La pillola alla deputata grillina: è sexy giallo

Chiede l'anticoncezionale al medico ma lui si rifiuta: scoppia la polemica

Roma - Mattina del 9 settembre. Una giovane deputata grillina chiede all'ambulatorio di Montecitorio che le venga prescritta la «pillola del giorno dopo». Ma il medico è obiettore di coscienza, e lascia l'onorevole pentastellata senza l'anticoncezionale. La parlamentare non ci sta. Così avverte il dottore che aspetterà il turno successivo, ma quest'ultimo le risponde che è un obiettore anche lui. L'insolita schermaglia all'ingresso dell'ambulatorio finisce per avere un discreta eco nei Palazzi, pur occupati in altre questioni. Ne parla in aula la parlamentare socialista Pia Locatelli, interviene la vicepresidente della commissione Affari sociali Eugenia Roccella. E, l'11 settembre, a Palazzo Madama, l'«incidente» finisce al centro di un intervento del senatore-medico grillino Maurizio Romani. Che accosta «due episodi apparente lontani tra loro» come esemplari della «violenza sulle donne». Il primo è l'uccisione della psicologa barese, accoltellata da un paziente. Il secondo «esempio di violenza sulla donna», per Romani, sarebbe il diniego della «pdg» alla collega di partito della Camera, che «non ha potuto usufruire di un servizio dovuto per legge».

Ma c'è una possibile soluzione interna. «Mi faccio avanti io. Mi metto a disposizione come medico, socialista e non obiettore, per prescrivere ai colleghi parlamentari che ne abbiano bisogno la pillola del giorno dopo. A patto che insieme alla prescrizione mi venga permesso di fare un po' di informazione sugli altri metodi anticoncezionali», ironizza Lucio Barani, senatore del Gal e medico anche lui, prima di mettere un pizzico di polemica sulla questione. «Ho parlato della questione oggi (ieri, ndr) in aula per quattro minuti, e ho detto al presidente Grasso che, se serve, io sono a disposizione. Proprio il senatore Romani, che ieri (l'11 settembre, ndr) l'aveva messa giù così dura, ha preso il mio intervento molto sul serio, tanto che mi ha detto che non aveva proprio pensato che la pdg alla compagna di partito avrebbe potuta prescriverla lui. Detto questo, mi sembra che qualcuno sia contro la casta a giorni alterni. La collega grillina poteva fare la fila alla Asl o passare da un consultorio, come tutti i comuni mortali. Perché non l'ha fatto? Perché preferisce l'ambulatorio interno?».

Una domanda a cui prova a rispondere lo stesso esponente socialista, immaginando una giustificazione per la grillina che ha voluto indulgere nella comodità del servizio medico offerto dalla Camera. «Se il tutto è accaduto a Montecitorio - osserva Barani - alla fine la deputata forse aveva ragione a rivolgersi all'ambulatorio per ragioni di urgenza, perché dovendo votare non poteva essere distolta dai suoi compiti istituzionali». Dubbi sulla coerenza anticasta a parte, l'episodio, ammette Barani, «ha reso i parlamentari M5S più simpatici ai miei occhi. Mi sono chiesto a lungo come passassero il loro tempo alla Camera, e finalmente ho avuto la risposta. Sono umani anche loro, hanno pulsioni che io condivido, e ci mancherebbe. Però, se posso permettermi, stiano più attenti».

Commenti

beppechi

Ven, 13/09/2013 - 08:56

galeotta fu la notte sul romantico tetto di Montecitorio. Sono d'accordo con L'on. Barani: adesso sappiamo cosa fanno, anche se non abbiamo ancora capito a cosa servono

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 13/09/2013 - 09:00

Ma la pillola la pagano o no ? Questo e´ tutto quello che vorrei sapere.Poi come fott.no so cassi loro.

Roberto Casnati

Ven, 13/09/2013 - 09:08

Benissimo ha fatto il medico! La pillola del giorno dopo è un farmaco ad alto rischio. Se la deputata grillina vuole fare la prostituta, sono affaracci suoi, ma almeno che lo faccia pagando le tasse e non gravando sulla coscienza e sulla professionalità di un medico che, lo si ricordi, al contrario dei magistrati, non ha la licenza di uccidere!

