Il premier Letta tentenna sui marò

Il presidente del Consiglio risponde all'interrogazione della Meloni: "Ribadisco l’impegno per la soluzione"

Nel question time alla Camera Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia) con un'interrogazione parlamentare chiede conto al presidente del Consiglio sul caso dei due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, bloccati in India dal febbraio 2012 con l'accusa di aver uccisio due pescatori. Meloni definisce "umiliante" la "sequela di soprusi da parte dell’India sopportati dall’Italia" dopo che ai due militari sono state rivolte "accuse pretestuose".

"L’ho detto nel discorso programmatico - risponde Letta - il rientro in patria è un impegno del nostro Governo. Ho formato subito un comitato di ministri, in cui abbiamo nominato Staffan De Mistura inviato della presidenza del Consiglio in India. De Mistura si è recato in India tre volte in 70 giorni. Il nostro obiettivo resta risolvere la questione in modo equo". Quando la vicenda dei marò sarà conclusa, puntualizza il capo del governo, "dovremo confrontarci per bene su come è stata gestita dall’inizio questa vicenda". Implicita la punzecchiatura a chi c'era prima di lui a Palazzo Chigi (e alla Farnesina). Ma Letta invita tutti a concentrarsi sull'obiettivo: "Dobbiamo evitare polemiche e strumentalizzazioni che potrebbero compromettere il buon esito di questa vicenda che, questo lo so, non lo vuole nessuno dentro e fuori quest’aula". Il premier ricostruisce il procedimento cui sono sottoposti i due militari italiani: oggi, in sede di deposizione, La Torre e Girone hanno ribadito "che operavano come agenti di Stato, come previsto dal diritto, e noi ribadiremo la richiesta di esercitare la nostra giurisdizione sul caso, come dimostra l’apertura di due distinti procedimenti, e di far valere la loro immunità come agenti dello Stato".

La risposta del presidente del Consiglio non "soddisfa" Giorgia Meloni. La parlamentare, nella sua replica, lo dice chiaramente: "Se il polso che muove gli armamenti delle nostre Forze Armate deve essere così debole - ribatte la Meloni a Letta - forse vale la pena di risparmiare i soldi degli F35 e utilizzare quelle risorse per acquistare una bella partita di spaghetti e mandolini. Il gruppo di Fratelli d’Italia non può ritenersi soddisfatto della sua risposta, presidente Letta, e non intende recedere di un passo sulla vicenda dei due fucilieri di Marina indebitamente detenuti in India, perché è una questione che riguarda non solamente la vita di due nostri militari ma la dignità della Nazione. Penso che l’Italia dovrebbe richiamare il nostro Ambasciatore a Nuova Delhi, per evitare di fargli fare altre figuracce, e che dovrebbe rimandare indietro l’Ambasciatore indiano in Italia così evitiamo di farci raccontare altre menzogne". Gesti molto forti, quelli suggeriti dalla Meloni. Sicuramente di rottura. Ma fino ad ora attendismo e mediazione hanno prodotto ben pochi risultati.

"Presidente Letta - prosegue la Meloni - lei ci viene a raccontare quanto dura il procedimento in India quando il vero tema è che quel procedimento non dovrebbe svolgersi in India. Noi siamo stati molto duri nei confronti del governo Monti per come aveva gestito questa situazione, ma alla goffaggine di quell’Esecutivo voi avete risposto con il nulla assoluto. E mi chiedo cos’altro deve accettare l’Italia prima di vedere un sussulto di dignità da parte del proprio governo. Noi abbiamo gli strumenti per far valere le ragioni dell’Italia sul piano internazionale e uno di quelli che avremmo dovuto attivare fin dall'inizio era coinvolgere le Organizzazioni sovranazionali delle quali facciamo parte, perché non facciamo parte dell’Unione Europea solamente per prendere ordini dalla Merkel e non facciamo parte della Nato solamente per mandare i nostri ragazzi a morire in Afghanistan. Noi facciamo parte di queste Organizzazioni anche per avere solidarietà dai nostri alleati nei momenti di difficoltà. E credo che questo sia un tema, presidente Letta, che lei dovrebbe porre a livello internazionale perché non lo farà nessun altro".

