Pdl: "Sentenza persecutoria" Epifani: "Letta non rischia"

Pdl sulle barricate dopo la sentenza della Consulta. Il Pd non teme ribaltoni, ma chiede di abbassare i toni

L'ex ministro Renato Brunetta

"Distinguere politica da giustizia oggi in Italia è virtù impossibile. Eppure la eserciteremo, imparando dal presidente Berlusconi la capacità di privilegiare l’interesse della nazione rispetto alla ribellione davanti a sentenze persecutorie". Con queste parole Renato Brunetta, commenta la sentenza della Consulta che nega al Cavaliere il legittimo impedimento nel processo Mediaset. "Siamo infatti all’assurdo di una Corte costituzionale che non ritiene legittimo impedimento la partecipazione di un presidente del Consiglio al Consiglio dei ministri", prosegue il capogruppo del Pdl alla Camera, "Dinanzi all’assurdo, che documenta la resa pressoché universale delle istituzioni davanti allo strapotere dell’ingiustizia in toga, la tentazione sarebbe quella di chiedere al popolo sovrano di esprimersi e di far giustizia con il voto".

Gli fa eco il deputato Pdl Deborah Bergamini, secondo cui "è difficile accettare il fatto che viviamo in un Paese in cui c’è un cittadino, per puro caso leader di un grande partito moderato votato da milioni di italiani, che è considerato da una parte della magistratura sempre e per forza colpevole e in malafede. Purtroppo però è così".

Nessuna preoccupazione a sinistra per la tenuta del governo. "Per quanto riguarda il Pd le sentenze si applicano e si rispettano quindi non ho motivo di ritenere che possa avere effetti su un governo che è di servizio per i cittadini e il Paese in una fase molto drammatica della vita nazionale e dei cittadini", ha detto Guglielmo Epifani, "È una sentenza che era attesa da tempo. Dà ragione a una parte e torto all’altra, non vedo un rapporto tra questa sentenza e il quadro politico".

Commenti

Ivano66

Mer, 19/06/2013 - 20:07

La notizia della sentenza della Consulta che nega al Cavaliere il legittimo impedimento nel processo Mediaset mi ha cambiato la serata. Stasera l'Italia onesta festeggia....

benny.manocchia

Mer, 19/06/2013 - 20:14

Presidente Napolitano,elegga Berlusconi senatore a vita (come ha fatto per MOnti).Proprio non si accorge che esiste una santabarbara pronta a brillare? Un italiano in USA

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 19/06/2013 - 20:23

la mafia è arrivata, sta trionfando nelle aule giudiziarie e nel parlamento!!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 19/06/2013 - 20:29

@Ivano66 ci sono anche con voi.

Germano Fauci

Mer, 19/06/2013 - 20:46

evviva il trolley day

vittorio.rm.41

Mer, 19/06/2013 - 20:50

queste sentenze persecutorie sono in realtà provocazioni di parte politica che continuano a svilire la magistratura screditandola sempre più e facendola apparire un vero e proprio partito politico schierato da una sola parte che si arroga di certi poteri dello stato (una dittatura).

vince50

Mer, 19/06/2013 - 21:39

Chi ha dato e continua a dare fastidio,in un modo o nell'altro va eliminato.Il tutto all'insegna del chiaro e inequivocabile stile mafioso,seppur legalizzato e ammantato da sete di giustizia la sostanza non cambia.Il nemico del sistema va abbattuto.

topogigio100

Mer, 19/06/2013 - 22:14

x ivano voi rossi la parola democrazia e una oarola sconosciuta al vostro vocabolario ma secondo me il vostro vocabolario viene da stalin!

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Mer, 19/06/2013 - 22:23

Il problema al di là del merito è di opportunità. Male hanno fatto gli italiani a votare il Cav nonostante i suoi processi in corso. E così oggi ci ritroviamo a chiederci cosa succede all'Italia se un uomo solo, seppur nobile ma sempre uno solo, viene condannato.

diegom13

Mer, 19/06/2013 - 23:07

@Ivano66: non riesco ad immaginare la serata di m... che ti apprestavi a vivere, se la sentenza della Consulta te l'ha cambiata a tal punto che tutta l'Italia onesta festeggia.

