PIANO PER FAR CADERE LETTA Ultimi sondaggi: Pdl e centrodestra tornano primi

Diritti civili? Balle. Della sorte della moglie e della figlia del dissidente kazako Ablyazov non importa a nessuno di coloro che in queste ore si stracciano le vesti per la loro espulsione, con rimpatrio, decisa in modo veloce e un po' ambiguo dalle autorità italiane con il pretesto di documenti falsi. Non facciamo i finti tonti. L'obiettivo della rivolta presunta civile capitanata, guarda caso, da Repubblica, non è la sicurezza di mamma e figlia, alle quali peraltro in Kazakistan nessuno ha intenzione di torcere un capello e che vivono libere a casa loro. Lo scopo è fare più casino possibile per fare saltare in aria il nostro governo, quell'asse Letta-Alfano che dopo il caos uscito dalle urne ha sbarrato la strada prima a Bersani e poi a Renzi. Fuori dal tempio il Pdl, e poi vada come vada, o per via elettorale o con ribaltoni parlamentari. Si spiega così l'assalto ad Angelino Alfano, ministro dell'Interno e quindi possibile colpevole di un presunto pasticcio: dimettiti, ha ordinato ieri il direttore della Repubblica in lacrime per la sorte delle due donne, ma soprattutto ben consapevole che «no Alfano, no governo». Allo scopo si sta piazzando la ben nota artiglieria mediatica e già si chiama in causa Silvio Berlusconi (senza non c'è gusto, allo scandalo manca il quid).
Le cose stanno così. In Kazakistan, Paese che trasuda di gas e petrolio, c'è un presidente, Nazarbaev, che in queste ore viene fatto passare per un pericoloso dittatore amico di Berlusconi ma che in realtà, anche se nessuno lo scrive, è stato ed è riverito e ricevuto da tutti i leader del mondo, da Cameron a Barroso, dalla Merkel a Obama, senza che questo abbia mai destato scandalo. Un suo ex ministro, Ablyazov, lo ha tradito ed è in fuga per il mondo inseguito da tre mandati di cattura internazionali per truffe e reati contro lo Stato (non solo il suo). In Italia, da qualche giorno, i soliti giornali lo dipingono per quello che non è, un povero oppositore perseguitato politico. Sua moglie e sua figlia cercano, legittimamente, di stargli vicino usando trucchetti vari. Di recente si trovavano Italia, probabilmente (lo accerteremo) con documenti non regolari. Da qui l'espulsione.
Per questo dovrebbe cadere il governo italiano? Non scherziamo. Sono kazaki loro, non nostri, che ne abbiamo già abbastanza. E non sarà neppure un orango a fare cadere Calderoli da vicepresidente del Senato. Un Parlamento che ha sopportato lo spergiuro Fini presidente della Camera e non ha preteso le dimissioni di tutto il governo Monti per il casino dei nostri marò può farsi intimorire dal direttore di Repubblica o dai lamenti moralisti per una battuta?

Commenti

Atlantico

Mar, 16/07/2013 - 14:15

Ma il centrodestra e il PdL non erano già in testa prima delle amministrative ? Peccato che poi sia stato un flop unico per il PdL ! Ma ancora credete ai sondaggi ? Eheheheheh