De Mistura è in India

L’inviato speciale del governo per i marò, Staffan de Mistura, è arrivato oggi a New Delhi per un nuovo ciclo di incontri con i responsabili indiani. Il diplomatico avrà contatti con il ministero degli Esteri e con quello degli Interni sulle modalità dell’inchiesta a carico dei due fucilieri. Le indagini, condotte dalla polizia anti terrorismo Nia, sono state ritardate dalla richiesta degli inquirenti di interrogare in India gli altri quattro marò del team anti pirateria a bordo sulla petroliera Enrica Lexie. Il governo italiano ha avanzato alcune proposte in merito che sono ora al vaglio del governo indiano. Sulla "questione marò" interviene anche Elio Vito (Pdl), presidente della commissione Difesa della Camera: "Dopo la risposta odierna del presidente Letta al 'question time' alla Camera sulla vicenda dei due marò, ho chiesto che venga in Commissione il Commissario governativo, Staffan de Mistura".

Commenti

G_Gavelli

Mer, 10/07/2013 - 16:10

BASTA!!!!!!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 10/07/2013 - 16:24

Ma chi se ne frega, ci son problemi ben più importanti, non che questi non lo siano, ma c'è un limite a tutto.

gneo58

Mer, 10/07/2013 - 16:35

continuiamo cosi' con questi tira e molla - e' anche per questo che il mondo ride di noi

gigi0000

Mer, 10/07/2013 - 16:42

Letta ha la coda di paglia e tenta di difendere solo sé stesso, mancando della capacità e del carisma per governare seriamente. Ora è sempre molto prudente, ma io non dimentico l'acredine con cui criticava e demonizzava Berlusconi, nonché quel suo sguardo spiritato, lanciando strali contro il Cavaliere. Ora egli si trova nella scomoda posizione che qualche tempo fa occupava appunto Berlusconi, che egli biasimava per le mancate attuazioni di alcune promesse elettorali. Che cosa ha fatto Letta nei primi 100 giorni di governo, ormai prossimi a scadere? Uno dei tanti incapaci SINISTRI BUFONI.

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 10/07/2013 - 16:51

Strano che si tenga a freno il suo blabla... Ah, non c'è motivo di dirsi bravo.

Ritratto di DR JEKILL

DR JEKILL

Mer, 10/07/2013 - 16:52

Bravo GZorzi ! Mi associo.

Raoul Pontalti

Mer, 10/07/2013 - 17:03

Al posto di Letta, visto il testo dell'interrogazione, mi sarei rifiutato di rispondere. Bontà sua, ha risposto e in termini ineccepibili riguardo al contenuto. C'è invece chi fa dello sciacallaggio andando a riprendere gli articoli del Giornale e trasferendone malamente il contenuto nell'interrogazione, di qui la sviolinata di rimando del Giornale alla Meloni. Ma almeno sul Giornale non si leggono sfondoni come questo, corrispondente all'incipit dell'interrogazione in argomento: "da più di un anno i due fucilieri del reggimento «San Marco» della Marina militare italiana, ritenuti responsabili della morte di due pescatori indiani, sono in stato di fermo nello Stato del Kerala, in attesa che gli inquirenti chiariscano la loro posizione", posto che i marò si trovano dallo scorso marzo a Nuova Delhi con la stessa libertà (vigilata) di cui godevano dal giugno del 2012 nel Kerala comodamente alloggiati in albergo. Neanche capaci di fare sciacallaggio con un minimo di ompetenza certi politicanti.

cicero08

Mer, 10/07/2013 - 17:08

Scusate, Letta dovrebbe aver risposto (al posto dell'imbarazzatissimo Alfano) anche su quello che viene chiamato intrigo kasako e non dovrebbe essere stato esattamente tenero. Dove ne riferite?

Mario-64

Mer, 10/07/2013 - 17:09

A sto punto cosa volete che faccia Letta...la frittata e' fatta da tempo ,siamo nelle mani degli indu'.

petra

Mer, 10/07/2013 - 17:14

Ci stiamo facendo proprio una figura..... Non facciamo polemiche, non facciamo richieste, parliamo sottovoce che nessuno ci senta, non facciamo arrabbiare gli indiani mi raccomando. Ma per favore.

