LA PROCURAInterrogatori a scuola e indagine sul pc

La Procura di Roma ha attivato accertamenti in merito al suicidio del ragazzo gay di 14 anni. Anche se al momento i magistrati non procedono per istigazione al suicidio, verranno effettuati accertamenti sul computer del ragazzo e indagini per capire se conservasse un diario segreto. Si verificherà anche se fosse iscritto ad un social network e se fosse stato vittima di cyberbullismo. Gli inquirenti ascolteranno una serie di persone in ambito familiare, scolastico e tra le amicizie nel quartiere dove abitava.