Il premier si sente in trappola e scarica il flop su Berlusconi

Letta voleva dimettersi subito ma Napolitano lo rimanda alle Camere. Ora teme di farsi logorare mentre Renzi conquista il Pd. L'affondo sul Cav: è colpa dei suoi guai giudiziari

Questa sera Enrico Letta avrebbe dovuto inaugurare la nuova stagione di Che tempo che fa, in obbedienza a una regola non scritta quanto inflessibile della telepolitica italiana: il presidente del Consiglio in carica, soprattutto se vagamente di sinistra, deve ogni anno baciare pubblicamente la pantofola al conduttore che più di tutti piace alla gente che piace. Ma la festa apparecchiata da Fabio Fazio non poteva capitare in un momento peggiore, per Letta e per il governo che presiede, ormai orfano di cinque ministri e senza maggioranza.
Appena avuta da Alfano la notizia delle dimissioni dei suoi ministri, Letta ha chiamato Napolitano e si è offerto di salire al Colle già in serata per rassegnare le dimissioni. Ma il capo dello Stato ha suggerito un'altra strada, poi riassunta da Palazzo Chigi così: «Il chiarimento deve avvenire in Parlamento, alla luce del sole, di fronte ai cittadini». Sarà dunque il Parlamento a discutere: forse martedì, probabilmente già prima, Letta si presenterà in aula per chiedere e verificare se dispone ancora di una maggioranza. L'esito appare scontato.
C'è un paradosso in questa crisi. Mentre tutti tenevano sotto osservazione Matteo Renzi, considerato il leader neanche troppo occulto del fronte sotterraneo e trasversale che non ha mai amato questo governo e che vorrebbe quanto prima le elezioni anticipate, è stato proprio Letta a imporre alla crisi l'accelerazione poi sfociata ieri pomeriggio, non senza sorpresa tra le file democratiche, nelle traumatiche dimissioni dei ministri del Pdl.
Dagli Stati Uniti, infatti, è tornato un Letta profondamente cambiato, molto meno fiducioso nella possibilità di proseguire decentemente l'azione di governo, e soprattutto sempre più sospettoso: nei confronti di Berlusconi e del Pdl, naturalmente, accusati di aver «umiliato l'Italia per coprire i suoi guai giudiziari», ma anche del Pd terremotato dal congresso e dello stesso Napolitano, la cui volontà di tenere in vita l'esecutivo a tutti i costi deve esser sembrata a Letta più un suicidio assistito che una prospettiva politica praticabile. Da qui la scelta di sfidare il Pdl («Sull'Iva Berlusconi rovescia la frittata», ha twittato Letta nel pomeriggio) e arrivare subito al «chiarimento» (che Napolitano avrebbe preferito far slittare di una settimana, dopo il voto in Giunta su Berlusconi).
È stata proprio la decisione di Letta di intimare al Pdl quel perentorio «prendere o lasciare» che ha occupato le prime pagine dei giornali di ieri a scatenare la controffensiva berlusconiana. Ed è stata la scelta di confermare l'aumento di un punto dell'Iva a consentire a Berlusconi di spezzare la gabbia in cui lo si voleva rinchiudere, quella puramente giudiziaria e personale, per spostare lo scontro sul campo di gioco preferito dal centrodestra: le tasse.
È vero che Letta - o almeno alcuni lettiani - avevano cominciato da un paio di giorni a tifare per la crisi, convinti che l'unico a rimetterci, nel tentativo di scongiurarla, sarebbe stato proprio il premier: ma il piano, se mai c'è stato, prevedeva che fosse Berlusconi a far saltare il tavolo dopo la sua decadenza da senatore, consegnando così a Letta la medaglia di paladino della legalità e l'investitura a leader naturale della prossima santa alleanza anti-Cav.
Già, perché qualcuno aveva ipotizzato uno show down entro l'11 ottobre, in tempo per consentire a Letta di iscriversi alla corsa per la leadership del Pd e salvare il partito dal ciclone renziano.
Ora la partita è assai più complicata. Si sa che Napolitano cercherà in ogni modo di mettere in piedi un Letta-bis «di scopo», che vari la legge di stabilità e faccia (ma nessuno ci crede davvero) la riforma elettorale. Gran parte del Pd è sulla stessa linea, almeno in questa primissima fase. Ma Letta fiuta il pericolo e teme di scottarsi anche di più: se non ha funzionato un accordo organico e di programma con il Pdl, è molto difficile che possa avere successo una coalizione fondata su un pugno di transfughi grillini, Sel e i neosenatori a vita. Dall'unità nazionale si passerebbe bruscamente a un governo gruppettaro, fortemente sbilanciato a sinistra e, con ogni probabilità, destinato alla paralisi sulle scelte decisive.
Per ora Letta veste i panni della vittima inconsapevole (ha fatto sapere che anche i ministri del Pdl erano favorevoli a congelare il decreto sull'Iva), ma il nuovo scenario imporrà presto un cambio di passo. Stretto fra il Colle e un Pd senza guida, Letta si gioca in questi giorni la partita della vita.

