Pensioni, per evitare nuovi esodati governo studia anticipo età con il contributo delle aziende

Il ministro del Lavoro Giovannini fa sapere che il governo sta studiando l'anticipo dell'età per andare in pensione. L'ipotesi "prestito d'onore"

Quello degli "esodati" è ancora un incubo per molti italiani, con il nome del ministro Fornero che ancora fa venire più di un mal di pancia. Per evitare nuovi rischi in futuro, fa sapere il ministro del Lavoro Enrico Giovannini a margine di una conferenza stampa all'Inail, il governo sta lavorando su un provvedimento volto ad anticipare l’età della pensione con il contributo anche da parte delle aziende. 

Con il ministero dell’Economia si sta studiando "una proposta robusta" dal punto di vista tecnico-giuridico e finanziario. "Un provvedimento complesso - ha aggiunto Giovannini - che può prevedere il contributo anche da parte delle aziende". Si tratterebbe, nell'idea del ministro, di uno strumento che tenga conto delle condizioni soggettive del lavoratore. Non ci può essere una norma valida per tutti, che prescinda dall'età del lavoratore e dalla tipologia di mansione svolta (vedi lavori usuranti). "L’idea - ha spiegato il ministro - è di avere una contribuzione da parte di tutti e tre i soggetti (lavoratore, impresa ma anche Stato, ndr) ma ci deve essere robustezza finanziaria".

L'ipotesi prestito d'onore

L'idea di Giovannini vale anche per gli esodati, cioè per quegli italiani rimasti senza lavoro e senza pensione? si sono trovati in una situazione di particolare gravità. Il ministro sta valutando l'ipotesi di un "prestito pensionistico" garantito dalle aziende e dallo Stato. Un prestito che in un secondo momento dovrebbe essere restituito dal lavoratore, una volta ricevuto il primo assegno previdenziale. Il meccanismo è simile a quello previsto per gli studenti (prestito d'onore), a cui viene concesso un credito da restituire una volta terminati gli studi ed entrati nel mondo del lavoro. Giovannini ha tenuyto però a precisare che non intende mettere in atto una controriforma pensionistica, smontando la legge Fornero. Ci dovrebbero essere solo alcune correzioni.

Sicurezza lavoro

Nel corso della presentazione all’Inail del nuovo bando Isi che prevede finanziamenti per 307 milioni di euro a favore delle imprese per interventi di prevenzione, Giovannini ha spiegato che la sicurezza dei lavoratori "è altrettanto importante quanto il fatto di avere un lavoro. Bisogna capire che la sicurezza è un fattore di competitività per le aziende e non un costo". Nel sottolineare il raddoppio dei fondi rispetto al bando dello scorso anno e l’innalzamento al 65% dal 50% della copertura dei costi ammissibili, il ministro ha rimarcato che si parla "spesso dell’importanza del capitale umano ma il capitale umano passa attraverso le persone quindi la loro tutela è un modo per tutelare la più grande ricchezza che un Paese può avere. Non è un caso -ha aggiunto- che il capitale umano vale sette volte il valore degli impianti. La sicurezza sul lavoro tutela un capitale delle imprese. Speriamo - ha concluso - che la cultura della sicurezza sia sempre più condivisa".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 21/01/2014 - 12:20

Se è un provvedimento complesso lasciate stare, non riuscite a fare 1+1.

ctnonno

Mar, 21/01/2014 - 12:27

bene....dopo 42 anni di lavoro e di contributi versati, dopo che ti spostano il traguardo per 3-4 volte,dopo che ti minacciano con trattenute varie.... cosa chiedono ancora???? che si riducano le loro vergognose pensioni...che si accontentino di una sola pensione e nn di 3-4 come usano accreditarsi..... basta!!!!!!

cgf

Mar, 21/01/2014 - 12:44

dopo essere tartassati, avere il costo del lavoro più altro che altrove con i peggio servizi... Enrico Giovannini e tutta la classe politica non manca di far sapere quanto sono veramente distanti dal mondo reale.

