Primarie (vere) per il PdlL’unica idea da copiare al Pd

<span class="subtitle">Affidata agli elettori la scelta su chi far correre per Palazzo Chigi</span>. Così si vedrà dove stanno le idee migliori e le persone che offrono più garanzie

Le primarie possono essere una truffa grottesca, si sa. Quando si candidò Roma­no Prodi, prima volta nell’uso di questo strumento, il suo avversa­rio era Fausto Bertinotti. E Berti­notti fece tutta la campagna di­ch­iarando che era sostenitore del­la candidatura a Palazzo Chigi del competitore. Una presa per i fon­delli del popolo della sinistra che votava una falsa legittimazione senza poter scegliere in una vera alternativa. Eppure la novità del metodo era tale, e tale era la voglia di partecipare alla scelta del lea­der, che milioni di persone si pre­starono a quella farsa falsamente competitiva, pagarono il biglietto di ingresso e alla fine andaro­no a votare abbastanza compattamente da eleggere Prodi, contro Berlusconi, nel­le elezioni politiche, sia pure per una man­ciata di voti. Alle primarie-burla nazionali si agganciano altre due primarie di grandi città finite a schifio: Napoli, dove le prima­rie furono annullate per sospetto di frode, e poi fu il trionfo del magistrato e demago­go Luigi De Magistris; Palermo, dove po­che set­timane fa Leoluca Orlando si è impi­pato del risultato delle primarie e le ha suo­nate al candidato ufficiale del Pd che le ave­va vinte, contro il suo illuminato parere. In­somma, le primarie possono essere burle, nemmeno troppo divertenti.

Però anni fa in Puglia Nichi Vendola, che non è la mia tazza di tè (ma in democra­zia prevale chi ha il consenso, non il dar­ling degli opinionisti) vinse su Francesco Boccia, che era portato dall’establish­ment della sinistra, e che è un eccellente parlamentare e una persona responsabile e attenta. Vinte le primarie, Vendola pre­valse nelle elezioni in Puglia e inaugurò un lungo regno, che a me sembra pessimo, e una carriera nazionale, che a me sembra una punta ridicola. Ma è il popolo a decide­re, e quella volta il popolo esercitò il suo po­tere elettorale con efficacia democratica. Così come è avvenuto a Milano: il tecnico proposto dal Pd, l’architetto Stefano Boe­ri, fu sopravanzato alle primarie dal cocco di una strana Milano mezzo populista e mezzo società civile o ceto medio riflessi­vo, l’attuale sindaco Giuliano Pisapia Così come è avvenuto a Firenze, dove il formidabile Matteo Renzi, un giovanotto che ama le sfide,fece fuori i veti dell’appa­rato e diventò sindaco a viva forza elettora­le. Così come a Genova, dove l’aristocrati­co tristanzuolo Marco Doria è diventato sindaco sbaragliando nelle primarie un Pd diviso nelle candidature e nel giudizio sulla sindachessa uscente Marta Vincen­zi.

Per non parlare della cavalcata di Wal­ter Veltroni, eletto dalle primarie alla testa del Pd in massima crisi e candidato alla presidenza del Consiglio: contro un Berlusco­ni divenuto imbattibile dopo la crisi del gof­fo governo dell’Unione, riuscì comunque a mettere insieme una cifra elettorale che il Pd continuerà a sognare per parecchio, il 34 per cento dei voti nazionali. Perse, ma se non fosse stato solo un mezzo leader, avrebbe potuto contribuire a un cambia­mento radicale del sistema politico poi are­natosi nelle battaglie scandalistiche di re­troguardia il cui ritmo è sempre suonato dall’orchestrina di Repubblica.

Anche Pier Luigi Bersani, se è sopravvis­suto a questi anni duri per lui, se è soprav­vissuto al governo Monti che ha dimostra­to l’inesistenza di una opposizione di al­ternativa vincente, oltre che il fallimento del governo di centrodestra, lo deve alla forte legittimazione che si procurò con primarie mezzo farlocche (l’avversaria era Rosy Bindi), ma pur sempre capaci di stabilire chi vince e chi perde con una cer­ta stabilità di significato.

