Il piumino tecno: non ingrassa ed è multitasking GIACCHE Sartoriali e tecniche, in jersey di lana elastico: proposte da Seventy

Dici piumino e ti si para davanti una inedita generazione di capi multitasking, capaci di assolvere, contemporaneamente, a più funzioni pur mantenendo un aspetto elegante. È il nuovo corso di un pezzo del guardaroba maschile arrivato dalla montagna per rivoluzionare il lifestyle di chi vive il freddo in città. Non a caso il capo di punta della collezione Colmar Originals del prossimo inverno - circa 200 pezzi - è un bomber che accoppia il tessuto in suede con la lana bollita e s'indossa persino in occasioni formali. Con buona pace di quanti non resisteranno al richiamo d'imbottiture piene e giochi di trapuntature che ricordano gli anni Ottanta oppure, in caso di donna, a un must della linea Research, il piumino camouflage tempestato di paillette. Insomma, sotto l'immagine bella e rassicurante di un modello che al diritto di cittadinanza aggiunge la multifunzione e quindi l'indossabilità da mattina a sera, si cela un'anima hi-tech. Basti pensare che al magnifico piumino stitchless di Herno per la prima volta è stata applicata la saldatura a ultrasuoni. «Si evita la fuoriuscita di piume dall'impalpabile nylon mat e si ottiene un capo impermeabile e traspirante ma senza cuciture né bottoni di sorta» dice il presidente Claudio Marenzi spiegando come i tessuti che derivano dall'activewear possano assumere, grazie alle nuove ricerche, un volto urbano. E diventare insostituibili compagni del businessmen che in un anno sale e scende da centinaia di aerei e deve fare i conti con il disagio di climi poco clementi. D'ora in poi questo signore non potrà fare a meno neppure della felpa Easy Travel che Blauer Hi.Tech ha trasformato da capo nato per il mondo delle due ruote a protagonista permanente di uno stile di vita frenetico. È realizzata in neoprene e corredata di una membrana wind-stopper, e inoltre ha in dotazione un cuscinetto per aereo che si sgonfia e si ripone in una taschina del cappuccio. «Inutile dire che una volta gonfiato, il cuscinetto è usabile anche da solo» sottolinea Giuseppe D'Amore, amministratore delegato e socio di FGF ma anche mente creativa del mondo hi-tech di Blauer. «Noi vogliamo vestire un uomo normale, termine che adoro e che non trovo negativo» sostiene Francesca Tegon, responsabile ufficio stile, immagine e comunicazione del marchio Seventy definendo il suo concetto di modernità. Per le giacche, modelli rassicuranti e sartoriali ma in materiali altamente performanti come il jersey di lana doppiato con un film tecnico che ripara dal freddo ma lascia al tessuto la sua celebre elasticità. Per il piumino, icona del bel vestire all'italiana, la lana agugliata con un disegno soft. Stiamo assistendo a una vera rivoluzione se è vero che l'ultima frontiera di questo insostituibile capospalla è un modello firmato Roy Roger's fatto con il classico Oxford da camiceria, impermeabilizzato e imbottito con piuma d'oca.