Il pm di Mps parla troppo: indagato

Chi tocca il Pd va nei guai. Natalini avrebbe svelato segreti sull'inchiesta a un legale suo amico, che era intercettato

Quasi non ci si crede: hanno inviato un avviso di garanzia ad uno dei pm di Siena che indaga sullo scandalo del Monte dei Paschi. Verrebbe da sorridere. Ma come, già l'indagine è esplosa in ritardo ed è andata avanti a rilento, poi è saltato fuori, nello scetticismo generale, che la famosa tangente su Antonveneta sarebbe solo fantasia. Adesso si scopre che il pm Aldo Natalini avrebbe, il condizionale è d'obbligo, ricevuto un provvedimento giudiziario per violazione del segreto istruttorio. Parlava a ruota libera il magistrato, solo che il suo interlocutore, l'avvocato Samuele De Santis, era intercettato dalla procura di Viterbo per tutt'altra storia. Risultato: De Santis è stato arrestato, le conversazioni telefoniche a briglia sciolta, di cui ha dato notizia ieri il Giornale d'Italia, avrebbero azzoppato Natalini che cercava di venire a capo del pasticcio miliardario del Monte.

Nessuno si permette di sindacare l'operato dei pm di Viterbo, ma fa una certa impressione - se l'indiscrezione sarà confermata - sapere che chi s'infila sulla pista delle tangenti rosse, per un motivo o per l'altro, finisce nei guai. Se invece sei un giudice del Cavaliere, tanto per citare a caso, qualunque fesseria viene perdonata e finisce rapidamente in archivio. Se n'è avuta l'ennesima prova l'altro ieri quando l'incredibile intervista concessa dal presidente del collegio Mediaset Antonio Esposito al Mattino di Napoli è stata prontamente neutralizzata da un coro di autorità varie, dai vertici della Cassazione a quelli dell'Associazione nazionale magistrati, pronti a spiegare che sì, l'uscita di Esposito è stata intempestiva, inopportuna, fuori misura, ma comunque non avrà conseguenze né sul piano disciplinare né su quello processuale.

Intendiamoci, può anche essere che sia così e però certi accostamenti stridono. Quando si scava, diciamo così, sul fronte delle mazzette rosse e post rosse, c'è sempre una sorpresa, un impiccio, un pm che perde la trebisonda, un morto che muore al momento giusto. Ricordate la tangente da un miliardo di lire destinata a Botteghe Oscure? Pochi giorni fa, Antonio Di Pietro ha svelato che il nome del destinatario avrebbe dovuto farglielo Raul Gardini. Ma la mattina fissata per l'interrogatorio, il 23 luglio di vent'anni fa, Gardini si sparò e portò, come si dice in questi casi, il segreto nella tomba. Quando poi la procura di Milano si è imbattuta nei furbetti del quartierino e nelle scalate bancarie dell'Unipol di Francesco Consorte, con tifo annesso di Fassino e D'Alema, è successo di tutto. Per una volta è saltata la testa di un magistrato, il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro, che passava allegramente informazioni al collega milanese Francesco Castellano, a sua volta amico di Consorte. Poi, quando le intercettazioni dei big del partito sono emerse, la stessa procura ne ha disposto la consultazione in una sala blindata in cui gli avvocati potevano entrare solo dopo essere stati identificati. Una rete di sicurezza mai vista. Ora viene colpito uno dei pm di Siena, oltretutto nelle stesse ore in cui Esposito dà il via ad un penoso show: anticipa in corsa le motivazioni che il relatore deve ancora scrivere, poi tenta di buttare la croce addosso al giornalista che si sarebbe inventato i passaggi più problematici del colloquio e viene così ricoperto di ridicolo dal direttore del Mattino Alessandro Barbano che pubblica sul sito del quotidiano la parte più scottante dell'intervista. Un capolavoro che però viene chiuso in tempo reale dai colleghi del giudice. Ansiosi di seppellire l'incidente sotto la calura estiva. E solo l'insistenza di alcuni membri laici ha fatto accendere sul caso i riflettori del Csm.

