Quel mistero delle donne tradite

Fanno "impressione", da fuori la Mussolini e tutte le altre Hillary che accettano di rimanere, che girano mano nella mano con il marito. Ma fa "impressione" solo ciò che vediamo, che non è mai ciò che è

Alessandra Mussolini e il marito in una foto d'archivio

Non è di facile comprensione la sindrome di Hillary: si presenta a tradimento, colpisce soggetti di ogni età, è asintomatica fino alla cruenta manifestazione, non se ne comprendono né la genesi né il perdurare, non ha cure perché i soggetti non desiderano liberarsi del «disturbo» ma anzi lo allevano e lo coccolano. Però sembra ormai una sindrome endemica e allora, forse, tocca sforzarsi di capirla. In principio fu Hillary Clinton appunto, ma poi in realtà tante altre anche prima di lei (Frida Kahlo, Sofia di Spagna, Elisabetta d'Inghilterra, donna Rachele, la moglie di Stalin, quella di Netanyahu, perfino Adele H...) poi seguirono la signora Marrazzo, la Strauss-Kahn, la Blair e Alessandra Mussolini. Tutte incomprensibili sostenitrici del marito diversamente fedifrago. L'ultima in ordine di tempo (com'è fin troppo noto) è la nipotina del Duce. Donna passionale e poco incline alla mediazione sia verbale che sostanziale ha spiazzato tutti con una frase (circa il consorte, finito in mezzo a uno scandalo con un giro di baby prostitute) che poi in realtà è piena di spine e insidie, ma che rimanda più a un ragionato senso di responsabilità che alla violenta deflagrazione che ci si sarebbe aspettati da lei: «Non caccio di casa il padre dei miei figli».

Le spine e le insidie si diceva, perché è una frase che non dice niente «di loro» come coppia ma spiega solo «di loro» come famiglia. E d'altra parte non c'è nulla, a essere onesti, che dica qualcosa di una coppia. Non quello che appare, di certo. Specie se la sovraesposizione mediatica è tanta e tanto sproporzionata a (s)vantaggio di uno soltanto. Quando ci si ritrova in due, col rumore dello scandalo chiuso finalmente fuori dalla porta, allora si va davvero in scena. È lì che inizia la coppia. E non si sa cosa ci sia in campo, cosa ci navighi in mezzo. Non si conoscono, non si possono conoscere, gli equilibri, i perdoni, le accuse, i torti, gli accordi, gli argomenti congedati, i sensi che ancora resistono. È ben prima della soglia della camera da letto che ci si dovrebbe fermare quando si ha la presunzione, la convinzione, di poter comprendere cosa tenga in piedi o affossi un rapporto. La «coppia»... che non è fatta da uno più uno, è un altro animale. Per questo non si riduce all'esigenza di salvare una presidenza, una monarchia o se stessi la scelta di rimanere dove si è, contro ogni ragionevole intuizione. E non si può sapere nulla neppure delle ferite insanabili, dei chili di non detto, di cosa ci stia davvero dentro un perdono, quando perdono riesce davvero ad essere. Fanno «impressione», da fuori la Mussolini e tutte le altre Hillary che accettano di rimanere, per un po' o per sempre, che vanno a messa, che girano mano nella mano con il marito, che lo difendono, che lo tirano fuori dalla galera, che pagano gli avvocati, che gli accarezzano la testa. Ma fa «impressione» solo ciò che vediamo, che non è mai ciò che è.

Commenti

piantagrassa

Ven, 21/03/2014 - 08:45

Direi che questo articolo è perfetto, soprattutto il finale, brava Valeria.

erbamala

Ven, 21/03/2014 - 09:00

è inutile che proviate a spostare l'attenzione... del tradimento non frega niente a nessuno. L'unica e vera questione è la minore età della ragazza. Smettetela di dimenticarvene.

cicero08

Ven, 21/03/2014 - 09:04

Non credo proprio possa valere il "mal comune...mezzo gaudio".

erbamala

Ven, 21/03/2014 - 09:06

è inutile che proviate a spostare l'attenzione... del tradimento non frega niente a nessuno. L'unica e vera questione è la minore età della ragazza. Smettetela di dimenticarvene.

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Ven, 21/03/2014 - 09:06

E strana la vita. La sig.ra mussolini e una maleducata, arrogante e troglodita, le offese che sono uscite dalla sua bocca non si contano, ne ha dette di tutti i colori deve ringraziare questo strano paese che gli permette di stare in parlamento con tutte le pagliacciate che si sono viste. Una parlamentera inutile sopratutto con quel cognome. Strana la vita tempo fa diceva riguardo alle baby squillo che gli uomini sono dei maiali bene adesso il maiale e in casa sua. Strana la vita vero mussolini

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 21/03/2014 - 09:06

le corna sono di moda.

cicero08

Ven, 21/03/2014 - 09:41

X erbamala: certo non si può dire che il tradimento non sia l'ossessone della Mussolini. Ha presente tutto quello che è riuscita a dire di Alfano???