Ritratto di woman

woman

Ven, 13/09/2013 - 09:09

Questo dei medici obiettori negli ospedali/ambulatori pubblici è uno scandalo, è come mandare alla guerra chi rifiuta di restare il servizio militar. Siano destinati ad altre mansioni (esercitino la loro professione in privato), ma non possono impedire a un cittadino di usufruire dei propri diritti. E' vero, è una violenza sulle donne.

alberto_his

Ven, 13/09/2013 - 09:37

Articolone!!!

roccheus

Ven, 13/09/2013 - 09:40

@marforio: nell'articolo c'e' scritto " le venga prescritta la «pillola del giorno dopo»." dunque la pillola poi se la deve comprare lei. ...

eri75

Ven, 13/09/2013 - 09:45

@Casnati: come fa in fretta a dare della puttana a una che magari ha semplicemente fatto l'amore col proprio partner la sera prima... Il SSN prevede la possibilità di prescrivere la pillola del giorno dopo: pretendere che il farne richiesta a un ginecologo significhi "gravare sulla coscienza e sulla professionalità di un medico" è un'idiozia più unica che rara! A chi la deve chiedere, al macellaio sotto casa?

labrador

Ven, 13/09/2013 - 09:51

poteva andare in un ambulatorio od in un ospedale e sicuramente avrebbe trovato qualcuno che gliela prescriveva. A quanto pare si sono adeguati bene ai privilegi della casta, a quando il condom gratuito????

Ritratto di thunder

thunder

Ven, 13/09/2013 - 09:59

SEMPRE la solita c.....a dell'obiettore,avete rotto andate a fare il prete cosi non avrete rimorsi!obiettori dei miei c.....I in democrazia esistono doveri e diritti.

BlackMen

Ven, 13/09/2013 - 10:02

Roberto Casnati: lei che fa invece? Pratica l'astinenza o ha 36 figli?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 13/09/2013 - 10:04

Che ci fa un ambulatorio a Montecitorio? Chi paga? Visto che non muoiono di lavoro a che serve?

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Ven, 13/09/2013 - 10:07

Ma questi non dovrebbero essere fatti privati che riguardano la sfera sanitaria che non dovrebbero essere messi in piazza? Vi siete scandalizzati che si guardava nel buco della serratura dell'alcova di Berlusconi durante il caso Ruby e ora diffondete notizie prettamente private di un deputato.

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Ven, 13/09/2013 - 10:18

Basterebbe stabilire per legge che un obiettore non puo' esercitare da solo all'interno di un presidio medico, ma necessita sempre la presenza di un secondo medico che possa ricoprire i compiti che il primo si rifiuta di svolgere. La legge potrebbe cosi essere applicata. Non solo, ma vedreste quanto velocemente gli ospedali e i presidi medici diminuirebbero l'assunzione di obiettori. Basta toccare le tasche degli amministratori e anche la coscienza diventa contrattabile.

BlackMen

Ven, 13/09/2013 - 10:20

Roberto Casnati: lei invece come si regola? Pratica l'astinenza o ha 36 figli?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 13/09/2013 - 10:27

@Casnati lei oltre ad essere un gran maleducato e' sopratutto molto disinformato.La pillola di cui si parla e' lecita,legale e legittima,il problema pero' riguarda la sua prescrizione,non per motivi di salute ma solo per una questione morale,per cui i medici che ne obiettano(da cui obiettori)la prescrizione lo fanno in basd alla loro coscienza morale non per questioni di scienza.Si tratta di medici cattolici che seguendo la morale della Chiesa che vede nell'aborto un fatto moralmente inacettabile,si rifiutano di prescriverla.In quei casi tocca al cittadino farsi il giro degli ambulatori per trovare di turno il medico non obiettore con il serio rischio grave che passando le ore la pillola potrebbe non avere piu' il suo effetto.Poi se vogliamo discutere della liberta' della gente nel decidere se portare avanti una gravidanza o meno,in questo caso nemmeno di quello stiamo parlando,accomodiamoci pure.

killkoms

Ven, 13/09/2013 - 10:28

@woman,la difesa della patria,è"un dovere del cittadino"sancito dalla costituzione,e se tutti fossero obiettori mi domando chi cazz difenderebbe la Patria!ciò detto,perchè si potevano tollerare gli obiettori di coscienza alle armi,e non quelli sanitari?in fondo con l'originale"giuramento di ippocrate"il medico si impegnava pure a non somministrare ad una donna"un medicinale abortivo",e con un pò di organizzazione si può garantire la presenza di un medico senza problemi obiettivi!e poi scusi,perchè la grullina non è andata al consultorio o al pronto soccorso come le comuni mortali visto che sarebbero loro gli anticasta?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 13/09/2013 - 10:30

Un articolo che é pura spazzatura scritto a favore di una platea di topi di fogna. Che brutto il clima di fine regime.....