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Mer, 10/07/2013 - 17:19

Lasciamolo tentennare ancora, che tra poco ci penserà il duo Bindy_Renzy del PIDDI a sbianchettare i due marò.

petra

Mer, 10/07/2013 - 17:21

Saremo capaci una buona volta di avere un briciolo di coraggio e mettere in atto magari un piccolo ricattuccio, che ne so, paventare il ritiro di tutti gli uomini in forza nell'oceano indiano o qualcosa di simile. Guarda gli indiani come si sono comportati quando avevamo qui a casa nostra i due soldati. Ci hanno subito minacciato. E hanno ottenuto cio' che volevano. Altro che polemiche. Noi come al solito, coda tra le gambe.

Ilgenerale

Mer, 10/07/2013 - 17:37

Che bei tempi quelli in cui avremmo mandato subito 4 corazzate davanti le coste indiani! Ma forse gli Italiani meritano l'estinzione, l'unico leader con le palle che la nostra terra ha espresso in due mila anni lo abbiamo appeso a testa in giù , e ci sono ancora italiani che se ne vantano! Forse meritiamo tutto questo!!!

Ritratto di sitten

sitten

Mer, 10/07/2013 - 17:40

Peccato che oggi non abbiamo un tipo come Benito!

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 10/07/2013 - 17:42

La domanda che vorrei fare è perchè mai il nostro Governo continua ad affidarsi al buon cuore dell'India? Si sarebbero dovuti attivare immediatamente a tutti i livelli internazionali, diplomatici ed economici, per fare pressione sull'India. E' perfino offensivo parlare del "procedimento" indiano come se i nostri soldati e, tramite loro il popolo italiano stesso, fosse inquisito, per di più tramite inganno e falsità, da una nazione di pirati del genere. Il Governo ha avuto il coraggio perfino di dire che loro badano ai nostri soldati prima che alle armi e agli impegni economici! Ma se li hanno rimandati indietro proprio perchè l'India minacciava rappresaglie economiche! Quei due poveracci sono ormai da un anno e mezzo esatto che sono prigionieri di una situazione assurda per incapacità decisionale, diplomatica e l'attenersi stupidamente ad un tran tran burocratico da passacarte dei nostri Governi, perchè ormai la faccenda è da DUE Governi che si trascina a spese dei nostri soldati e delle loro famiglie e dell'onore e del rispetto dovuto al nostro esercito. Sono meravigliato come l'esercito possa tranquillamente subire tutti i pesci in faccia che ha subito finora senza nemmeno protestare, ci sarebbe da pensare che sia composto da vigliacchi. Passi per il rispetto del dovere e verso l'autorità ma ci sono dei limiti anche in un esercito di vigliacchi e di mezze maniche gallonate.

precisino54

Mer, 10/07/2013 - 17:48

Come al solito, Letta rinvia la decisione, e decide di non decidere! Capisco la necessità del non clamore tipica della diplomazia, ma su un punto mi pare che Jr stia mancando: come si fa a lasciare la questione nelle mani del sottosegretario di De Mistura, persona forse degna ma che certamente con il passato esecutivo non aveva concluso nulla, anzi era stato parte integrante di quegli errori di cui tutti sappiamo. Quindi sarebbe stato utile, magari per sottolineare la discontinuità, dare l’incarico a qualcun altro. Oltre tutto la affermazione del premier: negli ultimi 70 gg è andato tre volte in India, doveva rimanere lì e trasferire il suo ufficio a Delhi! Non capisco cosa abbia avuto di così importante da dover tornare in Italia! Dobbiamo fargli sentire la pressione e magari sottolineare ogni momento la questione. Onore sempre ai marò!

VYGA54

Mer, 10/07/2013 - 18:03

Quando si vociferava che i due militari non sarebbero rientrati in India, alle ultime elezioni,che fecero a Nuova Delhi? "Intimarono all'ambasciatore italiano di non lasciare il paese. E' troppo chiedere la stessa cortesia all'ambasciatore indiano fino a definizione della faccenda???

Freeindependent...