Chissà che succederà a Natalini. La procura di Siena ha diramato un comunicato a difesa del magistrato, minacciando querele: «Non è mai venuto meno – recita – ai suoi doveri di riservatezza». E da ambienti legali di Viterbo sembra, anzi, che il caso stia per essere archiviato. Certo, le ragioni dell'avviso di garanzia non sono ancora chiare. Però non è difficile capire com'è andata. Natalini e De Santis erano amici e erano stati compagni di corso all'università: così al telefono il primo raccontava al secondo l'inchiesta del momento, magari allargandosi troppo e arrivando, a quanto sembra, a sottolineare gli stessi punti deboli dell'indagine e le possibili strategie difensive del Pd. Un'imprudenza, ma la «lezione» di Natalini è stata ascoltata da una sola persona, l'intervista di Esposito è stata compulsata da tutta Italia. Si vedrà, non tutto è chiaro a Siena, anche perché, tanto per cambiare, la vicenda è passata sotto silenzio. Fosse successo a Milano, chissà che clamore ci sarebbe stato. Ma una cosa è sicura: quando si toccano i fili rossi, i pm s' incartano. E il più delle volte fanno flop.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 08/08/2013 - 09:06

ecco che succede! i comunisti sono sotto indagine, e guai a trattarli male. cose come queste, su berlusconi, accadono ogni giorno, e nessuno ha obiettato! COME MAI?????? porca puttana, come mai questi due sistemi e due misure??? ma chi cazzo si credono di essere questi mafiosi comunisti???

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 08/08/2013 - 09:15

Il PM di MpS dovrebbe essere messo in galera senza neanche il processso. E' palesemente un complice della banda comunista che ha saccheggiato e sputtanato la Banca più antica del mondo. Il PdL mobiliti il suo popolo e lo inviti in massa a presidiare la sede di Siena per favorire la cacciata dei Ladroni dal tempio!

meverix

Gio, 08/08/2013 - 09:35

Io non mi stupisco di niente. Anzi, sono convinto che l'indagine MPS finirà in prescrizione e a pagare saranno tutti i cittadini indistintamente (si chiama socializzare le perdite).

meverix

Gio, 08/08/2013 - 09:36

Io non mi stupisco di niente. Anzi, sono convinto che l'indagine MPS finirà in prescrizione e a pagare saranno tutti i cittadini indistintamente (si chiama socializzare le perdite).

giovanni PERINCIOLO

Gio, 08/08/2013 - 09:37

E continuavano a chiamarla "Giustizia"! Alleluhia!

soldellavvenire

Gio, 08/08/2013 - 09:41

il magistrato "parla troppo"? è la prova che gli imputati sono innocenti! si archivi, dunque ahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 08/08/2013 - 09:43

Il PD è la vera e incredibilmente ramificata MAFIA di questo paese. Mafiosi siciliani o camorristi campani sono solo dei bambini birboncelli a confronto.

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 08/08/2013 - 09:44

Non è che lui parli troppo, sono troppi quelli che ascoltano. evvivailcomunismoelalibertà

WoodstockSon

Gio, 08/08/2013 - 09:55

Ve ne racconto una, ma già, penso la conoscete. Sul "Giornale" io leggo, soprattutto per vicende politiche, commenti pro o contro di elementi di destra e di sinistra, ognuno può dire la sua, ma comunque sono due sponde che si confrontano, vedo che qui vengono ospitati anche commentatori non di destra. Premetto che sono neutrale, nè di dex e nemmeno di six, l'elemento peggiore direte voi, vabbè. Poi vado su "Repubblica" e fra i commenti politici mi sparassi se ne trovo uno di destra, tutti di sinistra, naturalmente con scappellamenti vari all'articolista di turno. Ho provato a farmi pubblicare un commento che naturalmente era in disaccordo al parere dell'autore dell'articolo, niente, o non l'hanno ricevuto(ma scemo non sono) o l'hanno censurato. Commento! Repubblica e naturalmente il PD, vogliono che tutti gli italiani siano di sinistra. Chiaramente tutto questo è indicatore della mentalità di questa sinistra e della sua Giustizia a senso unico. E che qualche bolscevico provi a smentirmi.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Gio, 08/08/2013 - 10:00

Ma è possibile che un pm - dico, un pm! - ancora nutrisse delle illusioni sulla riservatezza delle conversazioni telefoniche, in un paese che, proprio per colpa della sua categoria, somiglia sempre più alla Germania Est de "Le vite degli altri"?

