IL PRECEDENTE

La polemica è di pochi giorni fa. All’indomani della sentenza della Cassazione che annullava il proscioglimento di Dolce&Gabbana dall’accusa di aver evaso tasse per 800 milioni di euro, rimandando la maison davanti al giudice, Stefano Gabbana è esploso su Twitter. «Ladri - ha scritto lo stilista sul social network -, non sanno cosa fare per portarci via i soldi».
E ancora: «È proprio vero che in Italia fanno quello che vogliono, a loro piacimento. Sarebbe meglio forse andarsene». Tanto è bastato per scatenare le critiche dei fan del creativo italiano famoso nel mondo, che su Twitter ha 170mila «follower», cioè persone che seguono ciò che scrive. «Vattene pure», ha risposto qualcuno, «dimostra di non essere un evasore invece di attaccare», ha aggiunto un altro, «prima di andare, paga le tasse», ha commentato un terzo. Alla fine, visto il putiferio che ne è nato, Gabbana ha dichiarato di voler «tornare al silenzio su queste vicende che ci ha sempre caratterizzato».