Ora è la volta del centrodestra, che ha annunciato il ricorso al metodo delle pri­marie per scegliere il candidato del Popo­lo della libertà in una competizione (for­se il 2013, forse prima) che si annuncia molto insidiosa e burrascosa, visto che in palio non c’è l’ordinaria amministrazio­ne ma la gestione di un’emergenza economica, finanziaria e sociale drammatica, per non parlare del progetto giustizialista e revanscista, insomma la grande vendet­ta, contro Berlusconi, della sinistra ma­nettara e neopuritana dei debenedettia­ni (la gente che si piace). Se fanno sul se­rio, se non è solo una variante di quel gran­de marketing politico che fu rivoluziona­rio nel 1994 e ora rischia di risultare una minestra riscaldata, gli amici e compagni del Cav possono costruire una grande oc­casione.

Veri candidati (Santanchè versus Alfa­no in primo luogo, e poi altre piattaforme importanti di discussione competitiva e di battaglia) possono fare di vere primarie una rinascita dalle ceneri del correntismo, del personalismo, dell’uso più o meno cor­tigiano del carisma del capo e fondatore, più i vistosi opportunismi che sappiamo. Potrebbero avere, gli elettori che si ricono­scono in una cultura del popolarismo euro­peo e del conservatorismo liberale e rifor­matore, l’occasione per vedere dove stan­no le idee migliori, le persone che offrono più garanzie per un governo serio della cri­si italiana ed europea, dove sta un rinnova­mento robusto e credibile, e potrebbero pensare che stavolta tocca a loro decidere. Facendo nel campo elettorale del Pdl quel­lo che in fondo fecero, per iniziativa perso­nale e carismatica di Berlusconi, quando scelsero di dare vita, tra mille equivoci e dif­ficoltà, a un’Italia politica e civile che non c’era mai stata prima,e che solo certi strac­cioni mentali tra­vestiti da intellettuali con­siderano antropologicamente inferiore al­l’Italia di sinistra.

Commenti

Massimo

Dom, 10/06/2012 - 17:15

Insomma: queste primarie sono un imbroglio, ma è bene farle per scelta propagandistica. E se vi fossero degli infiltrati? Scegliere il metodo della sinistra (1 euro e una firma) agevola (soprattutto al sud) le camionate di elettori organizzati. E perchè ridurre il peso di chi è da tempo iscritto al partito per gente che non ha svolto alcuna militanza ? Allora, visto che non ci sono primarie con legge nazionale, almeno si applichino due correttivi: 1) voto degli iscritti con anzianità di iscrizione di almeno due anni; 2) voto dei non iscritti purchè la loro adesione sia significativa (diciamo mille euro ?) per evitare imbrogli e compensare la mancata militanza negli anni passati. Santanchè (che io voterei se partecipassi come elettore) è una candidatura di "bandiera" che non può, purtroppo, vincere.

aliberti

Dom, 10/06/2012 - 17:32

non è scimmiotando la sinistra che si risolvono i problemi del centro destra. Ad ogni modo il problema delle primarie non si pone in quanto manca una classe dirigente seria che sappia interpretare le istanze dell'elettorato di centro destra liberale. Poche idee ma chiare come tagli agli sprechi, cessione dei carrozzoni di stato, dismissione degli immobili dello stato, liberalizzazioni "serie", abbassamento delle tasse sul lavoro e sull'imprenditoria, abbassamento dell'età pensionabile per far posto ai giovani, rinegoziare la nostra permanenza nella eurozona senza prendere ordini dalla germania. purtroppo a fronte di un elettorato potenziale di oltre il 40% per il centro destra non esiste una casa comune in cui riconoscersi. il pdl ed i suoi dirigenti a mio avviso sono stati un fallimento completo che ha consegnato l'italia nelle mani della sinistra di vendola e bersani

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Dom, 10/06/2012 - 17:35

Beh, tra PD e PDL è veramente una gara di nullità. Forse le primarie sono l'unica idea che hanno avuto in 30 anni di vuoto mentale. Consiglierei ad entrambi di adottare una ulteriore idea: l'estinzione.

marchino.blu

Dom, 10/06/2012 - 17:41

Io non ci voglio credere che ci sono ancora pecoroni che votano questi partiti... hanno distrutto l'Italia..