Commenti
Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Dom, 29/09/2013 - 08:43

Letta ha provato il ricatto sull'IVA, ma gli è andata male Se fosse stato im buona fede avrebbe fatto il decreto. Allora avrebbe potuto accusare gli altri in caso di mancata conversione. Ma ha voluto provare a fare lo svelto, come già con l'IMU. E ci ha sbattuto la faccia. Dimostrandosi, per l'ennesima volta, politico mediocrissimo.

cirillopas

Dom, 29/09/2013 - 09:04

Il bravo Letta dovrebbe forse ringraziare il Pdl di averlo supportato ancora per una mese (permettendogli tra l'altro di farsi la sua bella tournée negli Stati Uniti e all'ONU). Il Pdl avrebbe dovuto già circa un mese fa chiudere con Letta dopo che questi aveva dichiarato , con bella faccia tosta , alla festa del suo partito per strappare un applauso del suo pubblico che "Non è questo il governo che io volevo". La tanto da Letta amata Merkel alla guida di un governo di coalizione non l'ha mai fatto e mai lo farà.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 29/09/2013 - 09:40

L'IVA l'ha decisa il massone MONTI ricordatevelo sempre e letta è un suo compagno di merende andate ad informarvi, non credete a tutto quello che vi fan vedere in TV o stampa.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Dom, 29/09/2013 - 09:48

Ed ecco l'ennesima caxxata dei bugiatdi di professione pronta e sfornata per il popolo di sua emittenza per essere ingurgitata e assimilata come tutte le altre che oramai ci propinano da diverso tempo.

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 29/09/2013 - 09:48

Pensate che non lo abbiamo capito il governo è caduto non sulle tasse ma sul problema del condannato altro che IVA O TASSE

evergreen ave

Dom, 29/09/2013 - 09:49

Obama e Letta/Napolitano amici di sinistra ma in discesa.

viento2

Dom, 29/09/2013 - 09:52

Letta il burattino del Colle prima di parlare o fare qualcosa telefona o và al colle a prendere ordini oppure fanno cenette intime a quattro insieme ai nemici di Berlusconi tanto x far capire quanto sia imparziale il colle

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Dom, 29/09/2013 - 09:53

Il Presidente Letta, da buon comunista, ha usato l'arma del ricatto, ma gli è andata male. Avrebbe dovuto annullare l'aumento dell'IVA e poi chiedere la fiducia al PDL per il resto dei provvedimenti già concordati in sede di formazione governativa. A quel punto Berlusconi sarebbe rimasto solo o comunque con il cerino acceso in mano. E il Cavaliere, purtroppo, non ha molto tempo ancora, prima dell'esecuzione della "sentenza rossa".

AH1A

Dom, 29/09/2013 - 09:56

gabriellatrasmondi, è invece politico eccellente chi emana un decreto che sa poi che non potrà convertire in legge. Questa modo di fare falso e colpevole è quello che ha sempre portato avanti il Berlusca.

gigi0000

Dom, 29/09/2013 - 10:02

Letta il Temporeggiatore, Letta il procrastinatore, Letta eterno indeciso. Egli non ha combinato niente, avendo soltanto subìto qualche intervento spinto dal CDX, ma è un campione di rinvio, un fuoriclasse della dilazione, un fuoriclasse dell'indecisione, insomma: un turlupinatore!

