Di Pietro si ricicla barman per darla a bere agli elettori

Per le regionali Antonio Di Pietro (nel fermo immagine) torna in campo nelle vesti di barista di paese per convincere i sardi a votare per Francesco Pigliaru, il candidato del centrosinistra che l'ormai ex Tonino nazionale sostiene con la lista formata da Italia dei valori e Verdi. In uno spot anni Cinquanta, due uomini al bar bevono il caffè al bancone e parlano dell'opportunità di andare alle urne, «visto che sono tutti uguali». Uno dei due avventori sostiene che esista un partito che difende legalità, lavoro e ambiente e l'altro chiede al barista, che dà loro le spalle, se secondo lui un partito così esiste. Il barista si gira ed è Di Pietro. Sorriso dei bei tempi, Tonino assicura che quel partito c'è ed è l'Idv. Fine dello spot. Difficilmente l'ex Pm di Mani pulite, escluso dal Parlamento quasi un anno fa a furor di popolo, riuscirà a far bere i sardi tanto da far loro dimenticare i tanti i consiglieri regionali dell'Idv rimasti invischiati nelle inchieste sulle spese allegre e quelli finiti in manette, come il ligure Nicolò Scialfa, arrestato un paio di settimane fa.

Commenti

porthos

Mar, 28/01/2014 - 12:41

Dar da mangiare agli affamati",..."Dar da bere agli assetati".........." Darla a bere ai fessi", escluse leprime due, di cattolica memoria, la terza "opera di misericordia" è quella più confacente all'ex toninonazionale. Misericordia verso chi ? Ma per lesue tasche, ovviamente, nella speranza che vi siano ancora imbecilliche lo votino, riportandolo all'agognata "mangiatoia" (politica ovviamente !!!)