moshe

Mar, 21/01/2014 - 13:09

In pensione prima con il contributo anche delle imprese ..... ..... ..... attenzione! i governi di re giorgio hanno insegnato! state attenti! la parola dello stato è molto volatile!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mar, 21/01/2014 - 14:07

42 anni di versamenti età 66 anni, chiesta totalizzazione, rifiutata, fino al 2011 andava diversamente, obbligo di versare almeno altri due anni di contributi per avere una parte di pensione ad anni 68 finiti, salvo finestre, non è chiaro se ci sono o meno, altra pensione a 70 anni, salvo finestre, mi chiedo ma chi prendono per il culo questi signori?

Cinghiale

Mar, 21/01/2014 - 14:53

Mamma santissima che nervoso a leggere questi articoli. Io non voglio più la pensione, i contributi che ho già versato non li rivoglio indietro, però non voglio più pagare e d'ora in poi mi arrangio da solo. Però neanche così si può fare.

Rossana Rossi

Mar, 21/01/2014 - 15:14

Ma quale contributo dalle imprese che sono già alla canna del gas........incapaci!.......

Ritratto di guga

guga

Mar, 21/01/2014 - 15:36

Se non si fanno canne, questi qui, vuol dire che sono prorio tonti o pazzi che si divertono!!!! Ogni componente del governo va per la sua strada. Il loro unico pensiero(?) è quello di mettersi in vista con qualsiasi castroneria.

rosso52

Mar, 21/01/2014 - 15:36

ricordatevi che non esistono solamente "dipendenti"; esistono anche tanti autonomi i quali, per la crisi e in prossimità (si trattava di alcuni mesi, per i nati del 1952) della pensione, decisero di cessare la professione, ritenendo di poter "resistere" per qualche mese in attesa della meritata e pagata pensione. Anche per costoro, che sono rimasti senza lavoro, senza pensione, e senza Cassa Integrazione, sarebbe vitale poter accedere a questo "prestito d'onore": non è pensabile aspettare anni la meritata pensione senza poter contare su alcun reddito: dalla legge Fornero al giorno della pensione, cioè dopo diversi anni, che cosa mangiano queste persone?

Cinghiale

Mar, 21/01/2014 - 15:55

@rosso52 Mar, 21/01/2014 - 15:36 - Non ha considerato che gli artigiani vengono considerati evasori seriali, anche se non lavorano possono godere del nero fatto in tanti anni. Che poi sia una bufala mostruosa non interessa niente a nessuno, glielo dice un'artigiano che tutte le volte che sente parlare di nero si domanda: Ma come si fa a fare il nero?!

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mar, 21/01/2014 - 16:26

Cinghiale, domandalo al lavandaio.

Ritratto di mark 61

mark 61

Mar, 21/01/2014 - 16:26

evitare di far lavorare gente 45/47 anni !!!!!!!!!! e poi questi vengono a parlare di giovani senza lavoro !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! evidente se il vecchio non se ne và al giovane non resta che attaccarsi al .....

Ritratto di mark 61

mark 61

Mar, 21/01/2014 - 16:28

Cinghiale si fa una fattura dimezzata !!!!!!!!!!!! sei un gran furbone

SSIMPATICO52

Mar, 21/01/2014 - 16:32

incompetenti....come si fà a proporre (GIOVANNINI E..IL pd ) ai lavoratori di anticipare la pensione di 2/3 anni poi...rimborsando l'inps ? pochissimi accetteranno i miseri 600/700 euro mensili in attesa della pensione vera e propria con relativo rimborso da dare all'inps !!! incompetenti !!!! SIETE VOI CHE VOLETE E STATE CREANDO I NUOVI POVERI..... L'UNICA COSA SERIA E' LA..FLESSIBILITA'. IN PENSIONE VOLONTARIA DAI 62 ANNI IN SU....... D I M E T T E T E V I !!!!! E...IL PD UN PARTITO DI FALSI ED IPOCRITI IMBROGLIONI. AVEVAN PROMESSO IN CAMPAGNA ELETTORALE, E..LETTA COMPRESO, DI CAMBIARE QUESTA RIFORMA-MACELLO DELLE PENSIONI E..NON L'HAN FATTO E..ALLUNGANDO E NON RISOLVENDO IL GRAVE PROBBLEMA DEGLI ESODATI !!!! VI FAREMO SPARIRE POLITICAMENTE ALLE PROSSIME ELEZIONI !!! MAURO DI FERRARA