Mer, 10/07/2013 - 18:12

Per chi non avesse seguito i servizi di Toni Capuozzo o i recenti sviluppi in rete riporto di seguito la ricostruzione degli eventi del 15 Febbraio 2012 ormai fondaya su moltissimi elementi: 1) L'Enrica Lexie viene avvicinata da una barca pirata che respinge verso le 16.00; 2) Verso le 21.30, all'orario indicato nelle sue prime dichiarazioni da Freddie Bosco, avviene l'incidente tra l'Olympic Flair e quelle che ritiene due barche pirata (quella veramente pirata ed il St. Anthony che era lì a pescare); il St. Anthony viene preso tra i due fuochi e muoiono i pescatori; 3) la gurdia costiera indiana, ancora ignara del report Olympic Flair, avvisata immediatamente per telefono collega gli incidenti e chiede alla Lexie di rientrare; 4) alle 22.20 l'Olymic Flair fa il suo report dell'incidente all'IMO ma nel frattempo tutti sono concentrati sulla Lexie e la nave greca se ne va; 5) il giorno dopo in Kerala si trovano con una nave italiana e ed un governo italiano in posizione servile; 6) il primo ministro del Kerala decide che per vincere le elezioni locali ed estorcere un pò di soldi gli italiani come facile preda vanno bene; 7) di fronte all'ipotesi di avere dei soldi il proprietario del St. Anthony e gli altri pescatori aggiustano (più volte) tutte le loro dichiarazioni; 8) l'indagine farsa tarocca tutti gli orari spostando verso il tardi le azioni italiane e soprattutto anticipando negli orari le azioni indiane. Questa è la situazione. Malgrado si sia trattato di un sequestro di persona in piena regola organizzato da una banda di criminali capeggiata dal primo ministro del Kerala, oggi l'Italia sta ancora cercando di salvare la faccia dell'India. Comunque l'India non potrà che chiedere l'assoluzione dei due marò per non aver commesso il fatto o, alla fine, trasferire la competenza di tutto all'Italia. Thay's all Folks!

Raoul Pontalti

Mer, 10/07/2013 - 18:21

Si generale dei miei fondelli! Bei tempi quelli in cui mandavamo le corazzate a...farcele affondare, come a Lissa e Capo Matapan per citare solo due esempi. Sei appassionato di storia? Ogni tanto te ne vanti. Leggi qualcosa sulle battaglie navali del Mediterraneo che coinvolsero la nostra marina nel secondo conflitto mondiale: non vi troverai una vittoria che sia una, ma solo sconfitte o qualche scontro inconcludente pur essendo la nostra marina in vantaggio numerico. Quella italiana, che si vantava al cospetto del mondo di avere la quarta flotta di superficie e la seconda sommergibilistica, inanellò solo figure barbine nel secondo conflitto mondiale (ma anche negli altri: Lissa). Solo il valore dei singoli o di piccoli gruppi (Betasom, X MAS) riscattò un generale quadro di incapacità, meschinità e vigliaccheria. E Tu vorresti ora che gli eredi morali dell'8 settembre e di tutte le ignobili sconfitte andassero a buscarle davanti alle coste dell'India? che è la quarta potenza militare del mondo e possiede la quinta marina da guerra?. Ma sei fermo alle letture salgariane (non propriamente storiche) o generale! Oppure sei un criminale che vuole vedere centinai di morti italiani su navi affondate e aerei ed elicotteri abbattuti. Evita i colpi di sole e bevi con moderazione il vino bianco, eviterai di dire frescacce.

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Mer, 10/07/2013 - 18:37

Raoul ponte basso hai rotto le gonadi! Ogni volta che appare la foto di una divisa ti si riapre la piaga dell'inabilità alla leva....non hai ancora raccontato perché ti hanno scartato alla visita. Spiegami cosa c'entrano i due marò?....mica è colpa loro se ti diventava barzotto con i maschietti nudi ;-) oppure hai il torace da ragazzina dodicenne? O forse, no no! Sei un ciccione che vive a nutella e hai i piedi piatti....ehh! Eeh!?!

Ilgenerale

Mer, 10/07/2013 - 18:37

BENITO RESUSCITA!!!!