Ritratto di Tristano

Tristano

Ven, 13/09/2013 - 10:30

@RobertoCasnati: ma si rende conto delle cretinate che scrive ?? Deputata grillina prostituta perché chiede una pillola ?? I magistrati che hanno la licenza di uccidere ? Io credo che queste cagate le abbia scritte dopo aver assunto sostanze tagliate male: cambi pusher !

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 13/09/2013 - 10:42

roccheus-E da quando in qua dopo una fo..ta si diventa malati . Non credo che una possibile gravidanza sia una malattia.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 13/09/2013 - 10:58

@Talapadula,concordo pienamente,e' la soluzione piu' utile e civile,sopratutto e' un diritto del cittadino,anzi di noi donne.

Nadia Vouch

Ven, 13/09/2013 - 11:10

La pdg va assunta a poche ore dal rapporto che si considera potenzialmente (ossia probabilmente ma non sicuramente) portatore di gravidanza. Una obiezione di coscienza in questo senso appare del tutto ideologica. La donna, sicuramente colta da ansia, poteva recarsi presso consultorio o asl. Ma non è giusto ella sia stata privata di un diritto previsto per legge.

guidode.zolt

Ven, 13/09/2013 - 11:10

Blackmen - suppongo che Casnati pratichi il c.interruptus che si sa, a lungo "andare", provoca stress...

BlackMen

Ven, 13/09/2013 - 11:42

guidode.zolt:....e tra l'altro, per la chiesa, è omicidio anche quello :-)

The_Dark_Inside

Ven, 13/09/2013 - 11:50

Non dimentichiamoci che anche il diritto all'obiezione di coscienza è stabilito direttamente dalla legge, esattamente come quello alla pillola.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 13/09/2013 - 11:50

@guidode 11.10,ed e' sopratutto la causa della maggior parte delle gravidanze indesiderate.

The_Dark_Inside

Ven, 13/09/2013 - 11:53

ERRATA CORRIGE: chiedo scusa, mi sono confuso col diritto all'obiezione di coscienza previsto in caso di aborto. Nel caso di pillola del giorno dopo, in effetti, non lo so... mi documento.

epesce098

Ven, 13/09/2013 - 11:57

La medicina è nata per dare la vita guarendola da un malanno, non per dare la morte.

swiller

Ven, 13/09/2013 - 12:20

Per le grilline i grillini devono innestare la retromarcia.

mario faija

Ven, 13/09/2013 - 12:22

........................senza parole!!!

Palermitano

Ven, 13/09/2013 - 12:25

trovo agghiacciante il livello di maschilismo, misoginia, bigottismo e integralismo che spinge qualcuno ad offendere la deputata grillina soltanto perche' ha richiesto un diritto come la pillola del giorno dopo e ha fatto l'amore. SOLIDARIETA' ALLA DEPUTATA GRILLINA! DISPREZZO PER IL MASCHILISMO VERGOGNOSO E REAZIONARIO DI QUALCHE UTENTE!

Palermitano

Ven, 13/09/2013 - 12:28

LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO E' UN DIRITTO DELLE DONNE! CONDANNO DURAMENTE QUEI MEDICI CHE NON GARANTISCONO UN DIRITTO FONDAMENTALE ALLE DONNE, RIFIUTANDOSI DI DARE LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO. IL DIRITTO ALLA SALUTE DELLE DONNE PREVALE SU QUALUNQUE OBIEZIONE DI COSCIENZA

BlackMen

Ven, 13/09/2013 - 12:29

epesce098: eccone un altro con un esercito di figli....o tanto tanto stress da "spurgare" :-))))

angelomaria

Ven, 13/09/2013 - 13:13

e lo chiamate medico poi ha montecitorio mi chiedo quanto sia lo stipendio di un'obbiettore di coscenza!!!!!ovviamente se prescritta lei ha il dovere di pagarla ho il problema alla fine e'questo no!perche ultimamente ha montecitorio si sono stabiliti troppi furbonie ladri e noi che cerchimo di cambiarlo il sistema ci mettono alla gogna!!!!

angelomaria

Ven, 13/09/2013 - 13:17

altracosa che mi colpisce il fattaccio non la pillola e'ssssuccesso all'interno del parlamento no!cavolo se cosi'fosse sarebbw un vero scandalo !!!

