Quanti lecchini di Renzi

L'errore della borghesia che va a sinistra

È solo l'inizio, ma prepariamoci alla melassa. Ha vinto Calandrino, al secolo Matteo Renzi, e il conformismo italiano va già di corsa. È così boyscout (come no), così simpatico (come no), così statista (come no). Come indossa il chiodo lui, non lo indossa nessuno, come ha fatto fuori Enrico Letta lui, non l'ha fatto nessuno. È un genio, ha asfaltato Beppe Grillo, è un supergenio, ha rottamato l'ex Cavaliere nero. È moderno, usa Twitter, è ganzo (siamo tutti toscani), usa le slide, va in bicicletta (è trendy), va sempre di fretta (era ora), ha persino la pancetta (simpatica, mica è il grasso sfatto della destra)... È già nel Pantheon, con Quintino Sella e il conte di Cavour, ha riconciliato la sinistra con la sinistra (giù le mani da Berlinguer), è il figlio, intelligente, di Veltroni, il nipote, preferito di D'Alema, il fidanzato ideale del ministro Boschi... Così giovani, così carini, così occupati.
Nel Decamerone, Calandrino si era convinto di aver trovato, «giù per lo Mugnone», la pietra che rendendo invisibili lo avrebbe fatto ricco. Così, riempì di botte la moglie Tessa che si ostinava invece a vederlo... Noi italiani rischiamo di fare la fine della sua consorte, ma ci piace credere alle favole: adesso andremo a Bruxelles, batteremo i pugni sul tavolo, torneremo a prosperare. L'elitropia di Renzi-Caladrino è l'alchimia perfetta: 80 euro in busta paga, che la festa cominci...
La Confindustria lo ha già abbracciato. Gli industriali, si sa, corrono sempre in aiuto del vincitore, se poi sta a sinistra corrono ancora più in fretta. E un riflesso pavloviano: sono familisti, ma ci tengono ad apparire progressisti, si fingono liberisti, ma vogliono che lo Stato gli ripiani i debiti. Dalla Fiat a De Benedetti, è una lunga tradizione.
Poi ci sono gli intellettuali, scrittori e registi, giornalisti tutti. Essere andati alla Leopolda è un po' come aver fatto la Marcia su Roma. Uno, dieci, cento, mille Baricco... Nei prossimi mesi vedremo la crescita esponenziale degli «antemarcia», non ci sarà un straccio di poeta, artista, polemista, che non dichiarerà di aver puntato su di lui sin da subito, che sin da subito non ne aveva colto le qualità salvifiche: un leader, una guida, un capo spirituale e in più «uno di noi». Non per nulla ha messo un romanziere (Dario Franceschini un romanziere? Certo, ha scritto dei romanzi...) alla Cultura.
È il nuovo che avanza, e nessuno vuole restare indietro. Lo abbiamo già visto, è già successo, eppure dà sempre un leggero senso di vertigine. Si dirà, guarda il fascismo: tutti col duce sino al 25 luglio, tutti fieramente contro il giorno dopo. Ma lì almeno c'era stato un ventennio vero, un partito unico, una dittatura, una guerra, una sconfitta. È dopo che l'aiuto al vincitore ha assunto toni surreali: tutti democristiani, poi tutti comunisti: in sonno i primi, perché non era elegante, sbandierati i secondi, perché era à la page... Non c'erano la prigionia o il confino per i dissidenti, c'era soltanto la voglia matta di stare comunque con chi garantiva una rendita di potere.
Ha vinto il riformismo, dice estasiato tutto un mondo che sino a ieri lo aveva relegato fra i ferri vecchi dell'odiata socialdemocrazia. Come si vede, il materialismo dialettico continua ad avere una sua forza e a produrre sintesi mirabili. Un riformista rivoluzionario, ecco pronto il nuovo kit di Renzi, re taumaturgo. Tra un po' gli basterà l'imposizione delle mani per guarire un popolo di scrofolosi.
Siamo un Paese strano, ma ancora più strani sono i nostri opinion leader, cortigiani per indole e non per necessità. Gli piace stare con lo Zeitgeist, lo Spirito del Tempo, soffrono se non sono nel vento, si avviliscono... Prepariamoci a nuove biografie immaginifiche, trionfali passerelle televisive, rilucidature di vecchie speranze: il Blair italiano del terzo millennio, l'Obama che gli Stati Uniti non hanno saputo avere, il Mitterrand in salsa toscana (del resto quello d'oltralpe non era soprannominato Le florentin, «il fiorentino», per la sua abilità politica?).
Dategli tempo, tanto non ne occorrerà molto: è già pronta la fanfara, si stanno già accordando i tromboni, i maestri del coro sono già sul podio. Più che un Vincerò, è un Abbiamo vinto. Siamo noi che abbiamo creduto in lui, da sempre, naturalmente. Criticato prima? Un corpo estraneo alla sinistra? Un infiltrato della destra? Ma no, ma non siamo stati capiti, ma era tutto un equivoco. Matteo über alles, in tedesco, va da sé. 

