Perché i giudici non hanno mai ascoltato Ruby?

Com'è stato possibile che due anni di udienze si trascinassero senza che nessuno considerasse necessario ascoltare la versione di Ruby

La protesta di Ruby davanti al tribunale di Milano

Perché Kharima el Mahroug, ovvero Ruby Rubacuori, non è mai stata interrogata nel corso dei due processi che portano il suo nome? Come è stato possibile che due anni di udienze si trascinassero senza che nessuno, né l'accusa né la difesa, considerasse necessario per l'accertamento della verità ascoltare la versione della ragazza che del più grave dei reati contestati a Silvio Berlusconi è, secondo la Procura, la vittima? È questo l'interrogativo che finora è senza risposta, e che ha spinto Ruby a venire questa mattina davanti al tribunale per fornire ai media la sua versione, quella che finora non le è stato consentito di fornire in un'ala di tribunale.

Una possibilità che Ruby sia sentita in aula, a dire il vero, c'è ancora: nel cosiddetto processi Ruby due, l'unico che continua nonostante la tregua politica concessa a Berlusconi, il tribunale deve ancora decidere quali testi convocare di sua iniziativa per completare il quadro della vicenda. Ed è possibile, anzi probabile, che il giudice Annamaria Gatto, quando sarà il momento, decida di sentire Ruby. Ma finora resta la anomalia di una vittima la cui versione dei fatti non è stata raccontata in aula. La procura della repubblica, che inizialmente aveva inserito Kharima tra i testi a carico di Berlusconi, a metà processo l'ha cancellata dall'elenco. La spiegazione è che per la Procura la ragazza marocchina è un cosiddetto "teste ostile", che verrebbe in aula a testimoniare di non avere mai avuto rapporti intimi, nè gratis nè a pagamento, con Silvio Berlusconi. Versione falsa, sostengono i pm, fornita da Ruby in cambio del l'appoggio economico del Cavaliere. Ma gli stessi difensori di Berlusconi, a quel punto, hanno ritenuto di cancellare Ruby dall'elenco dei testi a difesa, accettando di fare entrare nel processo i verbali riempiti da Ruby durante le indagini preliminari, in cui la ragazza diceva tutto e il contrario di tutto, e di cui la difesa ritiene facile dimostrare la inconsistenza.

In questa battaglia tattica tra accusa e difesa, Ruby sostiene di essere rimasta in un certo modo stritolata, con dannai irreparabili alla sua immagine e alla sua vita presente e futura. Così oggi sceglie di dire la sua davanti alle telecamere impazzite. Legge, e rifiuta di rispondere alle domande. Sa di esporsi così al rischio di essere accusata di fornire una versione di comodo, perché scagiona il Cavaliere e accusa la procura di averla usata per imbastire un processo di cui, per ora, si considera l'unica vera vittima. Ma, nelle cinque pagine scritte e riscritte più volte, mette finalmente in pubblico la sua verità. Le si può credere o non credere, ma è inevitabile farci i conti. Ed è oggettivamente surreale che questo avvenga sulle scale del palazzo di giustizia, in un parapiglia indescrivibile, e non in un'aula, sotto giuramento.

Commenti
Ritratto di gianni1950

gianni1950

Gio, 04/04/2013 - 12:37

colpevoli, una magistratura inesistente e ipocrita che non ha mai voluto conoscere la verita dei fatti che avrebbero assolto con formula piena Berluasconi, questa è la verità inoppugnabile che in un paese civile non avrebbe permesso di aprire una azione legale basato sul nulla,

nikad_1

Gio, 04/04/2013 - 12:40

...Non l'hanno sentita perchè quando era il momento era in Messico in vacanza...penoso

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Gio, 04/04/2013 - 12:52

Uheila, che coraggio,aspettiamo trepidanti le immediate reprimende di titti la rossa ,per dirla alla Jannacci " per vedere l'effetto che fa". Questa è un'altra porcheria dei detentori del diritto e del rovescio,usi a: calunniate,calunniate,qualcosa resterà. Che schifo.

ammazzalupi

Gio, 04/04/2013 - 12:53

Non è stata ascoltata la parte offesa? Normale. Se lo avessero fatto, i castelli campati in aria (dei giudici) sarebbero saltati. Ma... questa è la (mala) giustizia italiana che regola la nostra vita. Alleluja!!!