Nadia Vouch

Ven, 13/09/2013 - 13:18

@epesce098. La pillola del giorno dopo non può essere considerata una pillola abortiva, a meno che non si consideri "vita" già l'ovulo e lo spermatozoo, anche se separati, e a meno che non si consideri "vita" già l'iniziale e ancora probabilistico e incerto incontro tra essi. Altro discorso è l'aborto di un feto. Non è questo il caso.

killkoms

Ven, 13/09/2013 - 14:19

@palemmetano,ma ancora parli?

MEFEL68

Ven, 13/09/2013 - 15:57

C'è qualcosa che non è chiaro. Se la deputata era usa a prendere la pillola, sicuramente avrà avuto la ricetta medica. Allora poteva uscire un attimo, andare nella più vicina farmacia e acquistarla come fanno tutte le donne che si "impillolano".

Nadia Vouch

Ven, 13/09/2013 - 16:14

Una professoressa di biologia animale si dannava ogni volta doveva chiedere agli allievi la divisione cellulare. Alla fine, esausta, concludeva: "Ma come fate ad essere vivi, ve lo siete mai chiesto?". Nel senso che, spesso molti non sanno come si forma e nasce la vita. Cicogna e cavoli a parte.

MEFEL68

Ven, 13/09/2013 - 16:44

Se la pillola è del giorno dopo, bisogna considerare il giorno prima. Complice il romaticismo dei tetti di Roma? Qualcuno avrà canticchiato la celebre canzone "Roma non fa la stupida stasera, damme 'na mano a faje di de sì....". Ah, quando si hanno a cuore i problemi degli italiani!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Ven, 13/09/2013 - 17:27

...Non sarebbe più logico che l'ambulatorio di Montecitorio venisse spostato all'interno di un qualsiasi stabilimento ove lavorano centinaia di operai impegnati in produzioni pericolose, in termine di infortuni?

MEFEL68

Ven, 13/09/2013 - 17:51

@@ ASPIDE 007 - Magari fosse solo l'ambulario. Con tutto quello che hanno a disposizione i nostri "dipendenti" (i parlamentari sono tali, in quanto stipendiati dai noi) Montecitorio è diventato un Centro benessere. Poi, quello che non è logisticamente possibile ubicare all'interno del Palazzo, vbiene fornito gratuitamente con convenzioni presso gli esercizi limitrofi al Parlamento. Meno male che siamo un Paese ricco e possiamo permettercelo!

guidode.zolt

Ven, 13/09/2013 - 19:27

Blackmen - ah si..? non lo sapevo.. ho cercato di risolvere il problema, ma senza venirne a capo. Un conoscente, che veniva a fare paracadutismo a Pavullo nel Frignano, aveva una farmacia sul litorale adriatico e mi diceva che d'estate, quando un "crucco" comprava dei condom, lui, con un colpo di spillo, glieli bucava prima di consegnarglieli... immagino quanti sturmtruppen ha fabbricato ... @agrippina - sa quante gravidanze "desiderate" si avverano ogni anno in Italia...? a mio avviso pochine... 6 o 7...!

Nadia Vouch

Ven, 13/09/2013 - 19:51

@guidode.zolt. Se questa cosa che dice del farmacista è vera, egli va penalmente denunciato. Le ricordo che, i profilattici, hanno anche la funzione di protezione dalla trasmissione di malattie sessuali, tra le quali aids. Se invece la sua fosse solo una battuta, non è divertente. Saluti.

guidode.zolt

Ven, 13/09/2013 - 20:26

Nadia Vouch - saluti... mai fatto il farmacista e non mi sento colpevole di alcunchè!.

guidode.zolt

Ven, 13/09/2013 - 20:32

alberto_his - è già un po' di tempo che commenta gli articoli descrivendone la dimensione... a quando il commento ai contenuti...?

titina

Sab, 14/09/2013 - 17:50

la gatta sul tetto che scotta.

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Sab, 25/10/2014 - 19:09

Come farebbe il "Paese" senza i deputati 5 stelle? Scommettiamo che questo problema lo risolveranno?

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 26/10/2014 - 08:31

DOPPIAMENTE " TROMBATA " Come si suol dire. Ahahahahahahah La prosssima volta , come dicono a Milano Vada a dar via il C.....L-