Commenti
Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Gio, 29/05/2014 - 12:06

Ma l'italiani sono questi tutto dei lecchini, ricordiamosi che l'italia era tutta fascista e teniamo presente che il fascismo è nato principalmente in EMILIA ROMAGNA, li c'era lo zoccolo duro del fascismo.dopo e subentrato De Gasperi con la DC,e tutti democristiani. Oggi c'è lo zoccolo duro del comunismo, chiamatelo ora PD ma sempre comunismo è.Dopo tutti Berlusconiano, oggi tutti Renziani, Aspettiamo il prossimo messia, e vedrete che anche lui troverà i lecchini pronti a censarlo

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 29/05/2014 - 14:40

Beh direi che Solinas ha vita facile a fare certe previsioni..e l'Ex Kommmmmunista Fassina..sembra dargli ragione!

colapesce

Gio, 29/05/2014 - 14:42

chi non salirebbe sul carro del nuovo messia ......

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 29/05/2014 - 14:45

Eh... è il suo turno. Ha vinto ed era scontato che finisse così. Altri che in passato sono stati adulati ed ora sono sulla via del tramonto vengono poco a poco abbandonati.

topogigio100

Gio, 29/05/2014 - 14:57

purtroppo anche sul giornale leggo pezzi giornalistici su Renzi detto Fonzi! una cosa che mi sorprende e che nessun giornale parla che i negozi in tutta italia sono vuoti e che la gente italiana sta emigrando , ma i giornalisti e politici in che mondo vivono? andate per le strade e vedrete che la gente non spende piu, altro che Renzi Fonzi, voglio vedere tutti gli italioti adesso che gli arrivera la tasi a tutti vediamo come saranno felici ! povera italia

Mechwarrior

Gio, 29/05/2014 - 15:01

Niente di nuovo sul fronte occidentale

filder

Gio, 29/05/2014 - 15:02

Ho letto con grande stupore le parole del presidente Tedesco Gaucher ,dice che la Germania sarà a fianco dellItalia nel prossimo semestre di presidenza,non vorrei che la Germania,dopo averci rapinato di nascosto,adesso lo vuole fare ufficialmente: un detto dice che quando il diavolo ti accarezza,vuole l Anima .

82masso

Gio, 29/05/2014 - 15:02

Il segno dei tempi, ora è Renzi il catalizzatore e la calamita politica, povero Silvio nessuno ti bada più.

Nyuszi

Gio, 29/05/2014 - 15:02

Non tanto tempo fa gli stessi glorificavano il loden. Tutta gente poco coerente, senza idee proprie, inutili, che vive di luce riflessa, direi leccacu... e basta. Importante stare vicino al calderone. Producono nulla ma consumano molto a vogliono anche insegnare.

