La Rai si ribella a Renzi: gli 80 euro li paghiamo noi

Dipendenti e cda sulle barricate contro i tagli imposti all'azienda per il bonus fiscale. Bonanni (Cisl): così l'esecutivo sfascia il Paese

Roma - Tutta la Rai, cavallo incluso, scende in campo (e minaccia scioperi a manetta, in piena campagna elettorale) contro Matteo Renzi e il suo governo. Viale Mazzini e i 13mila dipendenti della tv pubblica non ne vogliono sapere di partecipare alla spending review e di tirare la cinghia come chiesto dal premier, e di rimetterci per mettere gli 80 euro in busta paga ai redditi bassi. E organizza la rivolta. Ieri il Consiglio di amministrazione si è riunito e ha approvato all'unanimità (compresi i due membri nominati dal Pd in era bersaniana, Colombo e Tobagi) un grido di dolore, sotto forma di lettera all'azionista Tesoro, sulle terribili «ricadute» che il taglio di 150 milioni di euro imposto dal governo avrebbe sull'azienda. Per pudore, l'approvazione della missiva è stata spostata a ieri: in realtà era sul tavolo già al Cda della scorsa settimana, quando però si doveva dare via libera ad un pacchetto di nuove nomine: sei indispensabili vicedirettori a Rainews.

Secondo la lettera al Tesoro firmata dal dg Gubitosi e dalla presidente Tarantola, si dice che con il taglio di 150 milioni il passivo Rai per il 2014 arriverebbe a 162 milioni, e si paventano «ricadute occupazionali». È stato ventilato anche un ricorso contro la legittimità del provvedimento Irpef, anche se Gubitosi frena: «Nessuna decisione in merito». A farlo però ci pensa l'Usigrai, il sindacato interno, che (spalleggiato da Bonanni e Angeletti) nel corso di un'infuocata assemblea minaccia sia il ricorso che lo «sciopero generale». Il leader Cisl coglie l'occasione per tuonare minaccioso contro Renzi: «Se il governo non vuol avere a che fare con noi, sfascia il Paese». All'assemblea ci si accapiglia: il presentatore Giletti lamenta che i talk show sono pochi (e non «troppi» come detto da Bonanni, che peraltro non se ne perde uno) e pure i giornalisti Rai si potrebbero sfoltire: «A che servono in 100 ad Aosta?». Piccatissimo, l'Usigrai replica che sono solo 23 (più 19 tecnici) ad animare la sede di Aosta, dove dall'infanticidio di Cogne non accade più nulla. Le faraoniche sedi regionali dei Tg sono infatti nel mirino del governo, che le ha indicate come area di spesa da razionalizzare. «Sono indispensabili alla Rai 24 sedi regionali? O mille dirigenti? In Italia chiudono aziende di ogni tipo, e la Rai fa un concorso per altri 50 giornalisti per le sedi regionali», denuncia il renziano della Vigilanza Michele Anzaldi. Intanto anche sul fronte riforme (pur accantonato fino alle Europee) Renzi deve fronteggiare la guerriglia parlamentare: Calderoli ha chiesto alla Giunta per il regolamento di Palazzo Madama di dichiarare nullo il testo base del governo, «votato dopo il mio ordine del giorno che lo inficia». Mentre alla Camera Lega, Sel, Fi e grillini abbandonano la Commissione che esamina il dl Poletti per protesta contro il «comportamento antidemocratico» del governo, che si appresta a mettere la fiducia.

Commenti

nino47

Ven, 09/05/2014 - 08:20

Ci vuole una gran bella faccia tosta,e in quanto a faccia tosta quelli della rai insegnano! Pensa te : " un grido di dolore, sotto forma di lettera all'azionista Tesoro, sulle terribili «ricadute» che il taglio di 150 milioni di euro imposto dal governo avrebbe sull'azienda."...e noi gia' le immaginiamo le "terribili" ricadute...magari si potrebbe pensare a ridimensionare i milioni di euro distribuiti a man bassa a certi personaggi per presentare qualche festival"piu' bello del mondo" o a qualche mezza cartuccia per sciorinare al pubblico le sue volgarita'. Magari calmierare i budget che vanno a certi imbunitori della politica fangosa, che fanno tanto "rai" in barba a quanti pagano il canone...o magari si potrebbe pensare ad aumentare proprio il canone! Che ci vuole? Vedi cara Rai che la soluzione te l'ho trovata io? Non ti preoccupare..quegli 80 euro tanto odiati da tutti gli italiani, che devono andare a quei poveracci che non ce la fanno, alla fine ,torneranno nelle tue tasche!!!...ed anche gli italioti, ora scontenti perche' il governo non aiuta, ora scontenti perche' invece ci prova, saranno finalmenti contenti anche loro. Non tutto il male viene per nuocere!

giovauriem

Ven, 09/05/2014 - 08:48

cosa avete da lamentarvi alla rai? in tutti i ruoli, dal più piccolo al più grande,percepite uno stipendio,maggiorato,rispetto alle altre categorie con le stesse manzioni, di almeno il 50%,altro che tagli, per voi,ci vorremme il taglio delle mani, che hanno preso quei soldi senza nessun merito

emmea

Ven, 09/05/2014 - 09:11

Se si lamentano e sono così scomposti, significa che questa è la strada giusta. La RAI andrebbe privatizzata ed abolito il canone perché se prosperano Mediaset, La7 e tutte le altre reti private che non incassano alcun canone potrebbe farlo benissimo anche la RAI usando criteri economici pena il fallimento. Il fatto è che in RAI si considerano una propaggine del PD e quindi trovano scandaloso che proprio il PD imponga loro "sacrifici". Ma questi sono sacrosanti e sono il minimo, perché quando il M5S avrà moltiplicato la sua forza la musica sarà assai diversa da quella di Renzi che pure si sta impegnando contro gli sperperi. Quindi si diano una regolata e facciano la loro parte.