Cinghiale

Mar, 21/01/2014 - 16:45

@mark 61 Mar, 21/01/2014 - 16:28 - Ok una fattura dimezzata, ammesso e non concesso che si possano dimezzare tutte le ricevute, non solo le fatture, i soldi in nero non si possono mettere da nessuna parte, tantomeno in banca se non sono tracciabili, come si fa? Stiamo parlando di cifre modeste che non si portano all'estero, sono gli evasori veri che lo possono fare (leggi diverse migliaia di euro).

SSIMPATICO52

Mar, 21/01/2014 - 17:23

incompetenti....come si fà a proporre (GIOVANNINI E..IL pd ) ai lavoratori di anticipare la pensione di 2/3 anni poi...rimborsando l'inps ? pochissimi accetteranno i miseri 600/700 euro mensili in attesa della pensione vera e propria con relativo rimborso da dare all'inps !!! incompetenti !!!! SIETE VOI CHE VOLETE E STATE CREANDO I NUOVI POVERI..... L'UNICA COSA SERIA E' LA..FLESSIBILITA'. IN PENSIONE VOLONTARIA DAI 62 ANNI IN SU....... D I M E T T E T E V I !!!!! E...IL PD UN PARTITO DI FALSI ED IPOCRITI IMBROGLIONI. AVEVAN PROMESSO IN CAMPAGNA ELETTORALE, E..LETTA COMPRESO, DI CAMBIARE QUESTA RIFORMA-MACELLO DELLE PENSIONI E..NON L'HAN FATTO E..ALLUNGANDO E NON RISOLVENDO IL GRAVE PROBBLEMA DEGLI ESODATI !!!! VI FAREMO SPARIRE POLITICAMENTE ALLE PROSSIME ELEZIONI !!! MAURO DI FERRARA

rosso52

Mar, 21/01/2014 - 17:47

@cinghiale- facevo riferimento anche ai tanti liberi professionisti ( consulenti, rappresentanti,ecc) che non hanno mai evaso una lira, in quanto le fatture le emetteva l'azienda per loro conto, e che hanno rinunciato al lavoro in quanto quello che ricavavano da tanta fatica ( non hanno nessuna tutela-vedi cassa integrazione, cassa mutua, ecc.) non bastava a pagare i contributi- comunque dovuti anche se non fatturi-, il commercialista, le iscrizioni agli albi, le varie tasse e balzelli…...

Cinghiale

Mar, 21/01/2014 - 18:00

@rosso52 Mar, 21/01/2014 - 17:47 - Il mondo degli artigiani in generale è spremuto all'incredibile, ma nessuno toglie dalla testa a moltissima gente che artigiano ed evasore sono quasi sinonimi e lo stato non vara una norma che sia una in loro soccorso. Cordialità

Ritratto di mark 61

mark 61

Mar, 21/01/2014 - 18:02

Cinghiale ahaaaaahahhaha se io pago in nero x un lavoro quei soldo sono ritracciabili ........... non prendermi x il culo FURBONE e certo le cifre modeste moltiplicate x 800000000 fanno cifre notevoli ..........DIOOOOOO pensi che io mi beva sta cosa "i soldi in nero non si possono mettere da nessuna parte, tantomeno in banca se non sono tracciabili, come si fa " i soldi in nero TRACCIABILI !!!!!!!!!!!!!