Primarie Pd, Casinifa il tifo per Bersani

Il leader dell'Udc propone una "svolta": un governo politico. Ma solo dopo le elezioni del 2013. E non esclude l'ipotesi di Bersani premier

Dopo l'apertura a sinistra e la proposta di un patto tra moderati e progressisti, Pier Ferdinando Casini precisa il suo progetto. "Propongo di passare da un governo tecnico ad un governo con connotazioni politiche che unisca le forze migliori del Paese. Volete chiamarla svolta? Fatelo, ma è in piena continuità con ciò che ho sempre detto". Il leader dell'Udc lo spiega parlando a Otto e mezzo su La7. La frase ha l'effetto di una bomba politica. Passa qualche minuto e Casini precisa: "E' evidente per tutti quelli che mi hanno ascoltato che la svolta dal governo tecnico ad uno politico è riferita al passaggio elettorale del 2013, qualsiasi altra interpretazione è frutto di fantasia".

Bersani premier? Contano i numeri

"I numeri in democrazia hanno una valenza e plausibilità - assicura Casini -. Non mi meraviglia che il partito di maggioranza relativa possa fare un'indicazione imperniata su di sé. Ma c'é anche la possibilità di una scelta terza - puntualizza il leader centrista - come è stato per Monti, che non credo andrà a rinchiudersi in un cantuccio. Il discorso si farà a tempo debito, per ora non c'é una legge elettorale, non si sa se andrà indicato il premier, parlarne è insulso oltre che prematuro".

Rispetto le primarie del Pd ma preferisco Bersani

"Noi siamo i moderati. Le primarie sono un problema del Pd e io rispetto le loro scelte". Poi, rispondendo a una domanda di Lilli Gruber, entra nello specifico: "Rispetto tanto Bersani quanto Renzi. Bersani però lo vedo più incardinato come uomo di sinistra, non cambia idea ogni giorno come invece adesso capita a molti. Renzi fa un discorso più generazionale. Io da vecchio dinosauro un po' lo invidio, lo vedo giovane e provo nostalgia".

Di Pietro? Si è escluso da solo

Quando Lilli Gruber gli chiede del rapporto con Di Pietro il leader dell'Udc risponde con una domanda: "Lei ha letto i giornali ultimamente? Di Pietro ritiene il governo di Monti in continuità con quello di Berlusconi, io non sono affatto d'accordo e credo neppure Bersani. Di Pietro ha fatto chiarezza su tutto, non c'é bisogno di aggiungere altro".

Urgente la riforma elettorale

Sarà anche un tecnicismo ma, per certi versi, è uno dei nodi centrali di questo delicato passaggio politico: "La riforma della legge elettorale - assicura Casini - si farà, anche se si dovesse andare a elezioni anticipate. Stiamo lavorando anche in queste ore perché si deve fare. Si farà, e io sono per dare le preferenze di genere ai cittadini, più donne in parlamento e diamo la scelta ai cittadini. Si può fare in 20 giorni".

Commenti

Otaner

Mar, 26/06/2012 - 22:36

Casini, se posso dirlo è un ingrato, chiacchera, chiacchera e poi si schiera a favore di Bersani. Non si ricorda quanto ha detto questì'ultimo contro il governo sostenuto anche da lui?

dinolab

Mar, 26/06/2012 - 22:40

Casini: il nuovo che avanza! Che noia ritrovarselo in tutti i TG ad esprimere il suo nulla vestito di niente che malcela un bieco e volgare opportunismo. E' in politica da 40 (QUARANTA) anni e non ha espresso mai nulla di importante. Direbbe Renzi che ha fatto tanto per il partito, tanto per l'Italia e quindi sarebbe ora che togliesse il disturbo " rottamandosi ".

bombacchio

Mar, 26/06/2012 - 23:10

Prima che Monti termini il suo disastroso governo Casini avrà cambiato idea una decina di volte. Non è il tipo di essere vivente (uomo è troppo) che possa avere una linea politica, ha cambiato idea con la ex moglie, ha cambiato idea con il PDL, ha cambiato idea con Fini, ha cambiato idea con i vecchi comunisti, cambia idea tutti i giorni, quanto può valere quello che dice oggi?

elpilagro

Mar, 26/06/2012 - 23:52

Casini Il solito verme democristiano

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 27/06/2012 - 01:34

Questo individuo non ha combinato mai nulla di positivo in politica. Ha continuato a mettere i bastoni tra le ruote a Berlusconi, nella speranza di ricreare un centro con lui a capo. Si presenta in televisione a recitare un rosario di banalità sempre uguali ed inconcludenti. Ora fa da zerbino al non-governo Monti ed all'incoerente Bersani. Ma perché non si ritira e la pianta di scocciarci con la sua prosopopea da genero di un miliardario?

ninito

Mer, 27/06/2012 - 07:27

In due righe Pierferdinando ha sparato due "perle di saggezza". "Un governo con connotazioni politiche che unisca le forze migliori del Paese." "I numeri in democrazia hanno una valenza e plausibilità - assicura Casini " Ma cosa si puo aspettare di questo figuro che l'unica cosa che cerca è assicurarsi la sua poltrona. Ma andasse a casa definitivamente.

vittoriomazzucato

Mer, 27/06/2012 - 07:43

Sono Luca. E' un democristiano cresciuto in Emilia-Romagna. La DC ci ha fatto perdere il contatto con l'Europa seguendo il "compromesso storico" con il PCI e da buon democristiano, il Casini, ci ha fatto perdere circa 20 anni di possibili riforme. Ora che non può più nascondersi perchè è all'angolo la sua politica viene fuori per quello che è sempre stato. Sarà l'elettorato ha punirlo. BERLUSCONI, che uomini e giocatori li sa riconoscere, non ha mai avuto simpatia per la Merkel e aveva ragione; ne aveva sentito il "puzzo". GRAZIE.