MEFEL68

Gio, 04/04/2013 - 12:59

Non solo Ruby non è stata ascoltata, ma neanche il cuoco e i camerieri che sicuramente erano presenti, considerando che chi può, quando dà una festa con numerosi ospiti, si avvale dell'aiuto dei propri collaboratori domestici. Non credo che lo stesso Berlusconi abbia provveduto a servire in tavola e a riempire i bicchieri dei propri ospiti.

migrante

Gio, 04/04/2013 - 13:21

perche` l'accusa ed anche il giudice non vogliano "ascoltarla" mi pare semplice da capire, meno semplice e` invece capire perche` anche la difesa non abbia voluto farlo, pero`, con un piccolo sforzo, ci si puo` anche riuscire...l'utilizzo di verbali "contrastanti" puo` facilitare l'operazione di "screditatamento" di quelli avversi e quindi portare ad un sostanziale "pareggio", mentre una testimonianza sotto giuramento dicendo cio` che si e` detto sulla scalinata del tribunale e chissa` cos'altro, avrebbe potuto scatenare un "putiferio" difficilmente controllabile...pensate per un attimo a quali sarebbero le implicazioni se la "parte lesa" sostenesse che si e` cercato di "estorcerle" certe dichiarazioni volte a portare in galera un Primo Ministro...ci arrivate ?...no ?..beh, allora la situazione e` veramente grave !!!

Beauti

Gio, 04/04/2013 - 13:57

Oppure hanno deciso di sentirla proprio mentre era in vacanza in Messico? Ancora più penoso.

francesco de gaetano

Gio, 04/04/2013 - 14:10

L'intervista rilasciata da Ruby è la prova evidente come una frangia della magistratura con false promesse e non mantenute voleva mandare alle patrie galere lo statista Berlusconi.Ora mi aspetto dall'altra parte della magistratura se le verità di Ruby sono oggetto di indagini nei confronti della rossa dei capelli e rossa di orientamento politico.Il vento ha cambiato direzione,speriamo che tornino giornate più serene. L'Italia ne ha bisogno.

fcf

Gio, 04/04/2013 - 16:52

Non mi sembra il caso di far proseguire il processo per non infangare ulteriormente la Magistratura.

gcf48

Gio, 04/04/2013 - 17:09

nikad_1,Beauti ma che dite ? un teste se non si presenta lo si va a prendere. e poi è tornata dal Messico, no?

guidode.zolt

Gio, 04/04/2013 - 17:14

..ma perchè la sua versione dei fatti non avrebbe coinciso con quella "made in Procura" ...ma sono domande...?

Ritratto di manasse

manasse

Gio, 04/04/2013 - 17:39

IL PERCHè è FACILE DA CAPIRE la magistratura politicizzata non vuole testimoni a discarico delle loro tesi quando l'IMPUTATO è Berlusconi,questi non servono per raggiungere lo scopo prefissato e cioè la condanna altra cosa se si tratta di un COMPAGNO vedi PENATI che non ostante la denuncia dell'allora sindaco di Milano Albertini non hanno ritenuto l'OBBLIGATORIETA' dell'azione penale e si sono svegliati dopo che il reato è PRESCRITTO questa purtroppo è certa GIUSTIZIA del sesto mondo è cioè l'ITALIA

roliboni258

Gio, 04/04/2013 - 18:35

un giustizia fuori di testa,

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Gio, 04/04/2013 - 20:50

Come mai quando e' stata chiamata a testimoniare era in Messico? Come mai la difesa (Ghedini e C.) non l'ha voluta sentire? Ah si, colpa dei giudici comunisti.

Nadia Vouch

Gio, 04/04/2013 - 20:52

Perché? Perché domani, secondo la ragazza, ci sarà il sole, no anzi nevicherà, o forse pioverà, o magari siamo in gennaio anziché in aprile. Gli amici non sono amici, ma nemmeno i nemici sono nemici, ma chi è amico e chi nemico non si sa. Lo sa solo lei, ovviamente. Poi, ti sgrana gli occhioni, ti dice che ha troppo sofferto, e si viene colti, così per caso, da una sorta di tenerezza. Peccato che, per accusare o per assolvere altri, tutto ciò sia solo un capriccio del tempo, come da settimane assistiamo. Speriamo che almeno l'estate ci riservi una regolarità.