Ritratto di pupillo

pupillo

Dom, 10/06/2012 - 17:45

PRIMARIE VERE NEL PDL premetto che ero pdl e per le troppe bugie e il mal governo di berlusconi ho preso la decisione di non votare più per il cav. Ora, Alfano vorrebbe fare le primarie per eleggere il futuro aspirante capo del governo - ma io dico che l,ottusità di costui ( alfano ) e di tutto il pdl è talmente enorme da sorpassare i limiti della credulità.- Miopia politica enorme - costui non ha ancora capito o non vuol capire perchè vede come del resto tutto il pdl in una unica direzione - direzione ottusa - miope - scellerata - Possibile che la batosta delle amm.ve non hanno fatto aprire un po di cervello malato del pdl ? no ? alle prossime politiche , - seguitando a sostenere monti per questa politica scellerata , vi ritroverete con un massimo 10 % di votanti- Perchè ? politicamente oramai siete partiti come fece fini in illo tempore i cittadini no vi vogliono più - ma voi seguidate sempre a percorrere la via errata peggio per voi - il nostro voto di protesta andrà a grillo.

Dario40

Dom, 10/06/2012 - 18:05

voterò solamente se nel Pdl verrà introdotta la norma anti-ribaltone. Non voterò più per i voltagabbana. Mi auguro che in molti seguano il mio esempio !

apterix

Dom, 10/06/2012 - 18:50

Ferrara ma veramente ci credi? definisci una truffa grottesca la candidatura a suo tempo di Bertinotti contro Prodi, dando per scontato che il prescelto sarebbe stato Prodi, come in effetti fu. Credi che ci sia una qualche differenza con l'attuale candidatura della Santanchè contro Alfano?, non hai proprio nessuna idea su chi sarà il prescelto? io non scommetterei un euro sulla Santanchè nemmeno se la quotassero uno a cento

ALASTOR

Dom, 10/06/2012 - 19:41

Non me ne voglia signor Feltri, ma già la campagna di tesseramento del PDL ha messo la parola fine su qualsiasi tipo di seria democrazia dal basso. Le primarie sarebbero pertanto l'ennesima scatola vuota propagandistica, dopo altre scatole vuote. Questa fabbrica di matrioske in fondo alle quali c' è sempre il nulla, non può durare a lungo. Dileggiare gli avversari convince chi è già convinto, mentre chi vuole fatti si ritrova in mano la matrioska e dopo un po' si stanca.

sorans99

Dom, 10/06/2012 - 20:10

No caro Alfano, tu e Silvio siete in KO definitivo! Approvando un incapace, palesemente dimostrato quando ebbe l'incarico da commissario UE, un completo fiasco, almeno per me, è imperdonabile che state approvando provvedimenti da far affondare l'Italia e l'Europa in una condizione da coma irreversibile. Mi domando se questo Monti lavora più per Goldmann & Sachs, WEF, Bilderberg, Rotschild ecc, che per l'Italia e l'Europa. State spianando la strada per un ingresso trionfale di Vendola, matrimoni sterili ed economia in picchiata. Che delusione!

bolinatore

Dom, 10/06/2012 - 20:14

Ma la famosa idea epocale che avrebbe rivoluzionato e modificato tutta la politica italiana dove è finita. Oppure è stata espressa in un momento di mia distrazione?

