Regione Lazio, trovata microspia nella sala riunioni di Zingaretti

L’apparecchio per intercettazioni ambientali è stato trovato durante una bonifica nella sala riunioni ad uso di Zingaretti

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti

Una microspia artigianale è stata trovata nella sala riunioni della Regione Lazio in uso al presidente Nicola Zingaretti. L’apparecchio per intercettazioni ambientali è stato trovato durante una bonifica. Il governatore ha sporto denuncia ai carabinieri. "Nella giornata di sabato, nel corso di una periodica verifica delle difese fisiche ed elettroniche a tutela della privacy e della sicurezza degli uffici della Presidenza, è stato rinvenuto dentro una poltrona della sala riunioni un complesso apparato elettronico idoneo all’ascolto e alla registrazione ed atto alla trasmissione all’esterno. La Regione ha ovviamente informato del ritrovamento l’Arma dei Carabinieri per la dovuta denuncia, e immediatamente la Procura dellaRepubblica di Roma dell’avvenuto ritrovamento. La Presidenza della Regione confida al più presto che le indagini facciano luce su questo ritrovamento inquietante. Da parte nostra continueremo nell’opera di rinnovamento, trasparenza e autonomia a difesa dell’interesse pubblico che abbiamo iniziato sin dal primo giorno del nostro arrivo", ha dichiarato in una nota il presidente della Regione Lazio.

Commenti

jobact

Lun, 20/01/2014 - 14:33

ma bravo il ns. quasi-commissario. Così si parla d'altro e non delle assunzioni, degli emolumenti aumentati, dei latrocini regionali.

maurizio50

Lun, 20/01/2014 - 16:10

Forse l'indagine andrebbe affidata al Commissario Montalbano!

unosolo

Lun, 20/01/2014 - 16:10

se l'è messa da solo , se fosse stato spiato non la trovavano. Altrimenti è stato avvisato da una talpa .