GiorgiBassi

Gio, 04/04/2013 - 22:00

Ma ve le siete ascoltate le intercettazioni? ascoltate cosa diceva Ruby al telefono e poi fatevi un'idea... Non parlate per partito preso tanto gli antiberlusconiani come i berlusconiani... basta andare su youtube e digitare ruby non è difficile. Poi almeno potrete tutti commentare a ragion veduta e non come tifoserie di calcio.

Ritratto di Zione

Zione

Gio, 04/04/2013 - 22:10

Per Ruby non c’è alcuna umana Compassione e neanche un poco di comprensione per la sua dignità di fanciulla e Donna offesa, da parte di molti Mascalzoni e Farabutti. Questa infelice e Abusata ragazza, tanto provata già da piccola da un malvagio Destino, per lei prodigo di immondi e Disumani esseri, ora che a causa di vile tornaconto personale o per TURPE disegno Tribunalizio viene continuamente ingiuriata sui Blog (e specie da volgari Megere e malefiche Donnacce) è pure calpestata dalla ludibriosa “Giustizia” che avrebbe dovuto Tutelarla e che invece ha contribuito ulteriormente, subdolamente e Sadicamente a Rovinarla; e con lei, speriamo che un domani non ne soffra (già dall’Asilo), anche la serenità della sua Innocente BAMBINA, che viene coinvolta suo malgrado …; e questo perchè ogni Adepto del vergognoso e criminale Clan del GIUDICIUME (Politico e Scellerato), nella propria Usurpata e triste Carriera miete molte Innocenti Vittime; più di quante ne fece Stefano Pelloni in tutta la sua vita, il leggendario Passator Cortese, feroce BRIGANTE dal mortale schioppo; ma così facendo, questa famelica Belva, sitibonda di Sangue Umano, sperpera pure con infame FOLLIA, le già misere risorse dello sventurato Popolo Italiano che ha le scarpe rotte e si è rotto i marroni per le infinite Scemenze e le Somme Nefandezze di questa fetentissima MAFIA dei Miserabili VERMI Giudiziari; che tutti i giorni si Sputtana da sola, e senza mai Vergognarsi.

Ritratto di Zione

Zione

Gio, 04/04/2013 - 23:33

Per Ruby non c’è alcuna umana Compassione e neanche un poco di comprensione per la sua dignità di fanciulla e Donna offesa, da parte di molti Mascalzoni e Farabutti. Questa infelice e Abusata ragazza, tanto provata già da piccola da un malvagio Destino, per lei prodigo di immondi e Disumani esseri, ora che a causa di vile tornaconto personale o per TURPE disegno Tribunalizio viene continuamente ingiuriata sui Blog (e specie da volgari Megere e malefiche Donnacce) è pure calpestata dalla ludibriosa “Giustizia” che avrebbe dovuto Tutelarla e che invece ha contribuito ulteriormente, subdolamente e Sadicamente a Rovinarla; e con lei, speriamo che un domani non ne soffra (già dall’Asilo), anche la serenità della sua Innocente BAMBINA, che viene coinvolta suo malgrado …; e questo perchè ogni Adepto del vergognoso e criminale Clan del GIUDICIUME (Politico e Scellerato), nella propria Usurpata e triste Carriera miete molte Innocenti Vittime; più di quante ne fece Stefano Pelloni in tutta la sua vita, il leggendario Passator Cortese, feroce BRIGANTE dal mortale schioppo; ma così facendo, questa famelica Belva, sitibonda di Sangue Umano, sperpera pure con infame FOLLIA, le già misere risorse dello sventurato Popolo Italiano che ha le scarpe rotte e si è rotto i marroni per le infinite Scemenze e le Somme Nefandezze di questa fetentissima MAFIA dei Miserabili VERMI Giudiziari; che tutti i giorni si Sputtana da sola, e senza mai Vergognarsi.