"Tra pochi mesi si vota". Berlusconi lancia la sfida ma in privato si sfoga: ora colpiscono i miei figli

Il Cav pensa che Renzi non reggerà l'urto delle Europee: "Referendum sul terzo governo non eletto". E guarda alla prossima campagna elettorale: "Torno a Palazzo Chigi e tolgo l'Imu"

Roma - «Dopo di me, colpiscono anche i miei figli». In pubblico si guarda bene dal parlarne, non tanto perché davvero lo reputi opportuno quanto per evitare che possa scattare la ghigliottina del tribunale di sorveglianza che può sempre revocargli i servizi sociali. In privato, però, Silvio Berlusconi è tranchant: al punto dal parlare apertamente di «magistrati in campagna elettorale», contestando non solo le «incredibili richieste» a carico di Fedele Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi (ieri, nell'ambito del processo Mediatrade, i pm di Milano hanno chiesto tre anni e quattro mesi per il primo e tre anni e due mesi per il secondo) ma pure la «tempistica». Secondo il leader di Forza Italia, dunque, non solo c'è stato un cambio di livello – perché, è il senso del ragionamento, la procura di Milano «punta ora sulla mia famiglia» – ma si è anche scientificamente deciso di far esplodere il caso a poco più di 48 ore dal voto.
L'ex premier, insomma, continua ad essere convinto che, ottenuta la sua condanna con tanto di affido ai servizi sociali, l'obiettivo siano ora le sue aziende e la sua famiglia. Altrimenti – questa la riflessione fatta ieri in quel di Palazzo Grazioli – non si spiegherebbe un pm che nella requisitoria ammette l'estraneità ai fatti di Confalonieri e Piersilvio Berlusconi per poi chiederne una condanna ad oltre tre anni di carcere. Non è un caso, dunque, che la responsabile comunicazione di Forza Italia Deborah Bergamini lo definisca «un modo diverso di fare politica» che «non prevede né interviste né comizi» ma «che è ormai altrettanto collaudato». «Come nei regimi asiatici – attacca Augusto Minzolini – vengono perseguitati anche figli e amici, la cui unica colpa è il rapporto filiale o amicale». Insomma, dice Giovanni Toti, «questa è una campagna elettorale falsata».
Nonostante questo, anche ieri Berlusconi ha continuato la sua maratona elettorale tra tv (in mattinata Omnibus, a sera Matrix e in mezzo le interviste a Tg4 e Tg1) e comizi. Ieri era a Roma al Palazzo dei Congressi dell'Eur ha parlato per quasi un'ora e mezza, oggi invece alle 19 è atteso all'Auditorium di via Corridoni a Milano per la chiusura della campagna elettorale.
Tutte occasioni per continuare con gli affondi a Beppe Grillo e, soprattutto, a Matteo Renzi. Il cambio di passo di ieri, infatti, sembra essere un Berlusconi che decide di spostare il mirino sul segretario del Pd e che vede il suo governo decisamente «a rischio» dopo il voto di domenica. Un esecutivo, o definisce, di «dilettanti allo sbaraglio». E ancora: «Voglio dire chiaro che noi eravamo, siamo e saremo all'opposizione di un governo che ha il volto giovane di Renzi ma che fa solo cose di sinistra». In particolare «sulla politica economica», con «l'aumento delle tasse sulla casa e dell'imposta sui risparmi». Il voto di domenica, aggiunge, «è anche un referendum su quanto fatto da questo esecutivo». In chiave futura, visto che il leader di Forza Italia guarda già alle prossime politiche («che si terranno di qui ad un anno») al punto di elencare i provvedimenti che porterà nel primo Consiglio dei ministri (dall'abolizione dell'Imu alle pensioni minime a mille euro). Un Berlusconi, dunque, che seppure implicitamente non esclude affatto che il risultato delle elezioni europee possa pesare sulla sopravvivenza del governo. Con un ritorno alle urne magari già ad ottobre, al più tardi entro un anno.
Poi ce n'è anche per il leader del M5S che, «parla solo di distruzione». E per l'Europa, perché «la Bce deve iniziare a svalutare l'euro e riportarlo alla parità con il dollaro». Infine, la presa di distanza da Jean Claude Junker, candidato «tedesco» del Ppe alla presidenza della Commissione Ue. «Ho delle perplessità personali sull'uomo», spiega Berlusconi. Al Palazzo dei Congressi dell'Eur di Roma, però, non c'è più tempo. Perché, spiega l'ex premier quando sono ormai passate le 20.30, «devo scappare» che «se per le 23 i carabinieri non mi trovano in casa ad Arcore mi portano a San Vittore...».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 23/05/2014 - 08:26