Censore71

Dom, 10/06/2012 - 20:24

Primarie? Che ridere. Ma come pensate che un qualsiasi soggetto dotato di un minimo di cervello possa votare alle primarie soggetti come gasparri, bondi, cicchitto, capezzone, scajola, santanchè, gelmini, la russa......soggetti che a solo guardarli, si da ragione alla teoria evoluzionistica di Darwin......sono l'anello mancante tra la scimmia e l'uomo.

Censore71

Dom, 10/06/2012 - 20:26

Salvare il pdl con le primarie dopo 10 anni passati ad affossare l'Italia. Dopo 10 anni di governo ci ritroviamo ad un passo da un dirupo e ferrara pensa di poter far dimenticare questo agli italiani con le primarie? Caro ferrara un consiglio: quando scrive eviti di stare attaccato alla bottiglia

Censore71

Dom, 10/06/2012 - 20:30

Che il pdl dopo aver affossato l'Italia con uno dei peggiori governi della storia (fa rimpiange persino l'inutile governo Prodi del 2006), possa risorgere con delle primarie ha del ridicolo o forse serve solo per riempire un articolo e far si che quelli come noi pensino che lo ha scritto per qualche altro motivo che non sia la necessità di riempire la pagina di un giornale

sorans99

Dom, 10/06/2012 - 20:30

No caro Alfano, tu e Silvio siete in KO definitivo! Approvando un incapace, palesemente dimostrato quando ebbe l'incarico da commissario UE, un completo fiasco, almeno per me, è imperdonabile che state approvando provvedimenti da far affondare l'Italia e l'Europa in una condizione da coma irreversibile. Mi domando se questo Monti lavora più per Goldmann & Sachs, WEF, Bilderberg, Rotschild ecc, che per l'Italia e l'Europa. State spianando la strada per un ingresso trionfale di Vendola, matrimoni sterili ed economia in picchiata. Che delusione! Avete tradito in modo imperdonabile tutti noi che credevamo in PdL - Forza Italia.

Larson

Dom, 10/06/2012 - 20:41

Cos'è il conservatorismo riformatore?

idleproc

Dom, 10/06/2012 - 20:59

E' una contradictio in subjecto. Se sono "vere" non possono esere come quelle del PD. Tipiche primarie staliniste preconfezionate. Solo che sono Comunisti Mandrakisti Cretini (CMC). Neanche quelle sono riusciti ad organizzare e ancora ridiamo.

analistadistrada1950

Dom, 10/06/2012 - 20:54

A mio modesto avviso, oggi, credere in qualcuno o qualcosa, è già di per se arduo, ma le "primarie", non regolametate da apposita Legge, in reale funzione elettorale, assimilabile al -doppio turno-, non potranno mai essere la cartina di tornasole. Possono esserci mille inganni, epperciò non avere neppure la mera funzione statistica.

voce.nel.deserto

Dom, 10/06/2012 - 21:21

L'idea della primarie non può venire daii poststaliniti del PD.Loro l'hanno copiata dagli Stati Uniti d'America. Alfano non se ne faccia un problema.Le primarie sono uno strumento di democrazia che viene da lontano. Tuttavia vanno sperimentate e regolamentate.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 10/06/2012 - 21:54

Questo articolo di ferrara stabilisce la definitiva debacle del pdl e di berlusconi. Amen

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 10/06/2012 - 22:00

Come puo il pdl partito fascista copiare una qualsiasi cosa democratica?

kkkkkarlo

Lun, 11/06/2012 - 01:14

"... Veri candidati (Santanchè versus Alfano ..." ha ha ha ha ha ha ha, ferrara stai diventando un comico.... non è che ora ti metti pure a fare concorrenza a Grillo? ha ha ha ha

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 11/06/2012 - 01:35

Le primarie della sinistra che candidarono Prodi si svolsero esattamente nello stile caro ai tempi dell'Unione Sovietica. C'erano molti candidati ma andava al governo soltanto quello scelto dal PCUS, che doveva perciò venire votato da tutti. E poi dicono di non essere più comunisti.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 11/06/2012 - 01:44

Siete di traditori, Silvio truppe cammellate varie, e' inutile che vi inventate cazz.te come le primarie, l'unica cosa che dovreste fare e' spazzare via gli uomini in loden, ma siccome silvietto non vuole perche' e' bollito e ha perso il contatto con la realta' alle politiche vi spazzeremo via noi. Non ci fregate piu'....