Klotz1960

Dom, 29/09/2013 - 10:03

Sarebbe bene smetterla di far finta di ignorare che gli USA ed in particolare l'attuale Presidenza odiano Berlusconi. Gli USA sostengono l'impero UE, in quanto piegare Bruxelles e' molto piu' facile che gli Stati Membri uno ad uno, e non hanno perdonato a Berlusconi ne' la politica con la Libia, ne' l'accordo per il gasdotto con Russia e Turchia, ne' la vicinanza con Putin. Tutto cio' sara' stato fatto presente a Letta, che si e' ringalluzzito. Peccato che anche a sinistra sara' scavalcato da Renzi. Tanti cari saluti, Enrico. Il posto di Primo Ministro e' per chi vince le elezioni. C'e' ancora la democrazia in Italia.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 29/09/2013 - 10:03

«umiliato l'Italia per coprire i suoi guai giudiziari» Eh no caro jo condor! Chi ha umiliato l'Italia non é il centrodestra! Chi ha umiliato l'Italia sono coloro che hanno preteso e pretendono, contro quanto previsto dalla costituzione, l'applicazione con effetto retroattivo della legge Severino! Sono coloro che hanno anche rifiutato di accedere alla richiesta di chiedere il parere della Corte Costituzionale! Sono coloro che chiamati a "decidere" sulla decadenza di Berlusconi hanno tranquillamente e pubblicamente dichiarato di aver già deciso per la condanna prima ancora di riunirsi in seduta come da regolamento! Coloro che hanno umiliato l'Italia sono i branchi di iene scatenate che non vogliono altro che sbranare subito e senza indugi il nemico!

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Dom, 29/09/2013 - 10:19

Che il ricatto stile vetero-comunista fosse lampante, lo capisce anche un imbecille, tranne che i soliti sinistri, obnubilati dalla luce del "sol dell'avvenire"... Era ora! Ben non si capisce perché - prima - abbiano appoggiato il governo Monti (votandone tutte le note minchiate) e - dopo - abbiano votato per la rielezione di Napolitano e, ancora, abbiano accettato di far parte del governo Letta, i cui compagni da sempre hanno seminato odio contro Berlusconi e definito "impresentabili" i componenti del PDL. Il PDL ha anche votato in favore della "legge Severino"!!!!... Ma dov'erano? Dormivano? Speravano che, compiacendo i comunisti, questi non tirassero volpi gobbi al PDL? Illusi! Tanto è vero che ora, prospettando il ricatto con aumento I.V.A. ecc., il PD ha teso la trappola vecchio stile comunista: "ti taglio le gambe così, se gridi, t'incazzi o ti ritiri, potrò sempre dire che, a ritirarti, sei stato tu e colpevole dello 'sfascio' sei sempre tu!"... Il PDL sarebbe dovuto restare all'opposizione, sia con Monti sia con Letta: i "delinquenti", "corrotti", ecc. ecc., come fanno a stare accanto ai "puri", "santi", "integerrimi" comunisti? Pare una contraddizione, no? Pertanto il PDL lasci pure governare questi supponenti con i "fantasiosi" M5S e con "lista clinica", se riescono nei numeri!.... Tanto Re Giorgio I° sarà sempre pronto ad escogitare qualche altro bel colpo di mano, dopo i 5 già fatti, alla faccia della decantata costituzione e dei tartassati contribuenti!.... Il PDL non aveva capito che i sinistri avrebbero voluto vedere Berlusconi condannato già dal 1994 o, meglio, MORTO, magari già alla nascita??? Scandalo MPS, Telecom, partecipazioni statali, aziende vendute da Prodi per una castagna sbavata, taroccamento dei conti per Europa ed Eurotassa? Beh!... Su queste "cosucce" non debbono metterci il becco gli "estranei" alla "politica", gestita dai vari D'Alema, Amato, Ciampi, ecc. ecc., sempre "candidi" e "verginelli"... E, dei cittadini-sudditi, a chi importa? A nessuno! Chissenefrega? BEL PAESE, eh? E, gli Italiani, se lo sorbiscono non da "20 anni" (in versione comunista leggasi "Berlusconi"), bensì da 70 anni!!!... Ivi compresi tutti gli scandali, le truffe, le impunite stragi, i misteri tuttora irrisolti, le "spremute fiscali", l'inefficienza della burocrazia, tutti fatti che erano ben noti e già in piedi ben prima della comparsa del "delinquente" sulla scena politica, una scena i cui artefici erano già stati i democristiani ed i cattocomunisti italiani!!!... Pertanto, si cerchi di credere meno alle balle raccontare da questi marpioni della politica e si badi meglio alle BEN TANGIBILI ed EVIDENTI CONSEGUENZE ED AI DELUDENTI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI CUI E' STATA FATTA GIUNGERE QUESTA REPUBBLICA DELLE BANANE!!!...