Luigi Fassone

Mer, 19/06/2013 - 23:14

Ne vorredbbe avere,il nostro esausto STATO,contribuenti sostanziosi come il contribuente Berlusconi...! Altro che miccere !...

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 20/06/2013 - 00:09

Non sono mai stato una "colomba". Dipendesse da me, letta e il suo governucolo andrebbero immediatamente a scopare il mare.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 20/06/2013 - 01:02

Le dichiarazioni di Epifani sono di una gravità inaudita. Non si preoccupa di una magistratura che fa strame della nostra democrazia ma addirittura "non vedo un rapporto tra questa sentenza e il quadro politico". UN SEGRETARIO ANCORA PIU' INCOSCIENTE DEL PRECEDENTE. CI STANNO TOGLIENDO LA LIBERTA' DI VOTARE CHI VOGLIAMO.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 20/06/2013 - 07:18

E' evidente che la sentenza è persecutoria. Lo capirebbe anche un bambino dell'asilo. Certo che la situazione in Italia non è delle più facili: abbiamo un PdL che senza Berlusconi chissà come e dove andrebbe a finire; abbiamo un M5S guidato da un buffone di corte che sta disintegrandosi; abbiamo un PD che è l'erede spirituale del criminale e demenziale Partito Comunista, un partito che in tutto il pianeta ha portato solo miseria, fame e disgrazie. Queste sono le forze - si fa per dire - che formano la base politica su cui si regge la Nazione. Come potrà uscire l'Italia da questa situazione è unvero mistero.Boh!!

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 20/06/2013 - 07:21

Quel cialtrone di Epifani ha detto che le sentenze si rispettano. Sentenze del genere non vanno affatto rispettate. Sono atti politici emessi contro il nemico politico e nient'altro. Non possono essere rispettate.

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 20/06/2013 - 07:55

Ivano66: io sono onesto e nessuno al mondo può dire il contrario, ma ragiono anche e sono convinto della persecuzione delle toghe contro Berlusconi. Quanto alla dichiarazione dell'ex cgil lui non ha mai visto un rapporto, nemmeno tra cittadini e lavoro, ma solo il suo tornaconto e quello del partito. Si ricordi caro Ivano66, questa sentenza è contro ogni regola in uno stato democratico e non politicamente di partito.

nalegior63

Gio, 20/06/2013 - 08:18

ivano66..gli ONESTONI che fa rima con coglioni come te festeggiano,l ITALIA del popolo che ama il paese vede una magistratura che sperpera i nostri soldi facendo politica senza fare quello che a noi serve e x cui li paghiamo tra l altro senza averli eletti grazie a una costituzione scritta in parte da amici del feroce assassino STALIN che gli fece scuola e che alcuni .... come te chiama padri costituenti

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Gio, 20/06/2013 - 08:31

@benny , ho postato che l'italia fa schifo , che i magistrati dovrebbero andare in corea del nord ad esercitare , vede signore quando questi signori , mantenuti dal popolo italiano , nessuno escluso , osano annullare un processo solo perché a loro l'america non piace e perché mammina della inglese ammazzata , uno è già in galera per quel reato , vuole mandare in galera un nostro concittadino , vede caro benny , non venga più in italia , noi non possiamo scappare da questo paese ridotto a schiavitù e ormai è un soviet

Bocca della Verità

Gio, 20/06/2013 - 08:54

@ benny.manocchia - Mer, 19/06/2013 - 20:14: MA É PROPRIO QUELLO CHE I TRINARICIUTI VEEMENTEMENTE CERCANO DA UNA VITA ! E CI RESTERANNO SECCHI, DEFINITIVAMENTE...

Ivano66

Gio, 20/06/2013 - 14:55

A quelli che mi hanno risposto citando Stalin: che c'entra Stalin?!? Non è possibile saperlo, senza contare che io vengo da ben altra storia.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 21/06/2013 - 07:59

Le sentenze criminali emesse da un tribunale dell'inquisizione non devono essere rispettate per niente, anzi vanno combattute con tutti i mezzi a disposizione.