Il prete antiroghi sta con Caldoro e si becca gli insulti dei violenti

Terra dei fuochi (e delle polemiche). Stavolta a finire nel mirino dei gruppi antagonisti del movimento #fiumeinpiena, che si batte contro i roghi tossici nella provincia Nord di Napoli, è addirittura don Maurizio Patriciello (nella foto). Il parroco del parco Verde di Caivano è stato duramente contestato da un gruppo di ragazzi per aver difeso il governatore Stefano Caldoro durante un incontro. Certo, anche don Patriciello, che pure deve la sua notorietà a un filmato amatoriale che lo riprendeva durante la durissima reprimenda dell'allora prefetto di Napoli per aver sbagliato appellativo nel riferirsi a un prefetto donna, ha un po' perso le staffe e ha strappato di mano, a una giovane manifestante, il cellulare con cui stava riprendendo la scena . E pensare che, un mese fa, il più critico nei confronti di Caldoro era stato proprio il parroco anti-roghi. Oggi si dice amareggiato sul suo seguitissimo profilo Facebook: «Adesso bisogna dialogare, basta insulti».