Rapporto Confesercenti: tra maggio e giugno 2012 aperte oltre 7.500 attività

Milano Dopo il «grande freddo» della crisi qualche segnale di disgelo inizia a vedersi. Ma è troppo presto per parlare di ripresa perché gli strascichi che la recessione si porta dietro (perdita di posti di lavoro e calo del potere d'acquisto delle famiglie) non potranno essere messi dietro le spalle con un colpo di spugna.
Vale la pena di partire dai piccoli segnali di speranza. Sono quelli forniti da Confesercenti, l'associazione dei commercianti presieduta da Marco Venturi. Per la prima volta dal 2012, infatti, tra maggio e giugno il saldo tra aperture e chiusure di piccoli esercizi al dettaglio è stato positivo e ha segnato un +1.422 unità. Si tratta della differenza tra le 7.546 nuove imprese e (+88% rispetto al bimestre precedente marzo-aprile) e le 6.124 che hanno chiuso i battenti. Da inizio 2013, ricorda l'organizzazione, hanno però chiuso senza essere sostituite 11.328 imprese. Confesercenti, comunque, parla di un «esile» segnale di ripresa, un «tesoretto» di nuove imprese da non affossare con un eccesso di «tasse e burocrazia». Oltretutto, vi sono ancora evidenti disomogeneità per quanto riguarda settori commerciali e aree geografiche. Il saldo è positivo per il commercio al dettaglio alimentare e per la distribuzione non food, ma il settore dell'abbigliamento, uno dei punti di forza del made in Italy, ha segnato ancora un saldo negativo, seppur minimo (-132 negozi). Inoltre occorre ricordare che il 73% dei 1.422 esercizi in più si trova nel Nord Italia, una chiara manifestazione del ritardo del Centro-Sud rispetto a questa piccola inversione di tendenza. Ritardo, per altro, testimoniato dal fatto che l'80% delle botteghe che ha chiuso tra maggio e giugno si trova proprio al Meridione.
Un'Italia «a due velocità» è rintracciabile anche nelle statistiche di Confimprese. Nel primo semestre 2013 la grande distribuzione ha registrato un fatturato invariato rispetto all'anno scorso. «Gli ipermercati hanno visto calare i ricavi del 2,3%, i grandi supermercati hanno segnato un +1%», ha dichiarato il presidente Mario Resca.
È chiaro che l'apertura di nuovi esercizi commerciali, pur essendo un dato «microeconomico», dipende da tante variabili «macro». Ad esempio, il commercio al dettaglio a maggio ha segnato un incremento su base mensile dello 0,1% ma su base annua il calo è ancora evidente (-1,1%). D'altronde, con un tasso di disoccupazione arrivato al 12,2% è normale che la capacità di spesa si sia contratta. Come ha rilevato Unimpresa, in cinque anni di crisi in Italia è andato perso quasi un milione di posti di lavoro. Dal 2008 al 2013, infatti, nel nostro Paese gli occupati sono scesi da 25,3 milioni a 24,3 milioni con un calo di 998mila unità (-3,8%). Un fenomeno che accomuna tutta l'area euro (-5,3 milioni), con l'eccezione della Germania (+3,9%) che ha dato impiego a 1,5 milioni di persone in più, avvantaggiandosi della «svalutazione» latente nei confronti del resto di Eurolandia.

Commenti
Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 29/07/2013 - 10:48

Non so voi, ma io gli unici negozi che vedo aprire sono quelli per la vendita di Kebab, lavasecco cinesi, negozi di abbigliamento per indiani o arabi, macellerie islamiche, sale massaggi e una lunga teoria di altri esercizi la maggior parte dei quali diventa subito il punto di ritrovo di torme di "potenziali nuovi italiani nullafacenti" che trasformano immediatamente l'area attorno in una succursale del suq di Aleppo (il più grande del mondo).In compenso, ho assistito personalmente alla chiusura nella mia zona di due piccoli supermercati, un calzolaio, una macelleria, tre negozi di abbigliamento e altri, che esistevano da anni (alcuni da almeno due generazioni). Mi domando, dove prendono le ingenti somme che servono ad aprire un negozio, queste "preziose risorse"? Se li avevano di loro, perché non se ne sono rimasti a casa loro a rinvigorire le loro economie? O magari dobbiamo scoprire che hanno "canali privilegiati" per il credito, che agli Italiani sono negati? Capisco la voglia che tutti noi abbiamo di vedere segnali anche minimi di ripresa per il nostro futuro, ma ancora una volta non dobbiamo farci mettere 26kg di fette di salame sugli occhi... Finché in Italia comanderà la triade sinistre-sindacati-magistratura, possiamo scordarci di invertire la rotta; sara, anzi, sempre peggio! Si, perché al peggio purtroppo non c'è mai limite. Vogliono farci credere che l'economia si sta muovendo, così da giustificare l'invasione che Kyenge (su mandato Letta-Pd, non nostro) e Boldrini auspicano e spingono ogni giorno in modo da mettere al sicuro prima possibile i voti (a sinistra) dei "nuovi italiani - preziose risorse" così da riuscire ad appendere presto la pelle di tutti noi Italiani nella sala dei trofei e togliersi dalle scatole una volta per sempre quelle (secondo loro) personacce razziste che addirittura pretendono vera equità e democrazia!