in perfetto stile mafioso: sappiamo infatti che la mafia, quando non può colpire un avversario ben protetto, colpiscono nei punti deboli: la famiglia per esempio.... :-) ecco perché parlo di mafia della sinistra! oltre a quei casini che hanno fatto: mps, expo 2015, tangenti di greganti, la banca di fassino, ecc.... e nessuno, guarda caso, è stato condannato! anzi, la sinistra continua a stare al suo posto nonostante la legge sull'incandidabilità! che falsi!

Ritratto di pipporm

pipporm

Ven, 23/05/2014 - 08:50

Un padre preoccupato dei comportamenti dei propri figli è una cosa normale ed umana. Auguro lui che possano recuperare sull'esempio del papà.

Ritratto di Tristano

Tristano

Ven, 23/05/2014 - 08:56

"Torno a Palazzo Chigi e ....." Ti ricordo che sei un delinquente pregiudicato e per 6 anni non puoi amministrare la cosa pubblica, considerato che hai frodato lo Stato per oltre 350 milioni di euro.

Ritratto di Tristano

Tristano

Ven, 23/05/2014 - 08:57

Hai paura per i tuoi figli ? E fare una bella riunione di famiglia per dire loro di non delinquere, no ????

Ritratto di Antonello1971

Antonello1971

Ven, 23/05/2014 - 09:04

Se tu sei un delinquente ed hai messo i tuoi figli nella condizione di delinquere ora cosa vuoi? vi piace la ricchezza? benissimo, ma esistono anche vie legali sai?

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 09:12

E del fratello Paolo no?!

roseg

Ven, 23/05/2014 - 09:24

Ci risiamo... e per le figlie possibile non si riesca a trovare nulla,una piccola evasione dai sforzatevi...qualche imputazione per Dudù no??? Non ci resta che ridere.

Agostinob

Ven, 23/05/2014 - 09:43

Sotto le elezioni i rimborsi della sinistra per i post anti Berlusconi sono saliti a 2 euro l'uno. Ecco perché tornano con le solite due righe e senza alcun concetto a supporto di quanto scrivono, tutti i "pagati" onesti comunisti.

minestrone

Ven, 23/05/2014 - 09:44

Dai corvi non nascono colombe

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 10:07

@ Agostinob - Questo e gratis!........ Nel 2002 Paolo Berlusconi, socio di maggioranza della Simec (società di gestione della discarica di Cerro Maggiore, di cui era già stato proprietario il fratello Silvio) è stato indagato per vari reati come falso in bilancio, truffa e corruzione; l'inchiesta si è risolta con il patteggiamento di una condanna ad un anno e nove mesi di reclusione ed il relativo pagamento di 49 milioni di euro. A fine giugno del 2009 la decima sezione del Tribunale civile di Milano condanna Paolo Berlusconi e la S.E.G. (Società Europea Golf) a risarcire in solido 4 milioni e mezzo di euro al Comune di Pieve Emanuele, più centocinquantamila di spese legali, con una causa civile che segue di molti anni l'inchiesta penale sfociata in diversi patteggiamenti[1]. Il 12 gennaio 2010 viene condannato in via definitiva ad ulteriori 4 mesi per false fatturazioni. La pena complessiva (due anni e un mese) supera il limite per avvalersi della sospensione condizionale, ma viene sospesa essendo i reati coperti da indulto[2][3]. Durante la trasmissione di Michele Santoro Servizio pubblico del 29 dicembre 2013, il collabolatore di giustizia Carmine Schiavone lo ha nominato come uno dei principali responsabili del traffico dei rifiuti tossici, anche nucleari, in Campania.

roseg

Ven, 23/05/2014 - 10:14

xgerico anche stamani dimenticato il cervello sul comodino...