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 29/09/2013 - 10:26

Sepolcro pitturato, sto Letta! E' colpa dei suoi guai giudiziari? Ma se è da 20 anni che i suoi amici ci provano! ma va là! Finto cieco!

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Dom, 29/09/2013 - 10:29

c'ha poco da scaricare gli ITALIANI non sono scemi..avanti con FORZA ITALIA stavolta LI SOTTERRIAMO

slim313

Dom, 29/09/2013 - 10:34

Klotz1960 il renzino però già è andato a prendere ordini dalla merkel

cameo44

Dom, 29/09/2013 - 10:39

Se cè uno che ha rovesciato la frittata è proprio il Premier Letta il quale è molto abile nel mentire lo ha sempre fatto se fosse stata la persona corretta come viene descritto da tempo avrebbe dovuto dare le dimissioni dato che dal giorno del suo insediamento nulla ha saputo fare oltre che rinvii e proclami da vecchio politico quale è doveva capire che era chiuso in una gabbia con i due maggiori partiti PDL e PD perennamente in guerra ma da veccio democristiano ha pensato alla Andreotti meglio titrare a campare che tirare le cuoia e di tutto questo è responsabile il Presidente Napolitano che ha voluto a tutti i costi un Governo prima quello di Monti e poi quello di Letta facendo perdere del tempo prezioso questi due Governi che secondo Napolitano avrebbero dovuto salvare il paese dalla crisi hanno creato più danni che benefici basta vedere il continuo calo dei consumi l'aumento della disoccupazione e quello della cassa integrazione ma Napolitano come tutta la casta visto i loro alti compensi e privilegi queste cose non li vedano pensano solo a qull'Europa perennamente assente per risolve re i nostri problemi come qullo dell'immigrazione che tanto ci costa

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Dom, 29/09/2013 - 10:54

Il vetusto " fattucchiere " è all'angolo,scornato e incapace di accettare il senso reale delle cose, il quale dopo aver fatto fuori il Cavaliere,ci ha propinato l'oxfordiano e,prima di insediarlo le ha garantito uno stipendio eterno di venticinqueMILA Eurini al mese,poi visto lo sfascio ha dato allo smacchiatore di giaguari il tempo per scolorirsi e scolorire l'Italia,indi per non ammettere le sconfitte e dare parvenza d'incapace hà dato mandato al rappresentante del budino,poi resosi conto dell'imminente disastro ha nominato altri quattro senatori a vita,per un costo annuo di UN MILIONE di Euro per fare da stampella all'amato partito che,malgrado tutte queste sponsorizzazioni non riesce andare al potere. Ora,sorpreso dalla mossa di un gigante,prono,mai domo,si ritrova a punto e d'accapo.Perciò tenterà,come di costume Italico a raffazzonare il quanto con ausilio di trombati,tromboni e voltagabbana. Egregio fattucchiere,ci hai fatto di fatto gettare nel cesso due anni di vita e ti ostini ancora con l'aiuto degli scalfari , degli ermellinati e degli epifani a voler gestire il paese e con odio atavico uccidere un gigante buono e capace. Vattene a casa,smettila di fare danno.

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Dom, 29/09/2013 - 11:05

Dovremmo essere dispiaciuti per la caduta di questo governo, invece in giro si respira un'aria rilassata. Questa gente voleva che il debito lo pagassero sempre i soliti, NOI!!! Che si formi un governo nuovo di facce nuove e di idee nuove, che comincino a tagliare tutti gli stipendi ai parlamentari deputati e manager vari che ci stanno succhiando il midollo.

timoty martin

Dom, 29/09/2013 - 11:07

Caro Letta si prenda le proprie responsabilità e non scarichi le colpe sul PDL. Le promesse vanno mantenute. Basta mentire agli Italiani. Basta mentire a quelli che lavorando le pagano lo stipendio.

bruna.amorosi

Dom, 29/09/2013 - 11:10

se avesse voluto invece di rimandare a martedì già da oggi avrebbe potuto firmare tutti i provvedimenti che per 5 mesi gli ha fatto fare il gioco delle tre carte . ha voluto tenersi buoni i suoi kompagni beh! il piede dentro due scarpe non può tenerlo .adesso si scelga con chi vuole giocare .