Ritratto di komkill

komkill

Gio, 08/08/2013 - 10:17

Le intercettazioni telefoniche in Italia hanno due scopi: 1) sono l'unico strumento investigativo che dispongono i nostri pm che non brillano certo per acume ed altre capacità che invece dovrebbero avere; 2) sono anche un modo per aiutare telecom italia, baraccone elefantiaco carico di nullafacenti molto più di altre pubbliche amministrazioni. Un colpo al cerchio e uno alla botte ;)

erasmo

Gio, 08/08/2013 - 10:20

Autore del fumetto luigipisu aspetto il tuo commento. I nazifascisti al confronto dei comunisti erano dei gran liberali. Ma i comunisti non sono stati programmati per amare la LIBERTA', sono stati programmati per odiare e invidiare gli uomini liberi: non lo sanno, perchè non possono saperlo (sono gli unici che possono non sapere), ma ci ha pensato il partito a scaricare nei loro craniovuoti il programma ad hoc. Il partito ha creato per loro la lepre Berlusconi da inseguire e quelli gli corrono dietro come cani rabbiosi. Mi fanno pena per la loro condizione di schiavi. L'unica cosa buona è che nel programma scaricato nel loro craniovuoto ci sono files per convincerli che sono loro a pensare quello che dicono, quindi sono sereni su questo. Saranno disattivati quando non serviranno più, perchè il partito potrebbe trovarsi di fronte a una rivolta dei suoi robot: però credo impossibile la cosa, il programma è perfetto e lo dimostrano i commenti dei craniovuoti ai miei interventi.

Ritratto di Scassa

Scassa

Gio, 08/08/2013 - 10:27

scassa giovedì 8 agosto Caro Morettini ,la sinistra naviga nell'illegalita' dal tempo delle mele verdi !!! Tutto ciò che transita in loro prossimità viene pelato al vivo e tutto nel loro interesse . Sono i più grossi latifondisti ,,proprietari di banche ,giornali,televisioni ,industrie pesanti ,università ,fondazioni ,istituzioni ,e menti umane formate fino dalla più tenera età ,vedi via delle Frattocchie . Il comunismo e' nato per difendere i diritti dei lavoratori ,oggi ,dopo il fallimento planetario vive e delinque solo per difendere se stesso e il suo pingue bottino ! Dei lavoratori e della giustizia non gliene frega un emerito CAZZO !!!!!!! In mano a costoro sono rimaste la Cina ,Cuba ,Corea e Italia . Come può attecchire un governo liberale ? Siamo morti e non lo sappiamo !

angelo piras

Gio, 08/08/2013 - 10:29

Non oso più scrivere commenti con parole mie. Il censore accetta da me soltanto coppia e incolla

lupo solitario24

Gio, 08/08/2013 - 10:31

guardate che è una tipica situazione che troverete nei sistemi giudiziari post-comunisti est -europei e balcanici dove non c'è stata una qualche minima lustrazione. In Bielorussia o Ucraina è molto, ma molto peggio. In Slovenia a dirigere la giustizia ci sono due quadri di vecchi stampo comunista, che nel regime condannavano chiunque osava parlare male del comunismo. Uno dei due era dedito ai massacri esercitati sul confine italiano è - dicono - aveva orgasmi ideologici quando qualcuno veniva ammazzato perché voleva scappare dal regno rosso sulla terra la Jugoslavia. E questo fino agli anni novanta. Per quello mi preoccupa non poco questa deriva molto post-comunista est-europea o balcanica. Quando il cittadino inerte comune comincia ad aver paura è troppo tardi, come è già tardi, quando chi è di sinistra ritiene di poter vomitare oddio sapendo di essere "tutelato".

Ritratto di Scassa

Scassa

Gio, 08/08/2013 - 10:35

scassa giovedì 8 agosto Caro Morettini ,la sinistra naviga nell'illegalita' dal tempo delle mele verdi !!! Tutto ciò che transita in loro prossimità viene pelato al vivo e tutto nel loro interesse . Sono i più grossi latifondisti ,,proprietari di banche ,giornali,televisioni ,industrie pesanti ,università ,fondazioni ,istituzioni ,e menti umane formate fino dalla più tenera età ,vedi via delle Frattocchie . Il comunismo e' nato per difendere i diritti dei lavoratori ,oggi ,dopo il fallimento planetario vive e delinque solo per difendere se stesso e il suo pingue bottino ! Dei lavoratori e della giustizia non gliene frega un emerito CAZZO !!!!!!! In mano a costoro sono rimaste la Cina ,Cuba ,Corea e Italia . Come può attecchire un governo liberale ? Siamo morti e non lo sappiamo !