Ritratto di marcotto73

marcotto73

Gio, 29/05/2014 - 15:02

L'invida è una brutta bestia.......

unosolo

Gio, 29/05/2014 - 15:04

mi ripeterò sempre ne sono convinto , arrivati a quei vertici ci si allea per propri tornaconti , per interessi propri o di famiglia che essa sia naturale o acquisita , sappiamo quanti appalti per grandi opere lo stato passa miliardi ed ecco che i conti delle persone o dei personaggi che affiancheranno il PCM lo faranno per interessi , non ci piove , l'unico che non era interessato a regalare e non gli servivano gare per acquisire qualcosa era ed è solo il grande Leader Berlusconi , ne ha di suo e non è mai sceso per propri interessi , al contrario di ciò che le varie stampe avverse si scervellano a farci credere .Peccato , senza quegli attacchi la nosta Nazione oggi sarebbe stata davanti a tutte le altre della intera EUROPA , le nostre industrie e i nostri prodotti super genuini ci li stanno rubando con due euro , le squadre di calcio anche , si anche sullo sport , perdiamo tutto anche il 50 % dei votanti eppure tutti si lodano , come possono lodarsi se la metà dei aventi diritto è reietto e non crede alla politica.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 29/05/2014 - 15:16

marcotto73.."L'invida è una brutta bestia......."..un classico esempio di esternazione del proprio ego sul prossimo..Guarda che al mondo ci sono anche persone che si limitano a constatare i fatti..l'odio e l'invia sono categorie de sinistra..non c'è niente da fare!!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 29/05/2014 - 15:20

topogigio100: bentornato sulla terra! Finalmente ti sei accorto che siamo in crisi. Lo siamo dal 2008, anche se in seguito qualcuno ebbe modo di dire che la crisi in Italia non esisteva e che i ristoranti erano sempre pieni.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 29/05/2014 - 15:28

i sinistronzi sono cosi esperti in lecchinaggio: per tre volte hanno leccato il culo a merkel :-) patetici! e fanno la morale a noi? ridicoli!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 29/05/2014 - 15:29

Mio caro Solinas dia retta a me che sono un contadino e quindi bada alle cose concrete , ognuno pensi ai propri lecchini. Se non avesse capito , vorrei ribadire che in casa vostra ne avete delle quantità industriali.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Gio, 29/05/2014 - 15:34

Se facesse coppia con Benigni sarebbero imbattibili. Uno recita la Divina Commedia (male), l'altro la Commedia Divina (ancor peggio). Auguri...

Ritratto di Farusman

Farusman

Gio, 29/05/2014 - 15:46

Ci saranno i lecchini ma sorgeranno anche gli anti- come è avvenuto per Berlusconi e la battaglia politica non sarà sulle idee e sulle cose ma sul nome: pro o contro R o B. E' il nostro limite ed è forse un limite insito nell'essere umano. Forse si potrebbe circoscrivere il problema con il limite dei due mandati, come in America. Dopo di ché, ammesso che si possa ritornare a giudicare sui fatti e non sui pregiudizi o per partito preso, non ci sarebbe nulla di male, anche per la cosiddetta borghesia (ma esiste ancora?) scegliere il meglio del bigoncio sia di qui che di là.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 29/05/2014 - 15:54

Sluuurrrp! Una bella leccata...fin che dura. Appena il giralaruota cade, vedrete...Renzi chi? Vedere le dichiarazioni e i commenti dei capetti del PD quando Renzi si è presentato per le "cosidette" primarie.

marina.panetta

Gio, 29/05/2014 - 16:09

A parte le simpatie e i malumori generali, riflettiamo che il voto del 25 maggio è stato il voto della disperazione degli elettori moderati che hanno confidato invano in Monti e Letta e ora provano anche Matteo Renzi. E' un voto conservatore da parte dei ceti medi protetti - stato e parastato, scuola e parrocchia, imprenditori e negozianti - tutta gente che dell'etica calvinista sanamente se ne infischia e vuole mantenere il welfare a spese di chi lavora davvero. Vediamolo alla prova dopo la TASI.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 29/05/2014 - 16:18

