminali dovrà essere scatenato ll'Inferno a difesa della democrazia quando si dovesse temere che la stessa possa venir minacciata da organizzazioni criminali di sinistra con l'ausilio di magistrati politicizzati.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 30/06/2013 - 20:11

La ricostituzione di Forza Italia mi sembra un errore. Che bisogno c'è di minare il PdL? E' un errore che può costare caro. Forza Italia è il PdL dato che la vecchia AN non esisteva praticamente più dato che era stata annientata da Fini e tutti i suoi elettori sono passati al PdL e gli stessi non comprenderebbero questa strana e bizzarra modifica che non significherebbe assolutamente nulla. Non facciamo cazzate per favore.

Nadia Vouch

Dom, 30/06/2013 - 20:20

Per #Raoul Pontalti. Lei coglie un interessante elemento: Berlusconi, ha rapporti di amicizia con persone che, con la rifondazione di F.I, sarebbero Sue antagoniste?

yulbrynner

Dom, 30/06/2013 - 20:54

se fosse onesta userebbe il suo cognome non quello dell'ex marito.. l'onesta si vede dalle piccole cose

bruna.amorosi

Dom, 30/06/2013 - 21:52

l'onestà delle persone si vede Facendosi pagare la scorta per andare a fare la spesa al supermercato a spingere carrelli che porella per lei sono pieni per i poveri kompagni sarà pieno lostesso ??????.oppure avere il marito inquisito e non vergognarsene ? .

roliboni258

Dom, 30/06/2013 - 23:38

avanti Santanche'

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 01/07/2013 - 00:21

Non ci illudiamo. I dittatori trinariciuti si daranno da fare per silurare la sua elezione a vicepresidente. Con l'occupazione di tutte le cariche istituzionali e l'affondo delle toghe rosse contro Berlusconi il cerchio si sta stringendo. TRA POCO CI RITROVEREMO CON UN GOVERNO DI TIPO VENEZUELANO O BRASILIANO.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 01/07/2013 - 08:28

@scipione: se ho capito bene lei sostiene che riunendo in un altro partito esattamente le stesse persone che ora sono "falchi" e "colombe" risoleveremmo il problema delle dichiarazioni difformi imponendo a tutti per statuto di partito di rispettare una linea unica. Quindi il problema non è che ci siano diverse opinioni o correnti all'interno del PDL (perchè l'obiettivo non è separarsene) ma piuttosto il fatto che queste possano ora sotto il PDL esprimere le loro opinioni differenti dalla linea. Con Forza Italia invece potremmo imporgli la linea attraverso lo statuto. Concetto molto interessante.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 01/07/2013 - 11:44

@runasimi: ho paura che a silurare la Santanchè ci penseranno anche traditori nascosti come vipere tra le fila del PdL.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 01/07/2013 - 23:56

@jasper Come volevasi dimostrare i trinariciuti non hanno votato la Santanché. NON HANNO ANCORA CAPITO COSA SIA LA DEMOCRAZIA. Usano quella parola solo nella sigla del partito per nascondere la propria ottusa ignoranza in merito.