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/09/2013 - 11:37

Letta ha finalmente raggiunto la stabilità che ci propinava da mesi: la stabilitá dello stocca...fesso.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/09/2013 - 11:37

Anche ad un cretino era chiaro fin dall’inizio che la convivenza e la coabitazione con un partito fondamentalmente antidemocrato, illiberale e totalitario come il PD, data la sua discendenza dal vecchio demenziale PCI (Partito Comunista Italiano), era un cosa impossibile da realizzarsi e pertanto non poteva assolutamente durare. Bene che si sia conclusa.

Ritratto di aquila8

aquila8

Dom, 29/09/2013 - 11:40

.Sarebbe ora che uscisse la verità su come sono andati i fatti che hanno portato alla costruzione della UE non come avevano pensato i padri fondatori,ma come una Colonia Americana e se si è potuto realizzare l’impero della globalizzazione svendendo la ex Nazione Italia,la colpa è solo della Casta politica nostrana,la quale,invece di fare gli interessi della Nazioni,si sono adoperati per propagandare le guerre mascherate in missioni di pace svendendo la nostra Nazione,dando il via con la guerra contro la Serbia per isolarla dall’influenza Russa e se mamma Fiat si fosse comportata diversamente,invece di voler riportare Gorbaciov al potere,adesso la Fiat sarebbe la più grande azienda Automobilistica al pari di quelle Tedesche.Purtroppo l’egoismo della Casta ci ha trascinato nel più profondo delle fogne,dove abbiamo visto i nostri Big a correre in tutte le direzioni per ottenere elogi dai padroni del mondo ed è stato un vero miracoli che i Russi non abbiano copiato il sistema politico italiano,altrimenti i militari avrebbero preso il potere e avrebbero scatenato la guerra contro l’Europa,visto come il grande Gorbi aveva ridotto il popolo alla fame,ma tanto venerato e ossequiato dal Vaticano-mamma Fiat-giornalisti venduti-imprenditori tangentisti-ecc...,che grazie alla propaganda delle promesse stava svendendo tutta la Russia.Sono convinto se esce la verità sui vent'anni della 2" Repubblica,aprirà una piccola speranza che potrà aprire le porte della vera luce che trascinerà nelle tenebre gli impostori del disastro mondiale.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Dom, 29/09/2013 - 11:42