Renzi ha mollato 80 euro. Tuttavia personalmente non ho ancora incontrato la mosca bianca che mi affermi di avere in busta paga la regalia dell'elemosiniere di Bankitalia. Che essa sia come l'araba fenice? Che ci sia ognun lo dice dove sia nessun lo sa?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 29/05/2014 - 16:25

Giacchè son troppo povero per avere gli 80 euro vorrei incontrare un beneficiato dell'elemosiniere fiorentino per farmi offrire da bere. AAA Cercasi. Ma non ce n'è in giro neanche uno. Che il finto obolo sia tutto uno scherzo, una "buona azione" da Boy-scout?

Mannik

Gio, 29/05/2014 - 16:27

@filder - Il presidente tedesco Gaucher? Mica è francese! Si chiama Gauck...

Atlantico

Gio, 29/05/2014 - 16:33

Fa bene Solinas a stigmatizzare quanto avviene a sinistra bei confronti di Renzi. Tanto più che, come universalmente è noto, a destra negli ultimi 20 anni, non abbiamo mai assistito a nulla di simile.

ancoraio

Gio, 29/05/2014 - 16:50

Grande Solinas, lei ha fatto una fotografia di gran parte degli italiani che corrisponde esattamente alla realtà. Ora staremo a vedere quanto tempo ci metteranno a fare i conti della massaia (2 + 2 = 4) e a realizzare che è tutto fumo e niente arrosto! Intanto, siamo l'unico paese ad essere ancora in recessione grazie a Renzi!

luigi civelli

Gio, 29/05/2014 - 16:54

Sbaglia chi pensa che il Maalox,in questo periodo post-elettorale,serva solo a Grillo.

ortensia

Gio, 29/05/2014 - 16:56

Nel dopoguerra per fare i fini pur avendo le pezze al Kulo si era democristiani o al massimo liberali o socialisti democratici. Adesso invece fa fine essere progressisti, di sinistra insomma. In fondo non e' cambiato molto.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 29/05/2014 - 17:10

@MARINA.PANETTA: Condivisibile. Il tempo degli incantatori di serpenti non si è ancora esaurito.

carlomaria.giorgio

Gio, 29/05/2014 - 17:10

Naturale e spiegabile. Incapacità delle destra di mettere a frutto i propri successi, più portati all'interesse personale che agli interessi della collettività e soprattutto di coloro che votavano destra. E' un comunismo mascherato da katto-komunismo. La Chiesa, soprattutto adesso, è tutta schierata a sinistra. Ci vorrà un bel po' di tempo perché la gente si convinca. A quel punto la destra avrà veramente trovato un nuovo Berlusconi, che non ritroverà più il consenso che aveva ma che sarà in grado di testa testa a Renzi e C. Ora come ora, solo la sinistra può perdere, la destra di certo non guadagnerà più

Ritratto di ventavog

ventavog

Gio, 29/05/2014 - 17:12

e allora ci siederemo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti sono già occupati!

82masso

Gio, 29/05/2014 - 17:21

ancoraio... Ehm Renzi governa da 3 mesi, la recessione? vent'anni di vuoto politico, nessuna riforma sostanziale, immobilismo totale; i qualunquisti di parte come lei sono la rovina d'Italia gente che scambia la politica con il tifo da stadio; perfino Vespa ha detto di sue parole che nei governi Berlusconi il debito pubblico e l'inflazione sono andati alle stelle. Parliamo della crisi? scoppiò nel 2008 e il nostro "ghe pensi mì" che ha fatto? al posto di attuare riforme strutturali anche impopolari (l'elettorato prima di tutto!) che fatto? semplicemente ha vivacchiato urlando ai quattro venti che tutto andava bene, alberghi e ristoranti erano full e via dicendo, fino ad arrivare al 2011 (lasci stare la fregnaccia elettorale del golpe) con Monti che fù un'autentico sospiro di solievo per il Cav. che in un sol colpo gli leva la castagne dal fuoco e impersonifica il capo espiatorio che gli serviva per scaricare colpe che furono totalmente sue.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 29/05/2014 - 17:30