Ritratto di VT52na

VT52na

Lun, 11/06/2012 - 07:37

... nel "Pdl" ... dopo Alfano e la Santanchè pensano a candidarsi anche Formigoni e la Polverini ... ma non lo hanno ancora capito che questi personaggi ci hanno TOTALMENTE STUFATI ... ci vuole un «RINNOVAMENTO IN TOTO» e largo ai "giovani" ... (vecchi personaggi politici ??? ... TUTTI A CASA !)

Ritratto di VT52na

VT52na

Lun, 11/06/2012 - 07:45

... ma alla fin-fine ... «porca miseria» sempre questi vecchi-politici "rincitrulliti" ? ... ... CAMBIARE solo con i ... "giovani dalle idee politiche-fresche" ...

gi.lit

Lun, 11/06/2012 - 08:16

Le primarie sono inutili se gli attuali dirigenti del partito non dimostrano consapevolezza circa le ragioni delle difficoltà che travagliano il partito. Ovvero la perdita di fiducia del suo elettorato. E il primo che dovrebbe farlo è Berlusconi uscendo di scena seguito da quel codazzo di falliti che hanno contribuito ad affossare i governi di centrodestra e il partito.

cicero08

Lun, 11/06/2012 - 08:23

Beh forse hanno capito che è, forse, il sistema più semplice per arrivare a sovvertire i desideri o i voleri dei capi...

Marcoxx62

Lun, 11/06/2012 - 08:30

Ragazzi è inutile sperare, siamo finiti! Questi non hanno capito nulla... continuano a proporci soluzioni impresentabili perchè a casa non se ne vogliono andare. Sono terrorizzati e sperano fino all'ultimo in un miracolo. A questi signori del destino e degli ideali del centrodestra non frega nulla, interessa solo la loro poltrona, il potere ed il lauto stipendio. Alle prossime elezioni stravincerà la sinistra che ci riempirà di zingari e tasse, mettiamoci il cuore in pace. L'unica cosa che ci rimane è quella di avere la soddisfazione di vedere questi omuncoli fare la fine che si meritano e sparire dal parlamento.

bolinatore

Lun, 11/06/2012 - 08:41

#16 idleproc :Una bella soddisfazione ridere per gli altri e piangere per se stessi. Il PDL è imploso e lei pensa alle primarie del PD. Divertente.

Bozzola Paola

Lun, 11/06/2012 - 09:17

Iocredo che in questa valle di lacrime che è l'Italia (piangono tutti anche i nostri governanti) si possa arrivare un giorno ad essere un paese civile. Questo si potrà fare solo se si lASCIERà LIBERO ARBITRIO ai cittadini (e non solo sulla carta) di scegliersi da chi si vuole essere governati. ben vengano le primarie, se fatte bene e PULITE. Ben venga un presidenzialismo (alla francese o all'americana) basta che sia un presidente vero che si assuma le proprie responsabilità e che se non funziona VENGA SBATTUTO VIA (vedi USA). Bisogna finirla con gente messa dai partiti, che stà lì a fare la marionettae che , pur sbagliando, non si stacca dalla sedia (vedi Fini). Ma SONO GLI ITALIANI CHE SI DEVONO IMPORRE!!Bisogna finirla di continuare ad attaccarsi al passato e parlare di comunisti fascisti liberazione ecct.QUESTA CASTA E'IMPUTRIDITA E MORTA.BISOGNA RIMBOCCARSI LE MANICHE, LAVORARE, FARE SACRIFICI SI MA CHE PORTINO DA QUALCHE PARTE NON AD INGRASSARE I MAIALI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1