gneo58

Ven, 09/05/2014 - 09:46

che si ribellino pure quelli della RAI - la RAI è da chiudere, carrozzone di parassiti in perdita perenne (come tutte le attività statali) nonostante il canone rubato che copia le TV commerciali, spesso male e i pochi programmi validi vengono trasmessi in ore improbabili per chi va a lavorare il giorno dopo.

linoalo1

Ven, 09/05/2014 - 09:51

Meglio il Prelievo in Rai,piuttosto che ai Pensionati,come da alcuni paventato!Sempre e comunque,la Cosca Statale,che è piena di soldi,non viene mai toccata!Lino.

giovauriem

Ven, 09/05/2014 - 09:55

renzi vi ha fatto i tagli agli stipendi che rubate? i tagli ve li doveva fare alle mani,minacciate gli scioperi? oh! che paura,i vostri programmi sono per i popoli del quarto mondo e per comunistume de noantri,gli stessi che stanno rubando all'expo di milano,la rai va privatizzata,con la consapevolezza che con il subentro dei mprivati,butteranno fuori almeno il 50% di nullafacenti con stipendi faraonici

piertrim

Ven, 09/05/2014 - 11:03

La RAI ci bombarda di pubblicità commerciale e politica, nonostante ciò piangono, come un bambino per una sbucciatura al ginocchio, per una cifra risibile rispetto agli incassi ed alle spese che fanno. Se hanno bisogno di tutto quel canone cosa dovrebbero dire i privati? Credo sia giunto il momento che RENZI o chi per lui metta in chiaro quanto si spende e le motivazioni di dette spese.

jeanlage

Ven, 09/05/2014 - 11:21

Renzi faccia di più: dia 8.000 Euro e chiuda questo immondo baraccone popolato da pennivendoli, sanguisughe, e sciacalli lottizzati che guadagnano da paperoni senza fare un accidente dalla mattina alla sera, a nostre spese. Mi sono sempre chiesto se pagare il canone RAI si possa configurare come finanziamento occulto ed illecito ai partiti (PD, SEL, RC, e compagnia succhiando).

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 09/05/2014 - 11:33

Per dare 80 euro a ventidue lavoratori, basta toglierne 42 a quarantaquattro pensionati, in fila per sei (col resto di due).

Gianca59

Ven, 09/05/2014 - 11:39

Tutti i canali RAI sul mercato tranne 1: è ora di finirla con la RAI e tutto ciò che le è stato montato attorno !!!! Basta canone per la RAI così com' è !!!!!

Ritratto di deep purple

deep purple

Ven, 09/05/2014 - 11:44

Oh, finalmente anche alla rai li fanno stringere la cinghia! Se questi tizi si lamentano vuol dire che si sta andando nella direzione giusta.

Ritratto di deep purple

deep purple

Ven, 09/05/2014 - 11:46

Comunque la miglior cosa è che la rai deve essere privatizzata tutta. @Gianca, neppure un canale bisogna lasciarli.

NoLogo

Sab, 10/05/2014 - 11:10

Mai visti tanti commenti stupidi tutti insieme. Date un'immagine dei lettori che spero non corrisponda a realtà. Ma quali stipendi d'oro, ma quali ruberie, quali privatizzazioni; sapete di cosa parlate oppure avete imparato la lezione da qualche imbonitore di folle? Alla Rai gli stipendi non sono d'oro ma in linea con quelli degli statali. Se ci sono stati contratti migliori, questi risalgono a dipendenti con almeno 20 anni di servizio, quando l'Italia e quindi la Rai erano altra cosa. Le nuove leve guadagnano uno stipendio in linea con la meda nazionale. Quando parlate di privatizzazione, vi rendete conto di quello che dite? Invece di pagare le tasse come si dovrebbe fare in uno stato normale, ed eventualmente chiedere un servizio pubblico migliore, fate a gara per non pagarle. Che grandi Italiani che siete. Per il bollo auto, vero furto, nessuno dice niente. Se si privatizzasse la Tv di stato sarebbe una perdita per tutti. A quel punto sareste costretti a guardare editori palesemente schierati e non avreste neanche la possibilità di chiedere pluralismo o equità. Sempre che vi interessi averne. Vi do un consiglio. Per un po', provate a non ascoltare le storielle che Grillo e Renzi vi raccontano e cominciate a pensare con le vostre teste. Davvero per risparmiare 0.36 centesimi al giorno rinuncereste a un servizio? Dobbiamo PRETENDERE che il servizio pubblico funzioni bene, non che venga regalato a qualcuno come fatto con Telecom e Alitalia. Un saluto e scusate lo sfogo.

NoLogo

Sab, 10/05/2014 - 11:45

@giovauriem scusi ma lei a quali stipendi si riferisce? Non creda che i dipendenti Rai percepiscano stipendi sul modello di quelli di Vespa & Co. Lei dovrebbe parlare con cognizione di causa altrimenti crea un danno piuttosto che aiutare nella discussione. Ripensare a come avvicinare la Rai al pubblico è intelligente, ma consigliare di privatizzarla quindi regalarla ai soliti noti sarebbe da matti. Alitalia e Telecom non vi sono bastate? Paghiamo il canone e chiediamo che il servizio pubblico faccia effettivamente questo. Ho l'impressione che Grillo e Renzi smuovano la pancia piuttosto che le menti.Mai visti tanti commenti senza senso. Vi levano le mutande promettendovi che vi restituiranno l'elastico e gli dite pure grazie. Mah