Tanto che gli frega alla borghesia, Renzi e il pd mazzuolano la classe medio bassa.

eliolom

Gio, 29/05/2014 - 17:44

Solinas ha fotografato esattamente quel succedera' nei prossimi giorni, nelle prossime settimane, ma dopo l'estate, quando saranno prese decisioni che vuole il ministro dell'economia, questi signori sicuramente sbarcheranno.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Gio, 29/05/2014 - 17:53

è la prima volta che devo dare ragione a topogigio .....Renzi ha vinto le europee ed a leggere i giornali sembra che ora tutti i problemi dell'Italia siano spariti..... si ma lui adesso fa le "riforme" Sono 20 anni che sento parlare di riforme riforme riforme. Conclusione: si fanno delle modifiche alle leggi che puntualmente poi risultano essere peggio di quelle precedenti.

Giacinto49

Gio, 29/05/2014 - 18:15

Dreamer_66 - Infatti Berlusconi non parlava di negozi ma di ristoranti che, ora come allora, sono pieni insieme in buona compagnia di bar, pub, pizzerie, fast food, wine bar, sushi bar e chi più ne ha più ne metta, fino a notte fonda. Nonostante la crisi, questo è un fenomeno, magari da far valutare a economisti e psicologi, che a me risulta in maniera incontrovertibile. Cordiali saluti.

fabio55

Gio, 29/05/2014 - 18:20

e dov è il problema siete invidiosi perchè non contate piu nulla ? LA VERITA è CHE RENZI è DI UN ALTRA CATEGORIA è IL PIU FORTE

Ritratto di Giuseppe da Basilea

Giuseppe da Basilea

Gio, 29/05/2014 - 18:36

XXX rinnocent637 ( 12.06 ) Ottimo commento il suo, daccordissimo con Lei al 100x 100. Salutoni

Ritratto di maior

maior

Gio, 29/05/2014 - 18:38

nessuna novità: ricordiamo una frase di Ennio Flaiano gran conoscitore dei costumi italiani: L'italiano è sempre pronto a correre in soccorso del vincitore:

Maurizio Fiorelli

Gio, 29/05/2014 - 19:04

Grazie signor Solinas! Un articolo da incorniciare!

Villanaccio

Gio, 29/05/2014 - 20:42

E Berlusconi disse: ma perché Matteo non è venuto da noi e vinte le elezioni sarei andato anche in pensione? Ragazzi, siamo seri e smettiamo di far finta di far la guerra a Renzi che con i "grilli" che tirano era l'unico che poteva salvare il Paese. Smettiamo di fare manfrine dicendo da un lato che le riforme di Renzi fanno schifo e dall'altro di dargli credito.... Ci saranno pure i leccasederi del PD, gli "incompresi" dei 5 stelle ma si rende conto mr. Berlusconi che con la sua politica ondivaga ed il suo atteggiamento padronale sta portando tutto il centro destra allo sfascio dividendolo in 50 rivoletti. In una azienda si dice "padre padrone figlio coglione": Il Padrone sapete chi sia ma di "figli" furbi non ne vedo all'orizzonte se non ex stipendiati ubbidienti del TG.....

Guido_

Gio, 29/05/2014 - 22:10

Ma quanto rosicate, cari bananas.

Roberto Benso

Gio, 29/05/2014 - 22:46

Gli avversari di Renzi erano Berlusconi, che ha quasi ottantanni, e Grillo, che evocava i tribunali del popolo. Che cosa avrebbero dovuto scegliere la grande maggioranza di coloro che sono andati a votare?

