Il primo maggio sfilano anche i padroni

Svolta del sindacato per il primo maggio a Bologna: dopo essersi spaccato gli anni scorsi, con la Cgil che manifestava da sola, quest'anno anche i «padroni» vengono invitati in piazza. Cgil, Cisl e Uil, rompendo il consueto cerimoniale della manifestazione, hanno invitato in piazza Maggiore il presidente di Unindustria, Alberto Vacchi, e il numero uno di Legacoop Giampiero Calzolari. A discutere con loro alla tavola rotonda, oltre ai segretari confederali, anche il governatore dell'Emilia-Romagna, Vasco Errani. Poi il sindacato cederà la parola per l'apertura delle celebrazioni ad una lavoratrice in cassa integrazione di un'azienda bolognese in crisi. A Bologna si contano oltre 85mila iscritti ai centri per l'impiego e 38mila persone in cassa integrazione.