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Mer, 10/07/2013 - 18:50

Raoul casadei pont esperto in lettura! Non sai niente che non sia stato stampato... Sei un esperto bibliotecario ....e basta! Delle operazioni negli anni cinquanta dei nostri parà in Viet Nam, non sai nulla! Di quello che hanno fatto a Lagos dopo il caso Moro meno che meno, di come sia stata acquisita la Garibaldi, ( per davvero) grazie all'operazione nel Mar Caspio da parte dei ragazzi del Varignano, macché sei uno scartato e vivi nel livore, verso le FFAA che non t'hanno voluto! Stai zitto e porta rispetto per chi è riuscito dove tu hai fallito.

mbotawy'

Mer, 10/07/2013 - 19:14

Se non c´e´governo non c´e´rispetto.I due Maro´, due dimenticati, due italiani, e non due clandestini soccorsi in alto mare a Lampedusa.

mbotawy'

Mer, 10/07/2013 - 19:14

Se non c´e´governo non c´e´rispetto.I due Maro´, due dimenticati, due italiani, e non due clandestini soccorsi in alto mare a Lampedusa.

lamwolf

Mer, 10/07/2013 - 19:27

Siamo un popolo governato e guidato da incapaci a tutti i livelli. Una banderuola marcia che prima o poi il popolo stanco di persecuzioni, tasse a iosa, alla distruzione della legalità e della vita economica riporterà l'Italia ad essere un paese DEMOCRATICO che pensa alla salute e alla sicurezza e non alla politica corrotta e marcia.

Aleramo

Mer, 10/07/2013 - 19:37

Raoul Pontalti - "incapacità, meschinità e vigliaccheria"?!? Forse sei tu che hai bevuto. La Regia Marina fu perdente negli scontri notturni perchè gli Inglesi possedevano il radar, e fu quasi sempre perdente negli scontri in mare perché gli Inglesi avevano già all'inizio della guerra decrittato il codice Enigma con cui la Marina inviava le proprie comunicazioni. Questa non è la mia opinione, sono i fatti della Storia. Per quanto riguarda "incapacità, meschinità e vigliaccheria" potresti informarti su Bergamini, Durand de la Penne, Faggioni, Tesei, Cigala Fulgosi per non parlare del Reggimento San Marco (proprio quello dei due marò Girone e Latorre: Tobruck, Tunisia, Cassino).

Ilgenerale

Mer, 10/07/2013 - 19:41

Ragazzi lasciatelo stare RAOUL e' uno di quei poveretti che si fa imboccare le opinioni dal sistema , le sue citazioni storiche ne sono un esempio. Non sto a elencarti gli episodi di ardimento di cui si resero protagonisti i nostri militari nella seconda guerra mondiale perché non mi basterebbe una giornata! Raoul, quando vorrò la tua opinione te ne darò una!

Raoul Pontalti

Mer, 10/07/2013 - 19:50

o pappapere della Peppa (la Peppa che menando la polenta fece venire l'asino e dopo 11 mesi nacque un bel somaro: tu) se vuoi sapere della mia visita di leva vai a vedere il mio foglio matricolare all'ex distretto militare di Trento, poi, quando me ne avrai comunicati gli estremi, ti invierò copia del mio foglio di congedo. Per contro hai ben ragione nel dire che non sono riuscito a compiere certe imprese: non ho mandato al macello né migliaia di uomini e nemmeno uno per la verità, né ho distrutto navi, aaerei, carri, (se non la mia macchina...) di proprietà pubblica, né ho fatto sbellicare il mondo dalle risa per infortuni bellici. Non ho nemmeno abbattuto alcun aereo italiano come invece era costume diffuso nella nostra contraerei che non prendeva mai aerei degli Alleati, ma centrava con precisione i nostri (Italo Balbo...). Le mirabolanti imprese in Vietnam, a Lagos, e sul Caspio raccontacele tu, ti prego, voglio ridere di gusto. Un'ultinma cosa: non ho solo letture come patrimonio culturale, ma anche le testimonianze attinte dalla viva voce di Medaglie d'Oro e di Comandanti dei mezzi d'assalto e dei nuotatori paracadutisti (Nesi e Buttazzoni ti dicono qualcosa?)oltre che di reduci persino della Grande Guerra.

