Ravetto e la teoria degli opposti al tempo dell'amore bipartisan

Laura Ravetto, ex sottosegretario dell'ultimo governo Berlusconi, tra le «forche caudine» dell'intervista cantata della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora (nella foto). Si parte dalla tenuta del governo, sul quale la Ravetto commenta senza mezzi termini: «Magari non cade, però gli facciamo un mazzo così». Soprattutto, vien da pensare, al ministro Zanonato, le cui frasi sull'Iva «mi hanno fatto venire i maggiori bruciori di stomaco». Bruciori che, invece, non le sono venuti quando Letta ha annunciato la squadra di governo: «Sono più ambiziosa di così...», lascia intendere. Oltre alle larghe intese politiche, impazzano anche gli amori bipartisan. La Ravetto, compagna del Pd Dario Ginefra, la vede così: «Gli opposti si attraggono. È pieno di uomini del Pdl che si buttano sulle donne del Pd». Battuta finale sulla collega di partito Daniela Santanché: «Lei nuovo capo del Pdl? La vedo come organizzatrice di un sistema di finanziamento generale perché lei è una che di business se ne intende».