Ritratto di enkidu

enkidu

Gio, 29/05/2014 - 23:02

Una tradizione culturale vecchia. dal 450 al 476 gli imperatori romani si susseguivano a ritmo di serrato. Ognuno di loro aveva i ppropri panegiristi di corte. Avete mai letto il panegirico per l'incoronazione di Olibrio (secondultimo imperatore)?: " Il barbaro che al confine affilava la sua spada assetato di sangue, appena ha udito il tuo nome si è gettato a terra disperato strappandosi i capelli ed ha fuso la spada per farne ora una falce". Domanda: chi conosce Olibrio ? nessuno. Chi conosce il suo panegirista ? nessuno ma i sui geni hanno traversato i secoli per giungere sino a noi ben preservati a quanto pare.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 30/05/2014 - 00:43

La sinistra dei trinariciuti ha imparato da ACHILLE LAURO. Negli anni '50 questo armatore napoletano comprava i voti distribuendo pasta, zucchero e farina. Dava anche metà di 1000 lire o una scarpa. L'altra metà di 1000 lire o l'altra scarpa venivano date dopo la vittoria elettorale. RENZI, DEGNO EMULO DI ACHILLE LAURO HA COMPRATO VOTI CON 80 EURO. Lui, essendo targato "DI SINISTRA" certe cose le può fare. GLI ALTRI NON POSSONO PERCHÉ SI TRATTEREBBE DI VOTO DI SCAMBIO.

vince50_19

Ven, 30/05/2014 - 06:34

Lecchini o meno (ci sono a 360°), visto quel che Renzie ha fatto finora, viste le promesse finora non mantenute (sistema elettorale e abolizione senato in primis), i 68 miliardi da restituire alle p.m.i. entro luglio che si stanno velocemente smaterializzando, la crescita del Pil - ancor oggi sconosciuta, questi 10 miliardi destinati all'immigrazione mentre ai nostri poveri ha destinato cosa, pedate nel sedere? Ambè.. Ecco, mi auguro si dia sul serio da fare senza infilare ulteriormente le mani in tasca ai cittadini (compresi quelli che lo han votato e che gli han dato lo stesso fiducia) altrimenti i voti, come li ha presi, li perderà ancor più rapidamente. Anche perché, lasciando da parte l'Ue, nel parlamento italiano ha sempre bisogno del noto voltagabbana attaccato alla poltrona, lui è i suoi sodali che si dichiarano di cdx ma che tutto sono tranne che quello.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 30/05/2014 - 06:40

Ma si. Come al solito gli italiani scambiano lucciole per lanterne. Renzi ? Come no! E poi, Fassina, Franceschini, D'Alema ecc. ecc. Volti nuovi, decisamente nuovi. Aria nuova ? Si , cimiteriale . Una nuova via dell'avvenire ? Si , quella dell'emigrante. Povera Italia

GENIUZZO

Ven, 30/05/2014 - 08:30

QUANTI LECCA C...ALL'INTERNO DEL PARTITO DEMOCRATICO E NELLA SINISTRA IN GENERE. MANCAVA SOLO FASSINA ALL'APPELLO CHE SEGUE LA SALITA SUL CARRO RENZIANO DI D'ALEMA(NON TI FIDARE CARO RENZI), VELTRONI E BERSANI. QUANTA IPOCRISIA E FALSITA.MEGLIO IL CENTRO DESTRA CON LA SUA INGENUITA'ED APPROSSIMAZIONE POLITICA CHE MESTIERANTI DELLA POLITICA CHE MILITANO DA SEMPRE NELL'EX PCI. ZIG

Beaufou

Ven, 30/05/2014 - 08:52

Solinas, lei dice cose sensate. Ma i voti a Renzi non gliel'hanno dati gli industriali, gli intellettuali, scrittori, registi, giornalisti e via cazzeggiando. Gliel'hanno dati gli Italiani, anche quelli con l'acqua alla gola che, non sapendo più dove sbattere la testa, si con detti "proviamo con questo gigione qui...". Però questi, quando si accorgeranno che è tutta fuffa, non avendo altra scelta imbracceranno un forcone, o un mitra, o qualunque altro strumento per vendere cara la pelle. A Renzi conviene pedalare di fretta e fare qualcosa: si sa che gli amanti (e i fiduciosi) traditi sono particolarmente vendicativi.