killkoms

Mer, 10/07/2013 - 20:09

@raoulpontalti,tanto acculturato,e poi?tralasci i successi,che assieme alle sconfitte caratterizzano la vita di chiunque!solo che tu enfatizzi solo le sconfitte,senza nemmeno spiegartele! cme scrisse d'annunzio in un messaggio lasciato in una bottiglia durante la beffa di buccari,la fù marina austroungarica,covò troppo a lungo la gloriuzza di lissa!e ben lo dimostrò l'impresa di premuda,nella quale i mas di rizzo e aonzo, andarono"all'assalto"di una flotta di 2 corazzate,scortate da una decinas di cacciatorpediniere!e nostante lo sbarramento del naviglio di scorta la grande corazzata santo stefano,fù affandota,e anche la gemella tegetthoff,colpita,rischiò grosso! pochi anni prima(guerra di libia)la marina italiana aveva dato un'ottima prestazione contro gli ottomani!sbarco sulle coste libiche ed appoggiio alle truppe sbarcate;caccia al naviglio ottomano;scorta dei nostri convogli di rifornimento!addirittura, ci furono straschichi con l'inghilterra poichè durante uno scontro davanti a beirut,dove gli incrociatori garibaldi e ferrucci affondarono 2 navi turche,alcune cannonate finirono pure sul porto della stessa!ebbene,la grande inghilterra,allora alleata tradizionale della turchia,si affrettò a"diffidare" diplomaticamente l'Italia dall'attaccare il territorio metropolitano dell'impero turco!quella stessa gran bretagna che da lì a pochi anni,durante la 1^g.m.,incassò una severa batosta dall'ex alleato in quei dardanelli che invece le torpediniere di millo attraversarono impunemente!hai fatto bene a citare betasom e la x mas,ma ci potevi pure mettere i 2 scontri aeronavali di mezzo giuggno e mezzo agosto del 1942,che pur se confusi videro un maggior numero di perdite britanniche!non è vero che la nostra flotta nel mediterraneo era superiore!ma sopratutto eravamo inferiori dal punto di vista tecnologico,no avendo sviluppato i radar(anche se ne avevamo la possibilità,marconi si accorse del fenomeno della rifrazione poco watson watt!)e nemmeno costruito portaerei,e ciò ci fù di pregiudizio!io non sono tra quelli che vorrebbero tali azioni contro l'india;la politica delle cannoniere è finita da un pezzo!sidovevano muovere le pedine giuste in ambito internazionale,oltre a rendere la vita difficile agli almeno 10.000 clandestini indiani presenti da noi!ma magistratura e cattocomunisti ce lo precluderebbero!sui generali,quelli veri,spiegaci perchè hai tanto apprezzato quel piroli(ammiraglio non generale,excuse moi)che ha stilato un rapporto sull'accaduto,ma che ha avuto recentemente un elogio per la creazione dei nuclei anti pirateria!

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Mer, 10/07/2013 - 20:17

Raoul blablablero giustifica tu il livore e lo spregio...sei un pover uomo che vive di luce riflessa di altrui gesta e quel che conosco io non lo divido con un comunista come te.. Sai non basta esser tra le fila di an come assessore per aver la licenza di dare del pagliaccio a un marò! E impara a guidare la panda, che è l'unica notizia che puoi mettere in pista.... Di sicuro non avevi un 54A come incarico....cucù

-cavecanem-

Mer, 10/07/2013 - 20:36

Aleramo leggi bene la storia, la Regia MArina, era comandata da incapaci. Le prendevano dagli "scassoni" Inglesi per diverse ragioni: poca e cattiva cordinazione con l'aviazione, il continuo contatto radio col comando a Roma..puntualmente intercettato, la povera preparazione in combattimenti notturni...vado avanti? Gl'unici che salvarono la faccia dell'Italia nel conflitto erano la Xmas, propio perche' essendo elite evitavano di lavorare come una banda di deficenti.