Agostinob

Ven, 23/05/2014 - 10:31

XGERICO Io non ho l'abitudine di parlare andando a pescare le notizie sul web ne tantomeno di prendere le parole di chiunque (anche le mie) per oro colato. Se io parlassi male di Lei sarebbe quasi scontato visto che non la pensiamo allo stesso modo. Ma non è che parlando male di Lei vi sia la certezza che io dica il vero. Quindi, portare a garanzia di un pensiero il fatto che Schiavone in una trasmissione di Santoro abbia dato contro il fratello di Berlusconi, mi scusi, ma secondo Lei è da prendere per oro colato? Se io dicessi, in una trasmissione, che Lei è un delinquente, basterebbe perché Lei lo sia davvero? Eppoi, mi scusi, che c'entra Paolo con Silvio? Mi fa una sparata (senza precisare la fonte) di qualcosa letto in rete, che riguarda Paolo e, anche se ovviamente non saremo mai d'accordo, il fatto che sia stato condannato con tutto quanto ne segue, non significa nulla, trattandosi della famiglia Berlusconi. Lei sorriderà ma la giustizia che riguarda questa famiglia non è la stessa del MPS, di Greganti e di un elenco che sarebbe infinito a sinistra. Ma per questa è tutto assolutamente corretto, dall'altra parte...sono balle. Circa la condanna per la Società europea Golf, società di Paolo, Lei la mette assieme per far numero ma non c'entra nulla col resto. E' come se io andassi a rubare e poi prendessi una multa e sui quotidiani dicessero che oltre aver rubato ho anche preso la multa. Io sarò anticomunista ma anche Lei, con Berlusconi, ce l'ha per partito preso. Faccia il bravo che la vita è una e passarla meglio è cosa saggia. Circa il Suo post gratis: Le credo, ma ciò che ho detto è vero. Cordialità

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 10:45

@Agostinob- la stessa cosa vale quando lei afferma che cè gente pagata per scrivere post! Nevvero?!

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 10:53

@AgostinobScrive: XGERICO Io non ho l'abitudine di parlare andando a pescare le notizie sul web ne tantomeno di prendere le parole di chiunque (anche le mie) per oro colato...............Mi scusi le mie le prende per oro colato e le sue no?! Allora che scrive a fare???

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 10:55

@oseg - 10:14 - No! aspetto che tu me lo restituisca dopo che hai finito la visita dal neuropsichiatria!

Agostinob

Ven, 23/05/2014 - 11:30

XGERICO: quando affermo che 2 euro è il compenso non dico cose sbagliate, altrimenti non le direi. Che ci creda o no, c'è gente pagata per questo. Io non prendo per oro colato le Sue parole ma piuttosto è Lei che prende per oro colato ciò che viene scritto in rete, quello che viene detto da Santoro e per di più da un collaboratore che ha tutto l'interesse a dire ciò che dice. Tant'è che lo riporta a supporto. Lei porta a Suo supporto qualcosa a cui non dà credito o a cui non crede? Sinceramente, cosa pensa gliene importi ad un collaboratore pentito di dire balle se questo può portargli un vantaggio di migliore trattamento? Se io fossi un pentito di mafia e mi garantissero vantaggi, da delinquente pensa che me ne fregherebbe qualcosa se mi dicessero di accusare qualcuno? Infine, io scrivo ciò che penso ma non ho mai fatto riferimento a questo o a quell'altro per rafforzare ciò che dico. Le mie parole non sono oro colato perché non siamo noi, quando parliamo, a dare valore alle parole, ma è chi ascolta o legge che valuta se le stesse sono, per lui, giuste o meno. Cordialità

xgerico

Ven, 23/05/2014 - 12:18

@Agostinob-11:30- Ossignor,........... Mi scusi, faccia conto che non le abbia mai scritto, la prego, ogni volta che vede il mio nick MI EVITI! Grazie!

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 23/05/2014 - 12:50

sarà che in famiglia siete abituati a fregarvene delle leggi? diciamo che di solito quest'atteggiamento aiuta ad essere considerati dei delinquenti....

Agostinob

Ven, 23/05/2014 - 13:51

XGERICO: se vuole così, rispetto la Sua decisione ma La prego di fare altrettanto, anche perché non ci tengo mai a rispondere; Lei mi tira dentro e per educazione lo faccio. Comunque, se qualcuno vuole o sa analizzare il comportamento del Suo ultimo post, lo faccia per me.