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 21/03/2014 - 10:25

E' ovvio che dietro, ci sono accordi, condizioni ecc, ma la Fiorani(chiamatela cosi per favore..) in termini di immagine politica ha completamente toppato, si e' subito abbinata mediaticamente al marito, ed era la prima cosa da non fare(per cercare di conservare un minimo di dignita' e coerenza politica) ..ma sappiamo che la donna che ha uno spiritoteatrale non indifferente e' capace di capriole piazziste..e caciare..ora pero' non potra avere la faccia di fare la moralista, la dura su certi argomenti, pena il seppellimento sotto sonore PERNACCHIE.

BlackMen

Ven, 21/03/2014 - 10:42

Ma siamo proprio certi che il fulcro del problema sia il tradimento? :-)

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 21/03/2014 - 10:44

Questo articolo rappresenta una risposta a quanti ritengono che si sia speculato sul nome della Mussolini. Ecco... oggi l'articolo appare su Il Giornale e non su Repubblica o l'Unità, e non riguarda direttamente il caso di prostituzione minorile nel quale è rimasto invischiato il marito ma parla direttamente delle sue corna. Come volevasi dimostrare... il nome "Mussolini" suscita interesse, quindi vale la pena farci comunque un articolo. Per la cronaca... pare sia saltato fuori il nome del figlio del parlamentare di centrodestra anch'egli pizzicato con le baby prostitute; si tratta di Nicola Bruno, avvocato di 36 anni, figlio del senatore di Forza Italia Donato Bruno.

LAMBRO

Ven, 21/03/2014 - 10:53

SONO PER LA FAMIGLIA E L'ARMONIA FAMILIARE MA... NON METTIAMOLA GIU' TROPPO DURA: CHI E' SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA! LE DEBOLEZZE NON SONO DI GENERE SONO GENERALI CIO'E' DI TUTTI.

LAMBRO

Ven, 21/03/2014 - 10:54

SONO PER LA FAMIGLIA E L'ARMONIA FAMILIARE MA... NON METTIAMOLA GIU' TROPPO DURA: CHI E' SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA! LE DEBOLEZZE NON SONO DI GENERE SONO GENERALI CIO'E' DI TUTTI.

BlackMen

Ven, 21/03/2014 - 11:26

LAMBRO: scusi sa, da quanto scrive mi sembra le sfugga la differenza tra una debolezza ed un reato. Andare con una prostituta minorenne appartiene alla categoria dei reati...come una rapina. O vogliamo considerare anche la rapina una forma di "debolezza"??

Boxster65

Ven, 21/03/2014 - 11:50

Dai Alessandra, adesso fatti regalare un bel temperino di platino tempestato di diamanti da Tiffany dal tuo maritino... così la prossima volta che andrà a fare il pedofilo potrai consolarti temperandoti le corna con un oggetto di valore che dimostra quanto Lui ti ami!!

Boxster65

Ven, 21/03/2014 - 11:58

Alcuni(e) giornaisti(e) de Il Giornale, se esistesse il reato di stupidità sarebbero sicuramente indagati!! Articolo insulso che parla di sentimenti quando qui si è di fronte alla consumazione di un reato, tra i peggiori in campo sessuale. Capisco che la sensibilità de Il Giornale sull'argomento è pari a zero, viste le note vicissitudini del Pregiudicato in tal senso. Forse fareste meglio ad evitare l'argomento che fareste migliore figura (ovviamente questo è un consiglio) d'altronde se volete continuare a farvi male da voi, continuate pure a scrivere articoli del genere!!

Boxster65

Ven, 21/03/2014 - 12:01

Caro LAMBRO ore 10.54.... anche lei è un pedofilo quindi??

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 21/03/2014 - 12:49

Lambro, scusi anche io sono di destra, e non sono per niente moralista..ma le sfugge che qui parliamo del marito della Fiorani, cioe' colei che in televisione fa le sceneggiate, la tutto d'un pezzo, e la dura..con i pedofili, lo sfruttamento minorile (tutti REATI GRAVI) e stata pure presidente mi pare parlamentare per le politiche sui minori..e poi fa' spallucce? Pazienza? Succede a tutti?? Ma che c...di destra e'? Scusi politicamente la Fiorani ha fatto una porcata..e d'ora in poi dovra' stare muta e a testa bassa su certi temi..concordo la famiglia a titolo personale si gestisce il caso come meglio crede..ma l'aspetto pubblico, di rappresentanza NO..mi spiace, siamo in presenza non di un semplice tradimento ma di un reato!

Raoul Pontalti

Ven, 21/03/2014 - 13:02

Per coerenza (tutela della famiglia, dei figli, etc.) la Scicolonein Fiorani non può che tenersi il marito previa castrazione chimica o chirurgica (coerenza anche qui...). Resterebbe comunque una contraddizione, quella relativa ai voti dati per la Ruby santa, maggiorenne e d egiziana e anche per gli insulti rivolti a suo tempo ad una certa Veronica che non avrebbe perdonato le cene eleganti del marito. Ma uno dei suoi noni pare sostenesse che la coerenza è degli imbecilli...(o era lo zio Adolf?).