Era ora!... Anche un imbecille capirebbe l'esistenza del RICATTO!!!... Soltanto ai sinjstri, abbacinati dal "sol dell)avvenure", conviene far finta di non rilevarlo ed additare il PDL, quale "responsabile" di aver staccato la spina, ora - invece - ben conscio della manovra ordita a suo danno!... Ben non si capisce perché - prima - il PDL abbia appoggiato il governo Monti (votandone tutte le note minchiate) e - dopo - abbia votato per la rielezione di Napolitano e, ancora, abbia accettato di far parte del governo Letta, i cui compagni - da sempre - hanno seminato odio contro Berlusconi e definito "impresentabili" i componenti del PDL. Il PDL ha anche votato in favore della "legge Severino"!!!!... Ma dov'erano? Dormivano? Speravano che, compiacendo i comunisti, questi non tirassero colpi gobbi al PDL? Illusi! Tanto è vero che ora, prospettando il ricatto con aumento I.V.A. ecc., il PD ha teso la trappola vecchio stile comunista: "ti taglio le gambe così, se gridi, t'incazzi o ti ritiri, potrò sempre dire che, a ritirarti, sei stato tu e colpevole dello 'sfascio' sei sempre tu!"... Il PDL sarebbe dovuto restare all'opposizione, sia con Monti sia con Letta: i "delinquenti", "corrotti", ecc. ecc., come fanno a stare accanto ai "puri", "santi", "integerrimi" comunisti? Pare una contraddizione, no? Pertanto il PDL lasci pure governare questi supponenti con i "fantasiosi" M5S e con "lista clinica", se riescono nei numeri!.... Tanto Re Giorgio I° sarà sempre pronto ad escogitare qualche altro bel colpo di mano, dopo i 5 già fatti, alla faccia della decantata costituzione e dei tartassati contribuenti!.... Il PDL non aveva capito che i sinistri avrebbero voluto vedere Berlusconi condannato già dal 1994 o, meglio, MORTO, magari già alla nascita??? Scandalo MPS, Telecom, partecipazioni statali, aziende vendute da Prodi per una castagna sbavata, taroccamento dei conti per Europa ed Eurotassa? Beh!... Su queste "cosucce" non debbono metterci il becco gli "estranei" alla "politica", gestita dai vari D'Alema, Amato, Ciampi, ecc. ecc., sempre "candidi" e "verginelli"... E, dei cittadini-sudditi, a chi importa? A nessuno! Chissenefrega? BEL PAESE, eh? E, gli Italiani, se lo sorbiscono non da "20 anni" (in versione comunista leggasi "Berlusconi"), bensì da 70 anni!!!... Ivi compresi tutti gli scandali, le truffe, le impunite stragi, i misteri tuttora irrisolti, le "spremute fiscali", l'inefficienza della burocrazia, tutti fatti che erano ben noti e già in piedi ben prima della comparsa del "delinquente" sulla scena politica, una scena i cui artefici erano già stati i democristiani ed i cattocomunisti italiani!!!... Pertanto, si cerchi di credere meno alle balle raccontare da questi marpioni della politica e si badi meglio alle BEN TANGIBILI ed EVIDENTI CONSEGUENZE ED AI DELUDENTI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI CUI E' STATA FATTA GIUNGERE QUESTA REPUBBLICA DELLE BANANE!!!...

Io non sono com...

Dom, 29/09/2013 - 11:43

Legge elettorale ed elezioni subito!

brunicione

Dom, 29/09/2013 - 11:47

Caro Letta, hai cercato fino alla fine di salvaguardare stipendi, auto blu, pensioni d'orto, privilegi è quindi ora che te ne vada a casa e arrivi qualcuno che conosce i problemi della gente

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/09/2013 - 11:52

La coabitazione e la convivenza con i cialtroni della sinistra comunista era un qualcosa di turpe, indecente e innaturale che non poteva a lungo durare. Bene che sia finita così.

enzo1944

Dom, 29/09/2013 - 12:41

Napoletano che stai al Colle,.....invece di commuoverti con le tue solite e barbose chiacchiere,invece di camminare ogni giorno con la Costituzione sotto il braccio(che tradisci sempre quando ti conviene a favore del tuo PCI-PD),invece di fare sermoni sempre vuoti che gli Italiani sanno a memoria,VAI A CASA DI CORSA E PER SEMPRE!....Però,prima di lasciare,FAI TAGLIARE I COSTI DEL QUIRINALE(costi come Regina d'Inghilterra,Re di Spagna,la Merkel e Obama messi insieme)e fai tagliare i Costi di questo carrozzone che tu chiami Stato,insieme ai VERGOGNOSI BENEFITS DI CUI GODONO LE CASTE di cui anche tu fai parte ,E CHE GRIDANO VENDETTA!.....perchè pagati da Contribuenti Italiani! Vergognati Presidente comunista!!

Ritratto di paolagenovese

paolagenovese

Dom, 29/09/2013 - 17:05

In sintesi: con Monti siamo stati massacrati da tasse, poi con Bersani abbiamo perso solo tempo mentre si umiliava cercando ridicoli accordi con i 5stelle, alla fine è arrivato Letta il cocco del Re, che tanto ambizioso quanto incapace ha cominciato a girare il mondo a spese nostre per far vedere quanto era bravo a ubbidire agli ordini. Alla fine della favola abbiamo perso due anni soffrendo! A questo punto basta giochini e perdite di tempo: Letta a casa subito, visto che non è stato capace né di governare né di rispettare chi lo ha sostenuto in questa impresa! E, se gli è rimasto un po' di buonsenso, Napolitano smetta di interferire e complottare: prima di lasciare il Quirinale provi almeno a essere davvero superpartes e non la quinta colonna dei residuati veterocomunisti. E Basta La Gente Non Ne Puo' Piu'!