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 08/08/2013 - 10:37

Per fortuna alla "GIUSTIZIA" umana si contrappone talvolta un'altra più profonda giustizia, che anche i furbetti sinistri non possono prevenire. La "Giustizia sinistra" ha vinto, ma sta uscendo dalla lotta con le ossa rotte, svilita da un'immagine di parzialità e totale inaffidabilità. Quanto alla "filosofa" del PD che ci ha fatto ridere molto in TV cerchi di ragionare un poco su Montesquieu, del quale non ha capito molto. Studi e rifletta prima di parlare e cerchi di non confondere il pensiero politico del beneamato filosofo e la realtà italiana. Se non avverte la differenza cambi "lavoro", non fa per lei.

lupo solitario24

Gio, 08/08/2013 - 10:42

Quando dico che noto nella giustizia una deriva sempre più post-comunista est-europea e balcanica penso proprio a ciò. Sono d'accordo che in Bielorussia, Ucraina, Slovenia, Croazia, Romania è peggio, ma credo che l'Italia dovrebbe avere come modello le democrazie occidentali e non il sistema giudiziario post-comunista est europeo o balcanico, dove come in Slovenia vecchi quadri comunisti che nel regime colpivano chiunque non si adeguava al regime come Fiser o Malesa sono a capo della giustizia. Uno dei due era dedito ai massacri avvenuti fino all'inizio degli anni 90 sul confine Italiano. Ogni volta che veniva ammazzato qualcuno - testimonianze ci sono - che voleva scappare dal paradiso rosso jugoslavo , veniva colpito da un orgasmo ideologico estremo. Perciò dico, che quando il cittadino comune inerme incomincia ad avere paura della giustizia se non è dalla parte "giusta" è già troppo tardi, come è già tardi quando persone di una parte reputano che possono in pubblico vomitare oddio verso l'altra parte sapendo che sono "tutelati".

lupo solitario24

Gio, 08/08/2013 - 10:42

Quando dico che noto nella giustizia una deriva sempre più post-comunista est-europea e balcanica penso proprio a ciò. Sono d'accordo che in Bielorussia, Ucraina, Slovenia, Croazia, Romania è peggio, ma credo che l'Italia dovrebbe avere come modello le democrazie occidentali e non il sistema giudiziario post-comunista est europeo o balcanico, dove come in Slovenia vecchi quadri comunisti che nel regime colpivano chiunque non si adeguava al regime come Fiser o Malesa sono a capo della giustizia. Uno dei due era dedito ai massacri avvenuti fino all'inizio degli anni 90 sul confine Italiano. Ogni volta che veniva ammazzato qualcuno - testimonianze ci sono - che voleva scappare dal paradiso rosso jugoslavo , veniva colpito da un orgasmo ideologico estremo. Perciò dico, che quando il cittadino comune inerme incomincia ad avere paura della giustizia se non è dalla parte "giusta" è già troppo tardi, come è già tardi quando persone di una parte reputano che possono in pubblico vomitare oddio verso l'altra parte sapendo che sono "tutelati".

lupo solitario24

Gio, 08/08/2013 - 10:50

mi scuso per il doppio post, ma il collegamento fa bizze.

gibuizza

Gio, 08/08/2013 - 10:54

@WoodstockSon - confermo! Anch'io sto verificando il comportamento di Repubblica.it e mi diverto a inviare commenti volutamente critici e duri (spesso motivati) nei confronti dei personaggi o dei giornalistidi di sinistra, mai pubblicati. Se invece inizio il commento con un plauso al giornale o al giornalista e ironizzo allora passo tranquillamente. Per quanto rigurda i commenti della sinistra passano tutti, compresi quelli estrememente offensivi e razzisti.

gioch

Gio, 08/08/2013 - 10:59

La Forleo avrà fatto carriera?