Raoul Pontalti

Mer, 10/07/2013 - 20:38

Bravo Aleramo, di notte la Regia Marina era perdente (anche) perché non aveva il radar, ma chi non volle il radar, già preconizzato da Guglielmo Marconi? Proprio quelle teste di coccodrillo di Supermarina, cosicché la nostra era l'unica marina priva di radar tra le maggiori. Per il resto confermi ciò che ho detto: l'eroismo dei singoli vi fu certamente, ma rimase isolato. Nel complesso fu un disastro avvilente oltre che immane. E lo si può cogliere anche da particolari apparentemente insignificanti, come ad es. ai ricavano dalla lettura dei libri di bordo delle nostre unità sommergibilistiche che basta confrontare con gli analoghi documenti delle unità nemiche: infiniti pattugliamenti a vuoto, nessun contatto con unità nemiche anche mercantili, affondamento del sommergibile da bombe di profondità o siluri lanciati da aerei (notizia questa attinta da altra fonte ovviamente), e questa era pressoché la regola, mentre ad es. per i germanici rari i casi di sommergibili affondati al battesimo del fuoco, più comune rinvenire serie nutrite di affondamenti di mercantili, unità da guerra nemiche, persino portaerei. E infatti la Kriegsmarine inviò nel Mediterraneo a darci manforte alcuni U-Boote che affondarono individualente più navi rispetto ai nostri sommergibili dandoci la biada nel nostro mare. Il resto amico mio è retorica perniciosa perché induce a credere nell'esistenza di virù militari che non sono mai esistite nella casta dei militari sabaudi massonici e nemmeno nei loro attuali eredi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 10/07/2013 - 21:37

#Raoul Pontalti. Incredibilmente ci sei ricascato. Il solito anancasmo antimilitarista a prescidere.Boh! Contento Tu... P.S. Non leggi più le e-mail?

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Mer, 10/07/2013 - 21:53

Scusi, Signor scienziato Pontalti, a proposito di Sommergibili, ha sentito parlare del BARBARIGO ??......

External

Mer, 10/07/2013 - 21:58

Il dizionario enciclopedico.

Ilgenerale

Mer, 10/07/2013 - 22:47

Sto lavorando quindi non posso state troppo alla tastiera , comunque Killkoms ti ha riportato episodi significativi, aggiungerei le azioni della decima nel porto di Alessandria dove con SLC siluri a lenta corsa e 6 uomini affondarono diverse tonnellate di naviglio inglese! Caro RAOUL le tue sono le solite chiacchiere disfattiste create ad arte dal "vincitore" dopo la guerra, noi storici le conosciamo bene , le abbiamo dovute sentire per tutta la vita . In quanto alle testimonianze dirette ti farei parlare con mio nonno, e' ancora vivo, ha 94 anni, si è fatto la campagna di Russia da dove è tornato a piedi! Ti farei raccontare degli episodi incredibili di cui siamo stati capaci, compresi episodi in cui abbiamo salvato la buccia ai crucchi!

Ilgenerale

Mer, 10/07/2013 - 22:52

ATTENTOALCANE , sei l'esempio di come si racconta la storia in Italia! Supermarina doveva comunicare attraverso Enigma, purtroppo tutte i msg erano decodificati perché gli inglesi avevano una di queste macchine e i Tedeschi non lo sapevano ! Che c'entra xo' Supermarina???? In più io potrei controbattere dicendo che gli alleati nonostante decodificassero tutti i nostri msg, nonostante avessero il radar e noi no, nonostante avessero circa 6 volte le nostre forze militari , ABBIANO IMPIEGATO 5 ANNI PER AVERE LA MEGLIO SU DI NOI!!!!! Forse i fessi erano loro!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/07/2013 - 01:06

Siamo arrivati al punto che una donna, la Meloni, dimostra di avere più palle di un'uomo. Anzi molti uomini visto che ministri, tecnici e ambasciatori finora non hanno combinato nulla. LETTA STARA' SEGUENDO LA STESSA STRADA DEGLI INFINGARDI CHE L'HANNO PRECEDUTO?

Ritratto di paolocolombati

paolocolombati

Gio, 11/07/2013 - 06:13

Condivido le argomentazioni dell'on. Meloni sino alle virgole. Per sopportare quello che stiamo sopportando dall'India, non solo non servono gli F35, ma neppure le Forze Armate! Paolo Colombati paolocolombati@yahoo.it