Cosean

Gio, 08/08/2013 - 11:16

@ WoodstockSon Chi sono i commentatori non di Destra? Ho paura che si diventa non di Destra dai commenti che non ti aggradano! Ti ricordo che Destra e Sinistra sono indipendenti dalle vicende personali di Berlusconi! Credo che tu intenda invece che se non coincidono con il volere di B. si diventa di sinistra! E' il tuo criterio forse che è distorto!

WoodstockSon

Gio, 08/08/2013 - 11:38

Ehi Cosean, non me la menare, ho già detto che nn sono ne di dex, nè di six, sò soltanto che i miei commenti qui passano, su Repubblica.it no. E se nn mi credi prova ad andarci e a criticarli un tantino, vedrai da te. Io qui ho visto un sacco di commenti contro Berlusconi, su Repubblica non ne ho visto uno a favore. Evviva la Libertà, ma scommetto che tu non sai nemmeno cosa sia.

angelo piras

Gio, 08/08/2013 - 11:44

@gibuizza e WoodstockSon. Nei giornali e nelle aziende di CDB non lavora nessuno della destra. Al contrario, nelle aziende e nei giornali di B. lavorano centinaia di sinistra. Questa è la chiave della morale.

angelo piras

Gio, 08/08/2013 - 11:45

commento inviato alle 11:45

Triatec

Gio, 08/08/2013 - 12:02

La magistratura che ha utilizzato tempo, denaro, teoremi, supposizioni con interpretazioni molto discutibili, per incastrare Berlusconi, nel caso MPSiena usa lo stesso metodo, ma al contrario. Fa salti mortali per dimostrare l'estraneità del PD. Stanno perdendo la faccia, la credibilità è tanto che l'hanno persa.

swiller

Gio, 08/08/2013 - 12:14

Quando le sinistre fanno parte del gioco, insabbiare è obligatorio.

erasmo

Gio, 08/08/2013 - 12:15

Autore del fumetto luigipisu, sveglia! Aspetto il tuo commento.

erasmo

Gio, 08/08/2013 - 12:16

Autore del fumetto luigipisu, sveglia! Aspetto il tuo commento.

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 08/08/2013 - 12:24

@ erasmo analisi perfetta. Se non fossero pericolosi i poveri acefali di sinistra mi farebbero pena.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Gio, 08/08/2013 - 12:39

L'indagine MPS finirà in un ballon d'essai non foss'altro perchè vede coinvolti in egual misura sia il cdx che il csx. A detta di cronisti giudiziari anche il coordinatore Denis Verdini è coinvolto nell'affaire senese.

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 08/08/2013 - 12:55

Ecco, ne abbiamo subito chiamato uno di questi acefali sinistrati... Complimenti leopardi50, vinci il premio utile idiota delle 12:55.

agosvac

Gio, 08/08/2013 - 13:12

La cosa strana è che, finora, nessuna reale indagine è stata fatta contro i vertici del Pd che hanno sempre manovrato Mps, sia fondazione che banca.Forse questo è un avviso ai naviganti: egregi magistrati di Siena, state attenti che chi smuove troppo le acque è destinato ad annegare!!!

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 08/08/2013 - 13:24

leopardi50, strano che i compagni abbiano fatto partecipare allo scempio MPS l'onesto Verdini! Certo tra banditi......... Daltronde per riconoscere una buona pezza occorre un buon commerciante!

Ritratto di ultimo59

ultimo59

Dom, 11/08/2013 - 09:10

credetemi non ci capisco + niente cosa sta succedendo in italia.chiedo aiuto. vi prego fatemi capire. una cosa mi piacerebbe sapere CHI CI può RISOLLEVARE DI QUESTA SITUAZIONE.

enigmatico66

Lun, 02/12/2013 - 13:09

No, non ci credo! Di sicuro sono stati gli Alieni a riferire quelle notizie riservate! A Potenza si pensa che gli alieni forniscono notizie d'indagini a (pseudo) giornalisti di Rai 3 e dintorni!!!!

angelovf

Lun, 02/12/2013 - 18:26

Se questo giudice è fuori dal coro di certi giudici poco giudici, perché non facciamo una manifestazione in difesa di questo giudice che forse non è di MD. Sarebbe un dovere verso un persona della magistratura, una volta tanto come piace al popolo nostro, FI.